...Mi ha tradito......oppure no....

spleen

utente ?
Con quello che si legge...
A neanche trent’anni sarei stata ancora più impulsiva.
A vent’anni di distanza si può collocare tutto “storicamente”.
E non pensi che il malessere che ricompare possa essere invece un sintomo di insoddisfazione stratificata, prolungata e latente?
Che non riguardi necessariamente -solo- cose passate da vent'anni?
 

Brunetta

Utente di lunga data
E non pensi che il malessere che ricompare possa essere invece un sintomo di insoddisfazione stratificata, prolungata e latente?
Che non riguardi necessariamente -solo- cose passate da vent'anni?
Ma il malessere è suo.
È pieno di persone che stanno male per quella volta che “hanno preso la nota ma non la meritavano“. Oggettivamente una nota è irrilevante in assoluto, ma poi dopo trent’anni o quarant’anni si potrebbe ridere della importanza che le si era dato. Invece ci sono persone ancora ferme lì.
Mi pare evidente che il problema non è la nota, ma la ferita narcisistica soprattutto per come è risuonata in una storia personale in cui l’insegnante che ha dato la nota è solo la rappresentazione di altre figure svalutanti.
La moglie di Farmer ha sempre negato, i pettegolezzi valgono quel che valgono, dopo vent’anni e due figli pensa a due mesi in cui erano insieme?
Ma davvero dobbiamo credere che ci sia stato un tradimento e che sia rilevante nella loro storia?
Per me no
 

farmer

Utente di lunga data
Ma il malessere è suo.
È pieno di persone che stanno male per quella volta che “hanno preso la nota ma non la meritavano“. Oggettivamente una nota è irrilevante in assoluto, ma poi dopo trent’anni o quarant’anni si potrebbe ridere della importanza che le si era dato. Invece ci sono persone ancora ferme lì.
Mi pare evidente che il problema non è la nota, ma la ferita narcisistica soprattutto per come è risuonata in una storia personale in cui l’insegnante che ha dato la nota è solo la rappresentazione di altre figure svalutanti.
La moglie di Farmer ha sempre negato, i pettegolezzi valgono quel che valgono, dopo vent’anni e due figli pensa a due mesi in cui erano insieme?
Ma davvero dobbiamo credere che ci sia stato un tradimento e che sia rilevante nella loro storia?
Per me no
Che ci sia stato un tradimento non lo so, ma secondo me è molto probabile, che sia rilevante dopo vent'anni e due figli no. Non è che mi fisso su quei fatti di vent'anni fa e non ci dormo la notte, ci penso ogni tanto, rifletto, penso che forse avrei dovuto agire diversamente, non mi faccio il sangue amaro. Quello che fa più male e faccio fatica a perdonare è proprio la sfacciataggine di farlo davanti a me e negare, l'umiliazione subita forse fanno male più del tradimento in sé, solo il fatto di vedere tua moglie perdersi per un altro e nello stesso tempo giurarti amore fa male, credetemi fa male. Probabilmente ha ragione l'utente quando dice che in quei frangenti avrei dovuto andarmene e dirgli di fare chiarezza in sé, quando poi si vada come vada.......forse sì avrei dovuto agire in quel modo
 

void

Utente di lunga data
Che ci sia stato un tradimento non lo so, ma secondo me è molto probabile, che sia rilevante dopo vent'anni e due figli no. Non è che mi fisso su quei fatti di vent'anni fa e non ci dormo la notte, ci penso ogni tanto, rifletto, penso che forse avrei dovuto agire diversamente, non mi faccio il sangue amaro. Quello che fa più male e faccio fatica a perdonare è proprio la sfacciataggine di farlo davanti a me e negare, l'umiliazione subita forse fanno male più del tradimento in sé, solo il fatto di vedere tua moglie perdersi per un altro e nello stesso tempo giurarti amore fa male, credetemi fa male. Probabilmente ha ragione l'utente quando dice che in quei frangenti avrei dovuto andarmene e dirgli di fare chiarezza in sé, quando poi si vada come vada.......forse sì avrei dovuto agire in quel modo
Penso che se avesse finalizzato il tradimento non avrebbe avuto la necessità di lasciarsi andare a comportamenti così evidenti. Anzi, il comportamento sarebbe stato il contrario.
 

Brunetta

Utente di lunga data
Che ci sia stato un tradimento non lo so, ma secondo me è molto probabile, che sia rilevante dopo vent'anni e due figli no. Non è che mi fisso su quei fatti di vent'anni fa e non ci dormo la notte, ci penso ogni tanto, rifletto, penso che forse avrei dovuto agire diversamente, non mi faccio il sangue amaro. Quello che fa più male e faccio fatica a perdonare è proprio la sfacciataggine di farlo davanti a me e negare, l'umiliazione subita forse fanno male più del tradimento in sé, solo il fatto di vedere tua moglie perdersi per un altro e nello stesso tempo giurarti amore fa male, credetemi fa male. Probabilmente ha ragione l'utente quando dice che in quei frangenti avrei dovuto andarmene e dirgli di fare chiarezza in sé, quando poi si vada come vada.......forse sì avrei dovuto agire in quel modo
Ecco il punto è l’umiliazione.
Molte volte ho sentito persone che hanno detto di essersi sentite umiliate.
È una cosa che fatico a capire. In quasi tutte le situazioni narrate è chi avrebbe dovuto essere l’umiliante che mi è sembrato che si umiliasse da solo. In poche altre mi è sembrato che non ci fosse nessuno umiliato.
Però tutte le volte che ho visto dall’esterno un tradimento, mai ho visto umiliato il tradito.
Sarà uno di quei modi di sentire che non capisco, come l’invidia.
Ma tu perché ti sei sentito umiliato? Perché sembrava che lei preferisse parlare con un altro?
Ma quando rientravate non ne parlavate?
 

farmer

Utente di lunga data
Non era solo il parlare, come ho già detto è tutta la situazione, filtrava proprio, a me non è mai piaciuto fare scenate di gelosia e lasciavo andare. A casa ne parlavo e lei diceva che mi facevo dei film, ma la cosa che mi seccava è che si erano accorti anche altri e io vedevo i sorrisini e le battutine, questo mi ha dato tanto fastidio e lei non voleva capire. Il farlo alla faccia di tutti che mi ha sconvolto. Non mi aveva mai dato motivo di essere geloso, si era sempre comportata bene.
 

Brunetta

Utente di lunga data
Non era solo il parlare, come ho già detto è tutta la situazione, filtrava proprio, a me non è mai piaciuto fare scenate di gelosia e lasciavo andare. A casa ne parlavo e lei diceva che mi facevo dei film, ma la cosa che mi seccava è che si erano accorti anche altri e io vedevo i sorrisini e le battutine, questo mi ha dato tanto fastidio e lei non voleva capire. Il farlo alla faccia di tutti che mi ha sconvolto. Non mi aveva mai dato motivo di essere geloso, si era sempre comportata bene.
Guarda che invece io sono sempre stata gelosa, quindi capisco, ho fatto discussioni estenuanti per comportamenti che, secondo me, lasciavano spazio al flirtare. Ma a quella età senza figli ho posto la questione molto chiaramente, lasciarsi immediatamente era una scelta.
Ma anche non proseguire una frequentazione che trovavo irritante.
Certamente, se non lo avessi fatto, ci penserei ancora (nonostante ciò che è successo dopo e che mi ha portato alla separazione) e forse proverei rabbia verso me stessa per non aver post l’aut aut.
Ma non l’hai fatto. Perdonati! Non continuare a fantasticare su una leggerezza giovanile.
 

farmer

Utente di lunga data
Guarda che invece io sono sempre stata gelosa, quindi capisco, ho fatto discussioni estenuanti per comportamenti che, secondo me, lasciavano spazio al flirtare. Ma a quella età senza figli ho posto la questione molto chiaramente, lasciarsi immediatamente era una scelta.
Ma anche non proseguire una frequentazione che trovavo irritante.
Certamente, se non lo avessi fatto, ci penserei ancora (nonostante ciò che è successo dopo e che mi ha portato alla separazione) e forse proverei rabbia verso me stessa per non aver post l’aut aut.
Ma non l’hai fatto. Perdonati! Non continuare a fantasticare su una leggerezza giovanile.
Guarda che non sto fantasticando, ho solo avuto modo di discutere della cosa accaduta anni fa, voi siete i primi che lo faccio e ne ho avuto piacere
 

danny

Utente di lunga data
Dice che non c'è mai stato niente fra loro due, che erano solo amici 🤥🤥🤥🤥 quando io gli dico che comunque ci aveva perso la testa nega e qui mente. Che sia successo qualcosa non lo so, ma che era invaghita ne sono sicuro......dice che mi faccio dei film
Sì, vabbè.
Gli amiconi.
 

danny

Utente di lunga data
Magari, non è un mio film purtroppo, le cose sono accadute, non posso elencare tutto, ma il dubbio rimane, posso dirti che è stato uno dei periodi più brutti della mia vita, credimi ci sono molte cose che non mi tornano, pensa, un giorno mi chiamali titolaredel locale che frequentavamo ogni giorno, mi disse posso parlarti da amico, stai attento a tua moglie ho visto delle cose che non mi piacciono, io risposi che mi ero accorto........magari fosse un mio film
Ok. L'hanno vista.
 

danny

Utente di lunga data
Non è proprio così, è sempre una mancanza di rispetto, sai che sei impegnata e flirtare in pubblico umilia il partner, poi il flirt implica a un proseguo ,altrimenti perché lo fai? Un gioco è se non sei coinvolto
Quando è un gioco lo capisci e sicuramente non ti turbi.
Intuitivamente comprendiamo la differenza.
 

danny

Utente di lunga data
Hai ragione, mi rimprovero di aver subito passivamente e di non essere stato incisivo, avrei dovuto farlo immediatamente, forse le cose prendevano subito un'altra piega e mi sarei risparmiato un brutto periodo. Forse si sono troppo accondiscendente, pur di calmare il suo brutto carattere, infatti anche ora lascio, discutere è inutile. Mi rifaccio in azienda, lì decido io e non devo discutere con nessuno.
Certe cose non si vogliono vedere proprio perché c'è un sentimento forte per quella persona che le cela.
E questo blocco aumenta ulteriormente quando percepisci l'ansia di poterla perdere, esternata dalla normale gelosia verso l'altro.
E' una situazione che impedisce una reazione a tuo favore: non volevi perderla e così è stato, lei ha avuto quello che voleva, malgrado te, anzi, proprio grazie a te e a quello che provavi.
Probabilmente ti ha tradito, ma ormai di fatto tu hai accettato l'accaduto 20 anni fa.
 

danny

Utente di lunga data
Che ci sia stato un tradimento non lo so, ma secondo me è molto probabile, che sia rilevante dopo vent'anni e due figli no. Non è che mi fisso su quei fatti di vent'anni fa e non ci dormo la notte, ci penso ogni tanto, rifletto, penso che forse avrei dovuto agire diversamente, non mi faccio il sangue amaro. Quello che fa più male e faccio fatica a perdonare è proprio la sfacciataggine di farlo davanti a me e negare, l'umiliazione subita forse fanno male più del tradimento in sé, solo il fatto di vedere tua moglie perdersi per un altro e nello stesso tempo giurarti amore fa male, credetemi fa male. Probabilmente ha ragione l'utente quando dice che in quei frangenti avrei dovuto andarmene e dirgli di fare chiarezza in sé, quando poi si vada come vada.......forse sì avrei dovuto agire in quel modo
Ma è ovvio.... del tradimento ora, a distanza di anni, non te ne può fregare più niente.
Ma di quel lato del carattere di tua moglie, con cui vivi, sì.
E non lo legherei al fatto che avesse 29 anni, non credo ai cambiamenti radicali. Ancora oggi questo suo aspetto ti fa paura, proprio perché sei memore del dolore che provasti.
 

danny

Utente di lunga data
Buongiorno a tutti
Chiunque voi siate...sono talmente nel panico e sconfortato che la prima cosa passata di mente è stato cercare una valvola di sfogo in rete in modo da trovare consigli (o forse un appoggio morale). Purtroppo non ho possibilità di raccontare quanto dirò a conoscenti, amici persone a me care....perchè...me ne vergogno e soprattutto non voglio ledere l'immagine della persona interessata poichè non ho ancora certezza sull'argomento.

Bando al ciance come si suol dire.. vi espongo quanto successo.
Sono sposato, ho 42 anni e due figli bellissimi.. durante il periodo estivo siamo abituati a raggiungere un paese montano distante un ora dalla nostra Città.....grigliate tra amici, bevute in compagnia.....molto di questi nostri amici sono del posto e quindi abituati a certe battute e ad alzare veramente molto il gomito.

Questo Ferragosto (come ogni anno) abbiamo organizzato il pranzo di rito e dopo la consueta grigliata, e dopo aver finito di pranzare, il tasso alcoolemico era assai elevato e anche mia moglie era abbastanza allegra ma non ho dato peso a questo, anzi, ero contento si divertisse. Sta di fatto che in questo gruppo di persone vè un uomo del posto (veramente brutto...e no lo dico per gelosia, credetemi) con cui mio moglie va d'accordo....ma che comunque a me ha sempre dato un po fastidio, anche in anni passati e questo mia moglie lo sa, perchè quando ci si vede e si brinda assieme tende sempre ad avvicinarsi a mia moglie e lei approva con divertimento; ....faccio un esempio sciocco....durante questo ferragosto mentre tutti ballavamo la musica mandata da un nostro DJ amico, li ho visti seduti vicini che parlavano divertiti .....ma anche in quel caso ho lasciato andare senza preoccuparmi troppo.

Stringo e vado al sintetico.

Una volta arrivato l'imbrunire siamo abituati a raggiungere il centro del paese dove inizia la festa serale, quindi abbiamo continuato la giornata di festa, fino a quando molti di noi hanno deciso di ritirarsi a casa (noi in albergo) io e la mia famiglia ci siamo recati in camera e una volta messo a letto i bambini ho deciso di coricarmi anche io e in quel momento mia moglie mi accenna che avrebbe raggiunto le persone rimaste alla festa (tra cui l'uomo di cui parlavo prima)...anche qui gli ho detto di andare senza problemi che sarei stato io a casa coi bambini.

MORALE
Il mattino seguente mi sveglio e mi dirigo a svegliare mia moglie quando mi accorgo che nelle lenzuola ci sono diverse foglie e sterpaglie ...come se fosse stata sdraiata da qualche parte ..... in un campo...e cosi ho chiesto spiegazioni a mia moglie che mi espone esattamente quanto pensato da me...dice che si era sdraiata nel giardino dell'albergo perche "molto allegra" .....(apro una parentesi.. questo albergo è di una coppia di nostri amici originari del posto, trasferiti in città per ovvi motivi lavorativi....ci hanno invitato e fatto conoscere questo paese di montagna e probabilmente, qualora sapessero dell'accaduto, toglierebbero il saluto a mia moglie)....ho proseguito chiedendo a mia moglie come era terminata la serata e lei con disinvoltura mi ha risposto che erano rimasti LUI e LEI e lui si è offerto di accompagnarla in albergo (distante 200 metri dal luogo della festa)....io ho subito avuto molte perplessità in merito anche perche tornati a casa il pomeriggio abbiamo tirato fuori i panni sporchi e posso confermare con fermezza che tra tutti gli indumenti che indossava anche la canotta da sottomaglia aveva foglie attaccate ....voglio dire...io non sono un pozzo di scienza ma per permettere a qualche foglia di attaccarsi alla canotta da sottopelle significa che la maglia la devi togliere....

Ieri ho parlato con mia moglie ma lei continua a negare, sapendo il mio stato d'animo non ha comunque mai provato ad avvicinarsi a me per rassicurarmi, quando mi spiega la vicenda le versioni sono incongrue ... insomma ci sono tutti i presupposti per un tradimento...considerando poi lo stato ALTICCIO dei soggetti non ci vuole nulla che sia successo il fattaccio....DIMENTICAVO, dopo averle parlato (ieri) la sera ha avuto la brillante idea di venire in soggiorno mentre ero coi figli chiedendo a tutti se questo fine settimana volevamo tornare su in montagna...

Aiutatemi, devo capire...e non so come capire....
Da brilli si fanno tutte quelle cose che da sobri ci si impedisce di fare.
Quando lei ha deciso di tornare indietro sapeva già come sarebbe andata a finire, diciamo che era predisposta affinché la serata proseguisse in una certa maniera.
Questo perché, se era la prima volta, aveva colto il desiderio dell'altro, se non lo era, ovviamente, c'era stato un accordo.
Poiché anch'io partecipo ogni tanto a feste con gli amici dove l'alcol giustamente circola, ti posso dire che la sua assunzione non scatena ciò che non è già presente nella persona. Una donna può anche ballare nuda attorno a un fuoco perché si sente libera dopo aver bevuto un poco, ma non si mette a trombare a caso con chiunque le capiti vicino. Fa ciò che vuole fare senza inibizioni.
Il problema è che con l'alcol quando esageri perdi totalmente la lucidità fino a stare male: ti rotoli a terra, vomiti, a volte hai la diarrea, non stai in piedi, insomma fai veramente schifo.
Ma tua moglie è stata sufficientemente lucida da tornare indietro, quindi era solo un po' allegra.
Non può pertanto essersi rotolata a terra perché ha perso l'equilibrio. Non era ubriaca.
Però non si è pulita dopo essere finita per terra - d'altronde col buio non è facile. Non è stata accorta.
Se avesse fatto qualcosa con il tipo, avrebbe controllato meglio le condizioni degli indumenti. A meno che l'essere brilli non le permettesse di comprendere questa cosa.
Io i tuoi sospetti li comprendo, quindi la metterei nuovamente alla prova, senza però darlo a vedere.
 

Skorpio

Utente di lunga data
Ecco il punto è l’umiliazione.
Molte volte ho sentito persone che hanno detto di essersi sentite umiliate.
È una cosa che fatico a capire. In quasi tutte le situazioni narrate è chi avrebbe dovuto essere l’umiliante che mi è sembrato che si umiliasse da solo. In poche altre mi è sembrato che non ci fosse nessuno umiliato.
Però tutte le volte che ho visto dall’esterno un tradimento, mai ho visto umiliato il tradito.
Sarà uno di quei modi di sentire che non capisco, come l’invidia.
Ma tu perché ti sei sentito umiliato? Perché sembrava che lei preferisse parlare con un altro?
Ma quando rientravate non ne parlavate?
Sono d'accordo, l'umiliazione è una questione assolutamente personale

Se la moglie di farmer flirtava in pubblico con questo qui, l'umiliazione che potrei percepire sarebbe solo per lei, che è "costretta" (umiliata) a flirtare davanti al marito con un terzo, per chissà quali motivi

Ricordo una compagna di un mio amico che flirtava spudoratamente con uno di noi del gruppo, coprebdolo di lodi e elogi (amico che non ci pensava neanche)

Il mio amico che ci stava insieme la compativa molto, arrivavamo a riderne assieme in diversi, povera ragazza

Era abbastanza chiaro che era una provocazione per il suo conpagno, che non raccoglieva affatto
 

farmer

Utente di lunga data
Una cosa che non ho detto è che ci sarebbe una persona che molto probabilmente sa molto di più, è una donna che, per motivi di cui ora mi è difficile spiegare, è stata molto molto vicina al tipo in seguito, questa sicuramente sa molte cose. Non la vedo da anni, ma non mi sarebbe difficile contattarla......ormai voglio lasciare le cose come stanno e tiro dritto così
 

Ginevra65

Moderator
Staff Forum
Da brilli si fanno tutte quelle cose che da sobri ci si impedisce di fare.
Quando lei ha deciso di tornare indietro sapeva già come sarebbe andata a finire, diciamo che era predisposta affinché la serata proseguisse in una certa maniera.
Questo perché, se era la prima volta, aveva colto il desiderio dell'altro, se non lo era, ovviamente, c'era stato un accordo.
Poiché anch'io partecipo ogni tanto a feste con gli amici dove l'alcol giustamente circola, ti posso dire che la sua assunzione non scatena ciò che non è già presente nella persona. Una donna può anche ballare nuda attorno a un fuoco perché si sente libera dopo aver bevuto un poco, ma non si mette a trombare a caso con chiunque le capiti vicino. Fa ciò che vuole fare senza inibizioni.
Il problema è che con l'alcol quando esageri perdi totalmente la lucidità fino a stare male: ti rotoli a terra, vomiti, a volte hai la diarrea, non stai in piedi, insomma fai veramente schifo.
Ma tua moglie è stata sufficientemente lucida da tornare indietro, quindi era solo un po' allegra.
Non può pertanto essersi rotolata a terra perché ha perso l'equilibrio. Non era ubriaca.
Però non si è pulita dopo essere finita per terra - d'altronde col buio non è facile. Non è stata accorta.
Se avesse fatto qualcosa con il tipo, avrebbe controllato meglio le condizioni degli indumenti. A meno che l'essere brilli non le permettesse di comprendere questa cosa.
Io i tuoi sospetti li comprendo, quindi la metterei nuovamente alla prova, senza però darlo a vedere.
Può essere che non si sia pulita per provocazione.
 
Top