Emergenza Covid-19

Ginevra65

Moderator
Staff Forum
Un ospedale privato della mia zona (diventato Covid Hospital) dal 4 maggio riprenderà gradualmente l'attività ordinaria, sia ambulatoriale che di ricovero anche se rimarrà il reparto dedicato ai pazienti Covid con accesso riservato.
Dal 4 maggio sarà possibile fare tampone o test sierologico a pagamento. Ho cercato info e pare costi 45 euro (non chiaro se riferito a tampone o test sierologico).
Scopro che non è l'unico ospedale privato che a fare test sierologico (sempre a pagamento).
Si è parlato tanto dei tamponi da fare a tutti, in pratica ora ti viene data la possibilità di farlo, basta pagare.
Qualcuno ha sentito qualcosa di analogo? Che lettura gli date?
dirottare la prevenzione.
Il singolo può gestire la prevenzione, pagando personalmente.
Un po' come succede per altre malattie, vedi mammografia gratis ogni 2 anni, però se vuoi stare tranquilla la fai ogni anno e una te la paghi tu.
La mammografia va integrata con ecografia per una corretta prevenzione, questa però non è mai gratis.
Non hanno soldi.
 

Marjanna

Utente di lunga data
dirottare la prevenzione.
Il singolo può gestire la prevenzione, pagando personalmente.
Un po' come succede per altre malattie, vedi mammografia gratis ogni 2 anni, però se vuoi stare tranquilla la fai ogni anno e una te la paghi tu.
La mammografia va integrata con ecografia per una corretta prevenzione, questa però non è mai gratis.
Non hanno soldi.
Si ma il tampone o test sierologico non rientrano nella prevenzione. Non è come fare un esame del sangue, in cui ad esempio se hai glicemia e emoglobina glicata a posto sai che è improbabile che tra un mese sarai diabetico. Il tampone ti copre rispetto alla tua situazione nei giorni precedenti, ma il giorno dopo potresti contrarre il virus, non hai alcuna garanzia.
Si era parlato di farlo ad un numero maggiore di persone per beccare gli asintomatici, sappiamo che molti hanno avuto un familiare che ha contratto il virus a cui non è stato fatto il tampone, ed infine ci sono i casi lievi a cui era stato detto di stare in casa e a cui è stato permesso poi di uscire dopo Tot giorni senza aver fatto un tampone, ed in seguito abbiamo saputo che neppure ne basta uno, ma ne sono necessari almeno due.
Il test fatto da privato prevede che se tu risulti positivo sia tu a chiamare il medico di base e informarlo.

Non sono notizie di tantissime settimane fa, forse la scorsa settimana ancora si trattava di questi temi.
E' attualmente ancora in corso la propaganda per la App Immuni tanto contestata, io mi ero chiesta "ma se scarico questa App e vengo a sapere che sono stata a contatto con un positivo, vuol dire che mi faranno il tampone o avrò solo l'informazione?".
A questo punto mi viene da pensare "si avrò solo l'informazione" quindi ad ogni notifica dovrei correre a farmi il tampone, pagandomelo.
Al contempo sappiamo benissimo che c'è chi potrebbe avere problemi rispetto a questa spesa.
Chi va a lavorare gratis, quindi ipoteticamente vede più persone, si espone di più.

In più verso autunno risaliranno i classici raffreddori, andremo tutti a farci il tampone al primo colpo di tosse? Oppure quel giorno che torniamo a casa e abbiamo un poco di mal di gola? Negli anni precedenti avremmo aspettato, senza preoccuparci più di tanto, magari facendoci la classica spremuta.

Se è come ho scritto non c'è stata alcuna comunicazione chiara.
(Il tampone alla regione costa 30 euro, diversi sono i costi di una persona che finisce in terapia intensiva, mi pare 1500 euro al giorno, fare tamponi è conveniente rispetto a vedere arrivare persone in terapia intensiva, o comunque anche solo per degenza in ospedale. Il problema fino a una decina di giorni fa, più o meno, era che mancavano i reagenti. Tutte le varie campagna aperte per raccolte di soldi erano per comprare macchine per i letti di terapia intensiva.)
 
Ultima modifica:

Ginevra65

Moderator
Staff Forum
Si ma il tampone o test sierologico non rientrano nella prevenzione. Non è come fare un esame del sangue, in cui ad esempio se hai glicemia e emoglobina glicata a posto sai che è improbabile che tra un mese sarai diabetico. Il tampone ti copre rispetto alla tua situazione nei giorni precedenti, ma il giorno dopo potresti contrarre il virus, non hai alcuna garanzia.
Si era parlato di farlo ad un numero maggiore di persone per beccare gli asintomatici, sappiamo che molti hanno avuto un familiare che ha contratto il virus a cui non è stato fatto il tampone, ed infine ci sono i casi lievi a cui era stato detto di stare in casa e a cui è stato permesso poi di uscire dopo Tot giorni senza aver fatto un tampone, ed in seguito abbiamo saputo che neppure ne basta uno, ma ne sono necessari almeno due.
Il test fatto da privato prevede che se tu risulti positivo sia tu a chiamare il medico di base e informarlo.

Non sono notizie di tantissime settimane fa, forse la scorsa settimana ancora si trattava di questi temi.
E' attualmente ancora in corso la propaganda per la App Immuni tanto contestata, io mi ero chiesta "ma se scarico questa App e vengo a sapere che sono stata a contatto con un positivo, vuol dire che mi faranno il tampone o avrò solo l'informazione?".
A questo punto mi viene da pensare "si avrò solo l'informazione" quindi ad ogni notifica dovrei correre a farmi il tampone, pagandomelo.
Al contempo sappiamo benissimo che c'è chi potrebbe avere problemi rispetto a questa spesa.
Chi va a lavorare gratis, quindi ipoteticamente vede più persone, si espone di più.

In più verso autunno risaliranno i classici raffreddori, andremo tutti a farci il tampone al primo colpo di tosse? Oppure quel giorno che torniamo a casa e abbiamo un poco di mal di gola? Negli anni precedenti avremmo aspettato, senza preoccuparci più di tanto, magari facendoci la classica spremuta.

Se è come ho scritto non c'è stata alcuna comunicazione chiara.
(Il tampone alla regione costa 30 euro, diversi sono i costi di una persona che finisce in terapia intensiva, mi pare 1500 euro al giorno, fare tamponi è conveniente rispetto a vedere arrivare persone in terapia intensiva, o comunque anche solo per degenza in ospedale. Il problema fino a una decina di giorni fa, più o meno, era che mancavano i reagenti. Tutte le varie campagna aperte per raccolte di soldi erano per comprare macchine per i letti di terapia intensiva.)
appunto soldi che si deve spendere e rispendere ma che non si hanno.
La privacy dovrebbe essere messa da parte i dati di accertamento che dovessero dare risultati positivi dovrebbero essere segnalati dai laboratori alle asl. Senza affidare al singolo l'onere.
Da li si riapre un discorso complesso, come affrontare il problema. Se li si lascia a casa con famigliari sani ci sarebbe comunque un'altra esplosione.
Dovrebbe essere messo a punto un protocollo semplice chiaro e snello, per non avere più sangue , morte e distruzione.
 

spleen

utente ?
Oggi pomeriggio corsa in bicicletta, rigonfiare le ruote, dopo mesi e mesi che sta lì, inerte, sotto il telo. Via per stradine poco frequentate, in mezzo a siepi ed alberi, traversando ponticelli su acque placide, con la mascherina, in due, mia moglie che mi pedala accanto.

E poi sono arrivato sul viale dell’ ospedale, verso il centro, e mi sono fermato a guardare, per memorizzare emozionalmente quella scena che mi si è presentata: Una decina di persone stanno al di qua della recinzione, sono madri, mogli, figli e figlie (presumo) di chi sta dentro, dall’altra parte della ringhiera. I pazienti non possono ricevere visite, da mesi ormai, ora stanno lì, a distanza di sicurezza dalla recinzione, in pigiama, sul quale hanno indossato una giacca o un giubbino, stanno seduti, chi in carrozzina chi sulle panchine e parlano ai loro congiunti fuori dalla recinzione, come fossero rinchiusi in un lager.

Vedo gli sguardi, una signora piange commossa, guarda il marito, chissà da quanto tempo non può toccarlo, abbracciarlo, lo guarda come si guardava una immagine della madonna, mentre lui le getta dei baci, con la mano, hanno i capelli bianchi entrambi, E poi dicono che l’amore si spegne….

Le infermiere sorvegliano, tutti stanno con la mascherina, ogni tanto qualcuno si stacca e ritorna, chi in reparto, chi si avvia a casa.

E’ una bellissima giornata, ho voglia di gelato, la gelateria sotto il mio ufficio è aperta per asporto, ci fermiamo e saliamo a mangiarlo nel mio ufficio.

La piazza vista da qua è vuota, domani chissà, da domani molti tornano al lavoro.

Adesso torniamo a casa, un’altra giornata è andata, stasera voglio distendermi sul divano, e non voglio pensare a nulla.
 

Max78

Utente di lunga data
Spostiamoci qua, dedicando il thread soltanto a questa situazione che coinvolge ormai tutti.
Come lo state vivendo?
Cosa ha cambiato e temete cambierà nella vostra vita?
Interessante sarebbe anche conoscere le conseguenze su chi è interessato dai provvedimenti e non può lavorare o di chi teme per la propria salute o per quella dei propri cari.
Opinioni politiche: siete d'accordo per come si sono mossi tutti? Stanno lavorando bene?
Cosa vedete di diverso nelle persone accanto a voi.
Testimonianze personali sono ben gradite.
Anche sfoghi.
Per chi è in panico, nessun problema a confessarlo.
Un abbraccio a tutti.
Ciao denny. Un saluto a tutti.
Ieri abbiamo aperto l'attività, e abbiamo effettuato tutti i dispositivi di sicurezza,
I clienti entrano solo su prenotazione, con un lasso di tempo tra uno e l'altro di 30 minuti.
Abbiamo molto lavoro accumulato, e i miei collaboratori sono sereni per tutte le precauzioni prese per la loro e nostra salute.
Fortunatamente si riparte alla grande e credo che con il tempo recuperiamo.
Ho avuto la fortuna di pagare la metà dell'affitto, il proprietario mi ha voluto aiutare di sua spontaneità, se dovevo aspettare lo stato avrei fatto i capelli bianchi... Per il resto sono fiducioso che tutto andrà bene se si rispettano le regole.
 

ivanl

Utente di lunga data
Oggi uscirò per la prima volta in 60 giorni per andare a fare un sopralluogo in azienda e verificare ciò che è stato fatto a livello di sicurezza e prevenzione. Avevo programmato di prendermi mezza giornata per farmi un giro in moto, ma dovrò rimandare...Vediamo come si vive con la mascherina, immagino sia una gran seccatura
 

Ginevra65

Moderator
Staff Forum
Oggi uscirò per la prima volta in 60 giorni per andare a fare un sopralluogo in azienda e verificare ciò che è stato fatto a livello di sicurezza e prevenzione. Avevo programmato di prendermi mezza giornata per farmi un giro in moto, ma dovrò rimandare...Vediamo come si vive con la mascherina, immagino sia una gran seccatura
vai in azienda in moto
 

ivanl

Utente di lunga data
ci sono 26 gradi, il casco, l'aria calda che arriva dal motore, i termoscanner sono belli sensibili...l'altro giorno mi ha suonato perche' ero stato 5 minuti in macchina al sole
 

kikko64

Utente Incasinato
Avevo quasi dimenticato questo posto, credo che ormai sia passato almeno un anno dall'ultima volta che ci sono entrato.
Troppe cose a cui pensare ... troppi problemi da risolvere ... troppo dolore da sopportare ... meglio andarsene, da tutto e da tutti.
E come se non fosse bastato un 2019 orribile, il 2020 mi ha portato in un letto di ospedale a lottare contro questo virus bastardo ...
Ho avuto la fortuna di poter avere un'altra possibilità ... ora si tratta di sfruttarla.
Un saluto.
 

Marjanna

Utente di lunga data
Avevo quasi dimenticato questo posto, credo che ormai sia passato almeno un anno dall'ultima volta che ci sono entrato.
Troppe cose a cui pensare ... troppi problemi da risolvere ... troppo dolore da sopportare ... meglio andarsene, da tutto e da tutti.
E come se non fosse bastato un 2019 orribile, il 2020 mi ha portato in un letto di ospedale a lottare contro questo virus bastardo ...
Ho avuto la fortuna di poter avere un'altra possibilità ... ora si tratta di sfruttarla.
Un saluto.
Come stai? Ti sei ripreso o devi fare ancora terapie di recupero?
Il paradiso è qui, e se le cose non girano come si vorrebbe... un bel fanculo ogni tanto ci sta, è troppo importante darsi un sorriso :)
 

Nocciola

Super Moderatore
Staff Forum
Non so se l’informazione può interessare ma le donne che hanno partorito o avuto un aborto non possono donare plasma da utilizzare nella cura del corona virus
 
Top