Un sospetto (eccessivo?)

Brunetta

Utente di lunga data
Però la lagna contiene già un giudizio negativo.
Ovviamente tutti siamo lagnosi rispetto a chi sta morendo. Non di meno credo che si possa e si debba ascoltare il proprio dolore.
 

danny

Utente di lunga data
Ma sai che a me invece sembra che provi talmente disistima per quest’uomo da non accettare che possa essere considerato un amico da sua moglie, al punto da ricercare una relazione sessuale che giustifichi i contatti con lui.
Io non nego che sia possibile, infatti ho consigliato di fare qualche indagine, ma mi pare che pesi di più a Mite il fatto che la moglie possa avere un lato segreto non stimabile, fatto di leggerezza, battutacce, scherzi pesanti.
Nel racconto ho percepito una certa passività di Mite, che attribuisce ruoli attivi alla moglie ma soprattutto a lui.
I lati nascosti fanno sempre paura.
Sabato sera sono tornato camminando per mezz'ora di notte per un sentiero nel bosco, nel buio più assoluto.
Ma era un posto che conoscevo bene.
 

Brunetta

Utente di lunga data
Nel racconto ho percepito una certa passività di Mite, che attribuisce ruoli attivi alla moglie ma soprattutto a lui.
I lati nascosti fanno sempre paura.
Sabato sera sono tornato camminando per mezz'ora di notte per un sentiero nel bosco, nel buio più assoluto.
Ma era un posto che conoscevo bene.
Lui si considera così.
Bisogna vedere se è vero.
 

Vera

Moderator
Staff Forum
Ho amiche che sono impegnate da tutta la vita a non essere lagnose.
A volte per non esserlo sminuiscono i propri e gli altrui sentimenti.
Ovviamente il discorso sarebbe più complesso. Scusate, davo per scontato fosse chiaro, almeno un po', cosa intendessi dato che ho espresso il mio disappunto sulle lagne, più volte 😊
Ascolto molto, con attenzione, chi ha bisogno di sfogarsi, piangere e sbattere i piedi e do loro il mio appoggio e conforto. Sono anche pronta a spronare, a mio modo, spesso senza tante cerimonie, se ritengo sia il caso. Le lagne che non mi piacciono sono quelle continue, senza voglia di miglioramento di fondo.
Se una situazione non mi fa stare bene faccio in modo di cambiarla. Se mi succede qualcosa di spiacevole, sto male come tutti ma poi mi tiro su e faccio il possibile per riprendere in mano la mia vita.
Ci sono persone che sono bravissime a lamentarsi ma non fanno mai niente per uscire dalla melma. Stanno nella merda e rompono le balle a tutti "Guardate, sono nella merda".
Eh
Stacci.
 

perplesso

Administrator
Staff Forum
Ovviamente il discorso sarebbe più complesso. Scusate, davo per scontato fosse chiaro, almeno un po', cosa intendessi dato che ho espresso il mio disappunto sulle lagne, più volte 😊
Ascolto molto, con attenzione, chi ha bisogno di sfogarsi, piangere e sbattere i piedi e do loro il mio appoggio e conforto. Sono anche pronta a spronare, a mio modo, spesso senza tante cerimonie, se ritengo sia il caso. Le lagne che non mi piacciono sono quelle continue, senza voglia di miglioramento di fondo.
Se una situazione non mi fa stare bene faccio in modo di cambiarla. Se mi succede qualcosa di spiacevole, sto male come tutti ma poi mi tiro su e faccio il possibile per riprendere in mano la mia vita.
Ci sono persone che sono bravissime a lamentarsi ma non fanno mai niente per uscire dalla melma. Stanno nella merda e rompono le balle a tutti "Guardate, sono nella merda".
Eh
Stacci.
è perchè ci si può sentire al sicuro anche in una fogna
 

Brunetta

Utente di lunga data
Ovviamente il discorso sarebbe più complesso. Scusate, davo per scontato fosse chiaro, almeno un po', cosa intendessi dato che ho espresso il mio disappunto sulle lagne, più volte 😊
Ascolto molto, con attenzione, chi ha bisogno di sfogarsi, piangere e sbattere i piedi e do loro il mio appoggio e conforto. Sono anche pronta a spronare, a mio modo, spesso senza tante cerimonie, se ritengo sia il caso. Le lagne che non mi piacciono sono quelle continue, senza voglia di miglioramento di fondo.
Se una situazione non mi fa stare bene faccio in modo di cambiarla. Se mi succede qualcosa di spiacevole, sto male come tutti ma poi mi tiro su e faccio il possibile per riprendere in mano la mia vita.
Ci sono persone che sono bravissime a lamentarsi ma non fanno mai niente per uscire dalla melma. Stanno nella merda e rompono le balle a tutti "Guardate, sono nella merda".
Eh
Stacci.
È una reazione comprensibile.
Ma esistono persone che sono state cresciute come capro espiatorio, vittima designata, persona destinata a rappresentare il problema della famiglia. È difficile sottrarsi a un destino del genere.
 

danny

Utente di lunga data
È una reazione comprensibile.
Ma esistono persone che sono state cresciute come capro espiatorio, vittima designata, persona destinata a rappresentare il problema della famiglia. È difficile sottrarsi a un destino del genere.
Il ricercatore in questione ha ricevuto migliaia di commenti di solidarietà.
Il vittimismo è un modo per ottenere consensi.
 

Carola

Utente di lunga data
[
Ovviamente il discorso sarebbe più complesso. Scusate, davo per scontato fosse chiaro, almeno un po', cosa intendessi dato che ho espresso il mio disappunto sulle lagne, più volte 😊
Ascolto molto, con attenzione, chi ha bisogno di sfogarsi, piangere e sbattere i piedi e do loro il mio appoggio e conforto. Sono anche pronta a spronare, a mio modo, spesso senza tante cerimonie, se ritengo sia il caso. Le lagne che non mi piacciono sono quelle continue, senza voglia di miglioramento di fondo.
Se una situazione non mi fa stare bene faccio in modo di cambiarla. Se mi succede qualcosa di spiacevole, sto male come tutti ma poi mi tiro su e faccio il possibile per riprendere in mano la mia vita.
Ci sono persone che sono bravissime a lamentarsi ma non fanno mai niente per uscire dalla melma. Stanno nella merda e rompono le balle a tutti "Guardate, sono nella merda".
Eh
Stacci.
È una merda ma è la mia merda
Alla maggior parte delle persone fanno paura i cambiamenti

Io la penso come te E come molti mi sono lamentata E crogiolata poi però ho sempre cambiato le cose che non mi stavano Facendo granché bene bene rischiando dal lavoro alla sfera affettiva ( le persone non sono cose ma creano situazioni non sempre belle )
Però molti stanno meglio nel loro pantano perché in fondo lo conoscono o forse non stanno poi così male !!
 

Carola

Utente di lunga data
È una reazione comprensibile.
Ma esistono persone che sono state cresciute come capro espiatorio, vittima designata, persona destinata a rappresentare il problema della famiglia. È difficile sottrarsi a un destino del genere.
vero ! Quanti danni può fare la Famiglia magari senza volerlo !
Anzi quasi sicuro non lo vogliono !
 

Brunetta

Utente di lunga data
Il ricercatore in questione ha ricevuto migliaia di commenti di solidarietà.
Il vittimismo è un modo per ottenere consensi.
Non c’entra nulla avere consensi con il ruolo introiettato.
Infatti ricerca consensi.
 

Brunetta

Utente di lunga data
vero ! Quanti danni può fare la Famiglia magari senza volerlo !
Anzi quasi sicuro non lo vogliono !
Non c’è alcuna consapevolezza di creare situazioni del genere.
 

Vera

Moderator
Staff Forum
è perchè ci si può sentire al sicuro anche in una fogna
Sicuramente.
La paura di cambiare e stare bene è più forte della puzza di fogna.
È una reazione comprensibile.
Ma esistono persone che sono state cresciute come capro espiatorio, vittima designata, persona destinata a rappresentare il problema della famiglia. È difficile sottrarsi a un destino del genere.
Sì, anche se non conosco personalmente persone che sono vittime designate, non nego che esistano.
In ogni caso, volendo, si può cambiare la propria situazione.
 

Brunetta

Utente di lunga data
Sicuramente.
La paura di cambiare e stare bene è più forte della puzza di fogna.

Sì, anche se non conosco personalmente persone che sono vittime designate, non nego che esistano.
In ogni caso, volendo, si può cambiare la propria situazione.
Gli psicoterapeuti hanno sempre appuntamenti. Sono tante le persone con bisogno di superare problemi psicologici.
 

Mite85

Utente
...e comunque uno con un nickname "mite" probabilmente lo tradirei anch'io, giusto per noia
😁 Buona questa, cmq è vero, ho scelto questo nick perché mi percepisco tale, so che una persona tranquilla ed educata in questa società nichilista, consumistica e vorace, dove anziché Socrate sono la D'urso e i quiz tv a farla da padroni, può essere scambiato per noioso, preso per pirl@ se disponibile, illuso se ottimista, stupido se perdona.
Ormai si fa tutto per noia, perché siamo vuoti, etica, fede e ideali sono stati rimpiazzati dai brands del momento.
Chi fott* è più furbo, chi offende è sincero e chi dice cazz*te lo si giustifica perché ogni opinione in quanto tale va comunque rispettata. Penso che un commento così, spero di non offendere, (io non l'ho fatto leggendo il tuo) sia lo specchio di una società alla deriva dove tutti inseguiamo non sappiano nemmeno più cosa, tanto basta buttare comprare buttare comprare.
Però in fondo ti dò ragione, molti lo fanno per noia, o magari perché non sono disposti a dialogare per trovare una soluzione, meglio cambiare, sempre e di continuo, tanto come lo smartphone o le sneaker e magari cosi ci si riempie il vuoto esistenziale e si zittisce quella vocina che ci fa chiedere chi siamo davvero.
Pensa che la parola mediocrità oggi ha quasi esclusivamente un'accezione negativa, mentre molte culture del passato la vedevano come la virtù di non eccedere negli estremi.
 
Ultima modifica:

Mite85

Utente
Nel racconto ho percepito una certa passività di Mite, che attribuisce ruoli attivi alla moglie ma soprattutto a lui.
I lati nascosti fanno sempre paura.
Sabato sera sono tornato camminando per mezz'ora di notte per un sentiero nel bosco, nel buio più assoluto.
Ma era un posto che conoscevo bene.
Bella Danny, sei un saggio!
Beh, l'idea che ho io di rapporto, magari sbaglio, comprende il fatto che fintanto che non ho una certezza, non posso censurare un'amicizia (detta tale proprio per esser politicamente corretti) e ho pensato fino a poco tempo fa, che di fronte all'evidenza dei fatti, si fosse estinta da sè.

Ad ogni modo ringrazio tutti di cuore per avermi offerto spunti e angolature che forse non avrei valutato ma ora voglio tirare da solo le somme, grazie a tutti
 

ermik

Utente di lunga data
😁 Buona questa, cmq è vero, ho scelto questo nick perché mi percepisco tale, so che una persona tranquilla ed educata in questa società nichilista, consumistica e vorace, dove anziché Socrate sono la D'urso e i quiz tv a farla da padroni, può essere scambiato per noioso, preso per pirl@ se disponibile, illuso se ottimista, stupido se perdona.
Ormai si fa tutto per noia, perché siamo vuoti, etica, fede e ideali sono stati rimpiazzati dai brands del momento.
Chi fott* è più furbo, chi offende è sincero e chi dice cazz*te lo si giustifica perché ogni opinione in quanto tale va comunque rispettata. Penso che un commento così, spero di non offendere, (io non l'ho fatto leggendo il tuo) sia lo specchio di una società alla deriva dove tutti inseguiamo non sappiano nemmeno più cosa, tanto basta buttare comprare buttare comprare.
Però in fondo ti dò ragione, molti lo fanno per noia, o magari perché non sono disposti a dialogare per trovare una soluzione, meglio cambiare, sempre e di continuo, tanto come lo smartphone o le sneaker e magari cosi ci si riempie il vuoto esistenziale e si zittisce quella vocina che ci fa chiedere chi siamo davvero.
Pensa che la parola mediocrità oggi ha quasi esclusivamente un'accezione negativa, mentre molte culture del passato la vedevano come la virtù di non eccedere negli estremi.
Ciao, il mio commento era una battuta anche riferita a quanto scritto da @danny sui vostri ruoli attivi e passivi.
Ma sinceramente intendevo altro, appunto la passività, la mansuetudine, la moderazione, la mancanza di una presa di posizione forte, il divano tutte le sere, cose così.....e poi arriva la noia.
Mi stupisce che tu nel tuo discorso parli di mitezza come contraltare alla maleducazione e all'ignoranza. Non li avrei mai associati direttamente in un discorso. Tra essere un "mite" ed un feroce tagliagole ci sono milioni di ruoli e sfumature molto interessanti
 

Brunetta

Utente di lunga data
😁 Buona questa, cmq è vero, ho scelto questo nick perché mi percepisco tale, so che una persona tranquilla ed educata in questa società nichilista, consumistica e vorace, dove anziché Socrate sono la D'urso e i quiz tv a farla da padroni, può essere scambiato per noioso, preso per pirl@ se disponibile, illuso se ottimista, stupido se perdona.
Ormai si fa tutto per noia, perché siamo vuoti, etica, fede e ideali sono stati rimpiazzati dai brands del momento.
Chi fott* è più furbo, chi offende è sincero e chi dice cazz*te lo si giustifica perché ogni opinione in quanto tale va comunque rispettata. Penso che un commento così, spero di non offendere, (io non l'ho fatto leggendo il tuo) sia lo specchio di una società alla deriva dove tutti inseguiamo non sappiano nemmeno più cosa, tanto basta buttare comprare buttare comprare.
Però in fondo ti dò ragione, molti lo fanno per noia, o magari perché non sono disposti a dialogare per trovare una soluzione, meglio cambiare, sempre e di continuo, tanto come lo smartphone o le sneaker e magari cosi ci si riempie il vuoto esistenziale e si zittisce quella vocina che ci fa chiedere chi siamo davvero.
Pensa che la parola mediocrità oggi ha quasi esclusivamente un'accezione negativa, mentre molte culture del passato la vedevano come la virtù di non eccedere negli estremi.
Esagerato!
Era una battuta un po’ provocatoria.
 
Top