MENOPAUSA

Carola

Utente di lunga data
Giusto , infatti quando lavo i piatti quasi tutte le sere e sistemo la cucina non mi aspetto un "grazie". Neanche me lo diceva quando tornava a casa la sera dopo pomeriggio di sesso con l'amante mentre io avevo lavorato fatto da mangiare alle figlie e sistemato tutto perche' lei comodamente arrivasse a casa e facesse il meno possibile perche' era stanca.
Non Ci sono mai vie di mezzo va capire chi ha il
Pane non ha i denti ecc ecc
 

Marjanna

Utente di lunga data
Se ti impicci degli affari miei, a me piace, perché si sviscerano argomenti che mandano avanti la discussione in maniera sana.
Diverso e‘ come hai fatto tu, definire gli affari miei a tua totale discrezione e farmi domande in merito a quello che tu hai deciso debba essere la vita altrui.
Io non sono abituato così, chiedo, mi faccio spiegare, traggo le mie conclusioni sulla base dei miei valori, commento.
tu hai fatto l’esatto contrario, cioè senza sapere e continui a non sapere perché non chiedi, ha tratto le tue conclusioni e commentato sulla base di quello che tu pensi di sapere.
Non e‘ una critica distruttiva la mia, ma costruttiva, nel senso che se cambi modo di porti quantomeno nei miei confronti, è anche bello discutere con te.
Però te ci sei entrato così Pinco, ossia con l'atteggiamento bonario di chi è disposto a spiegare purchè si abbassi la testa. Qua in tanti han raccontato le loro beghe, se ti pare si intuisca male puoi anche esprimerti. E' vero che non so gli affari tuoi e di tua moglie, come potrei saperli meglio di voi che li avete vissuti, poi sei te che in caso vedi se ti senti di parlare di qualcosa.
Ad ogni modo tornando indietro nelle pagine, anche se nell'indietro ci si era già persi in OT, anche in risposta al commento di @ologramma, mi pare che quello che si vede e si chiama realtà in un certo senso lo diventi, ossia diventa realtà in funzione alla visione. Per @ologramma il ricordo (non è facile dimenticare) rende problematico il credere alla realtà che lui vorrebbe seguire.
Per qualcuno la visione di un compagno si deve basare su fatti concreti come aiuti pratici, altri hanno pareri diversi.
Ho letto un commento l'altro giorno che mi dato da pensare, era inerente ai negazionisti e a come, alcuni, siano arrivati a negare i morti per covid. Tutta gente che morta di altra roba -e dico roba perchè quando ne parlano lo fanno con la freddezza di uno che sta facendo autopsia, pure se sono impiegati e poi son capaci di svenire se vedono un cagnolino con gli occhi tristi- per loro, gente che era destinata a morire, come sempre, da che mondo è mondo. Ecco il commento che ho letto faceva riferimento al nazismo, a come un popolo sia riuscito a oscurare a se stesso ciò che accadeva. Ma lo stesso è capitato in America, con i nativi americani e i bambini dei nativi.
Io potrei farti delle domande e seguire la tua realtà, o rimanere ancorata a quella che tu hai inteso (altra realtà) nel mio messaggio, giudicante. Ma a me non è che freghi di A o di B, mi interessa il concetto.
Scusa se ho scritto male ma sono cotta.
 
Ultima modifica:

tenebroso67

Utente di lunga data
E tu in questo quadro che stai descrivendo come vivi ?
Astinenza totale ?
51 anni non sono tanti, non so quanti ne abbia tu.
Da me la situazione era ben diversa, direi che sono stata una cretina.
Ben sapendo che il sesso è un legante nella coppia, non ho mai rifiutato mio ex marito, anche quando mi addormentavo in piedi; da quello che diceva era pienamente soddisfatto, fantasie ecc.
Certo che dopo una giornata di lavoro impegnativa, varie riunioni ed orari prolungati ( dopo che sono nati i bambini non facevo più straordinari, comunque non pagati perché ero dirigente) avrei preferito un 15’ di riposo.
Invece no: dopo il lavoro correvo a casa, spesa in pausa pranzo per cose non da frigo, così saltavo pure il pranzo, altrimenti pranzo occupato con varie riunioni o lavori extraurgenti, arrivata a casa allattamento che come si sa non ha orari ( i primi sei mesi molto anche di notte), preparare cena, sistemare cucina, casa, stare con i bambini, addormentare i bambini, lui arriva in un secondo tempo, così devo rifare cena per lui, anche se il motivo di fare tardi non era il lavoro. Il motivo dei suoi ritardi e assenze era il suo vizio di andare dalle prostitute o semplicemente gironzolare perché per lui era pesante tener compagnia a bambini piccoli; diceva che non era portato e che non ce la faceva. Per aver avuto la benedizione della maternità ( concessa da lui con la condizione di occuparmene io in quanto “ lui non è fatto per questo”, quindi per questo motivo me ne occupavo quasi esclusivamente io.
Quindi dopo una giornata di corsa arriva lui, rifaccio la cena e pure lo show dopo con tanto di lingerie coordinata alle fantasie del signore.
Senza mai rifiutarmi in nome della stanchezza evidente e che lui non voleva vedere.
Certe dinamiche vengono consolidate nella famiglia di origine, poi ancora di più nella nuova famiglia. Difficile cambiarle.
Comunque io, pur non avendolo mai rifiutato, sono stata tradita con delle prostitute.
Lo avrei capito se lo avessi costretto all’astinenza, ma così .
Ma che vada a quel paese, mi meraviglio da sola di come sono stata stupida.
Ne ho 53 ..... decisamente ( "o diversamente ") giovane....mi tengo in forma insomma...

Magari avessi avuto una moglie che si dedicava al marito anche sotto quell'aspetto... Magari....

" pure lo show dopo con tanto di lingerie coordinata alle fantasie del signore. ".
Ma io me lo scordo !! Mi becco la solita risposta cioe' che lei ha altri pensieri e che e' stanca......
 

tenebroso67

Utente di lunga data
stessa identica cosa che e' capitata a me con la differenza che lei aveva un altro. Per il resto quello che hai scritto avrei potuto scriverlo io passo per passo . ("non e' mai il momento" "con tutto quello che c'e' da fare", ecc. ecc. ) Poi si stupiscono se uno (o una) trovano un' "alternativa"....
Si perche' poi a forza di tirare la corda ...si spezza.....
 

Lostris

Utente Ludica
Non so, forse.
Ma quasi dopo 6 anni mi manda fiori ogni mese o più, cerca sempre di fare cose che mi facciano piacere, di stupirmi, cerca momenti romantici, insomma se scopre un posto carino ci tiene a portarmi. Un ristorante o semplicemente un angolo in cui il tramonto è particolarmente romantico. Si preoccupa per la mia salute, direi in modo esagerato.
mmm diciamo che sta sopra lo standard 😅
 

Brunetta

Utente di lunga data
No no certo, immaginavo che non intendessi dire quello, rispetto a come ti sei espressa.

Però davvero mi è comparso l’interruttore.

Ci son cose che non si possono “decidere” in senso stretto, secondo me, e una di queste è amare e smettere di farlo.

La consapevolezza sì, è improvvisa o puó esserlo. Quando ti rendi conto di dove sei..
Di amare qualcuno, o di non amarlo più.

Ma il percorso per arrivarci inizia tanto prima e spesso è difficile delinearne i contorni o capire cosa è stato decisivo, in un senso o nell’altro.
Dipende.
 

oriente70

Utente di lunga data
Non so, forse.
Ma quasi dopo 6 anni mi manda fiori ogni mese o più, cerca sempre di fare cose che mi facciano piacere, di stupirmi, cerca momenti romantici, insomma se scopre un posto carino ci tiene a portarmi. Un ristorante o semplicemente un angolo in cui il tramonto è particolarmente romantico. Si preoccupa per la mia salute, direi in modo esagerato.
Almeno ti accorgi di quello che fa per te 👍🏼👍🏼👍🏼.
Mi fa piacere 👍🏼..
Quello che da fastidio in una coppia è quando uno dei due si fa i cazzi propri e lascia le incombenze all'altro 😎😎😎.
In una casa c'è tanto da fare 😎 se uno cucina l'altro non può stare sul divano 😎.
 

Pincopallino

Utente di lunga data
Però te ci sei entrato così Pinco, ossia con l'atteggiamento bonario di chi è disposto a spiegare purchè si abbassi la testa. Qua in tanti han raccontato le loro beghe, se ti pare si intuisca male puoi anche esprimerti. E' vero che non so gli affari tuoi e di tua moglie, come potrei saperli meglio di voi che li avete vissuti, poi sei te che in caso vedi se ti senti di parlare di qualcosa.
Ad ogni modo tornando indietro nelle pagine, anche se nell'indietro ci si era già persi in OT, anche in risposta al commento di @ologramma, mi pare che quello che si vede e si chiama realtà in un certo senso lo diventi, ossia diventa realtà in funzione alla visione. Per @ologramma il ricordo (non è facile dimenticare) rende problematico il credere alla realtà che lui vorrebbe seguire.
Per qualcuno la visione di un compagno si deve basare su fatti concreti come aiuti pratici, altri hanno pareri diversi.
Ho letto un commento l'altro giorno che mi dato da pensare, era inerente ai negazionisti e a come, alcuni, siano arrivati a negare i morti per covid. Tutta gente che morta di altra roba -e dico roba perchè quando ne parlano lo fanno con la freddezza di uno che sta facendo autopsia, pure se sono impiegati e poi son capaci di svenire se vedono un cagnolino con gli occhi tristi- per loro, gente che era destinata a morire, come sempre, da che mondo è mondo. Ecco il commento che ho letto faceva riferimento al nazismo, a come un popolo sia riuscito a oscurare a se stesso ciò che accadeva. Ma lo stesso è capitato in America, con i nativi americani e i bambini dei nativi.
Io potrei farti delle domande e seguire la tua realtà, o rimanere ancorata a quella che tu hai inteso (altra realtà) nel mio messaggio, giudicante. Ma a me non è che freghi di A o di B, mi interessa il concetto.
Scusa se ho scritto male ma sono cotta.
Tranquilla non hai scritto male, ho capito bene cosa intendi, però non puoi nemmeno pensare che quello che hai scritto nella prima domanda che mi hai fatto sia vero solo perché lo hai scritto tu, ed io non ne ho parlato, giusto? Se mi pare si intuisca male, spiegò che si è intuito male, se l’altro non fa domande per me non è interessato ad intuire meglio, pertanto trovo un inutile dispendio di energie dare spiegazioni a chi si contenta del proprio intuire. Perché a sto io potrei dirti: considerato che hai i capelli neri perche non li dipingi di nerazzurro? E tu mi potresti rispondere perché li ho rossi e tu non lo sai se li ho neri, me lo potevi chiedere di che colore li avevo senza inventartelo. Ecco questo un esempio molto banale che descrive come ti sei posta tu con me.
Non sapendo hai espresso il tuo sentire sulla base del niente.
Su tutto il resto, ologramma, nazismo, nativi americani, non so nemmeno di cosa parli, preferisco affrontare un argomento per volta.
 

Pincopallino

Utente di lunga data
Secondo me vale la pena di recuperare il matrimonio quando dopo un'analisi profonda a cuore aperto , gli intenti e gli obiettivi coincidono o per lo meno si sovrappongono per gran parte. Per la famiglia il cliche' della donna che fa tutto e l'uomo legge il giornale e' un'immagine tramontata dagli anni 60. Poi ogni famiglia ha una storia a se'
Ed ora il tuo matrimonio come va? Lei continua a tradirti?
 
Top