Indecisione

Brunetta

Utente di lunga data
Mutando l'ordine degli addendi il risultato non cambia.
Ma non è vero.
Per un bambino è diverso non vedere i genitori o un genitore per ragioni differenti.
E dovrebbe essere diverso anche per il genitore.
Comunque si trasmette un messaggio, oltre che creare una ferita affettiva, di cui bisogna essere consapevole.
 

danny

Utente di lunga data
Anche nel l’egoismo ci sono differenze
Sfumature, Brunetta.
Sempre di egoismo si tratta.
Tu ti fideresti ad avere come partner fisso uno che è stato il tuo amante per anni tradendo la moglie?
Perché non dovrebbe tradire anche te, prima o poi?
Perché chi ha già tradito, con successo, non dovrebbe ripetere l'esperienza?
Probabilmente le valutazioni sarebbero sicuramente inficiate dal coinvolgimento, ma ben sappiamo che il tradimento è raro resti caso unico in una vita.
 

danny

Utente di lunga data
Ma non è vero.
Per un bambino è diverso non vedere i genitori o un genitore per ragioni differenti.
E dovrebbe essere diverso anche per il genitore.
Comunque si trasmette un messaggio, oltre che creare una ferita affettiva, di cui bisogna essere consapevole.
A un bambino diresti che il padre è scappato dall'amante?
Direi che ci sono tante storie alternative che si possono raccontare, prima di sbattergli in faccia la realtà, col rancore inevitabile con cui verrebbe descritta.
 

Brunetta

Utente di lunga data
Ripeto. E' proprio la domanda di partenza dell'utente che non sussiste. E' la stessa cosa di quando uno parla del futuro con l'amante e la moglie non sa niente.
Se fa un'azione concreta, tipo parlare con la moglie, vedi come tutto si ridimensiona e scende dalla nuvoletta.
Da notare che lui dice che sarebbe disposto a fare il primo passo e mollare tutto, ma NON LO FA!!!! DICE MA NON FA.
(Vedi il commento che ho scritto a pagina 1)
Lo fa se... si butta, ma l’altra deve essere pronta con il telone da pompiere.
 

Brunetta

Utente di lunga data
Lo so. In fin dei conti ho subito anch'io la stessa esperienza, anche se i chilometri erano la metà. Però, di base, se una persona ha un profondo interesse e rispetto per la famiglia, non tradisce, non crea casini potenzialmente devastanti.
Poi possiamo fare una classifica e stabilire che è meglio avere l'amante nello stesso quartiere piuttosto che a 1000 Km di distanza, ma, come dire, diventa a quel punto solo una questione di sfumature.
Direi che è da coglioni farsi l'amante a 1000 km di distanza, però, ciò non assolve chi se lo fa a due km di distanza.
Ma le cose non erano in contrapposizione.
Pochissimi, perfino qui, sostengono seriamente che avere un amante sia una buona cosa.
 

Brunetta

Utente di lunga data
Sfumature, Brunetta.
Sempre di egoismo si tratta.
Tu ti fideresti ad avere come partner fisso uno che è stato il tuo amante per anni tradendo la moglie?
Perché non dovrebbe tradire anche te, prima o poi?
Perché chi ha già tradito, con successo, non dovrebbe ripetere l'esperienza?
Probabilmente le valutazioni sarebbero sicuramente inficiate dal coinvolgimento, ma ben sappiamo che il tradimento è raro resti caso unico in una vita.
Qui stai aprendo un altro argomento.
Ovviamente l’altra persona è stata tradita perché non era il VERO AMMORE
 

danny

Utente di lunga data
Qui stai aprendo un altro argomento.
Ovviamente l’altra persona è stata tradita perché non era il VERO AMMORE
;)
Io comprendo tutti i pregiudizi e i giudizi, siamo tutti stati scottati o comunque conosciamo bene come funzionano i rapporti, persino con troppo cinismo, a volte, e con i piedi ben piantati per terra, traditi o traditori indifferentemente.
Ma chi è dentro.... talvolta non capisce proprio più niente.
Anche come risulterebbe folle e insostenibile avere figli a 1000 km di distanza.
 

Brunetta

Utente di lunga data
A un bambino diresti che il padre è scappato dall'amante?
Direi che ci sono tante storie alternative che si possono raccontare, prima di sbattergli in faccia la realtà, col rancore inevitabile con cui verrebbe descritta.
A parte che ai bambini non si raccontano balle, si poss dire le cose in tanti modi, resta che i bambini non sono scemi e capiscono, anche se non razionalmente, tutto subito.
 

Brunetta

Utente di lunga data
;)
Io comprendo tutti i pregiudizi e i giudizi, siamo tutti stati scottati o comunque conosciamo bene come funzionano i rapporti.
Ma chi è dentro.... talvolta non capisce proprio più niente.
Anche come risulterebbe folle e insostenibile avere figli a 1000 km di distanza.
Chi è dentro non capisce niente e viene qui per cercare di capire.
Non credo che si aiuti a capire dicendo che è tutto uguale.
 

Marjanna

Utente di lunga data
Lo fa se... si butta, ma l’altra deve essere pronta con il telone da pompiere.
Ma non ci sarà mai nessun telone certo, saranno sempre solo parole.
Se lei gli andasse dietro potrebbe intenderla come andare dal marito e parlargli. Intanto un passo.
Di fatto quel passo lui non l'ha fatto, ne parla e basta.
Qui si parla dei figli, ma rimane che c'è un rapporto aperto, in pieno rigore con la moglie, che pare almeno non sa niente.
Non è che sta donna è un fantoccio, che nel momento che lui dice "me ne vado" sta lì inerme. Probabilmente vorrà parlare, dirà delle cose, ed non essendo le parole di un fantoccio, ma di una donna che comunque ha amato, con cui ha condiviso anni di vita e esperienze, tutto potrebbe prendere ben altra forma.
 

danny

Utente di lunga data
A parte che ai bambini non si raccontano balle, si poss dire le cose in tanti modi, resta che i bambini non sono scemi e capiscono, anche se non razionalmente, tutto subito.
Ai bambini si raccontano le verità che capiscono: raccontare che il papà si scopa un'altra invece che la mamma e che per questo è andato a vivere altrove non credo sia alla portata di bimbi piccoli.
Ma anche quando ci si separa, mica si va a raccontare ai figli che è perché non si trombava più da anni, o cose così.
Resta il fatto, indiscutibile, che l'intimità sessuale e affettiva dei genitori deve restare tale.
 

danny

Utente di lunga data
Chi è dentro non capisce niente e viene qui per cercare di capire.
Non credo che si aiuti a capire dicendo che è tutto uguale.
Ma neanche a fare un'inutile classifiche degli egoismi.
Non è uguale scegliere di non tradire.
Rinunciare.
La differenza è soprattutto questa.
Nessuna stigma, per carità, visto che mi sono posto anch'io nelle stesse condizioni.
Però, sinceramente, l'errore sta nel tradire. I casini successivi derivano da quello.
Questa è un'informazione essenziale.
 

Brunetta

Utente di lunga data
Ma non ci sarà mai nessun telone certo, saranno sempre solo parole.
Se lei gli andasse dietro potrebbe intenderla come andare dal marito e parlargli. Intanto un passo.
Di fatto quel passo lui non l'ha fatto, ne parla e basta.
Qui si parla dei figli, ma rimane che c'è un rapporto aperto, in pieno rigore con la moglie, che pare almeno non sa niente.
Non è che sta donna è un fantoccio, che nel momento che lui dice "me ne vado" sta lì inerme. Probabilmente vorrà parlare, dirà delle cose, ed non essendo le parole di un fantoccio, ma di una donna che comunque ha amato, con cui ha condiviso anni di vita e esperienze, tutto potrebbe prendere ben altra forma.
Molti anni fa qui c’è stata una utente, a cui ho voluto molto bene, che aveva rincontrato un ex amore, anzi lui l’aveva cercata. Era stata una cosa fulminante e devastante. Lei abitava al nord, lui al centro sud, un paio di figli a testa.
Lei, convintissima che fosse l’amore della vita, nella fase della segatura nella testa, aveva già progettato il trasferimento di lui, ma pure della moglie e figli di lui, vita insieme da sposini e possibilità di occuparsi dei figli vicini.
Era una idea del tutto delirante. Dopo pochissimo ne aveva parlato al marito che le aveva intimato di scegliere in tempi brevissimi. L’amante rimase così 😳 di fronte al suo progetto. Lui voleva vivere una vacanza.
Lei precipitò dalla nuvoletta.
Ecco, bisogna cadere dalle nuvolette.
 

Lostris

Utente Ludica
Sfumature, Brunetta.
Sempre di egoismo si tratta.
Tu ti fideresti ad avere come partner fisso uno che è stato il tuo amante per anni tradendo la moglie?
Perché non dovrebbe tradire anche te, prima o poi?
Perché chi ha già tradito, con successo, non dovrebbe ripetere l'esperienza?
Probabilmente le valutazioni sarebbero sicuramente inficiate dal coinvolgimento, ma ben sappiamo che il tradimento è raro resti caso unico in una vita.
A parte che dipende dal tipo di spinta al tradimento.
E che la certezza della fedeltà non ce l’hai mai comunque. Come la certezza che durerà a lungo.

Se vuoi bene a qualcuno e non hai vincoli particolari si spera che non sia “necessario” arrivare a tradire (escludiamo i traditori seriali dal ragionamento, ovviamente), ma che, se non è cosa, ci si possa lasciare.

Almeno, io la penso così.

Poi certo, se all’origine del tradimento c’è un po’ il discorso “ogni lasciat* è pers*” è un altro discorso.
Ma a quel punto tanto vale impostare proprio le relazioni in modo diverso.
Soprattutto, non volere cose che non si è disposti a dare.
 

Marjanna

Utente di lunga data
Molti anni fa qui c’è stata una utente, a cui ho voluto molto bene, che aveva rincontrato un ex amore, anzi lui l’aveva cercata. Era stata una cosa fulminante e devastante. Lei abitava al nord, lui al centro sud, un paio di figli a testa.
Lei, convintissima che fosse l’amore della vita, nella fase della segatura nella testa, aveva già progettato il trasferimento di lui, ma pure della moglie e figli di lui, vita insieme da sposini e possibilità di occuparsi dei figli vicini.
Era una idea del tutto delirante. Dopo pochissimo ne aveva parlato al marito che le aveva intimato di scegliere in tempi brevissimi. L’amante rimase così 😳 di fronte al suo progetto. Lui voleva vivere una vacanza.
Lei precipitò dalla nuvoletta.
Ecco, bisogna cadere dalle nuvolette.
Hai capito quello che intendo. Qua si fan i conti senza l'oste, come si suol dire.
Prima di progettare una nuova vita si parla con il coniuge ufficiale, non dell'amante, ma di quello che non va nel rapporto.
Questi saltan una parte come se non esistesse, come se al posto di un marito o una moglie, ci fosse la mamma o il papà.

Come dice Crozza in una delle sue imitazioni: blablano.
 
Ultima modifica:

Brunetta

Utente di lunga data
Hai capito quello che intendo. Qua si fan i conti senza l'oste, come si suol dire.
Prima di progettare una nuova vita si parla con il coniuge ufficiale, non dell'amante, ma di quello che non va nel rapporto.
Questi saltan una parte come se non esistesse, come se al posto di un marito o una moglie, ci fosse la mamma o il papà.

Come dice Crozza in una delle sue imitazioni: blablano.
Nel caso specifico non c’era proprio nulla che non andasse nel matrimonio. Il marito era ...un marito. Era serio, responsabile, affidabili, presente, collaborativo, l’amava profondamente e con calda sollecitudine. L’amante era un moroso ritrovato con cui vivere una avventura che non era stata vissuta da giovani. Era una voce che fa sussultare, un impeto anche sessuale, appunto da vacanza, senza alcuna implicazione pratica.
 

Carola

Utente di lunga data
Sfumature, Brunetta.
Sempre di egoismo si tratta.
Tu ti fideresti ad avere come partner fisso uno che è stato il tuo amante per anni tradendo la moglie?
Perché non dovrebbe tradire anche te, prima o poi?
Perché chi ha già tradito, con successo, non dovrebbe ripetere l'esperienza?
Probabilmente le valutazioni sarebbero sicuramente inficiate dal coinvolgimento, ma ben sappiamo che il tradimento è raro resti caso unico in una vita.

ma io L avevo già messo in conto questo rischio nei rapporti e questo non mi ha fermato dal viverli

mio zio ha sempre tradito tutte e un playboy nato L unica che non ha tradito fu la moglie che lo tradì lei
Insomma mano sul fuoco io per nessuno ma questo non mi ferma dal vivermi i rapporti
Ho poi paura del menefreghismo dell assenza di complicità del piattume emotivo
 

Carola

Utente di lunga data
A parte che dipende dal tipo di spinta al tradimento.
E che la certezza della fedeltà non ce l’hai mai comunque. Come la certezza che durerà a lungo.

Se vuoi bene a qualcuno e non hai vincoli particolari si spera che non sia “necessario” arrivare a tradire (escludiamo i traditori seriali dal ragionamento, ovviamente), ma che, se non è cosa, ci si possa lasciare.

Almeno, io la penso così.

Poi certo, se all’origine del tradimento c’è un po’ il discorso “ogni lasciat* è pers*” è un altro discorso.
Ma a quel punto tanto vale impostare proprio le relazioni in modo diverso.
Soprattutto, non volere cose che non si è disposti a dare.
qututto
L omo ogni lasciata è persa lo vedi aubito enon mi ha mai attirato

poi c’è Chi è spinto al tradimento dalle farfalle nella pancia pur avendo tutto a casa e anche qui altre considerazioni ma di solito rientra nei ranghi e le cose cerca di recuperarle

poi c e chi tradisce E continua a fottersene del marito o compagno o moglie
Da poco o nulla vedi marito Della mia amica o moglie di danny
A me fanno più paura quei soggetti li
 

ologramma

Utente di lunga data
qututto
L omo ogni lasciata è persa lo vedi aubito enon mi ha mai attirato

poi c’è Chi è spinto al tradimento dalle farfalle nella pancia pur avendo tutto a casa e anche qui altre considerazioni ma di solito rientra nei ranghi e le cose cerca di recuperarle

poi c e chi tradisce E continua a fottersene del marito o compagno o moglie
Da poco o nulla vedi marito Della mia amica o moglie di danny
A me fanno più paura quei soggetti li
io ho il terrone del poco e nulla che già c'é
 

Marjanna

Utente di lunga data
Nel caso specifico non c’era proprio nulla che non andasse nel matrimonio. Il marito era ...un marito. Era serio, responsabile, affidabili, presente, collaborativo, l’amava profondamente e con calda sollecitudine. L’amante era un moroso ritrovato con cui vivere una avventura che non era stata vissuta da giovani. Era una voce che fa sussultare, un impeto anche sessuale, appunto da vacanza, senza alcuna implicazione pratica.
Non lo metto in dubbio. Ma non è che si debba smettere di amare "per colpa", come se l'altro avesse qualcosa che non va o scadesse qualche dote. Semplicemente succede.
Una new entry, fosse pure del passato, ovviamente non potrà mai essere messa nello stesso piano di una relazione decennale, consolidata, che funziona anche solo per il semplice fatto che uno non se ne scappa di casa, perchè si riesce a farsi un pranzo sereni o altre piccole cose che riguardano la convivenza. All'inizio l'innamoramento è sempre una vacanza, ma ci sono ben poche possibilità di sbocco se una persona nell'andare oltre la vacanza, parte con il paragone con l'ufficiale (e con la vita che si fa con esso). Lì l'amore è già finito, sempre ce ne sia stato un frammento ovviamente, e diventa mero calcolo di convenienza.
Nella maggioparte dei casi non si tratta minimamente di amore, ma al limite di riflesso di se nella luce degli occhi dell'amante, un se che fa piacere vedere, a livello narcisistico.
 
Top