Indecisione

Nocciola

Super Moderatore
Staff Forum
Cambia qualcosa, nelle conseguenze?
In un mondo ideale sicuramente sì, anch'io farei dei distinguo.
Ma si ritorna a un discorso affrontato già più volte: in un mondo ideale, i genitori si tradiscono?
Mettono a rischio la fiducia, la famiglia, la loro immagine da adulti davanti ai figli?
Perché il trasferimento, a 1000 km di distanza, in questo caso, è solo l'imprevista conseguenza di una scelta fatta tempo prima, quando ancora neppure si poteva pensare che si arrivasse a tanto.
No non è una conseguenza
La conseguenza sarebbe realizzare che è una cosa infattibile proprio perché si hanno dei figli
Poi sarò strana io ma non potrei mai provare stima per un uomo che mette i suoi figli dopo di noi.
 

danny

Utente di lunga data
No non è una conseguenza
La conseguenza sarebbe realizzare che è una cosa infattibile proprio perché si hanno dei figli
Poi sarò strana io ma non potrei mai provare stima per un uomo che mette i suoi figli dopo di noi.
Tu poni sempre la questione sul piano razionale, ma in una relazione tra due persone ci sono componenti che emergono che sono tutto tranne che gestibili dalla razionalità.
Se una persona inizia una relazione non ha alcuna idea di come questa possa cambiare la sua vita, non può programmarlo all'inizio, non può immaginare come influirà sulle sue decisioni future.
Il primo errore è stato quello di accettare una relazione con una persona a 1000 km di distanza.
Se fosse stato a 300 metri di casa, la questione figli non sarebbe neppure nata, neppure con una separazione.
E nessuno avrebbe avuto da ridire, sarebbe rimasto tutto più nell'ordinario.
La scelta sbagliata è stata la prima.
 

Nocciola

Super Moderatore
Staff Forum
Tu poni sempre la questione sul piano razionale, ma in una relazione tra due persone ci sono componenti che emergono che sono tutto tranne che gestibili dalla razionalità.
Se una persona inizia una relazione non ha alcuna idea di come questa possa cambiare la sua vita, non può programmarlo all'inizio, non può immaginare come influirà sulle sue decisioni future.
Il primo errore è stato quello di accettare una relazione con una persona a 1000 km di distanza.
Se fosse stato a 300 metri di casa, la questione figli non sarebbe neppure nata, neppure con una separazione.
E nessuno avrebbe avuto da ridire, sarebbe rimasto tutto più nell'ordinario.
La scelta sbagliata è stata la prima.
Be in questo caso la parte emotiva ancora di più dovrebbe far decidere per i figli
A meno che non pensi di poter amare qualcuno più dei tuoi figli
 

Brunetta

Utente di lunga data
Cambia qualcosa, nelle conseguenze?
In un mondo ideale sicuramente sì, anch'io farei dei distinguo.
Ma si ritorna a un discorso affrontato già più volte: in un mondo ideale, i genitori si tradiscono?
Mettono a rischio la fiducia, la famiglia, la loro immagine da adulti davanti ai figli?
Perché il trasferimento, a 1000 km di distanza, in questo caso, è solo l'imprevista conseguenza di una scelta fatta tempo prima, quando ancora neppure si poteva pensare che si arrivasse a tanto.
Le motivazioni e i fini cambiano tutto, sempre nella vita.
 

Marjanna

Utente di lunga data
Be in questo caso la parte emotiva ancora di più dovrebbe far decidere per i figli
A meno che non pensi di poter amare qualcuno più dei tuoi figli
Ni. Scaricare la propria parte emotiva sui figli non è mica tanto sano. Per me almeno.
Sono quelle persone che poi tendono a voler vivere la propria vita attraverso la vita del figlio.
Se uno è spento e tutte le emozioni passano per i figli... 😬
Che poi a star vicino a forza a qualcuno che non si ama più, che ti prende male tutte le volte che ti gira intorno, che ti tocca inventarti mali per non avere contatti, e che giusto stai sereno al pranzo con ottocento amici perchè fa le veci della porta exit e ti pare di vivere qualcosa di normale...
Meglio che la scelta sia dettata dalla razionalità, dal calcolo economico a questo punto.
 

Brunetta

Utente di lunga data
Ni. Scaricare la propria parte emotiva sui figli non è mica tanto sano. Per me almeno.
Sono quelle persone che poi tendono a voler vivere la propria vita attraverso la vita del figlio.
Se uno è spento e tutte le emozioni passano per i figli... 😬
Che poi a star vicino a forza a qualcuno che non si ama più, che ti prende male tutte le volte che ti gira intorno, che ti tocca inventarti mali per non avere contatti, e che giusto stai sereno al pranzo con ottocento amici perchè fa le veci della porta exit e ti pare di vivere qualcosa di normale...
Meglio che la scelta sia dettata dalla razionalità, dal calcolo economico a questo punto.
Mi dispiace doverlo dire, perché so che è odioso, ma i figli rappresentano molto più di ciò che si crede da figli.
 

Nocciola

Super Moderatore
Staff Forum
Ni. Scaricare la propria parte emotiva sui figli non è mica tanto sano. Per me almeno.
Sono quelle persone che poi tendono a voler vivere la propria vita attraverso la vita del figlio.
Se uno è spento e tutte le emozioni passano per i figli... 😬
Che poi a star vicino a forza a qualcuno che non si ama più, che ti prende male tutte le volte che ti gira intorno, che ti tocca inventarti mali per non avere contatti, e che giusto stai sereno al pranzo con ottocento amici perchè fa le veci della porta exit e ti pare di vivere qualcosa di normale...
Meglio che la scelta sia dettata dalla razionalità, dal calcolo economico a questo punto.
Alt, è stato detto che ragiono razionalmente
Può essere
Se ragionassi emotivamente probabilmente sarei ancora più drastica proprio perché quello che mi lega ai miei figli va oltre qualsiasi cosa possa provare per chiunque altro
Non stiamo parlando di separazione, ma di valutare di andare a vivere a 1000 km dai propri figli per seguire un’amante.
 

Lostris

Utente Ludica
Ni. Scaricare la propria parte emotiva sui figli non è mica tanto sano. Per me almeno.
Sono quelle persone che poi tendono a voler vivere la propria vita attraverso la vita del figlio.
Se uno è spento e tutte le emozioni passano per i figli... 😬
Che poi a star vicino a forza a qualcuno che non si ama più, che ti prende male tutte le volte che ti gira intorno, che ti tocca inventarti mali per non avere contatti, e che giusto stai sereno al pranzo con ottocento amici perchè fa le veci della porta exit e ti pare di vivere qualcosa di normale...
Meglio che la scelta sia dettata dalla razionalità, dal calcolo economico a questo punto.
Ma qui si tratta di star vicino a qualcuno che ami appunto, i figli.

Il partner non se lo sta filando nessuno eh.
Ti puoi separare o meno.

Decidere per i figli significa non lasciarli per andare a 1000 km per scelte sentimentali discutibili.
E ricordiamo che si sta parlando di bambini, non di figli adulti.
 

Marjanna

Utente di lunga data
Mi dispiace doverlo dire, perché so che è odioso, ma i figli rappresentano molto più di ciò che si crede da figli.
Ma tu hai interpretato le mie parole come un invito a sfanculare i figli... non ho assolutamente detto questo.

Alt, è stato detto che ragiono razionalmente
Può essere
Se ragionassi emotivamente probabilmente sarei ancora più drastica proprio perché quello che mi lega ai miei figli va oltre qualsiasi cosa possa provare per chiunque altro
Non stiamo parlando di separazione, ma di valutare di andare a vivere a 1000 km dai propri figli per seguire un’amante.
Ma qui si tratta di star vicino a qualcuno che ami appunto, i figli.

Il partner non se lo sta filando nessuno eh.
Ti puoi separare o meno.

Decidere per i figli significa non lasciarli per andare a 1000 km per scelte sentimentali discutibili.
E ricordiamo che si sta parlando di bambini, non di figli adulti.
Ma concordo con voi eh, sono già intervenuta nel topic, poi ho lasciato stare perchè l'utente è sparito.
Stare vicino ai figli ha sicuramente una componente emotiva, ma non solo emotiva. Volevo semplicemente dire questo.
Non credo possa essere qualcosa da mettere su un piano di scelta: o i figli o l'amante.
E' proprio la domanda che trovo senza senso.
Il problema è quando uno/a entra come amante, e allora pure se è a 1000km poco importa, anzi meglio che non rischia qualcuno veda.
Se la persona fosse un separato con figli forse la cosa verrebbe valutata diversamente, ma proprio in partenza.
C'è chi comunque è aperto a relazioni a distanza, chi neppure le comincia sapendo cosa poi si crea.
 

Brunetta

Utente di lunga data
Ma tu hai interpretato le mie parole come un invito a sfanculare i figli... non ho assolutamente detto questo.





Ma concordo con voi eh, sono già intervenuta nel topic, poi ho lasciato stare perchè l'utente è sparito.
Stare vicino ai figli ha sicuramente una componente emotiva, ma non solo emotiva. Volevo semplicemente dire questo.
Non credo possa essere qualcosa da mettere su un piano di scelta: o i figli o l'amante.
E' proprio la domanda che trovo senza senso.
Il problema è quando uno/a entra come amante, e allora pure se è a 1000km poco importa, anzi meglio che non rischia qualcuno veda.
Se la persona fosse un separato con figli forse la cosa verrebbe valutata diversamente, ma proprio in partenza.
C'è chi comunque è aperto a relazioni a distanza, chi neppure le comincia sapendo cosa poi si crea.
Ma la relazione a distanza può essere con l’amante, faticosamente forse può funzionare, ma non può essere quella con i figli, se non per ragioni contingenti di sopravvivenza.
 

Carola

Utente di lunga data
Ma stiamo parlando di cose diverse . Un conto è allontanarsi per lavoro , per sostenere la famiglia , anche io l ho fatto ; altra cosa è trasferirsi a 1000 km in preda alla passione a " scordarsi" dei bimbi
ho pensato stessa cosa
Poi certo stare lontanti non aiuta noi siamo andati in tilt nel momento in cui ho smesso di seguirlo
Io a casa con bimbi piccoli e lavoro lui via io ero sempre stanca lui sempre più lontano ecc ecc ecc

però trasferirsi e x seguire una passione amorosa lo trovo allucinate
 

danny

Utente di lunga data
Il mio discorso è sul giudizio: che senso ha giudicare una persona negativamente SOLO perché palesa l'intenzione di trasferirsi lontano dai figli per seguire l'amante, senza prendere in considerazione anche il fatto che abbia tradito la moglie e, frequentando un'altra persona, messo in discussione la famiglia prima di arrivare a questa decisione?
Quindi se avesse lasciato la moglie per l'amante a due isolati di casa il giudizio sarebbe stato invece positivo?
Io credo che in questi casi sia opportuno evitare il giudizio. Diciamo che quanto succede fa parte degli egoismi che ognuno di noi accoglie per inseguire i propri slanci.
 

danny

Utente di lunga data
ho pensato stessa cosa
Poi certo stare lontanti non aiuta noi siamo andati in tilt nel momento in cui ho smesso di seguirlo
Io a casa con bimbi piccoli e lavoro lui via io ero sempre stanca lui sempre più lontano ecc ecc ecc

però trasferirsi e x seguire una passione amorosa lo trovo allucinate
Mutando l'ordine degli addendi il risultato non cambia.
 

Carola

Utente di lunga data
Ma la relazione a distanza può essere con l’amante, faticosamente forse può funzionare, ma non può essere quella con i figli, se non per ragioni contingenti di sopravvivenza.
dioende anche cosa si intenda con sopravvivenza
Se L emigrato che va a cercare fortuna o il dirigente che o Parte o lo sfanculano
Sono sopravvivenze ben diverse eppure mio ex marito e tanto altro si sono allontanati x ragioni di carriera / non trovo altro ecc
Discorso a parte che non c’entra ma qnd io vado a Roma x 2/3 gg tutti mi chiedono ( chiedevano ora sono grandi ) e i bimbi ????
Al mio ex sono certa nessuno chiedesse e i bimbiiiii??
Differenze uomo-donna

sta cosa non me ne capacito eppure è così !!

Il mio discorso è sul giudizio: che senso ha giudicare una persona negativamente SOLO perché palesa l'intenzione di trasferirsi lontano dai figli per seguire l'amante, senza prendere in considerazione anche il fatto che abbia tradito la moglie e, frequentando un'altra persona, messo in discussione la famiglia prima di arrivare a questa decisione?
Quindi se avesse lasciato la moglie per l'amante a due isolati di casa il giudizio sarebbe stato invece positivo?
Io credo che in questi casi sia opportuno evitare il giudizio. Diciamo che quanto succede fa parte degli egoismi che ognuno di noi accoglie per inseguire i propri slanci.
se l amante sta a due isolati scusa ma i bimbi non li perdi puoi essere presente
A 1000 km cambia la solfa e parekkio te lo dico x esperienza

Mutando l'ordine degli addendi il risultato non cambia.
non sono così d accordo

No non è una conseguenza
La conseguenza sarebbe realizzare che è una cosa infattibile proprio perché si hanno dei figli
Poi sarò strana io ma non potrei mai provare stima per un uomo che mette i suoi figli dopo di noi.
idem
Se io capissi che il mio compagno mette davanti me a suo figlio perderebbe un sacco di punti ma davvero tanti !!!
 

Marjanna

Utente di lunga data
Ma la relazione a distanza può essere con l’amante, faticosamente forse può funzionare, ma non può essere quella con i figli, se non per ragioni contingenti di sopravvivenza.
Ripeto. E' proprio la domanda di partenza dell'utente che non sussiste. E' la stessa cosa di quando uno parla del futuro con l'amante e la moglie non sa niente.
Se fa un'azione concreta, tipo parlare con la moglie, vedi come tutto si ridimensiona e scende dalla nuvoletta.
Da notare che lui dice che sarebbe disposto a fare il primo passo e mollare tutto, ma NON LO FA!!!! DICE MA NON FA.
(Vedi il commento che ho scritto a pagina 1)
 

danny

Utente di lunga data
se l amante sta a due isolati scusa ma i bimbi non li perdi puoi essere presente
A 1000 km cambia la solfa e parekkio te lo dico x esperienza
Lo so. In fin dei conti ho subito anch'io la stessa esperienza, anche se i chilometri erano la metà. Però, di base, se una persona ha un profondo interesse e rispetto per la famiglia, non tradisce, non crea casini potenzialmente devastanti.
Poi possiamo fare una classifica e stabilire che è meglio avere l'amante nello stesso quartiere piuttosto che a 1000 Km di distanza, ma, come dire, diventa a quel punto solo una questione di sfumature.
Direi che è da coglioni farsi l'amante a 1000 km di distanza, però, ciò non assolve chi se lo fa a due km di distanza.
 

Carola

Utente di lunga data
Lo so. In fin dei conti ho subito anch'io la stessa esperienza, anche se i chilometri erano la metà. Però, di base, se una persona ha un profondo interesse e rispetto per la famiglia, non tradisce, non crea casini potenzialmente devastanti.
Poi possiamo fare una classifica e stabilire che è meglio avere l'amante nello stesso quartiere piuttosto che a 1000 Km di distanza, ma, come dire, diventa a quel punto solo una questione di sfumature.
ma non non credo a questa cosa è non lo dico x assolvermi
 

danny

Utente di lunga data
ma non non credo a questa cosa è non lo dico x assolvermi
Io sono abbastanza fatalista e credo che il tradimento sia una realtà con cui più o meno tutti dobbiamo fare i conti prima o poi nella vita.
I figli non sono mai stati da nessuno oggetto di valutazione nello scegliere o meno di tradire.
Eppure, sappiamo che il tradimento può minare la coppia e che una coppia in crisi influisce anche sulla tenuta della famiglia.
Nel miglior mondo possibile la rinuncia a tradire sarebbe l'unica scelta degna di stima.
Il resto fa parte dell'imperfezione del mondo umano.
Dopodiché, se vuoi un parere personale, trovo sia da pezzi di merda mollare i figli per un'amante che vive lontana.
Però anche restare con una moglie tradita che non si ama più creerà ugualmente grossi problemi.
Non si dovrebbe mai arrivare a questo punto.
 

Brunetta

Utente di lunga data
Il mio discorso è sul giudizio: che senso ha giudicare una persona negativamente SOLO perché palesa l'intenzione di trasferirsi lontano dai figli per seguire l'amante, senza prendere in considerazione anche il fatto che abbia tradito la moglie e, frequentando un'altra persona, messo in discussione la famiglia prima di arrivare a questa decisione?
Quindi se avesse lasciato la moglie per l'amante a due isolati di casa il giudizio sarebbe stato invece positivo?
Io credo che in questi casi sia opportuno evitare il giudizio. Diciamo che quanto succede fa parte degli egoismi che ognuno di noi accoglie per inseguire i propri slanci.
Anche nel l’egoismo ci sono differenze
 

Carola

Utente di lunga data
Io sono abbastanza fatalista e credo che il tradimento sia una realtà con cui più o meno tutti dobbiamo fare i conti prima o poi nella vita.
I figli non sono mai stati da nessuno oggetto di valutazione nello scegliere o meno di tradire.
Eppure, sappiamo che il tradimento può minare la coppia e che una coppia in crisi influisce anche sulla tenuta della famiglia.
Nel miglior mondo possibile la rinuncia a tradire sarebbe l'unica scelta degna di stima.
Il resto fa parte dell'imperfezione del mondo umano.
Dopodiché, se vuoi un parere personale, trovo sia da pezzi di merda mollare i figli per un'amante che vive lontana.
Però anche restare con una moglie tradita che non si ama più creerà ugualmente grossi problemi.
Non si dovrebbe mai arrivare a questo punto.
Si
Siamo essere umani e si sbaglia
Sono dell idea che una volta preso atto degli errori si debba cercare di non ripeterli e di far stare tutti nel modo migliore possibile senza rancori e rabbie che tanto sono inutili
Questo L ho imparato dopo tanti errori anche di comunicazione d a parte mia prima ancora del tradimento


però bisogna anche sapersi perdonare noi per primi e guardare avanti cerando appunto si fare del na meglio
 
Top