Pazzesco

Pincopallista

Utente di lunga data
Dubito abbia mentito dopo anni, oramai non c’erano più ragioni a mio modo di vedere.
 

Brunetta

Utente di lunga data
A botta calda ero pazzo di gelosia e di rancore, pur non essendo mai stato il tipo e avevo ottenuto informazioni col contagocce.
Forse anche per il fatto che si stava capendo se ci fosse possibilità di andare avanti.

Poi la 'confessione' è venuta fuori anni dopo, quasi per caso, ed ho semplicemente chiesto il resto. Ma potrebbe aver di nuovo mentito.
Ma che ci sia una rilevanza tra contatti sessuali e penetrazione credevo che lo pensasse solo Clinton
 

Pazzesco

Utente di lunga data
La mia ex ha avuto un gravissimo lutto familiare: è venuto a mancare in modo tragico ed inatteso una sua strettissima parente.
Come già era accaduto un po' di tempo fa, invece per un suo (di lei) serio problema di salute, le ho dato una mano per tutte le inevitabili incombenze.
Ma mentre la volta scorsa si era trattato di accompagnarla a qualche visita e seguirla minimamente nella terapia successiva, qui l'impegno è stato decisamente più rilevante, tanto da far si che per quasi un mese, visto anche il periodo per me meno intenso lavorativamente parlando, ci siamo visti pressoché tutti i giorni, e passato insieme davvero tanto tempo, come non capitava da anni.

Terminata l'emergenza stiamo continuando a vederci, ma meno assiduamente, provando però, apertamente e dichiaratamente, un reciproco piacere nel ritrovarci.
Sono passati quasi 6 anni e sento che rischio di ricascarci: ieri addirittura, mentre la stavo aspettando, mi sentivo le 'farfalle nello stomaco', alla tenera età di 5X anni, manco fossi un adolescente.

Forse farei meglio a buttarmi da uno scoglio?
 

perplesso

Administrator
Staff Forum
Ma no. Dopo 6 anni, se siete 2 persone intelligenti, dovreste riuscire a vedervi stando bene.

Voglio dire sta donna l'hai amata e sposata, avrà conservato pure qualche dote, no?
 

void

Utente di lunga data
Per le farfalle nello stomaco non c'è età. Fortunatamente. Le emozioni più belle sono proprio quelle che pensavi di non poter più provare. Abbine cura (y)
 
Ultima modifica:

Lara3

Utente di lunga data
La mia ex ha avuto un gravissimo lutto familiare: è venuto a mancare in modo tragico ed inatteso una sua strettissima parente.
Come già era accaduto un po' di tempo fa, invece per un suo (di lei) serio problema di salute, le ho dato una mano per tutte le inevitabili incombenze.
Ma mentre la volta scorsa si era trattato di accompagnarla a qualche visita e seguirla minimamente nella terapia successiva, qui l'impegno è stato decisamente più rilevante, tanto da far si che per quasi un mese, visto anche il periodo per me meno intenso lavorativamente parlando, ci siamo visti pressoché tutti i giorni, e passato insieme davvero tanto tempo, come non capitava da anni.

Terminata l'emergenza stiamo continuando a vederci, ma meno assiduamente, provando però, apertamente e dichiaratamente, un reciproco piacere nel ritrovarci.
Sono passati quasi 6 anni e sento che rischio di ricascarci: ieri addirittura, mentre la stavo aspettando, mi sentivo le 'farfalle nello stomaco', alla tenera età di 5X anni, manco fossi un adolescente.

Forse farei meglio a buttarmi da uno scoglio?
Sa semplicemente che sei una persona affidabile che al ( suo) bisogno ci sei sempre. Per di più innamorato.
Cosa può desiderare di più una donna soprattutto dopo che ha saputo che tu ci sei nonostante tutto, nonostante il tradimento e la confessione tardiva ?
 

Pazzesco

Utente di lunga data
Sa semplicemente che sei una persona affidabile che al ( suo) bisogno ci sei sempre. Per di più innamorato.
Cosa può desiderare di più una donna soprattutto dopo che ha saputo che tu ci sei nonostante tutto, nonostante il tradimento e la confessione tardiva ?
Mah, hai ragione, però è anche particolare che in anni in cui ci siamo visti super saltuariamente per questioni familiari e patrimoniali non ci sia stata alcuna 'pulsione' da nessuno dei due e, soprattutto, che nessuno dei due abbia trovato una relazione stabile, no?

In ogni caso ci stiamo andando pianissimo
 

Brunetta

Utente di lunga data
Mah, hai ragione, però è anche particolare che in anni in cui ci siamo visti super saltuariamente per questioni familiari e patrimoniali non ci sia stata alcuna 'pulsione' da nessuno dei due e, soprattutto, che nessuno dei due abbia trovato una relazione stabile, no?

In ogni caso ci stiamo andando pianissimo
Ho conosciuto una coppia separata che andava d’accordo. Ognuno aveva un nuovo partner, ma si vedeva un legame tra loro. Chiesi a lei perché si erano separati, “Siamo due coglioni” fu la risposta.
Pensa se è il vostro caso.
 

Pincopallista

Utente di lunga data
Ho conosciuto una coppia separata che andava d’accordo. Ognuno aveva un nuovo partner, ma si vedeva un legame tra loro. Chiesi a lei perché si erano separati, “Siamo due coglioni” fu la risposta.
Pensa se è il vostro caso.
uno dei miei fratelli e una delle sue ex mogli sono così, van più d’accordo da separati che da coniugi. E secondo me qualche bottarella se la danno ancora all’insaputa degli attuali compagni.
però questo è solo un mio pensiero.
e di mia moglie.
 

mistral

Utente di lunga data
Dopo sei anni ne avete avuto di tempo per rimurginare sui vostri reciproci errori.
Noi li abbiamo rimurginati stando insieme ,probabilmente consci che fosse impossibile voltarci le spalle .
Difficile ,sfinente,punitivo ,facendocela pagare senza sconti ,con strappi violenti e ricuciture.
Rabbia ,vendetta ,lacrime .
Se il noi ha resistito a questo ,forse …
Consci anche che quella cosa lì,li rimane ,tocca trovargli un posto e a volte ci si ritrova a spolverarla ,ecco la cosa peggiore è proprio la consapevolezza che la potrai spostare ,girare,coprire ma c’e,c’è stata e basta un odore ,una via ,un nome per fartela ritrovare intatta e risentire la scossa .
Ma ormai è entrata nella nostra vita e tocca lasciargli uno spazio che all’inizio era debordante ,ora sta in un angolo e lascia spazio ad altro .
 
Ultima modifica:

Lara3

Utente di lunga data
Dopo sei anni ne avete avuto di tempo per rimurginare sui vostri reciproci errori.
Noi li abbiamo rimurginati stando insieme ,probabilmente consci che fosse impossibile voltarci le spalle .
Difficile ,sfinente,punitivo ,facendocela pagare senza sconti ,con strappi violenti e ricuciture.
Rabbia ,vendetta ,lacrime .
Se il noi ha resistito a questo ,forse …
Consci anche che quella cosa lì,li rimane ,tocca trovargli un posto e a volte ci si ritrova a spolverarla ,ecco la cosa peggiore è proprio la consapevolezza che la potrai spostare ,girare,coprire ma c’e,c’è stata e basta un odore ,una via ,un nome per fartela ritrovare intatta e risentire la scossa .
Ma ormai è entrata nella nostra vita e tocca lasciargli uno spazio che all’inizio era debordante ,ora sta in un angolo e lascia spazio ad altro .
Ma chi una volta ha tradito sapendo quanta sofferenza possa procurare al coniuge, adesso sai che la possa rifare.
Bisogna imparare a convivere con questa consapevolezza oppure ... infischiandosi.
 

Vera

Moderator
Staff Forum
Ma chi una volta ha tradito sapendo quanta sofferenza possa procurare al coniuge, adesso sai che la possa rifare.
Bisogna imparare a convivere con questa consapevolezza oppure ... infischiandosi.
Eh?!
 

mistral

Utente di lunga data
Ma chi una volta ha tradito sapendo quanta sofferenza possa procurare al coniuge, adesso sai che la possa rifare.
Bisogna imparare a convivere con questa consapevolezza oppure ... infischiandosi.
Ognuno di noi è potenzialmente traditore,non solo chi ha già tradito.
Chi è stato tradito sulla cicatrice fa un callo.
Io non vivo con la paura di essere tradita,anzi ,dovesse risuccedere ,avrei mille armi per affrontare senza dubbi la situazione .
Quando si scopre il tradimento, la parte più dilaniante è il decidere cosa fare .
La testa dice una cosa e il cuore ne dice un’altra .
Il mio cuore mi diceva “scappa,pensa a te stessa”.
La mia testa mi diceva che il progetto non era concluso ,i figli erano piccoli e/o in un’età delicata della loro vita .
Per me questo è stato il vero strazio ,anche il domandarmi se fosse giusto metterlo alla porta mentre lui stesso era stravolto e travolto da ciò che forse nemmeno lui immaginava del tutto di poter provare .
Ora lo sa ciò che succede ,quanta merda piove dal cielo e quanto siano inconsistenti le promesse degli amanti ,i figli non sono più in un’età innocente e sono sempre più emancipati e fuori casa ,quindi la missione a cui la testa pensava,è pressoché compiuta .
Al cuore basta ricordare ciò che mai ha dimenticato ed in un attimo la porta si chiude alle spalle.
 

Foglia

utente viva e vegeta
Ognuno di noi è potenzialmente traditore,non solo chi ha già tradito.
Chi è stato tradito sulla cicatrice fa un callo.
Io non vivo con la paura di essere tradita,anzi ,dovesse risuccedere ,avrei mille armi per affrontare senza dubbi la situazione .
Quando si scopre il tradimento, la parte più dilaniante è il decidere cosa fare .
La testa dice una cosa e il cuore ne dice un’altra .
Il mio cuore mi diceva “scappa,pensa a te stessa”.
La mia testa mi diceva che il progetto non era concluso ,i figli erano piccoli e/o in un’età delicata della loro vita .
Per me questo è stato il vero strazio ,anche il domandarmi se fosse giusto metterlo alla porta mentre lui stesso era stravolto e travolto da ciò che forse nemmeno lui immaginava del tutto di poter provare .
Ora lo sa ciò che succede ,quanta merda piove dal cielo e quanto siano inconsistenti le promesse degli amanti ,i figli non sono più in un’età innocente e sono sempre più emancipati e fuori casa ,quindi la missione a cui la testa pensava,è pressoché compiuta .
Al cuore basta ricordare ciò che mai ha dimenticato ed in un attimo la porta si chiude alle spalle.
Mmmmm..... Massimo rispetto per la tua scelta, ma sul grassetto nutro parecchi dubbi. Cioè: lui è rimasto travolto e stravolto in conseguenza a ciò che ha provocato a te, che si è riversato su di lui (ha visto la sua posizione vacillare). Ma che sia il "poveretto" che ad un certo punto ha capito quanto sbagliata sia stata la sua scelta per il male che può aver fatto a te, francamente dubito. Si è visto con un piede fuori da quella porta, e tutto questo all'improvviso. Dal divano, alla porta. Questo lo ha sconvolto, Sulla continuazione del progetto non ancora concluso, anche qui posso dire che il progetto (quello dei figli) si porta avanti - da un punto di vista per così dire "sentimentale", relazionale, valoriale eccetera anche da separati. Quel che conta di più è che crescano con genitori sereni, non perfetti in apparenza. Sereni, con genitori consapevoli della propria imperfezione, anche, ma che quella imperfezione non tolga loro le serenità necessaria per mandare avanti la baracca. Poi i problemi o0stativi alla separazione possono essere di natura economica, pratica, eccetera. Ma la continuazione dei rapporti con i figli, e la loro serenità, a volte riesce meglio con la separazione. Dipende :)
Mi ha colpita anche ciò che dici ti dicesse il tuo cuore "scappa, pensa a te stessa". Ecco, io credo che nella scelta di restare nel matrimonio tu abbia pensato a te stessa. Non è una novità, o una scelta contro tendenza, d'altro canto. E' abbastanza indicativo (ne parlavamo l'altro giorno) il fatto che statisticamente i matrimoni che si concludono per effetto del tradimento, si concludano appunto su iniziativa del traditore (quando cioé il tradimento è la risposta - sbagliata - a un qualcosa che non funziona più strutturalmente), mentre è ben più raro che il tradito lasci (di solito prova a perdonare, pensando a se stesso: anche figli, mutuo, scavolini e affini sono un pensare a se stessi). Ne parlavo con un amico che in passato ha interrotto una convivenza (senza però interrompere i rapporti che aveva coi figli della sua compagna, che non erano manco i suoi :) ) poiché sgamato dalla compagna a tradire ("mea culpa" ha detto :) ). Uno di quei casi dove lui è stato messo alla porta. In tutta risposta gli ho detto che nel mio rapporto le corna sarebbero state un minus, non era quello che sarebbe valso la separazione (ovviamente lo dico con la mia esperienza e in via ipotetica, ma credo di non sbagliare. Credo che avrei semplicemente cambiato stile di vita). Ma non ci sarebbero stati né "poveretti", né sacrifici da parte mia (beninteso, in un rapporto che non è stato il mio :D , nel senso che a mancare nel rapporto era ben altro).
Secondo me, eh :)
 

Pazzesco

Utente di lunga data
Ho conosciuto una coppia separata che andava d’accordo. Ognuno aveva un nuovo partner, ma si vedeva un legame tra loro. Chiesi a lei perché si erano separati, “Siamo due coglioni” fu la risposta.
Pensa se è il vostro caso.

Pensa che ridere se ci si dovesse rimettere insieme e ci chiedessero perchè l'abbiamo fatto e si rispondesse “Siamo due coglioni”
il paradosso
 

Pazzesco

Utente di lunga data
Dopo sei anni ne avete avuto di tempo per rimurginare sui vostri reciproci errori.
Noi li abbiamo rimurginati stando insieme ,probabilmente consci che fosse impossibile voltarci le spalle .
Difficile ,sfinente,punitivo ,facendocela pagare senza sconti ,con strappi violenti e ricuciture.
Rabbia ,vendetta ,lacrime .
Se il noi ha resistito a questo ,forse …
Consci anche che quella cosa lì,li rimane ,tocca trovargli un posto e a volte ci si ritrova a spolverarla ,ecco la cosa peggiore è proprio la consapevolezza che la potrai spostare ,girare,coprire ma c’e,c’è stata e basta un odore ,una via ,un nome per fartela ritrovare intatta e risentire la scossa .
Ma ormai è entrata nella nostra vita e tocca lasciargli uno spazio che all’inizio era debordante ,ora sta in un angolo e lascia spazio ad altro .
Credo sia verissimo
 

Lara3

Utente di lunga data
Ognuno di noi è potenzialmente traditore,non solo chi ha già tradito.
Chi è stato tradito sulla cicatrice fa un callo.
Io non vivo con la paura di essere tradita,anzi ,dovesse risuccedere ,avrei mille armi per affrontare senza dubbi la situazione .
Quando si scopre il tradimento, la parte più dilaniante è il decidere cosa fare .
La testa dice una cosa e il cuore ne dice un’altra .
Il mio cuore mi diceva “scappa,pensa a te stessa”.
La mia testa mi diceva che il progetto non era concluso ,i figli erano piccoli e/o in un’età delicata della loro vita .
Per me questo è stato il vero strazio ,anche il domandarmi se fosse giusto metterlo alla porta mentre lui stesso era stravolto e travolto da ciò che forse nemmeno lui immaginava del tutto di poter provare .
Ora lo sa ciò che succede ,quanta merda piove dal cielo e quanto siano inconsistenti le promesse degli amanti ,i figli non sono più in un’età innocente e sono sempre più emancipati e fuori casa ,quindi la missione a cui la testa pensava,è pressoché compiuta .
Al cuore basta ricordare ciò che mai ha dimenticato ed in un attimo la porta si chiude alle spalle.
Dipende molto da come è avvenuto e come si è concluso il tradimento. Se ricordo bene tuo marito ha avuto una pessima esperienza con l’amante. Ha avuto modo di apprezzare ancora di più te. Il mio ex deve aver avuto una bella esperienza con le prostitute in quanto sentivo in lui il rancore “per averli tolto il giocattolo che lo divertiva tanto”. Non era né stravolto, né pentito; l’unica preoccupazione era di continuare il suo divertimento comprando un’altra scheda di cellulare, nascondendosi meglio.
Da me non erano i presupposti.
Se non c’è pentimento dopo un tradimento ( e questo lo si nota subito), se si ha davanti un coniuge rancoroso perché è stato scoperto e deve fare salti mortali per continuare con l’amante , ecco in questi casi non c’è niente da fare.
Se la storia extra è stata piacevole io credo che il tradimento si può ripetere. Ormai sa che il tradito ha perdonato una volta e questo significa per lui che il tradito è dipendente affettivamente da lui. Questo lo pensa lui, si fa un idea ( spesso vera, ma non sempre) che il tradito lo ama comunque , qualsiasi cosa accada.
 
Ultima modifica:

mistral

Utente di lunga data
Dipende molto da come è avvenuto e come si è concluso il tradimento. Se ricordo bene tuo marito ha avuto una pessima esperienza con l’amante. Ha avuto modo di apprezzare ancora di più te. Il mio ex deve aver avuto una bella esperienza con le prostitute in quanto sentivo in lui il rancore “per averli tolto il giocattolo che lo divertiva tanto”. Non era né stravolto, né pentito; l’unica preoccupazione era di continuare il suo divertimento comprando un’altra scheda di cellulare, nascondendosi meglio.
Da me non erano i presupposti.
Se non c’è pentimento dopo un tradimento ( e questo lo si nota subito), se si ha davanti un coniuge rancoroso perché è stato scoperto e deve fare salti mortali per continuare con l’amante , ecco in questi casi non c’è niente da fare.
Se la storia extra è stata piacevole io credo che il tradimento si può ripetere. Ormai sa che il tradito ha perdonato una volta e questo significa per lui che il tradito è dipendente affettivamente da lui. Questo lo pensa lui, si fa un idea ( spesso vera, ma non sempre) che il tradito lo ama comunque , qualsiasi cosa accada.
La sua storia extra è stata estremamente piacevole ,poter recitare una parte e ricevere il feedback desiderato non è male .
Lui rancore no perché non sapeva più come uscirne senza far danni quindi ,sotto certi aspetti si è liberato.
La pessima esperienza l’hanno avuta con lo scoppio della bolla . Lui ha visto una vipera pronta a distruggerlo e lei ha visto un uomo darsela a gambe . In sostanza hanno mollato gli abiti di scena .Le mazzate se le sono date dopo,quando lui non ha più recitato la parte dell’uomo eroe ma si è dimostrato un codardo che si è eclissato e lei ha smesso il ruolo di dolcezza ,mostrandosi spietata nel volermi raccontare in modo per lui umiliante aspetti della loro love story.
Mio marito ha dimostrato estremo pentimento,anche troppo , e per anni ha lavorato per recuperare .
Lo fa ancora ora attuando tutta una serie di comportamenti ,ma è lui stesso che fa di tutto per non insinuare dubbio alcuno ,credo che lo rassicuri fare in modo che io non abbia motivo di dubitare perché sa che non ci sarebbe una seconda chance .
Io non metto e non ho mai messo catene ,chi sta con me ci deve voler stare ,lui sa che io sono rimasta con lui prevalentemente per altro anche se ovviamente tanti anni ed esperienze vissute insieme non mi lasciavano certo indifferente ,ma francamente in quel periodo il mio sentimento predominante non era esattamente Amore e chi ha subìto un tradimento sa di cosa parlo e di quale sentimento alberga in quella fase .
 

mistral

Utente di lunga data
Mmmmm..... Massimo rispetto per la tua scelta, ma sul grassetto nutro parecchi dubbi. Cioè: lui è rimasto travolto e stravolto in conseguenza a ciò che ha provocato a te, che si è riversato su di lui (ha visto la sua posizione vacillare). Ma che sia il "poveretto" che ad un certo punto ha capito quanto sbagliata sia stata la sua scelta per il male che può aver fatto a te, francamente dubito. Si è visto con un piede fuori da quella porta, e tutto questo all'improvviso. Dal divano, alla porta. Questo lo ha sconvolto, Sulla continuazione del progetto non ancora concluso, anche qui posso dire che il progetto (quello dei figli) si porta avanti - da un punto di vista per così dire "sentimentale", relazionale, valoriale eccetera anche da separati. Quel che conta di più è che crescano con genitori sereni, non perfetti in apparenza. Sereni, con genitori consapevoli della propria imperfezione, anche, ma che quella imperfezione non tolga loro le serenità necessaria per mandare avanti la baracca. Poi i problemi o0stativi alla separazione possono essere di natura economica, pratica, eccetera. Ma la continuazione dei rapporti con i figli, e la loro serenità, a volte riesce meglio con la separazione. Dipende :)
Mi ha colpita anche ciò che dici ti dicesse il tuo cuore "scappa, pensa a te stessa". Ecco, io credo che nella scelta di restare nel matrimonio tu abbia pensato a te stessa. Non è una novità, o una scelta contro tendenza, d'altro canto. E' abbastanza indicativo (ne parlavamo l'altro giorno) il fatto che statisticamente i matrimoni che si concludono per effetto del tradimento, si concludano appunto su iniziativa del traditore (quando cioé il tradimento è la risposta - sbagliata - a un qualcosa che non funziona più strutturalmente), mentre è ben più raro che il tradito lasci (di solito prova a perdonare, pensando a se stesso: anche figli, mutuo, scavolini e affini sono un pensare a se stessi). Ne parlavo con un amico che in passato ha interrotto una convivenza (senza però interrompere i rapporti che aveva coi figli della sua compagna, che non erano manco i suoi :) ) poiché sgamato dalla compagna a tradire ("mea culpa" ha detto :) ). Uno di quei casi dove lui è stato messo alla porta. In tutta risposta gli ho detto che nel mio rapporto le corna sarebbero state un minus, non era quello che sarebbe valso la separazione (ovviamente lo dico con la mia esperienza e in via ipotetica, ma credo di non sbagliare. Credo che avrei semplicemente cambiato stile di vita). Ma non ci sarebbero stati né "poveretti", né sacrifici da parte mia (beninteso, in un rapporto che non è stato il mio :D , nel senso che a mancare nel rapporto era ben altro).
Secondo me, eh :)
Sai che io ho esperienze opposte?
Conosco più unioni spezzate da traditi che hanno messo alla porta ,che non da traditori che se ne siano andati .
Anche qui Pazzesco e Brunetta e molti altri ne sono l’esempio .
Nel pensare a me stessa ….ni,ho davvero dato la precedenza al lasciare che i figli si sentissero al sicuro e avessero del padre un’immagine pulita .
Noi come famiglia abbiamo sempre avuto una vita simbiotica ,presenza costante ,molta vita quotidiana condivisa ,pasti insieme ogni giorno ,i figli ne avrebbero sofferto eccome ,tanto più che le nostre crisi ce le siamo gestite senza mai far trasparire nulla ,sarebbe stato un fulmine a ciel sereno difficile da superare.
Ho fatto la mia analisi e i miei calcoli ed il risultato mi ha fatto pensare che potevo farcela .
Infatti loro non hanno mai sospettato nulla e la vita è proseguita tranquilla come sempre .
Per quanto mi riguarda ,la missione che mi ero prefissata ,è stata compiuta .
 
Top