Pazzesco

Foglia

utente viva e vegeta
"

Ma sì, l'avevo capito che vi conoscete e che non era un complimento in senso adulatorio.
Per "complimento" intendevo essenzialmente un sinonimo di "incoraggiamento" o qualcosa del genere: mi spiego meglio così?

È che io ad un'amica non direi mai una frase del genere: se volessi essere un po' formale, le direi "sei una donna piacente: nessun uomo ti è precluso"; se volessi buttarla un po' sullo scherzo, le direi "ma sì, dai che lo sai che sei materassabile... :) " (faccina inclusa :)).

Messa in quel modo, invece, mi sentirei incoraggiata a dare una testata nel muro!

Ma questo è solo il mio sentire...🤷‍♂️
Mi hai fatta sorridere :) , perché proprio qui tempo fa (e proprio anche con @danny, se non sbaglio, ma credo di ricordare bene) si era aperta una discussione sul concetto di essere attraenti in rapporto con l'avvenenza fisica. E si era parlato anche di una certa diversità di vedute, e di puniti di vista :). Cioè, il fatto che io possa essere, a detta di un amico, mediamente attraente, personalmente lo considero una roba molto relativa, e soprattutto che il milanese possa essere "alla mia portata" è smentito dalla realtà. Evidentemente non è alla mia portata, e non penso che sia un fattore di estetica. O meglio: può anche darsi che se avessi un metro e cinquanta di gambe lunghe e affusolate, o una quarta di seno (o quel che si vuole e che piace a seconda di chi hai davanti) magari sarei stata facilitata a.... fargli strabuzzare gli occhi? :) Non lo so :), so che per me la legge dell'attrazione viaggia su altri binari. Non che l'estetica conti "zero" (perché anche l'occhio vuole la sua parte, nel senso che persino l'estetica - per quanto esistano parametri - è comunque soggettiva. Uno (o una) ti "deve piacere", senz'altro, ma non è detto (anzi, per me non è così) che un'estetica "sufficiente", o "appagante" (o definiscila come vuoi) sia la condizione per così dire "prevalente" per determinare un'attrazione. A me del milanese attrae la testa, per dire. Il resto (che me lo fa vedere bello) è venuto dopo. Per i miei gusti non è certo l'uomo che mi volterei a guardare (e che poi magari se mi fermassi due minuti a parlarci insieme perderebbe fascino). Non so come dire: ho imparato nel tempo che l'avvenenza in sé mi significa poco. Forse non è per tutti così, ma se i parametri del milanese, o di chi per lui, sono quelli, beh.... con me fa certamente prima a rivolgersi altrove. Che non vuol dire che non mi faccia piacere se mi trova carina, per carità. Però non è quello "che fa", e se è quello "che fa" nella testa altrui, credo di accorgermene abbastanza velocemente, ecco :)

Poi senza dubbio il corpo, l'aspetto fisico, è il nostro "biglietto da visita", quindi magari il grimaldello, uno tra i motivi che possono far scaturire, un interesse. Ma non determina alcuna particolare "attrazione", almeno per me, e almeno esauriti i primi.... dieci minuti? :)
 

Nocciola

Super Moderatore
Staff Forum
Mi hai fatta sorridere :) , perché proprio qui tempo fa (e proprio anche con @danny, se non sbaglio, ma credo di ricordare bene) si era aperta una discussione sul concetto di essere attraenti in rapporto con l'avvenenza fisica. E si era parlato anche di una certa diversità di vedute, e di puniti di vista :). Cioè, il fatto che io possa essere, a detta di un amico, mediamente attraente, personalmente lo considero una roba molto relativa, e soprattutto che il milanese possa essere "alla mia portata" è smentito dalla realtà. Evidentemente non è alla mia portata, e non penso che sia un fattore di estetica. O meglio: può anche darsi che se avessi un metro e cinquanta di gambe lunghe e affusolate, o una quarta di seno (o quel che si vuole e che piace a seconda di chi hai davanti) magari sarei stata facilitata a.... fargli strabuzzare gli occhi? :) Non lo so :), so che per me la legge dell'attrazione viaggia su altri binari. Non che l'estetica conti "zero" (perché anche l'occhio vuole la sua parte, nel senso che persino l'estetica - per quanto esistano parametri - è comunque soggettiva. Uno (o una) ti "deve piacere", senz'altro, ma non è detto (anzi, per me non è così) che un'estetica "sufficiente", o "appagante" (o definiscila come vuoi) sia la condizione per così dire "prevalente" per determinare un'attrazione. A me del milanese attrae la testa, per dire. Il resto (che me lo fa vedere bello) è venuto dopo. Per i miei gusti non è certo l'uomo che mi volterei a guardare (e che poi magari se mi fermassi due minuti a parlarci insieme perderebbe fascino). Non so come dire: ho imparato nel tempo che l'avvenenza in sé mi significa poco. Forse non è per tutti così, ma se i parametri del milanese, o di chi per lui, sono quelli, beh.... con me fa certamente prima a rivolgersi altrove. Che non vuol dire che non mi faccia piacere se mi trova carina, per carità. Però non è quello "che fa", e se è quello "che fa" nella testa altrui, credo di accorgermene abbastanza velocemente, ecco :)

Poi senza dubbio il corpo, l'aspetto fisico, è il nostro "biglietto da visita", quindi magari il grimaldello, uno tra i motivi che possono far scaturire, un interesse. Ma non determina alcuna particolare "attrazione", almeno per me, e almeno esauriti i primi.... dieci minuti? :)
Idem
 

Nocciola

Super Moderatore
Staff Forum
Già.
Peró penso che per la maggior parte delle persone sia così.

Quantomeno nei rapporti un poco più profondi di una pozzanghera.
Me lo auguro
Più profondi una pozzanghera me lo segno 😂😂
 

abebis

Utente di lunga data
@Foglia : tutto "motto bello e motto ciusto".

Tutto ciò si basa comunque sul presupposto che se non credi tu per prima in te stessa, un uomo non crederà in te.

A parte questo (non banale) punto, se vuoi la mia personale opinione, eccola qui: a prescindere dal fatto che tu sia materassabile o meno, interessante o meno, simpatica o meno, da quel che scrivi mi sembra che tu non sia la persona adatta ad avere una relazione con un uomo impegnato vivendola per come deve essere vissuta.

Non è nella tua natura. E se uno va contro la propria natura, l'unica cosa che è quasi certa è che si farà del male.

E te lo dico perché anche io sono così e (con mio orrore... :LOL: ) mi sono riconosciuto in tante cose che hai scritto: per questo motivo io non sono mai riuscito ad attribuire una qualsiasi valenza affettiva/sessuale ad una donna impegnata.
Per me una donna impegnata in mezzo alle gambe non ha una "patata pelosa" ma un "fico d'india spinoso"!
Con buona pace del fatto che l'homo youpornico ha perso il gusto per la patata pelosa... ;)
 
Ultima modifica:

Brunetta

Utente di lunga data
Purtroppo e sottolineo purtroppo contano altre cose più del fisico, perché se fosse solo quello sarebbe una cosa più controllabile.
Invece ci attraggono persone che instaurano relazioni nevrotiche, insicuri che sono presenti, poi spariscono, poi tornano, poi spariscono. Oppure persone che non mostrano mai nulla della loro interiorità. Altre che ci usano per ricoprire un ruolo, ma ne hanno altre per ricoprirne altri...
 

Foglia

utente viva e vegeta
@Foglia : tutto "motto bello e motto ciusto".

Tutto ciò si basa comunque sul presupposto che se non credi tu per prima in te stessa, un uomo non crederà in te.

A parte questo (non banale) punto, se vuoi la mia personale opinione, eccola qui: a prescindere dal fatto che tu sia materassabile o meno, interessante o meno, simpatica o meno, da quel che scrivi mi sembra che tu non sia la persona adatta ad avere una relazione con un uomo impegnato vivendola per come deve essere vissuta.

Non è nella tua natura. E se uno va contro la propria natura, l'unica cosa che è quasi certa è che si farà del male.

E te lo dico perché anche io sono così e (con mio orrore... :LOL: ) mi sono riconosciuto in tante cose che hai scritto: per questo motivo io non sono mai riuscito ad attribuire una qualsiasi valenza affettiva/sessuale ad una donna impegnata.
Per me una donna impegnata in mezzo alle gambe non ha una "patata pelosa" ma un "fico d'india spinoso"!
Con buona pace del fatto che l'homo youpornico ha perso il gusto per la patata pelosa... ;)
Ma certamente lo preferirei single. Su questo non ci piove ;) , il problema è che me ne piaceva uno impegnato, perciò una certa valenza gliela avevo anche attribuita. Comunque non è che i single della mia età siano molto diversi eh. Tra quelli perennemente liberi come l'aria, e quelli tornati liberi (perché magari hanno tradito :rolleyes: ) non è che sia proprio come parlare del diavolo e dell'acqua santa. Poi ovviamente esiste sempre, per quanto mi riguarda, un desiderio di "esclusiva", per così dire. Ragion per cui una cosa è sicura: con uno impegnato di sicuro non mi sentirei vincolata da esclusive, né mi farei troppi problemi "di fedeltà". Poi - magari - non succederebbe nulla. Ma se mi capitasse un'occasione, è anche pur vero che sensi di colpa o rimorsi proprio starebbero a zero. Un lato positivo ci sarebbe comunque :) .
 

Nocciola

Super Moderatore
Staff Forum
Ma certamente lo preferirei single. Su questo non ci piove ;) , il problema è che me ne piaceva uno impegnato, perciò una certa valenza gliela avevo anche attribuita. Comunque non è che i single della mia età siano molto diversi eh. Tra quelli perennemente liberi come l'aria, e quelli tornati liberi (perché magari hanno tradito :rolleyes: ) non è che sia proprio come parlare del diavolo e dell'acqua santa. Poi ovviamente esiste sempre, per quanto mi riguarda, un desiderio di "esclusiva", per così dire. Ragion per cui una cosa è sicura: con uno impegnato di sicuro non mi sentirei vincolata da esclusive, né mi farei troppi problemi "di fedeltà". Poi - magari - non succederebbe nulla. Ma se mi capitasse un'occasione, è anche pur vero che sensi di colpa o rimorsi proprio starebbero a zero. Un lato positivo ci sarebbe comunque :) .
Forse l’ho già detto :)
Prova a vivere con un po’ più di leggerezza. Potrebbe stupirti come riesci a instaurare rapporti importanti anche così
 

Foglia

utente viva e vegeta
Forse l’ho già detto :)
Prova a vivere con un po’ più di leggerezza. Potrebbe stupirti come riesci a instaurare rapporti importanti anche così
Se per rapporto importante intendi qualcosa che ti faccia comunque stare bene, non lo escludo a priori. Ma quello che dicevo non va contro quello che dici tu. Però leggerezza significa non solo mancanza di pretese assurde nei confronti di chi è impegnato, ma anche proprio disimpegno ;)
 

Nocciola

Super Moderatore
Staff Forum
Se per rapporto importante intendi qualcosa che ti faccia comunque stare bene, non lo escludo a priori. Ma quello che dicevo non va contro quello che dici tu. Però leggerezza significa non solo mancanza di pretese assurde nei confronti di chi è impegnato, ma anche proprio disimpegno ;)
No meglio dipende cosa intendi per disimpegno
Io credo che per come senti tu o sei convinta di sentire è proprio difficile iniziare un rapporto. Parti con aspettative alte.
Parlo per esperienza, che ovviamente è mia e quindi non una regola. Se fossi partita così non avrei vissuto rapporti importanti che invece ho vissuto. Tutto è partito con leggerezza e voglia di stare bene ed è diventato qualcosa di molto importante.
 

Foglia

utente viva e vegeta
No meglio dipende cosa intendi per disimpegno
Io credo che per come senti tu o sei convinta di sentire è proprio difficile iniziare un rapporto. Parti con aspettative alte.
Parlo per esperienza, che ovviamente è mia e quindi non una regola. Se fossi partita così non avrei vissuto rapporti importanti che invece ho vissuto. Tutto è partito con leggerezza e voglia di stare bene ed è diventato qualcosa di molto importante.
Per disimpegno intendo che comunque mi sentirei libera, non impegnata. È comunque diverso dal conoscere un single e vivere la storia come una sorta di condivisione totale (o quasi) della sfera sentimentale e affettiva. Piglierei cioè il bello di questo tipo di rapporto, per cui ad esempio sarebbe stato chiaro (al milanese) che non mi sarei certo ritenuta impegnata con lui. Magari poi sarei stata presa a un punto tale che nulla sarebbe cambiato, eh. Però dubito che sia la stessa cosa. Esempio banale: con un amante non si condividono nemmeno le amicizie, il tempo è ristretto, eccetera eccetera. Non è certo un contesto in cui nemmeno l'altro dovrebbe avere troppe pretese nei miei confronti. Il disimpegno all'ennesima Potenza. Non dubito che abbia anche molti lati positivi. Altrimenti per me che sono single diventerebbe davvero un rapporto sbilanciato. Vero ciò che dice @abebis sulla natura di ciascuno di noi. Io tendenzialmente sono fedele, probabile che dopo un po' mi stanchi di un rapporto clandestino vissuto una volta ogni tanto. Comunque, fosse andato in porto, mica me lo sarei precluso ;), al limite non mi giocavo certo mutuo, figli e Scavolini, se il rapporto non avesse funzionato. Sono anche abbastanza disillusa, per cui boh, se dall'iperspazio fossi passata in un tunnel sotterraneo, sai com'è, ci si lascia e bona.
 

Nocciola

Super Moderatore
Staff Forum
Per disimpegno intendo che comunque mi sentirei libera, non impegnata. È comunque diverso dal conoscere un single e vivere la storia come una sorta di condivisione totale (o quasi) della sfera sentimentale e affettiva. Piglierei cioè il bello di questo tipo di rapporto, per cui ad esempio sarebbe stato chiaro (al milanese) che non mi sarei certo ritenuta impegnata con lui. Magari poi sarei stata presa a un punto tale che nulla sarebbe cambiato, eh. Però dubito che sia la stessa cosa. Esempio banale: con un amante non si condividono nemmeno le amicizie, il tempo è ristretto, eccetera eccetera. Non è certo un contesto in cui nemmeno l'altro dovrebbe avere troppe pretese nei miei confronti. Il disimpegno all'ennesima Potenza. Non dubito che abbia anche molti lati positivi. Altrimenti per me che sono single diventerebbe davvero un rapporto sbilanciato. Vero ciò che dice @abebis sulla natura di ciascuno di noi. Io tendenzialmente sono fedele, probabile che dopo un po' mi stanchi di un rapporto clandestino vissuto una volta ogni tanto. Comunque, fosse andato in porto, mica me lo sarei precluso ;), al limite non mi giocavo certo mutuo, figli e Scavolini, se il rapporto non avesse funzionato. Sono anche abbastanza disillusa, per cui boh, se dall'iperspazio fossi passata in un tunnel sotterraneo, sai com'è, ci si lascia e bona.
Io credo che sentirsi libera nonostante un impegno sia impagabile
Probabilmente abbiamo idee diverse
Ecco a me l’idea di separarmi e iniziare un rapporto con un single che richieda esclusività e un rapporto di quotidianità ecc ecc mi toglie ossigeno più del covid
Con la differenza che non ritengo poco importanti rapporti di altro genere
 

Foglia

utente viva e vegeta
Io credo che sentirsi libera nonostante un impegno sia impagabile
Probabilmente abbiamo idee diverse
Ecco a me l’idea di separarmi e iniziare un rapporto con un single che richieda esclusività e un rapporto di quotidianità ecc ecc mi toglie ossigeno più del covid
Con la differenza che non ritengo poco importanti rapporti di altro genere
Tieni conto che io oramai è diverso tempo che sono separata. E che l'ultima cosa che ho fatto, ottenuta la separazione, é stata quella di cercare un nuovo rapporto. Però tempo ne é oramai passato, il figlio non ha più due anni, eccetera eccetera. A livello teorico preferirei uno come me, single. Più disponibile (almeno in linea generale). Poi ripeto, non mi sarei preclusa questa storia, visto considerato che avevo trovato una persona che mi piaceva. La mia quotidianità non sarebbe comunque una quotidianità "totale", anche il mio tempo è limitato. Quando penso a un single, insomma, non sto pensando a un convivente. Per molti versi io sto troppo bene da sola ;)
 

Pincopallista

Utente di lunga data
Starai anche bene da sola, ma avere un tizio che ti scopa a dovere e ti invita A cena ogni tanto o al mare o dove volete voi, aiuta a migliorare la qualità della vita da sola.

se non è l’uomo di un’altra tanto meglio almeno non vi vedete di nascosto o quando lui ha la moglie in vacanza.
 

Nocciola

Super Moderatore
Staff Forum
Starai anche bene da sola, ma avere un tizio che ti scopa a dovere e ti invita A cena ogni tanto o al mare o dove volete voi, aiuta a migliorare la qualità della vita da sola.

se non è l’uomo di un’altra tanto meglio almeno non vi vedete di nascosto o quando lui ha la moglie in vacanza.
In questo momento già fermarsi “a dovere” mi sembra una gran bella aggiunta alla vita di tutti i giorni. Un bel diversivo e un bel pensiero
 
Top