F.W. Pincopallino ed i pensieri dionisiaci pulendo la stufa

Pincopallino

Utente di lunga data
Se non mi quoti o mi menzioni non mi arrivano le notifiche. Considerando che ho amanti che mi porto appresso da 30 anni, direi che il tuo giudizio pecca quantomeno di superficialità. Mi ero anche sposato una con la quale ho cornificato tutte quelle con cui sono stato a cominciare dalla fidanzatina del liceo, fai te...
Comunque mi piace il tuo modo mortalmente serio di sparare le peggio stronzate, ci tengo a ribadirlo casomai fossi uno di quei piagnoni che si sentono vituperati alla prima presa per il culo.

come dicono i miei amici a frociolandia, l'attrezzatura di piacere delle signore si divide ne il culo davanti e il culo di dietro :LOL:


A me piace un sacco il sesso in chiesa. Una volta ho pure fatto un'offerta per una chiesetta sconsacrata per farmi il letto matrimoniale al posto dell'altare. Solo che poi è saltato fuori che era vincolato dai beni culturali e col cazzo che mi facevano demolire qualunque cosa. E ho scoperto pure che c'è una legge bastarda che dice che sei una chiesa è di interesse storico-culturale, e in Italia tutto é di interesse storico-culturale, sei pure obbligato a farci entrare scuole e archeologi se ne fanno richiesta.
qui mi hai fatto una qualche domanda?
 

ipazia

Utente disorientante (ma anche disorientata)
Se non mi quoti o mi menzioni non mi arrivano le notifiche. Considerando che ho amanti che mi porto appresso da 30 anni, direi che il tuo giudizio pecca quantomeno di superficialità. Mi ero anche sposato una con la quale ho cornificato tutte quelle con cui sono stato a cominciare dalla fidanzatina del liceo, fai te...
Comunque mi piace il tuo modo mortalmente serio di sparare le peggio stronzate, ci tengo a ribadirlo casomai fossi uno di quei piagnoni che si sentono vituperati alla prima presa per il culo.

come dicono i miei amici a frociolandia, l'attrezzatura di piacere delle signore si divide ne il culo davanti e il culo di dietro :LOL:


A me piace un sacco il sesso in chiesa. Una volta ho pure fatto un'offerta per una chiesetta sconsacrata per farmi il letto matrimoniale al posto dell'altare. Solo che poi è saltato fuori che era vincolato dai beni culturali e col cazzo che mi facevano demolire qualunque cosa. E ho scoperto pure che c'è una legge bastarda che dice che sei una chiesa è di interesse storico-culturale, e in Italia tutto é di interesse storico-culturale, sei pure obbligato a farci entrare scuole e archeologi se ne fanno richiesta.
Io son grezza...figa mi piace!
Come preferisco scopare, trombare a fare l'amore.

E tu rinunceresti ad un altare per un letto matrimoniale???
Piace molto anche a me il connubio sesso/chiesa...meglio ancora sessualità/religiosità.
 

perplesso

Administrator
Staff Forum
Io son grezza...figa mi piace!
Come preferisco scopare, trombare a fare l'amore.

E tu rinunceresti ad un altare per un letto matrimoniale???
Piace molto anche a me il connubio sesso/chiesa...meglio ancora sessualità/religiosità.
fregna suona anche meglio.

per il connubio perverso tra sesso e Chiesa, consiglierei un 3d autonomo in Maremma Maiala. l'argomento va affrontato con la dovuta crudezza di linguaggio
 

ipazia

Utente disorientante (ma anche disorientata)
Meglio spelonca come ha suggerito Danny? 🤔
Figa?
È così carina...figa.

E poi può declinarsi...
Figa!
Figa!!!!!
Figaa.

E poi la puoi unire, figa! Che coglioni!!
Per dire 😉
 

ipazia

Utente disorientante (ma anche disorientata)
fregna suona anche meglio.

per il connubio perverso tra sesso e Chiesa, consiglierei un 3d autonomo in Maremma Maiala. l'argomento va affrontato con la dovuta crudezza di linguaggio
Vero 😉
 

stany

Utente di lunga data
Sicuramente rende con meno pensieri una separazione. Il problema è che ti frega dopo, davanti al prossimo con gli occhi a cuore. A volte ho l'impressione che alcuni tengano mogli / mariti un po' come nel corso di una vita si possa arrivare ad alternare gatti in casa. Però boh... Evidentemente se lo possono permettere, ed altrettanto evidentemente non sono masochisti ne' persone che si sforzano più di tanto affinché poi funzioni.
L'altra faccia dell'abitudine: al cambiamento.
 

danny

Utente di lunga data
L'altra faccia dell'abitudine: al cambiamento.
Un mio amico si è sposato divorziando due volte.
La prima venne tradito e il matrimonio finì, senza figli, con solo una perdita economica.
Con la seconda ci fece tre figli, ebbe problemi economici da un'attività in proprio che non incontrò il favore del mercato, tutto l'equilibrio di coppia venne sballato.
Alla fine lei lo mollò.
Lui a 50 e passa anni finì dalla mamma.
Dopo un po' si trovò una nuova compagna, con due bambini, anche lei reduce da una separazione.
La nuova compagna lo accoglie in casa e si svincola da mamma, ma non vuole i suoi figli, quindi lui deve trovare un ambiente neutro dove poterlo incontrare, senza avere mai la possibilità di farli dormire da lui. Non so che problemi ci siano, probabilmente c'è un niet da parte dell'altro padre, chi lo sa.
Il matrimonio per una donna può essere l'obiettivo della relazione. O lo accetti oppure te ne cerchi un'altra, che magari ti proporrà lo stesso obiettivo. Senza contare che se una donna ti piace non la sostituisci come le mutande.
Mio padre dopo i canonici sei anni di fidanzamento ognuno a casa propria riceveva proposte di matrimonio, che puntualmente rifiutava.
A quel punto veniva tradito o mollato, tradito e mollato, mollato e basta.
Puoi cambiare quanto vuoi, ma trovare una che abbia i tuoi stessi obiettivi - e che ti piaccia pure - non è facile per nessuno.
 

JON

Utente di lunga data
Minchia....due relazioni contemporanee di tredici anni! Sai che palle? Lì, anche con l'amante dopo un poco guardi la mosca sul soffitto....
Però non credo sia la stessa cosa, se releghiamo la questione solo al tempo trascorso insieme allora quello passato con l'amante è di gran lunga inferiore a quello trascorso con la moglie. Ne consegue che con la moglie lo spazio si restringe insopportabilmente, con l'amante si dilata piacevolmente. Non è una mia teoria.
 

stany

Utente di lunga data
Però non credo sia la stessa cosa, se releghiamo la questione solo al tempo trascorso insieme allora quello passato con l'amante è di gran lunga inferiore a quello trascorso con la moglie. Ne consegue che con la moglie lo spazio si restringe insopportabilmente, con l'amante si dilata piacevolmente. Non è una mia teoria.
Certo,però in tredici anni di questioni aperte c'è ne saranno.... dall'esigenza (se ci sia ovviamente) di vedersi più spesso,o rivendicare l'esclusività della relazione, o vedersi anche a Natale , oppure altri punti di "conflitto" che inevitabilmente si incontrano in una relazione; poi è chiaro che se ci si vede tre giorni al mese si possano anche accantonare, ma nel tempo vengono fuori. Evidente che la rarefazione dei momenti vissuti assieme tende ad alleggerire le posizioni, ma sicuramente qualche divergenza "strutturale" si crea, in un arco di tempo così lungo..
Tutto sta forse nel trovare l'amante ideale, così come anche il partner ufficiale con quelle caratteristiche; ma se così fosse ,forse il primo non avrebbe ragione di esistere.
 

stany

Utente di lunga data
Un mio amico si è sposato divorziando due volte.
La prima venne tradito e il matrimonio finì, senza figli, con solo una perdita economica.
Con la seconda ci fece tre figli, ebbe problemi economici da un'attività in proprio che non incontrò il favore del mercato, tutto l'equilibrio di coppia venne sballato.
Alla fine lei lo mollò.
Lui a 50 e passa anni finì dalla mamma.
Dopo un po' si trovò una nuova compagna, con due bambini, anche lei reduce da una separazione.
La nuova compagna lo accoglie in casa e si svincola da mamma, ma non vuole i suoi figli, quindi lui deve trovare un ambiente neutro dove poterlo incontrare, senza avere mai la possibilità di farli dormire da lui. Non so che problemi ci siano, probabilmente c'è un niet da parte dell'altro padre, chi lo sa.
Il matrimonio per una donna può essere l'obiettivo della relazione. O lo accetti oppure te ne cerchi un'altra, che magari ti proporrà lo stesso obiettivo. Senza contare che se una donna ti piace non la sostituisci come le mutande.
Mio padre dopo i canonici sei anni di fidanzamento ognuno a casa propria riceveva proposte di matrimonio, che puntualmente rifiutava.
A quel punto veniva tradito o mollato, tradito e mollato, mollato e basta.
Puoi cambiare quanto vuoi, ma trovare una che abbia i tuoi stessi obiettivi - e che ti piaccia pure - non è facile per nessuno.
Il fatto di non sposarsi per non correre il rischio del tradimento non è una garanzia .
E non lo è nemmeno, come vediamo, ufficializzare la relazione col matrimonio.
La garanzia assoluta non esiste. Poi è vero che la donna ,che diventi madre, sicuramente raggiunge un obiettivo più "naturale" ed auspicato che non il divenire padre da parte di un uomo (per le solite concezioni e convenzioni antropologiche, biologiche, sociali, ecc.), e quindi, siccome non è possibile ad oggi l'auto inseminazione da parte di una femmina, del maschio vi è ancora necessità. E da questo discende in molti casi (se non sempre) che il punto di maggior interesse siano i figli, "ottenuti" i quali, il maschio perde l'interesse da parte della femmina relativamente alla sessualità biologicamente finalizzata alla procreazione, che poi si riflette anche su quella "ricreativa". Del resto i dogmi religiosi della nostra società hanno perso l'influenza su questo argomento solo da alcune generazioni; stante che il tradimento sia sempre esistito nelle varie epoche. Oggi solo più tollerato ,se non agevolato.
Trovare una persona che abbia "i tuoi stessi obiettivi" ,se parliamo di un progetto di vita ,della condivisione di principi e visioni ,del medesimo sentire riguardo alle cose ,non è impossibile, ma non mette certo al riparo dalle corna.
Se uno non era proprio ubriaco quando si è sposato,ha fatto figli, probabilmente una certa convinzione di avere trovato la persona giusta ce l'aveva....Io sono al secondo matrimonio...un mio amico al terzo (con tre figli dalle tre mogli), e per quello che posso vedere, non è che le cose siano drasticamente diverse; c'è un adattamento col tempo, (naturalmente dovuto anche alla maturazione ed all'invecchiamento biologico), per cui dopo dieci o venti anni si sopporta ciò che prima non si era disposti a sopportare . Del resto è un fatto degli ultimi anni che coppie settantenni , assieme da oltre quarant'anni si separino ,quando i figli naturalmente sono adulti ed indipendenti.
Con questo ,sono quasi a dire: se non è zuppa.....salvo casi eclatanti di storture, maltrattamenti ecc...
 
Ultima modifica:

Brunetta

Utente di lunga data
Il fatto di non sposarsi per non correre il rischio del tradimento non è una garanzia .
E non lo è nemmeno, come vediamo, ufficializzare la relazione col matrimonio.
La garanzia assoluta non esiste. Poi è vero che la donna ,che diventi madre, sicuramente raggiunge un obiettivo più "naturale" ed auspicato che non il divenire padre da parte di un uomo (per le solite concezioni e convenzioni antropologiche, biologiche, sociali, ecc.), e quindi, siccome non è possibile ad oggi l'auto inseminazione da parte di una femmina, del maschio vi è ancora necessità. E da questo discende in molti casi (se non sempre) che il punto di maggior interesse siano i figli, "ottenuti" i quali, il maschio perde l'interesse da parte della femmina relativamente alla sessualità biologicamente finalizzata alla procreazione, che poi si riflette anche su quella "ricreativa". Del resto i dogmi religiosi della nostra società hanno perso l'influenza su questo argomento solo da alcune generazioni; stante che il tradimento sia sempre esistito nelle varie epoche. Oggi solo più tollerato ,se non agevolato.
Trovare una persona che abbia "i tuoi stessi obiettivi" ,se parliamo di un progetto di vita ,della condivisione di principi e visioni ,del medesimo sentire riguardo alle cose ,non è impossibile, ma non mette certo al riparo dalle corna.
Se uno non era proprio ubriaco quando si è sposato,ha fatto figli, probabilmente una certa convinzione di avere trovato la persona giusta ce l'aveva....Io sono al secondo matrimonio...un mio amico al terzo (con tre figli dalle tre mogli), e per quello che posso vedere, non è che le cose siano drasticamente diverse; c'è un adattamento col tempo, (naturalmente dovuto anche alla maturazione ed all'invecchiamento biologico), per cui dopo dieci o venti anni si sopporta ciò che prima non si era disposti a sopportare . Del resto è un fatto degli ultimi anni che coppie settantenni , assieme da oltre quarant'anni si separino ,quando i figli naturalmente sono adulti ed indipendenti.
Con questo ,sono quasi a dire: se non è zuppa.....salvo casi eclatanti di storture, maltrattamenti ecc...
A parte che donne assatanate che dopo la maternità non provano più interesse sessuale io non ne ho mai conosciute ed ho invece conosciuto donne che non trovavano più interesse per un uomo che era diventato un esattore di servizi, mi domando perché mai ripetere tre volte la stessa identica esperienza aspettandosi risultati diversi. Certo che nove figli fanno supporre un reddito notevole.
 

Pincopallino

Utente di lunga data
Certo,però in tredici anni di questioni aperte c'è ne saranno.... dall'esigenza (se ci sia ovviamente) di vedersi più spesso,o rivendicare l'esclusività della relazione, o vedersi anche a Natale , oppure altri punti di "conflitto" che inevitabilmente si incontrano in una relazione; poi è chiaro che se ci si vede tre giorni al mese si possano anche accantonare, ma nel tempo vengono fuori. Evidente che la rarefazione dei momenti vissuti assieme tende ad alleggerire le posizioni, ma sicuramente qualche divergenza "strutturale" si crea, in un arco di tempo così lungo..
Tutto sta forse nel trovare l'amante ideale, così come anche il partner ufficiale con quelle caratteristiche; ma se così fosse ,forse il primo non avrebbe ragione di esistere.
La mia durata 13 anni ci si vedeva un paio di volte a settimana ma non sempre per fare sesso. Sinceramente non mi è mai interessata una relazione esclusiva, diversamente non me la sarei scelta sposata, essendolo io peraltro.
siamo diventati genitori insieme, nel complesso è stata una bellissima esperienza di vita.
Non che non abbia provato la classica botta e via, però conoscendomi ho capito che non fa per me.
Con l'attuale a febbraio sono due anni.
 

Brunetta

Utente di lunga data
La mia durata 13 anni ci si vedeva un paio di volte a settimana ma non sempre per fare sesso. Sinceramente non mi è mai interessata una relazione esclusiva, diversamente non me la sarei scelta sposata, essendolo io peraltro.
siamo diventati genitori insieme, nel complesso è stata una bellissima esperienza di vita.
Non che non abbia provato la classica botta e via, però conoscendomi ho capito che non fa per me.
Con l'attuale a febbraio sono due anni.
A me sembra una cosa ripugnante avere amante mentre stai facendo una scelta importante come diventare genitori.
 
Top