Come perdonare

Brunetta

Utente di lunga data
Mi stai sospettando di marketing ingannevole 🤔?
Non dubito che innamorarsi faccia bene.
Ma non è che tutti sono benedetti dagli dei dell’amore.
Anche perché i primi tempi hai una faccia che respinge chiunque.
 

danny

Utente di lunga data
Grazie Danny, grazie a tutti per le vostre preoccupazioni.
Leggere i vostri commenti e opinioni è per me estremamente importante.
Confortante.
Lo so che non ho raccontato molto della mia storia ma, è strano a dirsi perchè sono in anonimato, mi vergogno.
E' sicuramente una sensazione sbagliata legata ad un retaggio culturale ma di cui proprio non riesco a liberarmi.
Mi sono completamente isolato in queste settimane. Non vedo piu' nessuno. Non riesco.
Io sento che piu' vado avanti piu' divento lucido su quello che mi è successo piu' ne soffro.
Hai ragione tu, diventerà psicosomatico, diventerà come una malattia. Ma come posso evitarlo?
Come posso fermare la mia sensibilità?
Bene, dopo la pausa Peace and Love (scusa Disperato, spero tentare di alleggerire serva anche a rasserenarti un po'), torniamo seri.
I primi tempi dalla scoperta del tradimento tutti, chi più, chi meno, siamo rimasti sconvolti.
Non c'è molto da disquisire su questo.
E' una trave che ti arriva sulla testa, qualcosa che non ti aspetti e che ti costringe a rivedere tutti i parametri relazionali appresi.
La tua reazione è nella norma.
Anche l'isolarsi. La sensazione che nessuno possa comprendere il tuo dolore è dominante.
Ci vuole tempo per riacquistare la lucidità necessaria a comprendere la situazione, e a metabolizzare l'accaduto.
Non c'è un modo per fermare la tua sensibilità, o perlomeno, sei fatto così e reagisci secondo il tuo carattere.
Io sono stato male, sono approdato sul forum, mi sono sfogato, ma non posso dire che mi sono rialzato subito, anche perché nel mio caso la storia extra non era finita quando l'ho scoperta ed è continuata anche dopo.
Sei, purtroppo, all'inizio di un lavoro che dovrai fare su te stesso.
Se resti qui possiamo farlo insieme, man mano.
Non ti devi vergognare, comunque. Non c'è nulla di cui vergognarsi.
 
Ultima modifica:

Eagle72

Utente di lunga data
Grazie Danny, grazie a tutti per le vostre preoccupazioni.
Leggere i vostri commenti e opinioni è per me estremamente importante.
Confortante.
Lo so che non ho raccontato molto della mia storia ma, è strano a dirsi perchè sono in anonimato, mi vergogno.
E' sicuramente una sensazione sbagliata legata ad un retaggio culturale ma di cui proprio non riesco a liberarmi.
Mi sono completamente isolato in queste settimane. Non vedo piu' nessuno. Non riesco.
Io sento che piu' vado avanti piu' divento lucido su quello che mi è successo piu' ne soffro.
Hai ragione tu, diventerà psicosomatico, diventerà come una malattia. Ma come posso evitarlo?
Come posso fermare la mia sensibilità?
Non tenere dentro. Sfogati qui, in pubblico, lasciati andare oppure in privato con chi nel gruppo reputi affine ed empatico. A me ha aiutato tanto, anche perché solo chi ci è passato capisce anche le cose più assurde. E poi magari segui pure un percorso con un professionista. Ultimo consiglio, le cose tragiche se viste dall'alto (siamo un granello di sabbia per l'universo), se viste tra 5 anni, se viste come un terzo, perdono di potenza. Se puoi pensa che questo è tutto tempo sprecato, vivi davvero come se fosse l'ultimo giorno, lo spenderesti a soffrire cosi? Sei vivo, sei in salute, hai penso tante cose belle. Lei è tanto ma non è tutto. Lo so. Non è facile. Come non era facile l'esame di 5 elementare, che ci toglieva il sonno, e l esame di terza media, o il diploma. O gli esami all'università. Al momento montagne, ora le guardi ridendo no? È un evento, pesante, ma puoi farcela, come ce l'hanno fatta in tanti, qualsiasi sia la scelta!
 

Arcistufo

Papero Talvolta Posseduto
Un'ultima considerazione.
In questo thread molto serenamente noi tutti, me compreso, abbiamo cazzeggiato, come al solito.
Ci sta, certo.
Ma io alla fine quando sono tornato indietro a rileggere i messaggi di Disperato ho trovato una quantità di considerazioni che facevano uso di aggettivi come terribili e sinonimi.
A partire da questo messaggio, il suo tono era estremamente pieno di ansia e dolore, almeno, è quello che mi è arrivato."Lasciar perdere però può generare una frustrazione enorme. Un dolore latente che distruggerà me. Di questo mi preoccupo".
Non ho colto la rabbia, che sarebbe stato forse più liberatorio, ma la disperazione.
Se do alcuni suggerimenti è perché percepisco anche un malessere che io, come banalissimo utente del forum, non ho la presunzione di poter risolvere.
Ma quanto ti hanno piallato i maroni in pvt?
:LOL: :LOL: :LOL:
Seriamente.
Tutto passa, c'è gente che sopravvive quando muore un figlio, figurati quanto ci può mettere un tizio di una superficialità devastante come quello che ha aperto sto thread ad andare a sentirsi sbagliato con la prossima. Gli avresti potuto consigliare il Prozac o la campana tibetana. È come parlare con i bambini o con i cani. Loro non capiscono realmente che cosa stai dicendo, Ma tu stai comunque lì davanti a fare le vocine da coglione.
Ma seriamente, lo avete letto? Manco mezza riga di analisi per vedere se lui avesse toccato qualcosa nel rapporto. È arrivato a scrivere è arrivato a scrivere che l'ex rappresenta un'intera categoria di uomini che piacciono a lei perché lui è diverso.
Ma manco Leopardi. Essú.
 

danny

Utente di lunga data
Ma quanto ti hanno piallato i maroni in pvt?
:LOL: :LOL: :LOL:
Seriamente.
Tutto passa, c'è gente che sopravvive quando muore un figlio,
Tutti sopravvivono.
Io ne conosco due, molto da vicino.
A distanza di decenni non si sono ancora ripresi.
Oh, siamo su un forum. Essere i soliti 4 gatti a discutere tra noi dopo un po' viene a noia...
 

Arcistufo

Papero Talvolta Posseduto
Tutti sopravvivono.
Io ne conosco due, molto da vicino.
A distanza di decenni non si sono ancora ripresi.
Oh, siamo su un forum. Essere i soliti 4 gatti a discutere tra noi dopo un po' viene a noia...
Eh, voi vi sentite pure fuori. Arichecculo :LOL:
 
Top