Aggiornamento cognato/a

Ulisse

Utente di lunga data
Non sono una persona che serba rancore a lungo e in ogni situazione cerco la parte vantaggiosa.
Malgrado questo, anni fa avevo avanzato la proposta di separazione.
Mia moglie aveva circa 80.000 euro ereditati dai genitori.
La casa nostra ne valeva 200.000 e passa, box escluso.
Se lei mi dava una quota sufficiente a comprare un monolocale da 70/80.000 euro, me ne sarei uscito di casa passandole 5/600 euro di alimenti mensili. A lei restava la casa, i mobili, il box, i contanti del conto comune, io potevo almeno avere un tetto sulla testa dato che non ho genitori che mi ospitino.
Ha rifiutato sostenendo che le volevo portare via i soldi dei genitori, nella realtà non aveva alcuna intenzione di separarsi e mi teneva per le palle con il fatto che facendo i conti non sarebbe stato sostenibile per me uscire di casa.
non intendevo dire che hai sbagliato o meno a valutare la convenienza economica di una non separazione.
Quella lo puoi determinare ovviamente solo tu ed il tuo commercialista :)

Io mi riferivo alla serenità che mi sembra di vedere
Non credo si tratti di non serbare rancore a lungo.
Non è che mi ha distrutto l'auto parcheggiando o fatto diventare rosa il pantolone preferito perchè lavato con le sue mutande.

Se il desiderio era di separarsi e le valutazioni economiche non lo rendevano conveniente vedo :
o solo un futuro fatto di litigi perchè almeno uno dei due è costretto ad una convivenza forzata oppure, se ritorna la serenità (che ti riconosco), allora la decisione inizale di separarsi in fondo in fondo non era veramente voluta ma solo frutto di una reazione a caldo.
 

Arcistufo

Papero Talvolta Posseduto
Non sono una persona che serba rancore a lungo e in ogni situazione cerco la parte vantaggiosa.
Malgrado questo, anni fa avevo avanzato la proposta di separazione.
Mia moglie aveva circa 80.000 euro ereditati dai genitori.
La casa nostra ne valeva 200.000 e passa, box escluso.
Se lei mi dava una quota sufficiente a comprare un monolocale da 70/80.000 euro, me ne sarei uscito di casa passandole 5/600 euro di alimenti mensili. A lei restava la casa, i mobili, il box, i contanti del conto comune, io potevo almeno avere un tetto sulla testa dato che non ho genitori che mi ospitino.
Ha rifiutato sostenendo che le volevo portare via i soldi dei genitori, nella realtà non aveva alcuna intenzione di separarsi e mi teneva per le palle con il fatto che facendo i conti non sarebbe stato sostenibile per me uscire di casa.
Domanda: se avessi fatto muro e le avessi detto. Vaffanculo vado a vivere a Ospedaletto lodigiano (dove con 20k un tetto lo recuperi) e tmi prendo metà di tutto, come sarebbe finita?
 

Foglia

utente viva e vegeta
Domanda: se avessi fatto muro e le avessi detto. Vaffanculo vado a vivere a Ospedaletto lodigiano (dove con 20k un tetto lo recuperi) e tmi prendo metà di tutto, come sarebbe finita?
Parliamo però di cose fattibili , che - pur non conoscendo bene il mercato immobiliare di Ospedaletto - dubito fortemente che con 20k si trovi una sistemazione decorosa (al limite un box, ma poi come sai neppure volendo è fattibile viverci, in un box, a meno di avere vicini "permissivi" che non spaccano il capello circa i consumi di energia elettrica, acqua - ove portata - e altro ;) ).
Cosa avrebbe potuto fare, toh, un @danny ? :)
Anzitutto, se ben ricordo, si trovò con mani e piedi legati anche in quanto i soldi comuni erano stati investiti e gestiti esclusivamente da lei. Lei, che, se non vado errata (@danny al limite correggimi) anche in tempi più recenti ha ereditato altri beni (immobili).

Primo punto, 7 anni fa avrebbe dovuto modificare il regime (da comunione a separazione legale dei beni), aprire il proprio conto, e sistemare le finanze per così dire "immobilizzate". Ovviamente lei (mica è fessa) gli ha detto che i soldi derivanti dalla eredità non si toccavano. Benissimo, allora: è vero che non si toccano (sono personali), altrettanto è vero che, con la separazione dei conti, ciascuno contribuisce alle spese familiari in base alle proprie possibilità. Possibilità che sarebbero state maggiori per lei :), dato l'apporto ricevuto con l'eredità (che sarà sì - personale - ma nell'economia della suddivisione delle spese familiari, certamente non si sarebbe più potuto dire che lei non ce la faceva a pagare metà spese, metà mutuo - se c'è, e non ricordo - e via dicendo).
Questo poteva (non so se ha fatto, ma volendo può fare) @danny . Il che vale a dire che qualcosa, nelle sue finanze, sarebbe cambiato / cambierebbe ancora oggi.

Ma 20K euro per una sistemazione, qui al Nord Italia (e fatte forse salve alcune zone, che non sono però Ospedaletto Lodigiano) non sono nemmeno ipotizzabili, e dove lo sono (non lì, ripeto credo senza possibilità di smentita :) ) son ruderi. Parlando di cose fattibili, eh ;)
 
Ultima modifica:

Arcistufo

Papero Talvolta Posseduto
Parliamo però di cose fattibili , che - pur non conoscendo bene il mercato immobiliare di Ospedaletto - dubito fortemente che con 20k si trovi una sistemazione decorosa (al limite un box, ma poi come sai neppure volendo è fattibile viverci, in un box, a meno di avere vicini "permissivi" che non spaccano il capello circa i consumi di energia elettrica, acqua - ove portata - e altro ;) ).
Cosa avrebbe potuto fare, toh, un @danny ? :)
Anzitutto, se ben ricordo, si trovò con mani e piedi legati anche in quanto i soldi comuni erano stati investiti e gestiti esclusivamente da lei. Lei, che, se non vado errata (@danny al limite correggimi) anche in tempi più recenti ha ereditato altri beni (immobili).

Primo punto, 7 anni fa avrebbe dovuto modificare il regime (da comunione a separazione legale dei beni), aprire il proprio conto, e sistemare le finanze per così dire "immobilizzate". Ovviamente lei (mica è fessa) gli ha detto che i soldi derivanti dalla eredità non si toccavano. Benissimo, allora: è vero che non si toccano (sono personali), altrettanto è vero che, con la separazione dei conti, ciascuno contribuisce alle spese familiari in base alle proprie possibilità. Possibilità che sarebbero state maggiori per lei :), dato l'apporto ricevuto con l'eredità (che sarà sì - personale - ma nell'economia della suddivisione delle spese familiari, certamente non si sarebbe più potuto dire che lei non ce la faceva a pagare metà spese, metà mutuo - se c'è, e non ricordo - e via dicendo).
Questo poteva (non so se ha fatto, ma volendo può fare) @danny . Il che vale a dire che qualcosa, nelle sue finanze, sarebbe cambiato / cambierebbe ancora oggi.

Ma 20K euro per una sistemazione, qui al Nord Italia (e fatte forse salve alcune zone, che non sono però Ospedaletto Lodigiano) non sono nemmeno ipotizzabili, e dove lo sono (non lì, ripeto credo senza possibilità di smentita :) ) son ruderi. Parlando di cose fattibili, eh ;)
Sul primo punto, non concordo sulla tua analisi. Se alla moglie fossero arrivate in ragione dell'Eredità delle proprietà a reddito sarebbe stato un discorso, ma un risparmio infruttifero non concorre a fare base di calcolo per gli alimenti. Contano gli stipendi, gli affitti, le rendite è più In generale quello che ti entra mese per mese. La roba una tantum, A meno che non si tratti di patrimoni milionari, non te l'ha compiuta nessuno. Secondo, se hai i figli sufficientemente grandi che vogliono stare con te e non con la mamma, non è assolutamente automatico che la casa familiare se la mette in tasca lei. Di madri teste di cazzo troppe ne abbiamo fatte uscire

Terzo poi ti parlo di Ospedaletto proprio perché quando ho deciso di comprare un immobile per patrimonializzare delle mie aziende che lavorava prevalentemente in bassa Padana Facemmo una bella ricerca sui comuni a sud di Milano E alla fine con €20000 scarsi, 45 metri quadri di monolocale all'asta l'abbiamo preso fronte stazione. Ancora lo usiamo come foresteria.
20 minuti di treno e sei a Milano.

Poi ognuno fa quel cazzo che vuole, ma secondo me quando si rimane con qualcuno che non ami più, la comfort zone fa la parte del leone
 

danny

Utente di lunga data
Parliamo però di cose fattibili , che - pur non conoscendo bene il mercato immobiliare di Ospedaletto - dubito fortemente che con 20k si trovi una sistemazione decorosa (al limite un box, ma poi come sai neppure volendo è fattibile viverci, in un box, a meno di avere vicini "permissivi" che non spaccano il capello circa i consumi di energia elettrica, acqua - ove portata - e altro ;) ).
Cosa avrebbe potuto fare, toh, un @danny ? :)
Anzitutto, se ben ricordo, si trovò con mani e piedi legati anche in quanto i soldi comuni erano stati investiti e gestiti esclusivamente da lei. Lei, che, se non vado errata (@danny al limite correggimi) anche in tempi più recenti ha ereditato altri beni (immobili).

Primo punto, 7 anni fa avrebbe dovuto modificare il regime (da comunione a separazione legale dei beni), aprire il proprio conto, e sistemare le finanze per così dire "immobilizzate". Ovviamente lei (mica è fessa) gli ha detto che i soldi derivanti dalla eredità non si toccavano. Benissimo, allora: è vero che non si toccano (sono personali), altrettanto è vero che, con la separazione dei conti, ciascuno contribuisce alle spese familiari in base alle proprie possibilità. Possibilità che sarebbero state maggiori per lei :), dato l'apporto ricevuto con l'eredità (che sarà sì - personale - ma nell'economia della suddivisione delle spese familiari, certamente non si sarebbe più potuto dire che lei non ce la faceva a pagare metà spese, metà mutuo - se c'è, e non ricordo - e via dicendo).
Questo poteva (non so se ha fatto, ma volendo può fare) @danny . Il che vale a dire che qualcosa, nelle sue finanze, sarebbe cambiato / cambierebbe ancora oggi.

Ma 20K euro per una sistemazione, qui al Nord Italia (e fatte forse salve alcune zone, che non sono però Ospedaletto Lodigiano) non sono nemmeno ipotizzabili, e dove lo sono (non lì, ripeto credo senza possibilità di smentita :) ) son ruderi. Parlando di cose fattibili, eh ;)
Siamo in separazione e abbiamo due conti personali.
 

danny

Utente di lunga data
Sul primo punto, non concordo sulla tua analisi. Se alla moglie fossero arrivate in ragione dell'Eredità delle proprietà a reddito sarebbe stato un discorso, ma un risparmio infruttifero non concorre a fare base di calcolo per gli alimenti. Contano gli stipendi, gli affitti, le rendite è più In generale quello che ti entra mese per mese. La roba una tantum, A meno che non si tratti di patrimoni milionari, non te l'ha compiuta nessuno. Secondo, se hai i figli sufficientemente grandi che vogliono stare con te e non con la mamma, non è assolutamente automatico che la casa familiare se la mette in tasca lei. Di madri teste di cazzo troppe ne abbiamo fatte uscire

Terzo poi ti parlo di Ospedaletto proprio perché quando ho deciso di comprare un immobile per patrimonializzare delle mie aziende che lavorava prevalentemente in bassa Padana Facemmo una bella ricerca sui comuni a sud di Milano E alla fine con €20000 scarsi, 45 metri quadri di monolocale all'asta l'abbiamo preso fronte stazione. Ancora lo usiamo come foresteria.
20 minuti di treno e sei a Milano.

Poi ognuno fa quel cazzo che vuole, ma secondo me quando si rimane con qualcuno che non ami più, la comfort zone fa la parte del leone
Sono fronte ferrovia, zona con i più bassi valori catastali del milanese.
Ho partecipato a un'asta, per dire, ovviamente persa, ma 20.000 euro sono un'eccezione, non la regola.
Il discorso è di carattere generale, non personale. I treni non sono gratis e più ti allontani da Milano più i costi dell'abbonamento annullano il risparmio iniziale.
Ho lavorato dalle parti del comune che citi e tanti anni fa stavo per acquistare un immobile commerciale in zona. Non ti regalano niente.
C'è un filtro economico, non viene fatto nulla per risolvere le disparità e a tanti sta bene così.
Da parte mia consiglio sempre alle giovani coppie di non comprare mai casa.
Le case si acquistano eventualmente da soli, ma solo se si è sicuri di non voler o dover cambiare mai residenza. Nella situazione attuale è molto più conveniente restare in affitto, tenendo conto che anche in caso di morosità il rischio sfratto, in presenza di minori, è minimo.
Inoltre il possesso di un bene impatta anche su Isee.
 
Ultima modifica:

Foglia

utente viva e vegeta
Sul primo punto, non concordo sulla tua analisi. Se alla moglie fossero arrivate in ragione dell'Eredità delle proprietà a reddito sarebbe stato un discorso, ma un risparmio infruttifero non concorre a fare base di calcolo per gli alimenti. Contano gli stipendi, gli affitti, le rendite è più In generale quello che ti entra mese per mese. La roba una tantum, A meno che non si tratti di patrimoni milionari, non te l'ha compiuta nessuno. Secondo, se hai i figli sufficientemente grandi che vogliono stare con te e non con la mamma, non è assolutamente automatico che la casa familiare se la mette in tasca lei. Di madri teste di cazzo troppe ne abbiamo fatte uscire

Terzo poi ti parlo di Ospedaletto proprio perché quando ho deciso di comprare un immobile per patrimonializzare delle mie aziende che lavorava prevalentemente in bassa Padana Facemmo una bella ricerca sui comuni a sud di Milano E alla fine con €20000 scarsi, 45 metri quadri di monolocale all'asta l'abbiamo preso fronte stazione. Ancora lo usiamo come foresteria.
20 minuti di treno e sei a Milano.

Poi ognuno fa quel cazzo che vuole, ma secondo me quando si rimane con qualcuno che non ami più, la comfort zone fa la parte del leone
Inizio dall'ultima frase per dire che, con me, sfondi un portone aperto ;)
Il più delle volte, dietro i poveretti che, tapini loro, non poooooossono separarsi, si celano comodoni che magari scopano in giro e vanno raccontando questa solfa (è una roba che mi fa andare su tutte le furie, o per lo meno inquadrare il personaggio tra quelli che non fanno assolutamente per me :), che mancan solo i poverini, che però, vogliono scopare in giro :) ).

Se ho ben capito la moglie di danny, però, ha ereditato 80k di "liquidi". Concordo appieno con te che la casa viene assegnata nell'interesse dei figli, ma è dato altrettanto statistico che, nella maggioranza dei casi, questo interesse vada a collimare con quello della madre. Ovviamente, tuttavia, se in seguito di una dvisione ereditaria, la madre (come credo sarebbe per il caso di danny) si trova proprietaria esclusiva di un altro immobile.... beh ;) : mi rendo conto che su due piedi non si può andar oltre un livello di "chiacchiera", però difficile che un Giudice non tenga conto di questi elementi, nell'ottica quanto meno patrimoniale (contributi ecc.) in senso lato.

20K per un monolocale a Ospedaletto, insegnami come si fa! SPECIALMENTE all'asta (dove pur con le varie riduzioni, raramente ho visto grossi affari) :)
 

Foglia

utente viva e vegeta
Siamo da sempre in separazione dei beni.
Il conto sì. Un ritorno alle origini...
Però lei gestiva la gran parte del patrimonio, o sbaglio a ricordare anche questa? Perché ricordo che parlasti di trovarti in tasca solo 800 euro, e allora qualcosa non mi quadra.
 

danny

Utente di lunga data
Però lei gestiva la gran parte del patrimonio, o sbaglio a ricordare anche questa? Perché ricordo che parlasti di trovarti in tasca solo 800 euro, e allora qualcosa non mi quadra.
Non è che guadagniamo cifre folli.
Abbiamo una spesa in IMU di terreno invendibili e in vendita da anni per migliaia di euro l'anno.
Una bastardata da rinnovo PGT, ovvero quando converti terreni agricoli in industriali falsando le aspettative di mercato per beccarti i soldi delle imposte.
È tutto misurato, da sempre.
Come nella stragrande maggioranza delle famiglie in cui lo stipendio inizia con un uno davanti o anche meno.
Ovviamente nessuno programma una separazione quando sta bene in una coppia. Quindi si può trovare appunto a non avere risorse per gestirla.
Questo era anni fa.
 

Foglia

utente viva e vegeta
Non è che guadagniamo cifre folli.
Abbiamo una spesa in IMU di terreno invendibili e in vendita da anni per migliaia di euro l'anno.
Una bastardata da rinnovo PGT, ovvero quando converti terreni agricoli in industriali falsando le aspettative di mercato per beccarti i soldi delle imposte.
È tutto misurato, da sempre.
Ricordo una casa in affitto, anche. E altri beni ereditati pro quota, sempre immobili (non so se siano quei terreni o altro). Comunque, come biasimare tua moglie? Ha potuto fare ciò che voleva, quel che è tuo è suo, quel che è suo è suo, fa quel cacchio che vuole.... :)
Soltanto che, come ti si è detto più volte nel tempo, magari un giro da qualche avvocato, già 7 anni fa, ti sarebbe convenuto farlo. Anche senza pensare di comprare una casa a 20k (per il che, senz'altro complimenti ad Arci, ma poi giustamente dubito che si regali nulla ;) ).
 

Ulisse

Utente di lunga data
Nella situazione attuale è molto più conveniente restare in affitto
E' la stessa concusione a cui sono arrivato qualche anno fa.
Non l' ho seguita per imprinting familiare.
Psicologicamente sono stato cresciuto con il valore del mattone di proprietà.
Cosa vera in un altra epoca. Passata.
Oggi, molto meno.

Con il fitto, non immobilizzi capitali elevati, hai una flessibilità non da poco per un eventuale cambio di vita (che non deve essere per forza il divorzio ma anche assecondare radicali cambi lavorativi).
Però, nel mio caso, la razionalità è stata sovrascritta dal sopracitato retaggio culturale 🤷‍♂️🤷‍♂️
 

perplesso

Administrator
Staff Forum
E' la stessa concusione a cui sono arrivato qualche anno fa.
Non l' ho seguita per imprinting familiare.
Psicologicamente sono stato cresciuto con il valore del mattone di proprietà.
Cosa vera in un altra epoca. Passata.
Oggi, molto meno.

Con il fitto, non immobilizzi capitali elevati, hai una flessibilità non da poco per un eventuale cambio di vita (che non deve essere per forza il divorzio ma anche assecondare radicali cambi lavorativi).
Però, nel mio caso, la razionalità è stata sovrascritta dal sopracitato retaggio culturale 🤷‍♂️🤷‍♂️
Basta essere sempre precisi con la pigione, ché si sa mai ti possa capitare un padrone di casa con la mannaia facile
 

Arcistufo

Papero Talvolta Posseduto
Madonna come la fate complicata.
Seguo un centinaio di aste immobiliari l'anno da 20 anni a sta parte.
Eppure il realestate come business è quello in assoluto con le regole più semplici.
1 comprare basso: l'affare non va cercato quando rivendi ma quando stai comprando: compra un immobile occupato e affronta tempi e costi per la liberazione, Trova uno splendido rudere col tetto sfondato e rimettilo a posto con l'ecobonus, o con gli incentivi per il fotovoltaico, un sesto piano senza ascensore, e così via
2 non pagare i muratori, ma paga il geometra: compri, sani su carta e rivendi a chi ha la fantasia di stare appresso agli operai. I soldi del geometra li rifai sempre quelli della ristrutturazione col cazzo. Anche perché se non hai soldi devi investire tempo.
3 sempre cash con una buona parte di nero: sennò il prezzo non si tratta.
4 (per @danny )se sei sicuro che quei terreni sono invendibili intesta la nuda proprietà delle case alla figlia e smetti di pagare l'IMU. Tanto l'agenzia del territorio non li manda all'asta ma semplicemente ci mette sopra ipoteca. Eppure se va all'asta, alla fine te lo ridanno dopo 7-8 aste deserte. Quando tu e tua moglie tirerete il calzino tua figlia rinuncia all'eredità e si tiene i pezzi buoni.
 
Top