Il più bel giorno della vostra vita.

ologramma

Utente di lunga data
Si, ho capito che i giorni belli della vita sono molti, e che fare una classifica è difficile.
Però mi riferivo ad uno che ricordate in particolare, e perchè.
Mi riferivo a quel giorno dove scoperta e funzionamento del mondo sono andati di pari passo, senza clamori e senza spettacolarità.
Mi riferivo a quel giorno che vi è rimasto nei ricordi perchè pensavate che l'ingranaggio della vita, in quel momento stesse girando per voi...
il matrimonio si può dire ? Ho ritrovato i filmini del mio matrimonio e il viaggio di nozze devo riversarli su cd, le cassette vhs si sono bagnate e quindi perse
 

francoff

Utente di lunga data
Di giorni bellissimi ne ho passati molti e sicuramente alcuni più importanti di altri: figli e matrimonio su tutti ...Per essere originale devo dire il giorno che mi sono iscritto all'albo, era il fine di tanti sacrifici miei e dei miei genitori, persone umili che hanno fatto grandi sacrifici per farci studiare . Ho alloggiato per quasi 6 anni in un dormitorio dei preti e ogni giorno studiavo fino a tardi , non potevo perdere tempo per rispetto a loro. Ricordo lo sguardo di soddisfazione di mio papà che si alzava ogni notte alle tre e mezza
 

Ioeimiei100rossetti

Utente di lunga data
Tutti i giorni più belli della mia vita sono legati a viaggi o ad esperienze estreme/insolite. I momenti "classici", tipo matrimonio, nascita dei figli, Natali e ricorrenze varie li annovero nel girone delle emozioni belle, ma non in cima. Sarò cinica, boh, ma per dire che un giorno sia stato davvero entusiasmante poco poco mi devo essere buttata da un ponte facendo bungee-jumping 😁
 

Foglia

utente viva e vegeta
Non ne ho uno solo, e soprattutto i miei sono anche un po' "strani 😂.
Qualcuno nella consapevolezza che a ridurre "a tutto lì " sarei ingiusta nei confronti della Vita :)

Quello della mia nascita. Non lo ricordo ma se non ci fosse stato non sarei qui a raccontare oggi, che sto andando al mio primo giorno del nuovo lavoro....curiosa :)

Il giorno dopo la nascita di mio figlio (il giorno stesso ammetto fu massacrante per me....), la prima foto che gli feci mentre dormiva (raro momento 😂) accanto a me, e mi resi conto della sua "grandezza (Non so dirlo meglio.....).
Il giorno in cui, pur disperata, trovai la forza di dire a me stessa che avrei provato a mettere fine al peggio rimediando per come possibile a un matrimonio che non poteva continuare. Fu liberatorio pensarlo non più nei termini di un sogno. E scoprii una forza incredibile da dentro.
 

Lenny

Utente
E' agosto e con i miei amici ci siamo appena svegliati perchè la roulotte in campeggio dopo le nove diventa un forno. Adesso andremo al bar e come abbiamo fatto nei giorni scorsi riusciremo a mangiare cornetto e cappuccino e pagheremo solo il cappuccino, che tanto il tipo alla cassa non se ne accorge. Dicono che ci siano dei posti bellissimi in giro, mari turchesi e spiagge bianche che non ho mai visto, ma a me questa spiaggia a Bellaria sembra cosi bella. Stasera forse bacerò una ragazza? Ieri sono arrivati due pullman di ragazze da chissà dove e noi siamo gli unici ragazzi del campeggio, che cavolo, spareremo nel mucchio, ce ne sarà una a cui posso piacere... C'è il sole, ho 19 anni, mi sono appena diplomato, non studierò mai più greco in vita mia, qui con me c'e il mio migliore amico. E' il giorno più bello della mia vita. Ma non lo so.
 

Lenny

Utente
Il Burji Khalifa non è alto. Di più. Lo guardo da sotto e non ne vedo la fine. Ho girato a piedi dove si può, Dubai è nel suo momento di massimo splendore, ma qua la gente non va in giro a piedi. Ma che ne sapevo io. Sono ancora frastornato dal volo in business, la lounge, e l'hotel con la piscina sul tetto. La tv schiacci un tasto e scompare dentro un mobile. Nemmeno nei sogni più perversi da studente universitario, guarda dove sono. E' l'inizio di una carriera vera, era ora!, guarda dove sono! Mi faccio delle foto; se potessi le metterei su instagram, ma non esiste. Dai che ce la facciamo, se sono qua ora chissà dove sarò fra dieci anni.
Ho visto un bambino, aveva un t- shirt con la scritta "look mum, no hands!" e una bici.
Guarda mamma, senza mani!
 

bettypage

Utente acrobata
Tante prime volte...
La prima volta senza rotelle in bici: io che mi faccio promettere da papà che non mi molli, e poi voltarmi e vederlo laggiù con quel sorriso compiaciuto e un po' beffardo... io tra la rabbia della mancata promessa e la felicità di star pedalando in autonomia. Era una grazziella arancione sgangherata.
Il primo giorno di scuola elementare, la fierezza di essere diventata grande e lo sguardo di mamma tenero. Avevo una salopette a righe fuxia, davvero punk.
Le estati in campagna da mia nonna ad ammazzare la noia con i miei fratelli, che i teppisti inconfronto erano educande.
Scoprire di aver passato il test per medicina all'università, nonostante la sfiducia dei prof. delle superiori.
Il primo esame all'università che fu una strage e a me il mio 28 non sembrò vero.
Ogni volta che chiudevo la valigia e partivo in solitaria. E quel senso di libertà.
La discussione della tesi e la relatrice che mi infondeva fiducia e orgoglio con lo sguardo.
La sera che ho conosciuto mio marito e a suon di negroni ridevamo come pazzi al centro della pista ma io mi sentivo in una bolla sola con lui.
Il giorno che ho superato l'esame di stato, fuori ad aspettarmi c'era lui in jeans e camicia scozzese preoccupato. Gli sono saltata al collo e lui era felice con me.
Quel senso di "pura gioia" tenendo in braccio i miei bambini per la prima volta, e sentire il loro profumo.
... To be continued
 

Martes

Utente di lunga data
Amore e morte

I due giorni in cui ho compreso dentro di me il senso di questi misteri ho sentito "l'ingranaggio che girava nel verso giusto".

Quando è morta mia madre ero con lei. Era allettata ma cosciente, pur non avendo più l'uso della parola. D'improvviso mentre mi guardava ho notato che vedeva oltre. Serena. Finalmente sicura, lei che per tutta la vita mi era sembrata tanto fragile.
Tre profondi sospiri e con l'ultimo poi non ha respirato più.
È una sensazione che non si può rendere a parole, ma vivendo quel passaggio in quel modo ho istantaneamente accettato la morte come un fatto del tutto naturale. Ora la vivo in modo diverso, come non viene mai insegnato nella nostra società, e non mi fa per niente paura né tristezza. Ed è stato un giorno bellissimo, anche se forse non è facile rendere l'idea. È stato l'ultimo dono che lei mi ha fatto, un dono molto interiore, che non riesco a trasmettere all'esterno, ma che mi piace pensare che forse riuscirò al momento della morte, come ha fatto lei.

L'altro è stato il giorno in cui mi è stato detto un "ti amo" che mi ha portata nel tempo successivo a capire finalmente il significato di questa parola che fino a prima schifavo e rifuggivo.
Anche questo un grandissimo dono.
E un giorno bellissimo. Che ha dato il via alla storia più importante della mia vita
 

spleen

utente ?
Questa mattina mi sono svegliato, ho aperto l’imposta della mia camera... abbacinante! Ho acceso la radio sul comodino e mi sono ficcato di nuovo nel letto. Stanno trasmettendo le prime note cristalline di –Prendila così – di Battisti. E’ giugno, è domenica e c’è il sole, sento in lontananza il motore dell’aereo del campo di volo. Oggi è il compleanno di mio fratello, usciremo per pranzo, lui, sua moglie, mamma papà, io e Lei.

Non ho ancora trent’anni, il lavoro finalmente va molto bene, sono riuscito nell’ impresa di integrare il nuovo sistema di progettazione, sembrava impossibile, mi sono speso del tutto, con un briciolo di inventiva e molto impegno. Ho sorpreso tutti, anche me stesso. Ora ho una nuova consapevolezza, non me ne rendo ancora conto appieno, ma c'è.

La casa è nuova, finita da poco, accanto a quella di mio fratello, ero partito a costruirla con quattro spicci, ora è una solida realtà, tutta mia. Dentro ci sono solo la mia nuova cameretta, un tavolo, una vecchia credenza e quattro sedie in cucina, il resto è vuoto. Le pareti profumano di fresco, di intonaco e di tinta appena stesa.

Lei arriverà tra poco, aprirà con la chiave che le ho dato, come la volta scorsa entrerà in camera e senza dire una parola, con la sua solita studiata malizia, si spoglierà lentamente osservandomi e si infilerà nel letto accanto a me. Ogni volta la guardo come un dono del cielo, la sua bellezza è quasi inquietante e non ci sarà al mondo mai nessuno che riuscirà a spiegarmi cosa trovi in me. Ma sta con me.

Stasera in tv, quando rientreremo, vedrò per la prima volta –Chinatown- di Roman Polansky. Ne sarò completamente assorbito, condotto altrove, nel vero divertere. Quanto grande, vasta e spiazzante può essere la vita ed un atto di intelligenza che la descrive...

Mi sento in pace, nel passato sembravo un clandestino della vita. Mi cullo nei miei piccoli progetti realizzati, per ora per me sono abbastanza.

...

La serata è stata dolcissima, abbiamo chiacchierato sotto il porticato, in compagnia, fino a tardi, tra poco accompagnerò a casa Lei. Vivremo insieme? Chi può saperlo.

...

La giornata è finita, è tardi, sono rientrato, mi sono steso sul divano, in tv stanno dando uno speciale sul muro di Berlino che è crollato da poco. La ruota della mia vita gira, senza intoppi e senza troppa fatica, la sottile vena di inquietudine che mi ha sempre accompagnato questa sera è sopita. Lo spleen è sospeso.

Mi addormento, sono felice. ................................................................... (Un giorno, tanti anni fa)
 
Ultima modifica:

Divì

Utente senza meta
Il giorno in cui è nato il mio nipotino, quattro anni fa. Ricordo perfettamente l'attesa fuori dalla sala parto..... Con il mio ex marito, padre di mio figlio. Mano nella mano e trepidante attesa..... Lui mi dice: avevi ragione tu.... Con gli occhi pieni di lacrime che non si decidono a scendere. Arriva un messaggio su what's app. È un vocale, il primo vagito del nanetto ❤, e di colpo la sensazione che tutto sia andato al suo posto, di essere arrivati finalmente ad un approdo, l'Alfa e l'Omega si sono incontrati nel nostro universo. Quella sensazione non è più andata via
 

Carola

Utente di lunga data
Be nascita bimbi sicuramente su tutto e tanti altri giorni insieme a loro
Poi l arrivò della nostra cagnona che ci ha cambiato la vita decisamente in meglio
E un giorno in cui ho deciso di non aver epiu paura e fare un salto ( lavorativamente parlando ) da lì la mia vita è cambiata decisamente in meglio e non ringrazierò mai abbastanza chi mi sostenne in quella scelta ✌
 

ionio36

Utente di lunga data
Non dico il più bello, (ne ho molto)ma forse il più importante. Dopo 7 anni ( non più giovanissimo) di disoccupazione o lavori precari, venire assunto in un ente pubblico ( con molto studio e sacrificio) a tempo indeterminato. La mia autostima è tornata ad accompagnarmi.
 
Top