Famiglia felice

bettypage

Utente acrobata
Sì, spesso è così.
Perché una coppia funzioni, occorre abbandonare il proprio centro per trovarne uno comune.
Nella realtà questo non accade sempre . Spesso vi è chi si adatta alle esigenze dell'altro e chi pretende che ciò avvenga.
Secondo me il baricentro muta a seconda dei momenti e delle necessità altrimenti lo squilibrio a lungo andare fa crollare tutti
 

Brunetta

Utente di lunga data
Personalmente sono entrata in crisi con la maternità e quando sono uscita da questa crisi d'identità non ho avuto difficoltà a riconoscere la mia illusione egocentrica. Semplicemente l'arrivo dei mie bimbi(adorati) ha rivoluzionato la mia vita molto più di quella di mio marito. Ne sono uscita con molta consapevolezza e soprattutto mi aspetto che questi terremoti interiori possano ripresentarsi. La coppia è composta da 2 individui mutevoli. Non si può pensare di cristalizzarsi e neanche un'evoluzione simbiotica.
Credo quindi che le famiglie felici siano composte da coppie in cui le crisi si affrontino come opportunità di crescita e non come un liberi tutti. C'è disciplina e forza di volontà per far funzionare il rapporto, nonché onestà intellettuale e confronto o semplicemente come dice Nietzsche:
In procinto di contrarre un matrimonio bisogna porsi la domanda: credi tu di poter ben conversare fino alla vecchiaia con questa donna? Ogni altra cosa nel matrimonio è transitoria, mentre la maggior parte del tempo della vita comune è presa dalla conversazione.
Ma sai al momento del matrimonio c’è entusiasmo e quella euforia di iniziare una fase nuova non fa vedere molto di sé e dell’altro. Che ne sappiamo di come evolveremo e di come evolverà l’altro?
È com cambiare casa. Sembra una meravigliosa opportunità, ma poi i vicini fanno rumore, si rompe la braga, cambiamo lavoro e ci tocca fare più strada e la casa ci piace molto meno. Ma abbiamo il mutuo e case migliori non sono a nostra portata.
Quello che io avrei voluto era onestà.
 
Ultima modifica:

ologramma

Utente di lunga data
Ragazzuoli ricordo che una volta il matrimonio era una cosa seria mi spiego ,ho detto di mio nonno hai primi del novecento conobbe mia nonna e scrisse una lettera ai suoi genitori che dopo verifiche accettarono. Matrimonio felice cinque figli ,fuori in tenera età ,gli antibiotici non c'erano se no ..., Miei genitori si conobbero ora della seconda guerra mondiale fidanzato e dopo matrimonio e nacqui io e dopo mio fratello ,unione lunga e vista da me fino all'ultimo rispettosa e felice, già era simile alle nostre storie.Quindi io conobbi mia moglie ,sposati ,figli due , vissuto felicemente le tappe della vita che ci ha proposto ,superato ostacoli insieme ,peccato il mio scivolamento se no la cosa era perfetta ,viviamo ancora in armonia ,gioiamo dell'essere nonni, abbiamo una marea di cose che ci piacciono fare insieme ,solo quella cosina non scoperta sta nel mio cervello in quel angolino che delle volte riaffiora non rinnego quello che ho fatto ,lo sapete l'ho scritto molte volte ma ricordo che ci sono altre cose ha minare una unione perfetta non sto ad elencare ,solo se la famiglia è unita tutto si supera .Questo è il mi ma ad altri non può andar bene e qui nascono casini
 
Top