Dolcezza dopo un tradimento

Foglia

utente viva e vegeta
Ma figurati, per il passato non posso fare più niente, oramai ho accettato quello che è stato è sto solo cercando di capire come superare la cosa nel presente e nel futuro. Non è facile. Ma sono IO responsabile di essermi prestata a quella dinamica. È questo che devi far capire alla tua amica. Lui non chiede dolcezza. Sta chiedendo un buco dopo averla tradita. E sta implicitamente giustificando il suo tradimento con la mancanza di un buco. E lo sta facendo dopo un mese dalla scoperta del tradimento (se ho ben capito). Bene, non è il "concedersi" che salverà il suo matrimonio, e se fosse si deve domandare a quale prezzo. Che si ponga bene questa domanda. Lui si sente di dettare regole. Questo è. Se lei accetta che lui detti regole, che lei non si aspetti che una volta "concessa" la figa (ciò che vuole), Il resto sia una strada in discesa. È solo l'ingresso in una dinamica a perdere, per lei. Dove conduca questo rapporto di forza non lo so, ma non le auguro di entrarci. Prove alla mano, io lo affronterei a viso aperto, e soprattutto a porta di casa ben spalancata, alla prossima critica. Vedrai che metterà la coda tra le gambe, a quel punto. E a quel punto lei dovrà fare la massima attenzione per capire se dopo la coda tra le gambe c'è la voglia di ricostruire, o c'è solo la voglia di lasciare calmare le acque.
 

Brunetta

Utente di lunga data
Ma figurati, per il passato non posso fare più niente, oramai ho accettato quello che è stato è sto solo cercando di capire come superare la cosa nel presente e nel futuro. Non è facile. Ma sono IO responsabile di essermi prestata a quella dinamica. È questo che devi far capire alla tua amica. Lui non chiede dolcezza. Sta chiedendo un buco dopo averla tradita. E sta implicitamente giustificando il suo tradimento con la mancanza di un buco. E lo sta facendo dopo un mese dalla scoperta del tradimento (se ho ben capito). Bene, non è il "concedersi" che salverà il suo matrimonio, e se fosse si deve domandare a quale prezzo. Che si ponga bene questa domanda. Lui si sente di dettare regole. Questo è. Se lei accetta che lui detti regole, che lei non si aspetti che una volta "concessa" la figa (ciò che vuole), Il resto sia una strada in discesa. È solo l'ingresso in una dinamica a perdere, per lei. Dove conduca questo rapporto di forza non lo so, ma non le auguro di entrarci. Prove alla mano, io lo affronterei a viso aperto, e soprattutto a porta di casa ben spalancata, alla prossima critica. Vedrai che metterà la coda tra le gambe, a quel punto. E a quel punto lei dovrà fare la massima attenzione per capire se dopo la coda tra le gambe c'è la voglia di ricostruire, o c'è solo la voglia di lasciare calmare le acque.
Prescindendo dalla tua storia, non è detto che gli uomini siano così grezzi.
Il sesso non è solo penetrazione e contorno, è principalmente comunicazione e conferma di sé, oltreche piacere che libera dalla tensione. Se uno dei due lo mette sul piano di concessione o peggio lo fanno entrambi è un disastro.
 

Foglia

utente viva e vegeta
Prescindendo dalla tua storia, non è detto che gli uomini siano così grezzi.
Il sesso non è solo penetrazione e contorno, è principalmente comunicazione e conferma di sé, oltreche piacere che libera dalla tensione. Se uno dei due lo mette sul piano di concessione o peggio lo fanno entrambi è un disastro.
Eh sì. Però dubito che lui non ci arrivi, a capire che il problema è il dialogo su quanto successo. E questo la dice lunga sulla considerazione che ha della moglie. A quel punto tocca a lei accettare o meno di essere considerata l'erogatore di un servizio per il marito. Direi che se lui lamenta la mancanza di dolcezza, lei potrebbe chiedere a lui di favorirà, con altro che lei si senta al di fuori del sesso. Che se fatto per adempiere a un "dovere" PRESUNTO, non è divertente. Vuoi dolcezza? Benissimo. Che si fa di bello oggi atto a favorire il fatto che.... Non che io scopi, ma che sia più rilassata con te? Ammesso e non concesso che lei abbia poi ancora voglia di passare tempo con lui.... altrimenti le domande sono altre ancora. Io per intanto gli farei capire che tutta questa posizione di forza, prove delle corna alla mano, lui non ce l'ha. Poi mi divertire i a vederlo abbassare le pretese. E poi proverei a capire cosa voglio io. Purtroppo non è da tutti sentire il proprio errore, e pentirsene sinceramente. A questo punto magari (magari) un paio di reazioni dure servono a riportare il bellimbusto coi piedi per terra, se gli interessa il rapporto. Se gli interessa comandare per soddisfare i suoi bisogni, ripeto: la porta è quella, e le prove per l'addebito magari ci sono pure. Con certi, funziona solo questo tipo di linguaggio. Bisogna farsene una ragione anche in questi casi ;)
 

Brunetta

Utente di lunga data
Eh sì. Però dubito che lui non ci arrivi, a capire che il problema è il dialogo su quanto successo. E questo la dice lunga sulla considerazione che ha della moglie. A quel punto tocca a lei accettare o meno di essere considerata l'erogatore di un servizio per il marito. Direi che se lui lamenta la mancanza di dolcezza, lei potrebbe chiedere a lui di favorirà, con altro che lei si senta al di fuori del sesso. Che se fatto per adempiere a un "dovere" PRESUNTO, non è divertente. Vuoi dolcezza? Benissimo. Che si fa di bello oggi atto a favorire il fatto che.... Non che io scopi, ma che sia più rilassata con te? Ammesso e non concesso che lei abbia poi ancora voglia di passare tempo con lui.... altrimenti le domande sono altre ancora. Io per intanto gli farei capire che tutta questa posizione di forza, prove delle corna alla mano, lui non ce l'ha. Poi mi divertire i a vederlo abbassare le pretese. E poi proverei a capire cosa voglio io. Purtroppo non è da tutti sentire il proprio errore, e pentirsene sinceramente. A questo punto magari (magari) un paio di reazioni dure servono a riportare il bellimbusto coi piedi per terra, se gli interessa il rapporto. Se gli interessa comandare per soddisfare i suoi bisogni, ripeto: la porta è quella, e le prove per l'addebito magari ci sono pure. Con certi, funziona solo questo tipo di linguaggio. Bisogna farsene una ragione anche in questi casi ;)
Ma è sicuro che tutti siano in grado di comunicare il profondo? E tutti le conoscono le proprie profondità?
Perché ci sono molte forme di psicoterapia e tanti psicoterapeuti hanno la fila fuori dallo studio?
È vero che in questo caso noi non stiamo dialogando con la diretta interessata e il tramite è Lara che ha ovviamente una conoscenza limitata della situazione.
Però dobbiamo considerare la possibilità che i due siano confusi e parzialmente consapevoli, come tutti.
 

Foglia

utente viva e vegeta
Ma è sicuro che tutti siano in grado di comunicare il profondo? E tutti le conoscono le proprie profondità?
Perché ci sono molte forme di psicoterapia e tanti psicoterapeuti hanno la fila fuori dallo studio?
È vero che in questo caso noi non stiamo dialogando con la diretta interessata e il tramite è Lara che ha ovviamente una conoscenza limitata della situazione.
Però dobbiamo considerare la possibilità che i due siano confusi e parzialmente consapevoli, come tutti.
Bruni, però, se sono confusa, sento la confusione dentro me stessa. E se sto confusa, non vado dall'altro a dettare regole. Esempio pratico della storia: metti caso (improbabilissimo eh) che lui si stia domandando se non sia meglio per lui provare a stare con l'amante, e quindi metta in discussione il suo matrimonio. Davvero la soluzione è chiedere alla moglie di scopare, sapendo che lo farebbe minimo minimo controvoglia? Davvero se a una moglie non va di scopare la voglia torna per magia criticandola? La realtà è molto più semplice: ci sono momenti in cui non va di scopare. E non va perché lo scopare è legato al "chi" ti dovresti scopare. Non dico che si debbano avere le idee chiare. E capisco benissimo il tuo discorso: ho continuato a non ascoltarmi a oltranza, perciò figurati ;)
Io non posso certo tornare indietro, e fidati che non lo farei comunque 😂😂😂
Posso solo ragionare su questo tema alla luce della mia esperienza. Consapevole che non tutte le storie sono come la mia. Ma la mia esperienza.... quella è. E sicuramente capisco la confusione che si possa avere in testa in certi momenti: laddove basterebbe ascoltarsi, prima ancora di ascoltare l'altro. Ad ascoltare il mio ex e a zittire me stessa di errori ne ho fatti a iosa. Quando sento che dopo un tradimento "lui critica e chiede dolcezza, alias di scopare, impossibile non sentire certi "echi, ma comunque suona oggettivamente brutto a prescindere. Poi certo: la storia è parziale, e filtrata.
 

Brunetta

Utente di lunga data
Bruni, però, se sono confusa, sento la confusione dentro me stessa. E se sto confusa, non vado dall'altro a dettare regole. Esempio pratico della storia: metti caso (improbabilissimo eh) che lui si stia domandando se non sia meglio per lui provare a stare con l'amante, e quindi metta in discussione il suo matrimonio. Davvero la soluzione è chiedere alla moglie di scopare, sapendo che lo farebbe minimo minimo controvoglia? Davvero se a una moglie non va di scopare la voglia torna per magia criticandola? La realtà è molto più semplice: ci sono momenti in cui non va di scopare. E non va perché lo scopare è legato al "chi" ti dovresti scopare. Non dico che si debbano avere le idee chiare. E capisco benissimo il tuo discorso: ho continuato a non ascoltarmi a oltranza, perciò figurati ;)
Io non posso certo tornare indietro, e fidati che non lo farei comunque 😂😂😂
Posso solo ragionare su questo tema alla luce della mia esperienza. Consapevole che non tutte le storie sono come la mia. Ma la mia esperienza.... quella è. E sicuramente capisco la confusione che si possa avere in testa in certi momenti: laddove basterebbe ascoltarsi, prima ancora di ascoltare l'altro. Ad ascoltare il mio ex e a zittire me stessa di errori ne ho fatti a iosa. Quando sento che dopo un tradimento "lui critica e chiede dolcezza, alias di scopare, impossibile non sentire certi "echi, ma comunque suona oggettivamente brutto a prescindere. Poi certo: la storia è parziale, e filtrata.
Non dicevo proprio a te o non solamente a te.
Ma noi non siamo in quella coppia lì. E quando una persona chiede di scopare non è un coniglio che segue l’istinto riproduttivo, infatti noi umani scopiamo anche quando la riproduzione è impossibile.
Quando si chiede di scopare si sta chiedendo di essere accettati prima di tutto e poi di vedere che c’è una disponibilità a comprendere.
Ma se non si riesce nemmeno a intuire questo, diventa “io ho detto no” e “invece io dico sì”.
Parole inutili
 

Foglia

utente viva e vegeta
Non dicevo proprio a te o non solamente a te.
Ma noi non siamo in quella coppia lì. E quando una persona chiede di scopare non è un coniglio che segue l’istinto riproduttivo, infatti noi umani scopiamo anche quando la riproduzione è impossibile.
Quando si chiede di scopare si sta chiedendo di essere accettati prima di tutto e poi di vedere che c’è una disponibilità a comprendere.
Ma se non si riesce nemmeno a intuire questo, diventa “io ho detto no” e “invece io dico sì”.
Parole inutili
Se io scopo con una persona è perché la voglio, la desidero. L'accettazione passa un po' in secondo piano, per come la penso io ora. Mettiamoci però nei panni del traditore: sono stato sgamato e desidero essere accettato di nuovo da mia moglie. Questo desiderio lo soddisfo con i miei modi, oppure con le modalità che mia moglie (che legittimamente può essere incazzata e desiderare di non avere rapporti fisici) è pronta ad accettare? Non so eh: una scopre un tradimento, e in più deve accettare le critiche del traditore che vuole scopare???? Non mi torna....
 

Brunetta

Utente di lunga data
Se io scopo con una persona è perché la voglio, la desidero. L'accettazione passa un po' in secondo piano, per come la penso io ora. Mettiamoci però nei panni del traditore: sono stato sgamato e desidero essere accettato di nuovo da mia moglie. Questo desiderio lo soddisfo con i miei modi, oppure con le modalità che mia moglie (che legittimamente può essere incazzata e desiderare di non avere rapporti fisici) è pronta ad accettare? Non so eh: una scopre un tradimento, e in più deve accettare le critiche del traditore che vuole scopare???? Non mi torna....
Ma io non parlavo di un traditore specifico, ma di ciò che ogni essere umano conosce o non conosce di sé e degli altri
 

danny

Utente di lunga data
Prescindendo dalla tua storia, non è detto che gli uomini siano così grezzi.
Il sesso non è solo penetrazione e contorno, è principalmente comunicazione e conferma di sé, oltreche piacere che libera dalla tensione. Se uno dei due lo mette sul piano di concessione o peggio lo fanno entrambi è un disastro.
No, no, è soprattuto penetrazione e tanto, tanto, tanto contorno.
Per la comunicazione mi basta Facebook.




(gli effetti del lockdown, quando il tuo cane lecca più patate di te)
 

Brunetta

Utente di lunga data
No, no, è soprattuto penetrazione e tanto, tanto, tanto contorno.
Per la comunicazione mi basta Facebook.




(gli effetti del lockdown, quando il tuo cane lecca più patate di te)
😂😂😂😂
Intendevo che mentre c’è penetrazione c’è comunicazione
 

ologramma

Utente di lunga data
Top