Dolcezza dopo un tradimento

Lara3

Utente di lunga data
Ultimamente do un supporto psicologico ad un’amica in seguito ad un tradimento subito.
Sposata con figli piccoli, ha scelto di riprovare.
Ma il marito le contesta la mancanza di dolcezza.
Li frequento, conosco bene entrambi e non mi sembra che lui sia mai stato molto gentile e dolce con lei : al contrario.
Lei prima del tradimento, o meglio della scoperta, era molto gentile, dolce e disponibile con lui. Adesso meno.
E lui critica questa cosa.
Io non vedo da parte di lui degli sforzi per essere gentile con lei; è piuttosto nervoso e critico verso di lei. Ma pretende dolcezza.
Pensando alla mia esperienza, credo sia molto difficile per il tradito essere “dolce” soprattutto quando il traditore non lo è.
Penso che tocchi a lui fare dei passi verso di lei, alla fine dei conti è lei quella delusa e ferita. Pretendere che faccia la geisha con un cesto di corna in testa ... insomma, grazie no !
 

Brunetta

Utente di lunga data
Sappiamo bene tutti qui il meccanismo della mostrizzazione del tradito.
Non sai cosa lui ha attribuito a lei.
Magari la mancanza di personalità e l'ha “salvata” per la dolcezza. E ora lei si permette di non essere dolce?!
Però non credo che lei abbia voluto né potuto raccontare tutto ciò che c’è stato tra lei e il marito.
 

Lara3

Utente di lunga data
Sappiamo bene tutti qui il meccanismo della mostrizzazione del tradito.
Non sai cosa lui ha attribuito a lei.
Magari la mancanza di personalità e l'ha “salvata” per la dolcezza. E ora lei si permette di non essere dolce?!
Però non credo che lei abbia voluto né potuto raccontare tutto ciò che c’è stato tra lei e il marito.
Credo che almeno a me ha raccontato molto, abbastanza. Poi anche prima del tradimento, da osservatrice esterna, ho visto scene tra di loro che mi hanno permesso di farmi un’idea.
Poi ovvio che non sono con loro 24h/24
 

Brunetta

Utente di lunga data
Credo che almeno a me ha raccontato molto, abbastanza. Poi anche prima del tradimento, da osservatrice esterna, ho visto scene tra di loro che mi hanno permesso di farmi un’idea.
Poi ovvio che non sono con loro 24h/24
Intendevo che non eri a letto con loro.
 

Lara3

Utente di lunga data
Intendevo che non eri a letto con loro.
Sicuramente prima di arrivare a letto c’è una giornata in cui ci si scambiano o no parole gentili, l’atteggiamento prima è importante.
Dopo una giornata in cui un coniuge è nervoso e sprezzante verso l’altro credo che è irrilevante se finiscono ( ancora) a letto o no.
L’atteggiamento che io ho visto in lui verso la moglie ( in compagnia di altri) è quello da far passare la voglia di finire a letto. A prescindere dal tradimento che c’è stato.
Non credo nella dolcezza dei 5’ prima dell’atto dopo un’acidità e avversione durata tutta la giornata.
Almeno io sono così.
Infatti è quello che lei lamenta di lui, ed il colmo è che lui critica la mancanza di dolcezza di lei.
Qualcuno/ qualcuna riusciva ad essere “ dolce” dopo la scoperta del tradimento?
 

Pincopallista

Utente di lunga data
Ultimamente do un supporto psicologico ad un’amica in seguito ad un tradimento subito.
Sposata con figli piccoli, ha scelto di riprovare.
Ma il marito le contesta la mancanza di dolcezza.
Li frequento, conosco bene entrambi e non mi sembra che lui sia mai stato molto gentile e dolce con lei : al contrario.
Lei prima del tradimento, o meglio della scoperta, era molto gentile, dolce e disponibile con lui. Adesso meno.
E lui critica questa cosa.
Io non vedo da parte di lui degli sforzi per essere gentile con lei; è piuttosto nervoso e critico verso di lei. Ma pretende dolcezza.
Pensando alla mia esperienza, credo sia molto difficile per il tradito essere “dolce” soprattutto quando il traditore non lo è.
Penso che tocchi a lui fare dei passi verso di lei, alla fine dei conti è lei quella delusa e ferita. Pretendere che faccia la geisha con un cesto di corna in testa ... insomma, grazie no !
Si molti cornafacenti che ho conosciuto rinfacciano molto ai loro cornasubenti, tra cui mancanza di porcaggine o dolcezza.
Il tutto per mascherare il fatto che hanno scelto di accoppiarsi con altre persone per queste presunte mancanze del coniuge.
Dopo la scoperta poi hanno cominciato a fare le vittime ed ad accusare nuovamente il partner di non essere ben disposti nei loro confronti.
La cosa che mi ha sempre stupito e’ la loro faccia tosta.
Ma dico io, un po’ di ritegno non ce l’hai?
 

Ginevra65

Moderator
Staff Forum
Sicuramente prima di arrivare a letto c’è una giornata in cui ci si scambiano o no parole gentili, l’atteggiamento prima è importante.
Dopo una giornata in cui un coniuge è nervoso e sprezzante verso l’altro credo che è irrilevante se finiscono ( ancora) a letto o no.
L’atteggiamento che io ho visto in lui verso la moglie ( in compagnia di altri) è quello da far passare la voglia di finire a letto. A prescindere dal tradimento che c’è stato.
Non credo nella dolcezza dei 5’ prima dell’atto dopo un’acidità e avversione durata tutta la giornata.
Almeno io sono così.
Infatti è quello che lei lamenta di lui, ed il colmo è che lui critica la mancanza di dolcezza di lei.
Qualcuno/ qualcuna riusciva ad essere “ dolce” dopo la scoperta del tradimento?
Il problema è che la tua amica, subisce la critica.
Chi detiene il controllo è ancora lui.
Nel momento in cui lei avrà un atteggiamento d'attacco verso lui , le cose cambieranno.
Non rinfacciare attenzione, ma precisare che lei sta provando a superare la cosa è non le è facile, pertanto sarebbe utili che lui stesse zitto e si impegni a ricostruire anziché lamentarsi.
Se non lo prende di petto, lei si sentirà peggio.
Insomma mandarlo un pochino a fan culo, non fa male.
Precisando che lei non è piu dolce per colpa sua.
 

Vera

Moderator
Staff Forum
Ultimamente do un supporto psicologico ad un’amica in seguito ad un tradimento subito.
Sposata con figli piccoli, ha scelto di riprovare.
Ma il marito le contesta la mancanza di dolcezza.
Li frequento, conosco bene entrambi e non mi sembra che lui sia mai stato molto gentile e dolce con lei : al contrario.
Lei prima del tradimento, o meglio della scoperta, era molto gentile, dolce e disponibile con lui. Adesso meno.
E lui critica questa cosa.
Io non vedo da parte di lui degli sforzi per essere gentile con lei; è piuttosto nervoso e critico verso di lei. Ma pretende dolcezza.
Pensando alla mia esperienza, credo sia molto difficile per il tradito essere “dolce” soprattutto quando il traditore non lo è.
Penso che tocchi a lui fare dei passi verso di lei, alla fine dei conti è lei quella delusa e ferita. Pretendere che faccia la geisha con un cesto di corna in testa ... insomma, grazie no !
Quanto tempo è passato dal perdono?
 

Lara3

Utente di lunga data
Quanto tempo è passato dal perdono?
Direi che perdono non c’è stato, ma solo la volontà di riprovare.
La capisco che è difficile perdonare soprattutto nelle condizioni in cui lui è prepotente e scortese con lei.
Ha scoperto il tradimento un mese fa.
 

Lara3

Utente di lunga data
Il problema è che la tua amica, subisce la critica.
Chi detiene il controllo è ancora lui.
Nel momento in cui lei avrà un atteggiamento d'attacco verso lui , le cose cambieranno.
Non rinfacciare attenzione, ma precisare che lei sta provando a superare la cosa è non le è facile, pertanto sarebbe utili che lui stesse zitto e si impegni a ricostruire anziché lamentarsi.
Se non lo prende di petto, lei si sentirà peggio.
Insomma mandarlo un pochino a fan culo, non fa male.
Precisando che lei non è piu dolce per colpa sua.
Non è il genere che si fa mettere sotto, anzi: sul piano professionale è una tosta. Qualche volta sbotta, ma non serve a nulla. Il marito non capisce che non è lui a dettare regole, soprattutto riguardo la dolcezza... per di più dopo un tradimento.
 

Ginevra65

Moderator
Staff Forum
Non è il genere che si fa mettere sotto, anzi: sul piano professionale è una tosta. Qualche volta sbotta, ma non serve a nulla. Il marito non capisce che non è lui a dettare regole, soprattutto riguardo la dolcezza... per di più dopo un tradimento.
Guarda che sul piano professionale conosco gente con palle e contro palle.
Ma in casa è uno zerbino.
 

Brunetta

Utente di lunga data
Direi che perdono non c’è stato, ma solo la volontà di riprovare.
La capisco che è difficile perdonare soprattutto nelle condizioni in cui lui è prepotente e scortese con lei.
Ha scoperto il tradimento un mese fa.
Mi sembra un tempo brevissimo e insufficiente per uscire da posizioni di contrapposizione.
Credo che in questa fase ogni amico dovrebbe avere prevalentemente un ruolo di ascolto e di supporto di ogni reazione turbinosa e contraddittoria che assuma la persona amica.
 

Vera

Moderator
Staff Forum
Direi che perdono non c’è stato, ma solo la volontà di riprovare.
La capisco che è difficile perdonare soprattutto nelle condizioni in cui lui è prepotente e scortese con lei.
Ha scoperto il tradimento un mese fa.
Un mese è un po' poco. Ognuno ha i suoi tempi. Io penso che, perdono o non perdono, se si decide di dare una seconda possibilità c'è bisogno di impegno da entrambe le parti. Altrimenti meglio lasciare perdere.
A meno che lui non stia trovando l'appiglio per passare dalla parte della ragione.
 

Brunetta

Utente di lunga data
Un mese è un po' poco. Ognuno ha i suoi tempi. Io penso che, perdono o non perdono, se si decide di dare una seconda possibilità c'è bisogno di impegno da entrambe le parti. Altrimenti meglio lasciare perdere.
A meno che lui non stia trovando l'appiglio per passare dalla parte della ragione.
Temo che anche alcuni amici e conoscenti seguano la linea di trovare la parte della ragione per schierarsi.
Mi sembra che molti in tante occasioni si comportino come il bimbo di una mia amica che, vedendo tutti agitati seguendo i Mondiali, alla domanda “Tu per chi tieni?” aveva risposto “Per quello che vince!”
Del resto i partiti fanno “trapelare” prima delle elezioni i risultati di sondaggi da cui risultano vincenti proprio per aumentare i consensi.
Ma credo che non sia utile per le persone coinvolte, che si trovano in condizioni di confusione, avere sei supporter.
 

Vera

Moderator
Staff Forum
Temo che anche alcuni amici e conoscenti seguano la linea di trovare la parte della ragione per schierarsi.
Mi sembra che molti in tante occasioni si comportino come il bimbo di una mia amica che, vedendo tutti agitati seguendo i Mondiali, alla domanda “Tu per chi tieni?” aveva risposto “Per quello che vince!”
Del resto i partiti fanno “trapelare” prima delle elezioni i risultati di sondaggi da cui risultano vincenti proprio per aumentare i consensi.
Ma credo che non sia utile per le persone coinvolte, che si trovano in condizioni di confusione, avere sei supporter.
Capita spesso. Un conto è ascoltare, un altro conto è schierarsi e mettere ulteriori malumori.
A volte le motivazioni non le sanno i diretti interessati, figurati noi amici.
 

Foglia

utente viva e vegeta
Ultimamente do un supporto psicologico ad un’amica in seguito ad un tradimento subito.
Sposata con figli piccoli, ha scelto di riprovare.
Ma il marito le contesta la mancanza di dolcezza.
Li frequento, conosco bene entrambi e non mi sembra che lui sia mai stato molto gentile e dolce con lei : al contrario.
Lei prima del tradimento, o meglio della scoperta, era molto gentile, dolce e disponibile con lui. Adesso meno.
E lui critica questa cosa.
Io non vedo da parte di lui degli sforzi per essere gentile con lei; è piuttosto nervoso e critico verso di lei. Ma pretende dolcezza.
Pensando alla mia esperienza, credo sia molto difficile per il tradito essere “dolce” soprattutto quando il traditore non lo è.
Penso che tocchi a lui fare dei passi verso di lei, alla fine dei conti è lei quella delusa e ferita. Pretendere che faccia la geisha con un cesto di corna in testa ... insomma, grazie no !
Più che a chi "tocchi fare passi, vedo due che stanno valutando se stare ancora insieme oppure no. Lui si sente in una posizione di forza, o almeno vorrebbe avere quella posizione malgrado la scoperta del tradimento. Sarebbe interessante capire i motivi per cui lui si senta di voler ricoprire quella posizione. Il fatto che abbiano figli piccoli (e quindi suppongo che per lei sia difficile pensare a una separazione) può essere determinante, secondo te ma soprattutto secondo la tua amica? Credo che dopo queste scoperte certi equilibri vadano a farsi friggere. Probabilmente lui si sentirà come un leone in gabbia, e lei come quella che pensa di non avere alternative più comode. Questo è. Lei ha le prove del tradimento di lui? Consigliale di farsi un giro da un buon avvocato e di mettere da parte prove (se già non le avesse) delle corna subite. Deciderà dopo cosa farne ;)
Ma sai, certe posizioni "di forza", presunte, possono anche essere smantellate. E di fronte all'ennesima critica, magari di qui ad un paio di mesi, con un po' di prove e di infos in mano, è più incisivo replicare che, se non sta bene, quella è la porta.... A mali estremi, come si suol dire.... ;) A quel punto credo che la tua amica vedrebbe abbassare qualche cresta, e magari un equilibrio nuovo che le permetterà di scegliere il da farsi con più lucidità e con una più concreta alternativa in tasca ;)
 

Lara3

Utente di lunga data
Più che a chi "tocchi fare passi, vedo due che stanno valutando se stare ancora insieme oppure no. Lui si sente in una posizione di forza, o almeno vorrebbe avere quella posizione malgrado la scoperta del tradimento. Sarebbe interessante capire i motivi per cui lui si senta di voler ricoprire quella posizione. Il fatto che abbiano figli piccoli (e quindi suppongo che per lei sia difficile pensare a una separazione) può essere determinante, secondo te ma soprattutto secondo la tua amica? Credo che dopo queste scoperte certi equilibri vadano a farsi friggere. Probabilmente lui si sentirà come un leone in gabbia, e lei come quella che pensa di non avere alternative più comode. Questo è. Lei ha le prove del tradimento di lui? Consigliale di farsi un giro da un buon avvocato e di mettere da parte prove (se già non le avesse) delle corna subite. Deciderà dopo cosa farne ;)
Ma sai, certe posizioni "di forza", presunte, possono anche essere smantellate. E di fronte all'ennesima critica, magari di qui ad un paio di mesi, con un po' di prove e di infos in mano, è più incisivo replicare che, se non sta bene, quella è la porta.... A mali estremi, come si suol dire.... ;) A quel punto credo che la tua amica vedrebbe abbassare qualche cresta, e magari un equilibrio nuovo che le permetterà di scegliere il da farsi con più lucidità e con una più concreta alternativa in tasca ;)
Grazie, ha le prove certe e mi ha detto ieri che sospetta che lui continua la relazione extra.
Lei è ancora in maternità, le hanno proposto un part time al rientro causa mancanza lavoro. Ha dovuto accettare.
Mi ha confessato che la cosiddetta“ mancata dolcezza “ che le viene contestata tradotta in parole semplici è il suo rifiuto di concedersi.
Penso che dopo un mese dalla scoperta lui deve capire che per lei è difficile.
La cosa peggiore è che anche la famiglia di lei le ha suggerito di “ concedersi “, perché altrimenti “ lui se ne va con l’altra “. Non so chi della famiglia, era di fretta, non poteva dire di più.
 

Foglia

utente viva e vegeta
Grazie, ha le prove certe e mi ha detto ieri che sospetta che lui continua la relazione extra.
Lei è ancora in maternità, le hanno proposto un part time al rientro causa mancanza lavoro. Ha dovuto accettare.
Mi ha confessato che la cosiddetta“ mancata dolcezza “ che le viene contestata tradotta in parole semplici è il suo rifiuto di concedersi.
Penso che dopo un mese dalla scoperta lui deve capire che per lei è difficile.
La cosa peggiore è che anche la famiglia di lei le ha suggerito di “ concedersi “, perché altrimenti “ lui se ne va con l’altra “. Non so chi della famiglia, era di fretta, non poteva dire di più.
Non si deve "concedere, credo che sia naturale che dopo la scoperta certe cose non siano più spontanee, non si senta il desiderio dell'altro. Peraltro: gran bella faccia tosta. Ma in sostanza si sta giustificando di cercare fuori perché a casa ORA non tromba, o sta dicendo che non trombava abbastanza nemmeno prima? E sta dicendo (non all'amante, che spesso è un buco, anche se non sempre) ma alla moglie che la sua ritrovata fedeltà dipenderebbe dal numero delle scopate post tradimento? Bel tipino.... ma anche coi parenti non mi sembra molto messa bene, pare di sentire i consigli che si davano (rigorosamente alla donna) cent'anni fa. Che l'uomo è uomo, e la donna deve soddisfare certi suoi bisogni. Me lo ripeteva anche il mio ex: di' pure alla tua amica che quel che feci io per soddisfarlo e quietarlo è stato devastante. E che ne porterò i segni a vita.
 

Lara3

Utente di lunga data
Non si deve "concedere, credo che sia naturale che dopo la scoperta certe cose non siano più spontanee, non si senta il desiderio dell'altro. Peraltro: gran bella faccia tosta. Ma in sostanza si sta giustificando di cercare fuori perché a casa ORA non tromba, o sta dicendo che non trombava abbastanza nemmeno prima? E sta dicendo (non all'amante, che spesso è un buco, anche se non sempre) ma alla moglie che la sua ritrovata fedeltà dipenderebbe dal numero delle scopate post tradimento? Bel tipino.... ma anche coi parenti non mi sembra molto messa bene, pare di sentire i consigli che si davano (rigorosamente alla donna) cent'anni fa. Che l'uomo è uomo, e la donna deve soddisfare certi suoi bisogni. Me lo ripeteva anche il mio ex: di' pure alla tua amica che quel che feci io per soddisfarlo e quietarlo è stato devastante. E che ne porterò i segni a vita.
Mi dispiace😔
Le famiglie sono del sud ( Italia), loro si sono trasferiti al nord dopo gli studi . Non so se questa cosa ha influito sulla loro mentalità, ma in effetti, pretendere che si conceda ( subito dopo un tradimento) mi sembra roba da altri tempi.
Peraltro lo pretendeva anche mio exmarito dopo il tradimento, ma non era del sud.
 
Ultima modifica:

Brunetta

Utente di lunga data
Mi dispiace😔
Le famiglie sono del sud ( Italia), loro si sono trasferiti al nord dopo gli studi . Non so se questa cosa ha influito sulla loro mentalità, ma in effetti, pretendere che si conceda ( subito dopo un tradimento) mi sembra roba da altri tempi.
Peraltro lo pretendeva anche mio exmarito dopo il tradimento, ma non era del sud.
Però quando ti avevo detto che non eri nello loro letto, avevi risposto che conoscevi la situazione.
Continui a non essere nel loro letto e lei ti ha detto ciò che si sentiva.
Può non voler fare sesso per infiniti motivi. Certamente la scoperta del tradimento rende tutto più difficile.
 
Top