Cose da giovani.. cose da ricchi.. Cose da belli..

Martes

Utente di lunga data
E si potrebbe continuare con altro..

Molti di noi hanno intimamente la percezione di alcune cose che vengono fatte, come cose che si possono fare se (si è grandi, se si è ricchi, se si è belli, se si è single se si è sposati, etc.. Etc..).

Il motivo è puramente convenzionale, e sono spesso convenzioni affatto personali ma acquisite supinamente dall'ambiente

Quindi quelle cose fatte da chi è fuori target (es. Una cosa "da giovani" fatta da chi giovane non è, una cosa "da belli" fatta da chi oggettivamente bello non è ) ci restituisce una immagine ridicola per chi la fa.

Quali cose vi vengono in mente così istantaneamente, sulle quali operate questa sorta di ragionamento?
Mi viene in mente una mia amica parecchio in sovrappeso che a 40 anni si è iscritta a un gruppo di teatro-danza (realizzano spettacoli tipo musical)... suo marito ha tentato di dissuaderla temendo il ridicolo (più per la stazza che per l'età, ma sempre target è): lei se n'è fregata ed è felicissima e realizzata in questa attività.

Per quanto mi riguarda ho la pessima abitudine, quando perdo la pazienza, di lanciare madonne e usare un linguaggio da scaricatore di porto e nell'attimo successivo mi capita di "autodisapprovarmi" più per il collegamento con l'immagine esterna di me che per la cosa in sé, che obiettivamente sarebbe deprecabile in quanto tale, non solo per una "signora"...😎
 

Brunetta

Utente di lunga data
Credo che ognuno di noi consideri cose adatte e altre inadatte all’età, al fisico, al ruolo.
Del resto i comici basano tutto sulla inopportunità (come ho già detto) ma anche gli attori definiscono i personaggi in base all’abbigliamento, alla gestualità e ai comportamenti. Significa che per il pubblico sono limiti chiari.
 

Ginevra65

Moderator
Staff Forum
Confesso! Mi piacciono molto 🥺. Però non le ho. Tanto non nevica mai. Avevo preso un paio di doposcì classici, ma me li ha fregati mia figlia. 🤷🏻‍♀️
ieri ero in un centro commerciale e una ragazza indossava questi cosi sotto un gonnellone, pareva una befana ( col periodo in tema certamente).
Questione di gusti, io li trovo goffi.
Qualche anno fa me li hanno regalati inversione pantofole😕😕 li ho messi in cantina
 

Brunetta

Utente di lunga data
ieri ero in un centro commerciale e una ragazza indossava questi cosi sotto un gonnellone, pareva una befana ( col periodo in tema certamente).
Questione di gusti, io li trovo goffi.
Qualche anno fa me li hanno regalati inversione pantofole😕😕 li ho messi in cantina
Ieri faceva caldo per sta roba.
Per me sono più inguardabili gli stivali estivi 🤦🏻‍♀️
 

stany

Utente di lunga data
Finora sono state declamate tutte situazioni che prevedono una scelta, la volontà di fare. Come Magari iniziare a giocare a tennis a 60 anni, oppure alla stessa età dedicarsi al free climbing.
Invece un muratore che a 65 anni deve andare ancora sul ponteggio, oppure il lavoratore stradale che asfalta a luglio col catrame, avendo magari 59 anni, oppure un'infermiera con la schiena spezzata che a 63 anni movimenta ancora gli anziani nei propri letti, stanno tutti facendo un qualche cosa che indubbiamente a 25 anni viene meglio e con meno sacrificio.
È la convenzione che ci fa credere che alcune cose non si possono più fare da una certa età; possono risultare sconvenienti da un punto di vista del rischio ma non certo per il fatto che possano urtare il pensiero sociale omologato.
 
Ultima modifica:

Brunetta

Utente di lunga data
Finora sono state declamate tutte situazioni che prevedono una scelta, la volontà di fare. Come Magari iniziare a giocare a tennis a 60 anni, oppure alla stessa età dedicarsi al free climbing.
Invece un muratore che ha 65 anni deve andare ancora sul ponteggio, oppure il lavoratore stradale che asfalta a luglio col catrame, avendo magari 59 anni, oppure un'infermiera con la schiena spezzata che a 63 anni movimenta ancora gli anziani nei propri letti, stanno tutti facendo un qualche cosa che indubbiamente a 25 anni viene meglio e con meno sacrificio.
È la convenzione che ci fa credere che alcune cose non si possono più fare da una certa età; possono risultare sconvenienti da un punto di vista del rischio ma non certo per il fatto che possano urtare il pensiero sociale omologato.
Vero.
La domanda ci ha fatto scattare l’anticonformismo diffuso che tende a non voler vedere nella età un limite oggettivo, ma anche nella bellezza (non sia mai che si faccia body shaming!) ma poi se pensiamo alla pensione improvvisamente diventiamo tutti “limitisti“... e lo vediamo chiaramente che gli anni passano.
 

stany

Utente di lunga data
Le cose da ricchi sono da ricchi, non si discute: un disoccupato, un pensionato al minimo non possono acquistare un super attico in centro.

La bellezza è soggettiva purtuttavia non si capisce oggettivamente quali possono essere le cose per i belli e per i brutti.
 

Brunetta

Utente di lunga data
Le cose da ricchi sono da ricchi, non si discute: un disoccupato, un pensionato al minimo non possono acquistare un super attico in centro.

La bellezza è soggettiva purtuttavia non si capisce oggettivamente quali possono essere le cose per i belli e per i brutti.
Direi che i pantaloni bianchi dovrebbero essere indossati solo dalla 42 in giù 🤷🏻‍♀️.
Tornando ai pantaloncini io li trovo fuori luogo in città pure per le dodicenni. Ma è questione di gusto, come per i dopo sci, non è una regola di nessun tipo.
Come scriveva un mio contatto fb ieri, in televisione si vedono presentatrici vestite da sera di mattina. A lei dà fastidio.
 

Brunetta

Utente di lunga data
Ci sono cose che devono restare nella intimità della famiglia?
 
Top