ti amo

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
S

serenity

Guest
cosa significano per voi le parole "ti amo"? quando le dite a qualcuno cosa vorreste comunicargli?
e inoltre (scusate se esagero ma ormai mi conoscete fin troppo bene), il "voler bene " ad una eprsona puo superare "l amore" che si prova per un'altra?
per me sono due cose distinte e separate che possono tranquillamente convivere nella maggior parte dei casi, ma non se stiamo parlando dei sentimenti che si provano rispettivamente per la moglie e per l "amante".


baciotti

sery
 

Bruja

Utente di lunga data
Mah!

Io quelle parole le ho dette poche volte e qualcuna di quelle volte mi sono anche pentita di averle dette.
Quantoalla convivenza con il voler bene, nelle relazioni sentimentali le differenze hanno più un valore assolutorio perchè ci si conforta nel credere che non si toglie nulla a nessuno essendo due sentimenti diversi.
Comunque di solito vince il bene sull'amore perchè ha le chance delle cose stabili contro quelle delle cose entusiastiche, e l'entusiasmo dura fino all'abitudine che è lo stesso motivo per cui si è cercato un nuovo entusiasmo.
Bruja
 
S

serenity

Guest
io sono daccordo con te sulla funzione assolutoria di certe affermazioni, ma credo che le scelte che si fanno a favore del bene che stravince sull amore, siano in gran parte dettate dal dover convivere QUOTIDIANAMENTE poi con il peso della decisione presa. Le amanti non vivono con loro, e quindi loro non sapranno e non vedranno mai la sofferenza che causano. possono si immaginarsela, ma mai vederla, cosa che invece sarebbero costretti a fare se l amore vincesse sul bene...
quindi si ritorna al discorso iniziale: vigliaccheria, ipocrisia, e via dicendo... basi su cui sono costruiti tutti i rapporti a tre...

sery
 
S

serenity

Guest
credo sia successo a tutti... e a chi non è capitato prima o poi capitera'... ( faccio la iettatrice oggi eheheheh)
ma che cappero vuol dire ti amo?
al momento io la vedo come una bella presa per i fondelli, ma credo sia fisiologico visti i precedenti,
vuol dire: ti apprezzo per quello che sei, non posso vivere senza di te, ti stimo, voglio costruire il mio futuro con te, voglio che tu sia solo mio/a, etc etc?
ma se gia si ha una persona con la quale si fanno ste cose che senso ha scindere i due sentimenti?
sarebbe meglio dire: tu m attizzi e mi fai sentire vivo. lei mi da la sicurezza che peggio di com'è non potra essere...
sono troppo cruda eh
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data

Bruja

Utente di lunga data
Serenity

io sono daccordo con te sulla funzione assolutoria di certe affermazioni, ma credo che le scelte che si fanno a favore del bene che stravince sull amore, siano in gran parte dettate dal dover convivere QUOTIDIANAMENTE poi con il peso della decisione presa. Le amanti non vivono con loro, e quindi loro non sapranno e non vedranno mai la sofferenza che causano. possono si immaginarsela, ma mai vederla, cosa che invece sarebbero costretti a fare se l amore vincesse sul bene...
quindi si ritorna al discorso iniziale: vigliaccheria, ipocrisia, e via dicendo... basi su cui sono costruiti tutti i rapporti a tre...

sery

Ma in effetti non ho fatto parametri circa la sofferenza ed i disagi indotti. Forse hai una parte di ragione circa la scelta preferenziale del bene, ma è poi così disdicevole se infine ci si rende conto che non si vive di eccezionale (seppure lo sia) ma di quotidiano.
L'eccellenza spesso ha momenti in cui fa morire di fame.... e lo dico in senso allegorico, mentre il quotidiano raramente crea tanti scompigli.
Capisco bene che si cia tutta una filosofia sul vivi oggi, meglio un giorno da leone etc... ma quella per me è bieca retorica buona per chi alla fine si adagia alle soluzioni accomodanti ed appaganti come il tradimento.
L'ipocrisia e un po' di viltà è scontata nel tradimento, non si chiamerebbe così diversamente.
Sai cosa ho sempre nei tradimenti scoperti e decantati, quando le cose in qualche modo si sono assestate in maniera da essere analizzate per quanto possibile a freddo? Qualcosa che non trapela mai dai post se non in forma rabbiosa, mentre per me è metodica e intenzionale..... un certo disprezzo per chi ha tradito perchè alla fine, comunque sia ha dato si sè una immagine abbastanza squallida. Sembra che non sia così, ma in coppie ricomposte o separate questo l'ho sedmpre notato chi ha subito un tradimento avrà sempre verso chi ha tradito, una volta sduperato il momento acuto, uno sguardo da signore delle proprie capacità di autogoverno verso chi non ha saputo gestire i sensi, e non tanto per quelli, ma per come hanno ridotto la sua credibilità!
In fondo chi abusa della affidabilità altrui come è considerato genericamente, anche al di fuori del tradimento?
Bruja
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
amore amore

Credo che ogni persona dia un valore diverso alle parole "ti amo" c'è chi lo dice a tutti e chi solo quando sente che è profondamente sentito. Io amore lo dico come "parolina dolce" ai bambini. Ma ti amo non lo dico con leggerezza. Anche alla stessa persona posso dirlo, quando è vero, e non dirlo, quando il sentimento è più tiepido.
A queste parole attribuisco un valore di grande trasporto. Ma a questo trasporto potrebbero non seguire atti che potrebbero causare problemi ad altre persone. Per me nessun sentimento può essere disgiunto dalla responsabilità nei confronti delle persone di cui ce la si è assunta.

Ma Alberto Sordi ha scritto una canzone brevissima su musica di Piccioni che spiega la leggerezza con cui la si può usare




Amore Amore Amore
Amore, amore, amore,
amore, amore, amore,
amore, amore, amore,
lo dici sempre, amore
ma ci credi veramente
tanto tanto tanto poco
lo fai per gioco.
Non c'è parola al mondo
più romantica, ma tu
la butti al vento
ogni momento
l'hai detto a me
ed ho creduto in te
ma oggi sento che
lo dici a tutti, meno a me.

 
S

serenity

Guest
...ma è poi così disdicevole se infine ci si rende conto che non si vive di eccezionale (seppure lo sia) ma di quotidiano...


di disdicevole c'è tradire non solo la fiducia del compagno ufficiale, ma anche le aspettative e i sogni dell amante. è disdicevole proclamare amore a gran voce quando si è in crisi col marito/moglie e poi invece fregarsene quando le cose rientrano nella normalita'. è disdicevole togliere ad entrambe le figure la possibilita di vivere serenamente, solo per puro egoismo. E' disdicevole che passata la tempesta queste persone che riescono a fare paragoni assurdi tra amore e voler bene dopo un po ricomincino la ricerca dell "emozione" e dell " amore"...
ed è disdicevole che ci siano donne, madri, compagne che decidano di buttare via la loro unica esistenza dietro a certe persone... in primis io...



 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
Già

Ma in effetti non ho fatto parametri circa la sofferenza ed i disagi indotti. Forse hai una parte di ragione circa la scelta preferenziale del bene, ma è poi così disdicevole se infine ci si rende conto che non si vive di eccezionale (seppure lo sia) ma di quotidiano.
L'eccellenza spesso ha momenti in cui fa morire di fame.... e lo dico in senso allegorico, mentre il quotidiano raramente crea tanti scompigli.
Capisco bene che si cia tutta una filosofia sul vivi oggi, meglio un giorno da leone etc... ma quella per me è bieca retorica buona per chi alla fine si adagia alle soluzioni accomodanti ed appaganti come il tradimento.
L'ipocrisia e un po' di viltà è scontata nel tradimento, non si chiamerebbe così diversamente.
Sai cosa ho sempre nei tradimenti scoperti e decantati, quando le cose in qualche modo si sono assestate in maniera da essere analizzate per quanto possibile a freddo? Qualcosa che non trapela mai dai post se non in forma rabbiosa, mentre per me è metodica e intenzionale..... un certo disprezzo per chi ha tradito perchè alla fine, comunque sia ha dato si sè una immagine abbastanza squallida. Sembra che non sia così, ma in coppie ricomposte o separate questo l'ho sedmpre notato chi ha subito un tradimento avrà sempre verso chi ha tradito, una volta superato il momento acuto, uno sguardo da signore delle proprie capacità di autogoverno verso chi non ha saputo gestire i sensi, e non tanto per quelli, ma per come hanno ridotto la sua credibilità!
In fondo chi abusa della affidabilità altrui come è considerato genericamente, anche al di fuori del tradimento?
Bruja
Per quanto riguarda il disprezzo in confronto alla mia capacità di autogoverno non lo provo molto (per certi specifici comportamenti sì, ma per l'avere tradito in sè no) perché non ho mai pensato che non avrei mai tradito, solo non mi sono trovata nelle condizioni...avendo esigenze "alte".
Mentre per quanto riguarda l'affidabilità, condivido.
Gli statunitensi (non vorrei essere bacchettata dicendo americani...) a volte vengono da noi considerati strani perché danno un peso alla vita privata dei politici che noi non ci sogniamo di dare (basta vedere il credito che si dà a politici strenui difensori della famiglia che hanno bellamente e spudoratamente tradito...).
Ma come è possibile fidarsi di chi ha mentito spudoratamente alle persone a cui avrebbe dovuto dovere più bene e rispetto?
Io ho sempre pensato che mi sarebbero mai state dette bugie perché ho sempre messo in conto ogni possibile evenienza escluso la menzogna.
Ora in effetti provo una diffidenza verso le cose che mi vengono dette che mi provoca un profondo disagio.
 
S

serenity

Guest
Per quanto riguarda il disprezzo in confronto alla mia capacità di autogoverno non lo provo molto (per certi specifici comportamenti sì, ma per l'avere tradito in sè no) perché non ho mai pensato che non avrei mai tradito, solo non mi sono trovata nelle condizioni...avendo esigenze "alte".
Mentre per quanto riguarda l'affidabilità, condivido.
Gli statunitensi (non vorrei essere bacchettata dicendo americani...) a volte vengono da noi considerati strani perché danno un peso alla vita privata dei politici che noi non ci sogniamo di dare (basta vedere il credito che si dà a politici strenui difensori della famiglia che hanno bellamente e spudoratamente tradito...).
Ma come è possibile fidarsi di chi ha mentito spudoratamente alle persone a cui avrebbe dovuto dovere più bene e rispetto?
Io ho sempre pensato che mi sarebbero mai state dette bugie perché ho sempre messo in conto ogni possibile evenienza escluso la menzogna.
Ora in effetti provo una diffidenza verso le cose che mi vengono dette che mi provoca un profondo disagio.



mi hai letto nel pensiero. è esattamente quello che stavo scrivendo nell ennesimo sfogo sul mio ormai mitico quadernino fucsia che mi aiuta nei momenti piu bui a ritrovare la ragione. La cosa piu brutta di quell esperienza è stata il cambiamento che ha prodotto in me: ora sono diffidente, sospettosa, irritabile,e mi trovo a disagio con l altro sesso perche in loro vedo lui. è devastante l effetto che queste esperienze hanno nella nostra vita. è devastante ed irritante. Piu non si vorrebbe dargli piu peso e piu ci si accorge che è una lotta continua, quotidiana.
 

Verena67

Utente di lunga data
[/b][/color]


. è devastante l effetto che queste esperienze hanno nella nostra vita. è devastante ed irritante. Piu non si vorrebbe dargli piu peso e piu ci si accorge che è una lotta continua, quotidiana.
Il tradimento E' devastante, per tutte le persone coinvolte. Per chi lo subisce, per chi lo perpetra (che - se appena smette di mentire con se stesso che sono solo "piacevoli emozioni "- si deve guardare in uno specchio come Dorian Gray e si vede irrimediabilmente imbruttito....), per chi ne è complice.

Non critico chi si racconta e ci racconta che non è così, che "tu chiamale se vuoi...emozioni", ma non è la verità.

La verità è che il tradimento è un atto devastante e DISTRUTTIVO per tutti.

Un bacio!
 

Nobody

Utente di lunga data
Il tradimento E' devastante, per tutte le persone coinvolte. Per chi lo subisce, per chi lo perpetra (che - se appena smette di mentire con se stesso che sono solo "piacevoli emozioni "- si deve guardare in uno specchio come Dorian Gray e si vede irrimediabilmente imbruttito....), per chi ne è complice.

Non critico chi si racconta e ci racconta che non è così, che "tu chiamale se vuoi...emozioni", ma non è la verità.

La verità è che il tradimento è un atto devastante e DISTRUTTIVO per tutti.

Un bacio!
Pensandoci bene però, il tradimento è distruttivo per il tradito solo quando viene scoperto. E questo tantissime volte, soprattutto se non si prolunga nel tempo, non accadrà mai.
Mentre il traditore, come dici tu, avrà la propria immagine infranta da subito.
Ma allora paradossalmente, sembrerebbe che chi ci rimette di più è proprio il traditore.
Mah...
 
O

Old FireWalkWhitMe

Guest
Il tradimento E' devastante, per tutte le persone coinvolte. Per chi lo subisce, per chi lo perpetra (che - se appena smette di mentire con se stesso che sono solo "piacevoli emozioni "- si deve guardare in uno specchio come Dorian Gray e si vede irrimediabilmente imbruttito....), per chi ne è complice.

Non critico chi si racconta e ci racconta che non è così, che "tu chiamale se vuoi...emozioni", ma non è la verità.

La verità è che il tradimento è un atto devastante e DISTRUTTIVO per tutti.

Un bacio!
Verena67, siamo davvero sicuri che il tradimento è devastante anche per chi lo perpetra? Non sono affatto devastata, ora, come lo ero quattro anni fa. Sono convinta di quello che faccio, anche se so bene di commettere del male. Ma da convinta, da mia personale scelta di vita, non mi sento devastata.
Devastati sono i traditi (lo sono stata anch'io e ne so qualcosa). Ma non i traditori. O almeno, pochi di loro. Pochi.
Laura
 
O

Old FireWalkWhitMe

Guest
Pensandoci bene però, il tradimento è distruttivo per il tradito solo quando viene scoperto. E questo tantissime volte, soprattutto se non si prolunga nel tempo, non accadrà mai.
Mentre il traditore, come dici tu, avrà la propria immagine infranta da subito.
Ma allora paradossalmente, sembrerebbe che chi ci rimette di più è proprio il traditore.
Mah...
E' vero: il tradimento è distruttivo per il tradito solo se lo viene a sapere. Il traditore, però, sceglie questo preciso comportamento. Perciò, è vero si che la sua immagine la conosce da subito ma, da persona consenziente, da persona che sceglie il proprio comportamento, chi ci rimette è ancora il tradito.
Laura
 

Verena67

Utente di lunga data
Sono convinta di quello che faccio, anche se so bene di commettere del male. Ma da convinta, da mia personale scelta di vita, non mi sento devastata.
Devastati sono i traditi (lo sono stata anch'io e ne so qualcosa). Ma non i traditori. O almeno, pochi di loro. Pochi.
Laura

Sono sicuramente cose personali, Laura, e ciascuno di noi ci convive come puo' e sente.
Secondo me pero' è un FATTO che il tradimento perpretato alteri l'immagine che abbiamo di noi stessi, non necessariamente in peggio (qualcuno puo' dirsi che è una persona piu' AUDACE di quel che pensava essere, etc., ma mi domando quanto durino queste autoconvinzioni....) ma la ALTERA. Non puo' essere diversamente se si era entrati nell'unione monogama con il patto tacito...che fosse per l'appunto monogama.

Quanto al TRADITO, non ho nessunissimo dubbio - in questo suppportata da ampia letteratura
- che un tradimento di LUNGA durata alteri le condizioni di un matrimonio/unione, anche quando il tradito non sa. Lui non sa, ma il traditore si. Anche l'apparente fenomeno per cui il traditore porta in casa piu' dolcezza e condiscendenza (per compensare il tradito....) e quindi "Il matrimonio migliora", è comunque determinato dalla volonta' UNILATERALE di uno dei due. Se l'altro sapesse, dubito ACCETTEREBBE questo "equo" scambio.

Poi ci possono essere tutti gli equilibri possibili , ma resta il fatto che il tradimento necessariamente IMPATTA su un'unione, anche qualora non venisse MAI scoperto.

Un abbraccio di buona mattinata, gente!
 
O

Old FireWalkWhitMe

Guest
AGGIUNGO

Pensandoci bene però, il tradimento è distruttivo per il tradito solo quando viene scoperto. E questo tantissime volte, soprattutto se non si prolunga nel tempo, non accadrà mai.
Mentre il traditore, come dici tu, avrà la propria immagine infranta da subito.
Ma allora paradossalmente, sembrerebbe che chi ci rimette di più è proprio il traditore.
Mah...
Se fossero i traditori a rimetterci, come spieghi il fatto che è la maggior parte dei traditi a stare male? In teoria dovrebbe essere di gran lunga il contrario. Non credi?
Laura
 
O

Old FireWalkWhitMe

Guest
UNA DOMANDA

Che deve fare riflettere. Se fosse così brutta l'azione del tradimento e se il tradimento facesse stare davvero così male i traditori...come vi spiegate il fatto che siamo così in tanti e che col passare degli anni siamo sempre più?
Saremmo dementi nel scegliere questo tenore di vita sentimentale, se il tutto andasse a nostro discapito. Non credete anche voi?
Laura
 

Verena67

Utente di lunga data
Che deve fare riflettere. Se fosse così brutta l'azione del tradimento e se il tradimento facesse stare davvero così male i traditori...come vi spiegate il fatto che siamo così in tanti e che col passare degli anni siamo sempre più?
Saremmo dementi nel scegliere questo tenore di vita sentimentale, se il tutto andasse a nostro discapito. Non credete anche voi?
Laura
Ma chi sceglie il tradimento di LUNGA DURATA?

Oltre i DUE ANNI, chi ancora tradisce? Che percentuali sulla popolazione?

E non parlo dei traditori "seriali", quelli che passano da un'avventura all'altra (che in quanto tale impattano poco sull'unione principale), ma chi qui in lista ha DA ALMENO DUE ANNI UNA RELAZIONE EXTRA STABILE?! (che non sia single, s'intende, in quel caso, sebbene sia una strategia super perdente, sono cavoli suoi).

Molti, sempre di piu' tradiscono, ma il tradimento è fenomeno volatile e secondo me la stragrande maggioranza di chi investe CUORE nel tradimento se ne pente amaramente
E presto, dopo un anno al massimo.

O sbaglio?!


Un bacio!


P.S. CHI REITERA E' ...DIABOLICOOOOO!!!!
 
O

Old FireWalkWhitMe

Guest
Ma chi sceglie il tradimento di LUNGA DURATA?

Oltre i DUE ANNI, chi ancora tradisce? Che percentuali sulla popolazione?

E non parlo dei traditori "seriali", quelli che passano da un'avventura all'altra (che in quanto tale impattano poco sull'unione principale), ma chi qui in lista ha DA ALMENO DUE ANNI UNA RELAZIONE EXTRA STABILE?! (che non sia single, s'intende, in quel caso, sebbene sia una strategia super perdente, sono cavoli suoi).

Molti, sempre di piu' tradiscono, ma il tradimento è fenomeno volatile e secondo me la stragrande maggioranza di chi investe CUORE nel tradimento se ne pente amaramente
E presto, dopo un anno al massimo.

O sbaglio?!


Un bacio!


P.S. CHI REITERA E' ...DIABOLICOOOOO!!!!
Se si è single non si può commettere adulterio. Da single come fai a tradire?
Oltre i due anni chi ancora tradisce? Quasi tutti. Ora, considera che con alta percentuale di probabilità non tradiamo sempre la stessa persona e con la stessa persona. Possono cambiare i partner ufficiali, come possono cambiare gli amanti. Ma ti assicuro che si può andare avanti per l'intera vita a tradire, senza mai pentirsene.
Verena67, quando non si conoscere il giusto significato dei sentimenti, mai lo si conoscerà. Io lo avevo conosciuto, fino a quattro anni fa quando, dopo una lunga degenza ospedaliera post tradimento subito, ho cambiato la mia scelta di vita.
Cosa ti intendi per "Pentirsi Amaramente"? La maggior parte di noi traditori, sempre per convenienza, finge di pentirsi amaramente con il nostro lui o con la nostra lei ufficiale, per garantire a questi ultimi che siamo cambiati (in caso stia subentrando un distacco da parte loro, distacco che non sarebbe affatto positivo e producente per noi). Ma credi che alla prossima occasione sapremmo darci dei limiti? Raramente accade. Raramente.
Laura
 
Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
Top