Sono in crisi

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
O

Old barby

Guest
di nuovo ciao a tutti.

immagino ke in tanti abbiate pensato "finalmente ci siamo liberati di lei", io purtroppo mi rendo conto ke nn è stato un caso finire su questo forum.
mi rendo anche conto ke certe cose nn posso raccontarle a nessuno e dunque rieccomi qui.

avevo accennato nei precedenti post che venerdì scorso era il sessantesimo compleanno del padre del mio ragazzo, c'era in ballo un uscita tutti insieme per festeggiare, e fin qui tutto normale. purtroppo alla fine della cena, dopo il dolce e in attesa del caffe quest'uomo mi chiama al suo fianco e chiama anche il mio ragazzo e parte con un discorso ke ancora adesso mi mette i brividi. inizia dicendo "allora ragazzi, quando vi sposate?"
nel sentire questa domanda mi è venuto un nodo alla gola e ho iniziato a balbettare, lui ha proseguito "dovete sapere che 60 anni sn un traguardo importante nella vita, ma segnano anche l'inizio della terza età....." ha parlato della pensione prossima, del fatto ke poi avrà tempo libero, e quindi che desidere dei nipotini da viziare e portare in giro. era talmente preso nel suo discorso ke ha anticipato ogni obiezione dicendo pure ke se la nostra preoccupazione erano i soldi, ci ha rassicurato xè è disposto a versare un anticipo per la casa, aprire il mutuo e arredare l'appartamento.

qst cosa ha avuto su di me l'effetto di una doccia gelata, ho capito ke nn solo nn sono pronta x qst cosa, ma lui non è la persona ke voglio al mio fianco x la vita. anzi, mi sono ritrovata a pensare ke finora nn ho conosciuto nessuno ke mi stimoli al punto da ipotizzare un matrimonio.

sabato ero di turno, ma ieri abbiamo passato tutta la giornata insieme io e il mio ragazzo e siamo andati a fare una gita fuori porta, siamo andati fin su al lago di Lugano e abbiamo parlato tutto il giorno di qst cosa, anche lui è rimasto sorpreso e spiazzato da suo padre. siamo giunti entrambi alla conclusione ke noi dobbiamo affrontare questo problema in modo serio xè probabilmente nessuno dei due è intenzionato a compiere qst passo e le motivazioni sono tutte da chiarire, ho avuto come la sensazione ke lui abbia altri interessi, ma non ho voluto ieri insistere su questo tema.

il paradosso di tutto è che una data importante x suo padre, rischia di trasformarsi in un giorno da dimenticare.

alle donne sposate del forum vorrei chiedere se avete mai avuto pressioni dal futuro suocero per fissare la data del matrimonio, come eventualmente avete reagito alla pressione, ma sopratutto cosa avete provato quando vi siete messe a pianificare le nozze. so ke si può essere presi dal panico ma io ho provato proprio terrore, vi prego datemi un parere
 

MK

Utente di lunga data
Scusa

non ho letto i tuoi post precedenti e quindi so poco... Ma assolutamente non farsi condizionare da queste cose. Poi sono drammi.
 

Old strega

Utente di lunga data
di nuovo ciao a tutti.

alle donne sposate del forum vorrei chiedere se avete mai avuto pressioni dal futuro suocero per fissare la data del matrimonio, come eventualmente avete reagito alla pressione, ma sopratutto cosa avete provato quando vi siete messe a pianificare le nozze. so ke si può essere presi dal panico ma io ho provato proprio terrore, vi prego datemi un parere

ho seguito i tuoi precedenti e con tutta onestà credo non ci siano i presupposti per parlare di un matrimonio (ovviamente fondato su sentimento rispetto ecc)

è normale che i parenti e amici inizino a chiedere "quando vi sposate" cosi come dopo il matrimonio chiedono subito " quando un figlio " ecc...
ma lasciarsi condizionare e farlo solo perchè qualcuno preme o crede che vada tutto bene non ha senso...

io ci pensere non bene ma molto di più...
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
Quando abbiamo deciso di sposarci non "frequentavo" altri uomini e, forse, il mio futuro marito non frequentava altre donne.
 

Kid

Utente un corno
di nuovo ciao a tutti.

immagino ke in tanti abbiate pensato "finalmente ci siamo liberati di lei", io purtroppo mi rendo conto ke nn è stato un caso finire su questo forum.
mi rendo anche conto ke certe cose nn posso raccontarle a nessuno e dunque rieccomi qui.

avevo accennato nei precedenti post che venerdì scorso era il sessantesimo compleanno del padre del mio ragazzo, c'era in ballo un uscita tutti insieme per festeggiare, e fin qui tutto normale. purtroppo alla fine della cena, dopo il dolce e in attesa del caffe quest'uomo mi chiama al suo fianco e chiama anche il mio ragazzo e parte con un discorso ke ancora adesso mi mette i brividi. inizia dicendo "allora ragazzi, quando vi sposate?"
nel sentire questa domanda mi è venuto un nodo alla gola e ho iniziato a balbettare, lui ha proseguito "dovete sapere che 60 anni sn un traguardo importante nella vita, ma segnano anche l'inizio della terza età....." ha parlato della pensione prossima, del fatto ke poi avrà tempo libero, e quindi che desidere dei nipotini da viziare e portare in giro. era talmente preso nel suo discorso ke ha anticipato ogni obiezione dicendo pure ke se la nostra preoccupazione erano i soldi, ci ha rassicurato xè è disposto a versare un anticipo per la casa, aprire il mutuo e arredare l'appartamento.

qst cosa ha avuto su di me l'effetto di una doccia gelata, ho capito ke nn solo nn sono pronta x qst cosa, ma lui non è la persona ke voglio al mio fianco x la vita. anzi, mi sono ritrovata a pensare ke finora nn ho conosciuto nessuno ke mi stimoli al punto da ipotizzare un matrimonio.

sabato ero di turno, ma ieri abbiamo passato tutta la giornata insieme io e il mio ragazzo e siamo andati a fare una gita fuori porta, siamo andati fin su al lago di Lugano e abbiamo parlato tutto il giorno di qst cosa, anche lui è rimasto sorpreso e spiazzato da suo padre. siamo giunti entrambi alla conclusione ke noi dobbiamo affrontare questo problema in modo serio xè probabilmente nessuno dei due è intenzionato a compiere qst passo e le motivazioni sono tutte da chiarire, ho avuto come la sensazione ke lui abbia altri interessi, ma non ho voluto ieri insistere su questo tema.

il paradosso di tutto è che una data importante x suo padre, rischia di trasformarsi in un giorno da dimenticare.

alle donne sposate del forum vorrei chiedere se avete mai avuto pressioni dal futuro suocero per fissare la data del matrimonio, come eventualmente avete reagito alla pressione, ma sopratutto cosa avete provato quando vi siete messe a pianificare le nozze. so ke si può essere presi dal panico ma io ho provato proprio terrore, vi prego datemi un parere
Barby, ascolta il buon kid... per l'amor di Dio, non sposarti, lascia il tuo ragazzo. Se non vuoi farlo per te, fallo almeno per lui!

Ciao
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data

Lettrice

Utente di lunga data
Credo che le ipotetiche pressioni del suocero siano l'ultimo dei problemi nella vostra coppia.

Mi sembra assurdo anche porsi il problema delle pressioni del suocero
 
O

Old Asudem

Guest
Quando abbiamo deciso di sposarci non "frequentavo" altri uomini e, forse, il mio futuro marito non frequentava altre donne.
non ho capito perché vi scandalizzi tanto questa risposta di Persa.
ha perfettamente ragione.
Come si possa prendere in esame ,anche solo di riflesso ,l'idea del matrimonio dopo quello che ha scritto barby mi è oscuro.
E non certo per critica.


 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
Persa qualcosa ho letto, ma comunque QUI si parlava di pressioni esterne. Lascerei fuori il resto e le crociate...
Io non faccio crociate.
Ha chiesto la personale esperienza.
La mia personale esperienza la trovo fondamentalmente diversa perché si è partiti da un rapporto esclusivo e coinvolgente.
La pressione della famiglia su un uomo di 32 anni mi sembra ridicola e su di lei irrilevante.
Molto più rilevante è il suo modo di vivere le relazioni.
 

MK

Utente di lunga data
Io non faccio crociate.
Ha chiesto la personale esperienza.
La mia personale esperienza la trovo fondamentalmente diversa perché si è partiti da un rapporto esclusivo e coinvolgente.
La pressione della famiglia su un uomo di 32 anni mi sembra ridicola e su di lei irrilevante.
Molto più rilevante è il suo modo di vivere le relazioni.
Per me non è né ridicola né irrilevante... E mi fermerei a parlare di questo.
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data

Lettrice

Utente di lunga data
E' come parlare di come si costruirà il tetto di una casa, quando non si ha neanche comprato il terreno su cui edificarla.
O progettare una casa ignorando le fondazioni e il terreno su cui poggera'... pura fantasia
 
Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
Top