scelte

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
http://www.psiconline.it/article.php?sid=6570

[SIZE=-1]Nessuno mi può giudicare[/SIZE]
dott.ssa Giacomina Rienz

Parlando con un’amica, si discuteva della situazione in cui un uomo o una donna già impegnato/a si innamori di un’altra persona e del suo successivo comportamento. Lei sosteneva che solo se si ama davvero si decide di lasciare la famiglia e di iniziare una nuova vita, altrimenti si cercano scuse e si tronca con il nuovo partner o si cerca un’alternativa che non comprometta lo status quo. Insomma chi non lascia il compagno non era davvero innamorato, non provava sentimenti profondi.

Ho riflettuto e sono giunta alla conclusione che spesso non si lascia il coniuge nemmeno se con la nuova persona si prova un forte sentimento d’amore.
Occorre far riferimento a come avvenga il processo decisionale. Ciò che porta alla scelta sono elementi soggettivi, legati a fattori sia genetici che acquisiti. Fattori legati all’educazione, alla morale, ai valori e ai disvalori introiettati portano la bilancia a pesare da una parte o dall’altra nel processo decisionale di quel singolo individuo.
Bisogna scegliere e si apre una crisi, ma la crisi deve essere risolta pena la salute psicofisica della persona e la decisione finale sarà determinata da elementi del tutto soggettivi e soprattutto non valutabili da un punto di vista generale.

Venendo alla nostra questione quindi, pur amando molto, si può decidere di restare con il vecchio partner. Si può agire così perché, anche se di poco, il valore ”famiglia”, ad esempio, pesa sul piatto della bilancia decisionale di più di altri aspetti. Oppure l’elemento sicurezza e la paura dell’ignoto pesano di più, per quella persona, della prospettiva di coronare il sogno d’amore con l’amato/a. Una persona può considerare parte fondamentale del proprio io la coerenza, la fedeltà all’impegno preso, alla parola data. D’ altro canto, ci sono persone che possono lasciare il coniuge poiché ritengono, fra l’altro, che altrimenti ingannerebbero se stesse, e non accettano di continuare a vivere con chi non amano più. Ma non hanno più o meno ragione di chi antepone gli impegni presi, di chi resta a casa perché, se non lo facesse, non riuscirebbe più a guardarsi allo specchio.

Quando come psicoterapeuta mi si chiede “che devo fare?”, non si può rispondere, (oltre che per altre ovvie ragioni!) perché non c’è una cosa giusta in assoluto, ma giusta solo per l’equilibrio soggettivo. Alla fine una decisione verrà presa, molto sofferta, ma non giudicabile. Insomma credo che in fin dei conti l’amore sia una delle variabili in gioco, non sempre la più importante. Non è detto che chi decide di non separarsi non si fosse davvero innamorato. Anzi, probabilmente lo era e molto, ma il suo equilibrio psichico non avrebbe retto al venir meno alla promessa fatta.

Ognuno di noi cerca di limitare il più possibile la sofferenza e nelle nostre decisioni alla fine sono pochi, ma fondamentali elementi a farci scegliere, e questi sono differenti per ognuno poiché dipendono sia da caratteristiche innate sia dal mondo interno di esperienze, valori, pregiudizi diversi per ognuno. Ciascuno di noi è un insieme di miriadi di elementi e il nostro comportamento ne è la conseguenza. Non intendo con ciò una sorta di determinismo, noi abbiamo il libero arbitrio e possiamo, volendolo, modificare i nostri punti di vista. Ciò che osservo è che i sentimenti non sempre sono l’elemento chiave in una decisione. L’amore è uno dei tanti elementi che nel singolo individuo portano alla decisione finale.

Tutti dovremmo rispettare le decisioni altrui, non giudicare, poiché non esiste il comportamento giusto in senso assoluto. Non solo, a volte giudichiamo noi stessi. Ad esempio ripensando a una decisione presa nel passato ci biasimiamo, e pentendoci, ci diciamo che avremmo potuto agire diversamente. Spesso invece non è affatto così. Dimentichiamo, infatti, che stiamo valutando con gli elementi attuali un evento del passato, e che ciò che ci influenzò allora potrebbe non esistere più, le condizioni attuali potrebbero essere molto differenti. Ogni decisione può essere capita solo nell’hic et nunc.

Forse dopo aver letto il mio articolo, qualche cuore infranto potrà recuperare la propria autostima. Troppo spesso mi capita di sentire frasi come “non mi amava veramente”, “mi ha preso in giro”, “Tutte quelle belle parole e poi? Sono stato stupido a crederci”. Sì, a volte ci facciamo del male e crediamo di vedere la grande storia d’amore là dove non c’è nulla e ci inganniamo, ma in altri casi l’amore c’era, non ci hanno mentito, ma la persona ha dovuto ignorarlo, poiché per lei altri elementi hanno avuto il ruolo principe nella sua vita e quindi nelle sue decisioni.

Più procedo nella vita e nella professione, più comprendo l’importanza della sospensione del giudizio sulle scelte fatte dal nostro prossimo. Se riuscissimo a non emettere giudizi e a non considerarci portatori dell’unica verità, riusciremmo a elaborare più rapidamente le nostre delusioni. Saremmo in grado di perdonare e comprendere, proveremmo meno spesso rabbia e rancore. Avremmo più energie da dedicare a noi stessi, a leccare le nostre ferite e voltare pagina.
 
O

Old Addos

Guest
Non scelgo

Io non lascerei mia moglie nemmeno per Miss Mondo , poichè ormai ho capito - da precedenti esperienze - che non sarebbe vero amore , ma solo un' infatuazione destinata a durare ics mesi e stop ;

si dice che l' amore non ha età , ma a mio avviso è una panzana cosmica ;

con gli anni ci si indurisce , si acquisiscono tante cose ma se ne perdono altre , fra cui la capacità di entusiasmarsi ;

purtroppo , tanti non riescono a passare indenni questo cambio di dimensione e continuano a vivere di aspettative legate al passato , per cui - e mi riferisco al thread parallelo " Aspettative e delusioni " - non capiscono che il partner ideale - la persona dei sogni - non esiste ;

ci sono invece persone - nell' ipotesi migliore - con tante doti e qualche difetto ; per fortuna direi , poichè niente è più stucchevole della perfezione.
 

Old Actarus

Utente di lunga data
Persa\Ritrovata

Ti ringrazio per aver qui pubblicato questo scritto molto interessante.
L'ho memorizzato perchè non mi vada perso.




grazie.
Actarus
 

MK

Utente di lunga data
niente è più stucchevole della perfezione.
Perfettamente d'accordo con te. Sono illusioni che ci si crea. E' la ricerca dell'emozione per l'emozione che porta a cercare l'impossibile. Il principe azzurro o la principessa azzurra. L'amore si coltiva giorno per giorno. Io mi commuovo sempre quando incontro coppie anziane che si tengono per mano. L'amore è quello per me.
 

Fedifrago

Utente di lunga data
Perfettamente d'accordo con te. Sono illusioni che ci si crea. E' la ricerca dell'emozione per l'emozione che porta a cercare l'impossibile. Il principe azzurro o la principessa azzurra. L'amore si coltiva giorno per giorno. Io mi commuovo sempre quando incontro coppie anziane che si tengono per mano. L'amore è quello per me.
A me invece viene una tristezza immensa quando vede coppie al tavolo di un ristorante che non si guardano quasi neanche più in faccia e non si scambiano più di quattro parole durante una cena...
eppure magari sai che son anni e anni che stanno in quella situazione...e sopravvivono così a loro stessi e ad una aspettativa di amore ormai sepolta..
 

MK

Utente di lunga data
A me invece viene una tristezza immensa quando vede coppie al tavolo di un ristorante che non si guardano quasi neanche più in faccia e non si scambiano più di quattro parole durante una cena...
eppure magari sai che son anni e anni che stanno in quella situazione...e sopravvivono così a loro stessi e ad una aspettativa di amore ormai sepolta..
Ma pure io! No no io parlavo di coppie di anziani che si tengono per mano, si guardano ancora con amore, vivono la quotidianità ancora innamorati come il primo giorno. Esistono!!!! Vorrei tanto capire come si fa... Dove sta il segreto.
 

Fedifrago

Utente di lunga data
Ma pure io! No no io parlavo di coppie di anziani che si tengono per mano, si guardano ancora con amore, vivono la quotidianità ancora innamorati come il primo giorno. Esistono!!!! Vorrei tanto capire come si fa... Dove sta il segreto.
Evidentemente sopravvive quando i punti di contatto son parecchi e anche dopo (se mai avviene) la verifica e la presa di coscienza della non rispondenza al 100% con le proprie apsettative, quel che resta vale abbastanza da esser vissuto insieme.
 
O

Old amarax

Guest
non sono d'accordo

Questo articolo sembra lo zuccherino xgli amnati abbandonati.
Sono parte in causa e lo sai bene.
Pensare che il mio lui non vada via x l'educazione, i condizionamenti...mi ripugna
.
Dov'era l'educazione...dov'erano i condizionamenti quando se ne andava a scopare allegramente in un motel?
No non ci credo.Non ci voglio credere.Se fosse così deventerei una iena e lo sbatterei fuori in un nano secondo.

Credo che chi ama veramente non ci mette molto a decidere di andarsene.Se non lo fa è xchè cmq non è innamorato.Qualcosa lo frena.Mancanza di fiducia...o chissà che altro...tutto quello che vuoi.Ma se si ama si va via.
si deve andar via
 

MK

Utente di lunga data
Evidentemente sopravvive quando i punti di contatto son parecchi e anche dopo (se mai avviene) la verifica e la presa di coscienza della non rispondenza al 100% con le proprie apsettative, quel che resta vale abbastanza da esser vissuto insieme.
Sì credo anch'io sia così. L'importante è essere sinceri nel presentarsi, altrimenti diventa difficile capire. Il mio amore platonico di 20 anni aveva mentalmente tutti i punti di contatto giusti, è l'intimità affettiva (e non solo quella!) che non ho potuto sondare ahahahah

chissà magari ci ritroveremo da vecchietti...
 

Fedifrago

Utente di lunga data
Sì credo anch'io sia così. L'importante è essere sinceri nel presentarsi, altrimenti diventa difficile capire. Il mio amore platonico di 20 anni aveva mentalmente tutti i punti di contatto giusti, è l'intimità affettiva (e non solo quella!) che non ho potuto sondare ahahahah

chissà magari ci ritroveremo da vecchietti...
Hai detto nulla!!
 

MK

Utente di lunga data
Hai detto nulla!!
ahahahahah e lo so bene! Ma tutte le volte che ho provato ad andare oltre si è sempre chiuso. Non gli piacevo fisicamente, credo. Non è che poi quando c'è stata intimità affettiva (e altro) le cose siano andate meglio eh...
 
O

Old Leone 73

Guest
Ma pure io! No no io parlavo di coppie di anziani che si tengono per mano, si guardano ancora con amore, vivono la quotidianità ancora innamorati come il primo giorno. Esistono!!!! Vorrei tanto capire come si fa... Dove sta il segreto.

questione di palle
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
Questo articolo sembra lo zuccherino xgli amnati abbandonati.
Sono parte in causa e lo sai bene.
Pensare che il mio lui non vada via x l'educazione, i condizionamenti...mi ripugna
.
Dov'era l'educazione...dov'erano i condizionamenti quando se ne andava a scopare allegramente in un motel?
No non ci credo.Non ci voglio credere.Se fosse così deventerei una iena e lo sbatterei fuori in un nano secondo.

Credo che chi ama veramente non ci mette molto a decidere di andarsene.Se non lo fa è xchè cmq non è innamorato.Qualcosa lo frena.Mancanza di fiducia...o chissà che altro...tutto quello che vuoi.Ma se si ama si va via.
si deve andar via
Rileggi l'articolo più volte a distanza di tempo.


L'unico modo per capire (tu e lui) perché vuol rimanere per me è solo che esca perché non venga trattenuto dalle altre ragioni.
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
Sì credo anch'io sia così. L'importante è essere sinceri nel presentarsi, altrimenti diventa difficile capire. Il mio amore platonico di 20 anni aveva mentalmente tutti i punti di contatto giusti, è l'intimità affettiva (e non solo quella!) che non ho potuto sondare ahahahah

chissà magari ci ritroveremo da vecchietti...
Non lo escludere...
 
O

Old amarax

Guest
Rileggi l'articolo più volte a distanza di tempo.


L'unico modo per capire (tu e lui) perché vuol rimanere per me è solo che esca perché non venga trattenuto dalle altre ragioni.
ho fatto di più:gli ho inoltrato l'articolo.Voglio una risposta.Precisa.Univoca.Xchè non ce la faccio più.
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data

Grande82

Utente di lunga data
Questo articolo sembra lo zuccherino xgli amnati abbandonati.
Sono parte in causa e lo sai bene.
Pensare che il mio lui non vada via x l'educazione, i condizionamenti...mi ripugna
.
Dov'era l'educazione...dov'erano i condizionamenti quando se ne andava a scopare allegramente in un motel?
No non ci credo.Non ci voglio credere.Se fosse così deventerei una iena e lo sbatterei fuori in un nano secondo.

Credo che chi ama veramente non ci mette molto a decidere di andarsene.Se non lo fa è xchè cmq non è innamorato.Qualcosa lo frena.Mancanza di fiducia...o chissà che altro...tutto quello che vuoi.Ma se si ama si va via.
si deve andar via
continui a vivere nella favola che lui ti ama.
Eppure mi pareva fossimo concordi..... ama solo se stesso.... nessuno che ami può fare per 28mesi (850giorni...) quello che lui ha fatto a te... ha cambiato versione solo perchè sa che non sopporteresti ulteriormente....
 
Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
Top