RIMPIANTI...O RIMORSI?

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
N

Non registrato

Guest
Ciò che sto per raccontarvi, credo non sia un caso isolato..anzi.
Ho 40anni,sono un imprenditore,sposato con una bella donna,dotata di uno spiccato fascino,tanto da essere,io,nella consapevolezza che,VOLENDO,non ci metterebbe piu' di un giorno per"rimpiazzarmi". Preciso che,anch'io,non ho difficolta' ad interloquire con l'altro sesso.Mi definiscono interessante, solare,simpatico,dalla battuta pronta.In una parola,non certo da "buttare".
Premetto una cosa molto importante.NON HO MAI TRADITO.
Vengo al dunque.Tutto e' filato nella normalità,fino a che,2anni fa, ho conosciuto una donna nell'ambito del vicinato lavorativo.
Entrato nel suo esercizio,frequentato da una vasta clientela maschile,il mio primo pensiero è stato:"che bella donna!!".Un classico. Anche lei e' sposata, con due figli, due anni piu' di me, ma portati alla grande. E' stata una cosa fulminea. Le ho sorriso, mi ha sorriso, e abbiamo capito entrambi, che non era un sorriso di circostanza..ERA UN FEELING A PELLE! Qualche giorno, e tra una battuta e l'altra, le ho chiesto il suo numero di telefono.Senza aspettare piu' di tanto, le ho inviato un sms,e lei,mi ha risposto subito. Avevo visto bene!!.E cosi' e' iniziato un bel gioco,fatto di tante battutine,intervallato di tanto in tanto,da qualche complimento carino,fino alla mia ammissione di"non indifferenza" nei suoi confronti.Tutto bello, come in una bella storia. Nuove emozioni,nuove sensazioni,nuovi sentimenti. Canzoni che"parlavano di noi",lunghe telefonate,regali banali,ma che custodiamo come fossero dei diamanti.E poi,anche tante litigate,il tutto vissuto come due fidanzatini ubriachi uno dell'altra.Manca pochissimo per coronare,questo amore(non mi vergogno a dirlo),che arrivano i sensi di colpa nei confronti delle nostre famiglie.Entrambi ci diamo delle regole fondamentali.NON ARRIVARE AL"CORONAMENTO"di questo bellissimo feeling.Per di piu' ci sono i figli,che in questi casi,pagano il conto piu' salato.Ed ecco il colpo di scena.Mia moglie legge qualche messaggino,e inevitabilmente il matrimonio scricchiola.C'è voluta una grossa opera di convincimento,per non farlo saltare.Ma ho dovuto pagare un conto.Fare nome e cognome di"lei".Dovevo pur giustificare,che non era altro che una bella amicizia tra vicini,fatta principalmente di sfotto'.Ci sono riuscito in parte, e abbiamo ricominciato, questa volta piu' da parte mia che sua.Sono seguiti all'incirca duemila SMS!! tutti trascritti e tenuti gelosamente su un dischetto_Ora, dopo l'ultima litigata,lei mi ha pregato di cancellare il suo numero,ed io l'ho presa in parola cancellandola del tutto.Ci sto male, e sicuramente ci sta male anche lei. La domanda che mi faccio,e che mi fa star peggio e' la seguente: E' MEGLIO VIVERE NEL RIMPIANTO DI UN AMORE NON COMPLETAMENTE, O VIVERE NEL RIMORSO SE FOSSE STATO UN AMORE COMPLETO?
 

Verena67

Utente di lunga data
Non registrato ha detto:
Ora, dopo l'ultima litigata,lei mi ha pregato di cancellare il suo numero,ed io l'ho presa in parola cancellandola del tutto.Ci sto male, e sicuramente ci sta male anche lei. La domanda che mi faccio,e che mi fa star peggio e' la seguente: E' MEGLIO VIVERE NEL RIMPIANTO DI UN AMORE NON COMPLETAMENTE, O VIVERE NEL RIMORSO SE FOSSE STATO UN AMORE COMPLETO?
Teso', quesito interessante (e no, non parto prevenuta, ma leggiti il mio post "Essere l'altra donna: libertà o schiavitu'?" per capire COME la tua storia poteva - o è potuta - finire...)
.
Domanda preliminare, cosa intendi per "coronamento"? Il rapporto sessuale? O il lasciare le rispettive famiglie per vivere insieme?
Dici molto, ma in realtà racconti MOLTO poco. Non ci vedo, perdonami, un sufficiente sforzo di ANALISI della situazione.
Per esempio:
a) il matrimonio NON PUO' scricchiolare per un sms di troppo. Andiamo. C'era qualcosa di più, se siete davvero quasi arrivati alla rottura, qualcosa tra di voi coniugi e non solo "esterno";
b) perché litigavate? Fa' uno sforzo di razionalizzazione. Erano litigi estemporanei (e anche qui...un perché profondo c'è sempre
) o celavano la mancanza di PATTI con la tua amante?! Il patto principale che si fa in una coppia dove c'è AMORE è ovviamente il "dove si va a finire": se lei ad un certo punto ti ha chiesto di "cancellarla" è perché siete giunti ad un punto di non ritorno, e non c'era la possibilità di accordarsi sul FUTURO della vostra storia. Chi ha davvero "deciso" questo mancato "coronamento"? Chi l'ha "subito"? In cosa non siete stati "d'accordo"? Se foste stati d'accordo, avreste continuato in eterno ad amanteggiare lietamente, ti pare?

c) Rimpianti o rimorsi? Il rimpianto sa di debolezza, di deficit di volontà (e pertanto mi fa orrore). Il rimorso di avventatezza, ma - a seconda dei casi - può essere peccato più veniale. In amore ahimé bisogna avere il coraggio di leggersi davvero dentro, anche se ciò che leggiamo non ci fa poi tanto piacere. Io sono dell'idea che quando si prendono decisioni definitive (es. "cancellami") uno le idee le ha chiarissime, e a quel punto si è ben OLTRE sia i rimorsi che i rimpianti. Soprattutto, si è OLTRE il rapporto.
Un grosso bacio
 
N

Non registrato

Guest
Fatti questa domanda e datti una risposta

"E' MEGLIO VIVERE NEL RIMPIANTO DI UN AMORE NON COMPLETAMENTE, O VIVERE NEL RIMORSO SE FOSSE STATO UN AMORE COMPLETO?"

Solo tu lo puoi sapere
 

Verena67

Utente di lunga data
Non registrato ha detto:
Fatti questa domanda e datti una risposta

"E' MEGLIO VIVERE NEL RIMPIANTO DI UN AMORE NON COMPLETAMENTE, O VIVERE NEL RIMORSO SE FOSSE STATO UN AMORE COMPLETO?"

Solo tu lo puoi sapere
Secondo me è una domanda retorica che non ha senso concreto, per i motivi che ho spiegato nel mio post precedente.
Alla fine della fiera prendiamo le scelte che davvero VOGLIAMO PRENDERE, assumendocene - se siamo persone adulte - le relative responsabilità. Nessuno può pretendersi di farsi una nuova famiglia senza arrecare il pur minimo danno ai propri congiunti, ma nemmeno si può pretendere di vivere allegramente, senza LUTTO, la rinuncia ad un sentimento "vero". In entrambi i casi il DANNO va accettato e contabilizzato. Ogni singola persona sa dentro di sé che deve pagare il prezzo, le resta solo da scegliere quale (se il rimorso o il rimpianto, ammesso che scegliamo queste categorie che a mio avviso dicono ben poco in vicende umane così complesse). Deve massimizzare le "spese" (per se' e per la sua famiglia)
Tutto il resto sono - con rispetto parlando - seghe mentali.
un bacio
 

Bruja

Utente di lunga data
non registrato

Non rispondo direttamente al tuo quesito, lo hanno fatto altri in modo esauriente.
Vorrei però suggerirti di riflettere su una frase che ritengo molto utile in frangenti così rischiosi in merito a causa/effetto:

"Alle anime superficiali occorrono degli anni per liberarsi di una emozione. L'uomo padrone di sé pone fine ad un dolore con la stessa facilità con la quale improvvisa una gioia"
(Oscar Wilde)

Forse la frase è drastica, ma tant'è, un concetto deve essere conciso ed incisivo per colpire il bersaglio.
In fondo chi inizia una "amicizia sentimentale", generalmente inganna se stesso, magari senza rendersene conto e credendo di potersi autogovernare, e finisce obbligatoriamente con l'ingannare anche gli altri.
Bruja
 
O

Old Albatros

Guest
amicizia sentimentale

A volte l'amicizia sentimentale sottintende il desiderio di un gioco ai confini dell'abbandono che procura più emozioni dell'abbandono stesso....
 

Bruja

Utente di lunga data
Albatros

Insomma,è come giocare a poker per il brivido dell'azzardo, perchè della vincita o della perdita (che di solito è un rischio calcolato) ci interessa relativamente?
Anzi direi meglio, l'abbandono a cui ti riferisci appartiene a chi vuol conoscere fino a dove può arrivare o che vuol vedere fino a dove può far arrivare gli altri?
Interessante argomento, un po' come chi parla delle affinità elettive, che muovono spesso i grandi sentimenti, ma che spesso nascono più dalla comunanza di interessi, abitudini e frequentazioni che dai sentimenti medesimi.
Bah... non farci caso oggi mi sa che sono in una "giornata scettica".
Buona serata
Bruja
 
N

Non registrato

Guest
SCUSATE IL RITARDO.
oh ragazzi!!! non confondiamo la "scappatella" con l'Amore. Quello con la A maiuscola. Non parlo di sesso, ma di sentimenti. Penso che sia normale innamorarsi di una persona e sposarla, mettere alla luce dei figli,formare una bella famiglia, ed essere innamorata della stessa. Come è anche vero che, nel corso della vita, puo' capitare di incontrare una persona, di cui ti senti unito da un filo magico. Noi abbiamo "sacrificato" noi,(non si tratterebbe di scappatelle in alberghi, ma di una cosa piu' seria) con l'amore per la famiglia,moglie/marito compresi.Ecco perche' mi chiedo, e chiedo anche a voi, cosa e' meglio. Vivere di rimpianti, per non essere stati egoisti, o vivere di rimorsi, per aver aver polverizzato due famiglie?
PS.a VERENA67...un GROSSO bacio anche a te
 

Verena67

Utente di lunga data
Non registrato ha detto:
Noi abbiamo "sacrificato" noi,(non si tratterebbe di scappatelle in alberghi, ma di una cosa piu' seria) con l'amore per la famiglia,moglie/marito compresi.Ecco perche' mi chiedo, e chiedo anche a voi, cosa e' meglio. Vivere di rimpianti, per non essere stati egoisti, o vivere di rimorsi, per aver aver polverizzato due famiglie?
PS.a VERENA67...un GROSSO bacio anche a te
grazie del GROSSO bacio e RICAMBIO

Scusa se sono pistina, ma CHI ha deciso? Il tuo NOI mi lascia perplessa...perché se due arrivano a non parlarsi più, per esperienza personale, non è che hanno la stessa identica opinione...
Il caso mio lo sai: io VOLEVO rifarmi una famiglia, nella consapevolezza che si può benissimo addivenire ad una doppia separazione senza che crolli il mondo, lui assolutamente no. Fine della storia: l'ho lasciato, malgrado mi si sia spezzato il cuore. Per cui non ho né rimpianti, né rimorsi.
Il bacio te l'ho già dato
 
N

Non registrato

Guest
Per "abbiamo sacrificato NOI",intendo che non siamo voluti andare(almeno finora!!!),oltre il semplice rapporto di "amicizia", proprio per amore della famiglia. Scusa mi era sfuggito.Il non parlarci più, e' durato poco.E' prassi ormai, che non riusciamo a star litigati piu' di qualche giorno, perchè poi,appena ci si vede,basta un sorriso e...proprio come la prima volta!!!
PS. io invece te ne do un'altro ancor piu' fragoroso...SMAACCKK!!!!!!
 

Verena67

Utente di lunga data
Non registrato ha detto:
Per "abbiamo sacrificato NOI",intendo che non siamo voluti andare(almeno finora!!!),oltre il semplice rapporto di "amicizia", proprio per amore della famiglia.
Cioé...non siete mai stati amanti?!

AHHHHHHH

Bacio
 
N

Non registrato

Guest
OOOOOOOHHHHHHHHHHHH!!!!!! E' TOSTA LA TESTOLINA!!!!!!!!!! se fossimo amanti a tutti gli effetti, altro che tsumani!!!
PS. se rimani ferma, te ne mando un'altro. E ti arriva proprio dove si e' stampato quello di prima......................sulla guancia!!!
 

Verena67

Utente di lunga data
Non registrato ha detto:
OOOOOOOHHHHHHHHHHHH!!!!!! E' TOSTA LA TESTOLINA!!!!!!!!!! se fossimo amanti a tutti gli effetti, altro che tsumani!!!
PS. se rimani ferma, te ne mando un'altro. E ti arriva proprio dove si e' stampato quello di prima......................sulla guancia!!!
Ecco.
Diventate amanti.
E poi ne riparliamo di rimpianti e rimorsi.
(Sto ferma)
 

Bruja

Utente di lunga data
Non registrato

Dunque vediamo, grandi affinità elettive, assoluta simbiosi di sensazioni e nessun contatto fisico intimo................ direi che avete volontà ferrea e molto senso dell'opportunità.
Però facendo l'avvocato del diavolo potrei anche dire che così siete su un piano di sublimazione in cui vi considerate superiori non cedendo alle lusinghe dell'amore deresponsabilizzato, un po' come la tesi che S.Francesco ha peccaco di superbia perchè essendo reattivamente l'umile fra gli umili, ha fatto vergognare chi non lo era al pari suo.
Cerco di semplificare, così avete raggiunto l'idealizzazione del vostro rapporto, perchè è un rapporto a tutti gli effetti, alla bazza dell'amicizia ci credete proforma, voi siete innamorati punto! Quindi è inteso che restate con il rimpianto di aver perso forse la grande occasione, certi però di non aver il rimorso a causa di una cattiva azione.
Lo so che direte, cosa si deve dunque fare per scegliere in modo giusto ed equo? Sostanzialmente la vostra è una buona scelta, ma non metteteci troppo buonismo, in fondo andare avanti comportava forse l'estasi per un certo tempo, e magari, in seguito, un appiattimento della relazione (accade quasi a tutti); insomma così avete il plauso della morale che vi trova maturi e responsabili, e avrete resto virtuoso il vostro rapporto, ma.......... sappiamo bene, detto fra noi, che intellettualmente e per la parte delle sensazioni, questo è un tradimento in pectore.
Non è un'accusa, anzi, proprio per questo confermo che è stata una scelta dura, ma non potete ignorare che tradire non è solo essere amanti orizzontali.
Scusate la filippica, niente di personale, ed anzi trovo che siate ammirevoli, ma pensando all'altra parte, in qualche modo ho preso le difese inconsapevoli di chi di tutto questo non avrà traccia, forse, perchè una rinuncia si porta sempre dietro uno stato d'animo che in qualche modo deve esplicitarsi.
Bruja
 

Verena67

Utente di lunga data
Bruja ha detto:
Scusate la filippica, niente di personale, ed anzi trovo che siate ammirevoli, ma pensando all'altra parte, in qualche modo ho preso le difese inconsapevoli di chi di tutto questo non avrà traccia, forse, perchè una rinuncia si porta sempre dietro uno stato d'animo che in qualche modo deve esplicitarsi.
Bruja
Queste cose lasciano sempre il segno.
Io so di aver fatto la cosa giusta chiudendo con il mio amante, e rifiutando una strada "ambigua" che ci avrebbe portato a fare gli amanti magari per anni (l'amore c'e') senza concretizzare né peraltro tirarsi indietro.
Però oggi, dopo 28 giorni, ho avuto un piccolo crollo nervoso. Ho avuto una discussione banale con mio marito (ieri avrei voluto andare al cinema, lui era impegnato, e gli ho detto stamattina che ogni tanto potremmo anche fare qualcosa insieme, lui l'ha vissuta come una critica e abbiamo litigato) e sono scoppiata in un pianto disperato. Non avevo ancora pianto, mi ha fatto bene (credo), mi sono sfogata per tutto quello che è successo. Sto ancora piangendo. Lui ci è rimasto malissimo, e mi è dispiaciuto, ma anche lui, santo uomo, sono tornata, fa qualcosa per trattenermi!!!

per cui, si, queste storie lasciano strascichi.
Se penso al mio amante, lo penso allegro e sorridente in famiglia,in campagna, con i suoi bambini, tutto pasciuto come il Barone Fefe' che è.
Ma poi in fondo penso - se non è del tutto un superficiale - che qualche strascico se lo porti anche lui.
E non è facile.
E questi non sono né rimorsi, né rimpianti, badate bene. E' vita.
un bacio (un po' lacrimoso stamattina, anche se le dark ladies piangono solo domani....)
 

Bruja

Utente di lunga data
Verena

In qualche modo è quello che intendevo, le decisioni sono una presa di posizione, la dinamica dell'elaborazione mentale è altra cosa.
Come in tutto, aiuta pensare di aver fatto la scelta giusta, ma poco o tanto, qualunque scelta avrebbe sempre un prezzo da pagare.
Il vero coraggio è proprio quello di scegliere faticosamente la strada che riteniamo più giusta anche se non è quella che vorremmo. In qualche modo esiste anche il piccolo eroismo quotidiano; non offre medaglie ma ci pacifica con la coscienza.
Cordialità
Bruja
 

Allegati

Verena67

Utente di lunga data
Bruja ha detto:
Il vero coraggio è proprio quello di scegliere faticosamente la strada che riteniamo più giusta anche se non è quella che vorremmo. In qualche modo esiste anche il piccolo eroismo quotidiano; non offre medaglie ma ci pacifica con la coscienza.
Cordialità
Bruja
Questo pensiero mi da' tanta pace in un momento inquieto, grazie!
un bacio
 
N

Non registrato

Guest
Sarà che ognuno poi rilegge sempre la propria storia, ma a me questo amore non consumato mi fa pensare un po' alla mia storia ("Io non l'ho tradito"), anche se nel mio caso non c'è una moglie, dall'altro lato, ma una ragazza con cui il mio amico si è appena messo... Io sto cercando di portare il tutto su un piano il più possibile platonico, anche allontanandomi un po' da lui (anche noi: nemmeno un bacio, ma c'era un modo di scherzare e di scriverci non da amici). Per fortuna mio marito non esamina i miei sms o mail...
Mi sembra di star meglio, però ogni tanto, soprattutto in passato, mi è sembrato di essere al bivio tra rimorsi e rimpianti...

Valentina
 
Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
Top