Rifarsi il seno

Jacaranda

Utente di lunga data
Dunque: Parlo per esperienza diretta in quanto... (omissis).:cool: La protesi influisce eccome sulla trasmissione del calore, chiaramente se sono coperte dagli abiti la differenza è minima ma se parliamo di seno scoperto la sensazione che si ha al tatto è quella di una inquietante freddezza. Inoltre la sensazione tattile è totalmente diversa dal seno naturale. Il seno naturale ha una morbidezza, una consistenza progressiva che qualsiasi protesi non può nemmeno lontanamente sognarsi di avere. In pratica a me i seni rifatti fanno cagare.
A me il seno delle donne piace, no, anzi ne vado pazzo. La padrona di casa è poco dotata da sempre ma nel tempo, da ragazzetta ossuta ha messo sù qualche chiletto e naturalmente la tetta ne ha giovato. Alla sua età avere un seno sostenuto e quasi adolescenziale è una autentica figata. Non ha mai sofferto del complesso di inferiorità da seno piccolo e se avesse anche solo accennato al fatto di cambiarlo mi sarei incazzato come una biscia. A me comunque il seno piace in tutte le sue varianti, persino un po' allungato, cadente, dà una idea di intimità, di compenetrazione, di condivisione. Di dolcezza insomma.
E smettiamola co sta ipocrisia che il seno - lo aumento per me - Lo aumento per lo sguardo degli altri. Punto.
Non che questo costituisca reato, ma smettiamola una buona volta di pensare che la miriade di (per me) deficenti che si tatuano come una tenda da campo, che sia appendono anelli anche al buco del culo e che si infilano pezzi di plastica e litri di botox sotto la pelle lo facciano per se stessi, per esprimere se stessi, per esprimere quello che hanno dentro.
Esprimono una moda, una usanza sociale, un modus vivendi per cui non sei trasgressivo se non incanali la tua trasgressione dentro una cagata.
Non è originalità, è il più stupido conformismo.
Altrimenti lo fanno per provocare negli altri reazioni di disgusto o di interesse o quant'altro, ma anche qui la faccenda ha a che fare con lo sguardo degli altri in una sorta di legame a doppio filo, ci sono, esisto perchè mi noti, o perchè ti faccio schifo (che è lo stesso).

Questo nella mia opinione ovviamente. Ci si può pure riempire di protesi e vivere felici del resto, qualcuno ci riesce......(e anche senza).
È bello pensare che esisti veramente ...
 

ipazia

Utente disorientante (ma anche disorientata)
Ciao, ho estremizzato alcuni concetti per essere più chiaro. E guarda che il tuo mentore in fondo aveva ragione da vendere. (In generale, non nel caso tuo specifico) :) Secondo me la faccenda dell'anoressia è principalmente una faccenda di insicurezza e di controllo. Mi spiego meglio dicendo magari cose che per te sono ovvie: Una anoressica è essenzialmente una persona che cerca il controllo su se stessa, e lo cerca in modo ossessivo e maniacale fino a spingersi di trattare il proprio corpo alla stregua di un contenitore da poter riempire e svuotare a piacimento. La sfida non è con gli altri, è con se stessi ma è appunto una sfida per affermare la propria autorità su se stessi. Stessa cosa può succedere per chi abusa della chirurgia o di orpelli estetici, (chi abusa, non chi la usa, anche se dare un limite a questo è probabilmente l'impresa più ardua a cui si possa andare incontro).
Lo sguardo degli altri si inserisce dove? Si inseririsce nel legame a doppio filo che -sempre- secondo me abbiamo nel presentarci nella società. Se mi dipingo i capelli di verde ad esempio è chiaro che posso ottenere due effetti, il ribrezzo o l'interesse di chi mi guarda, ma a me (me generico) non interessa in fondo il giudizio, interessa esserci, essere visibile, gridare a tutto il mondo la mia esistenza. (Una forma di insicurezza che chiede riconoscimento).
I miei segni di battaglia sono le mie cicatrici, quella sul ginocchio dei denti della motosega, quella sulla fronte che mi ha procurato una freccia da ragazzino , quella sul polpaccio quando sono caduto in moto. I miei segni di battaglia sono i miei muscoli doloranti dopo n giri di corsa sulla pista e sono le mie rughe ed i miei capelli sale e pepe, di cui vado fierissimo. Non sono certo un adone ma questo sono ed è abbastanza.
Sì, ci sono anche gli aspetti che hai elencato.
E quel che discende da questi aspetti che filtrano le emozioni e quindi il dialogo fra il dentro il fuori.
Anche a livello di percezioni fisiche (non a caso parlavo del guardarsi allo specchio e vedere l'immagine emozionale e non quella fisica).

E in questo post sottolinei la distanza dal corpo.

Quando in altri post sottolineavo la questione della cinestesia, che non è semplicemente stare in equilibrio, anche a questo mi riferivo.
Percepire il proprio corpo come un vestito su misura, un modo di esistere nello spazio e nel tempo.
E non semplicemente un qualcosa che ci fa presenza nel mondo. E quindi da rendere adeguato a rispondere a.

Credo si sottovaluti parecchio la percezione corporea, per una valanga di motivazioni. In primis il fatto che non si è abituati alla percezione del corpo. Al piacere del corpo.

E ci si sposta nel piacere attraverso il corpo.

Che è poi un qualcosa che conduce al piacere genitale che è roba ben diversa dal piacer che discende dalla compenetrazione, dall'intimità, dalle diverse consistenze e storie che un corpo racconta vivendo. La pelle è la mappa della vita. Per essere un po' romantica.

Io non penso di essere bella, non penso di essere brutta.
Io sono io. (non nel senso del marchese del grillo)
E mi piace il mio corpo. Quando è sudato, affaticato, stanco. Oppure ristorato, appena uscito dalla doccia e mentre ci spalmo la crema avendone cura per il piacere che ricavo dalla cura, dal contatto con me.

Mi piace allenarmi per i tuoi stessi motivi, e non mi piace andare in palestra per quegli stessi motivi.
E credo ci sia una profonda differenza fra un corpo allenato e un corpo palestrato. (non in termini estetici, proprio in termini percettivi).

Certo che il mio mentore aveva ragione.
Ovviamente mi ero incazzata quando me lo aveva detto :D

EDIT: in quell'abbastanza c'è un universo.
 
Ultima modifica:

spleen

utente ?
Questa.

diretta, ruvida, semplice e chiara. :)
Parla di terra e aria. Di cose concrete e apparentemente basiche.
Che parla con passione e calore.
E coinvolgimento.

E' una bella versione di te. :)
Cristo, mi commuovi........;)
Pensavo piuttosto al fatto di avere in mano la tetta rifatta di una estranea, ma è una lunga storia.......
che magari una volta racconterò e che comprende una serata banalmente ed inpiegabilmente diversa, un lungo colloquio intenso ed il volto di una ragazza che mi fissa come se le avessi dato due schiaffi.
(E del rossetto sulla camicia che mi ha procurato non pochi problemi......:mad:)
 

ipazia

Utente disorientante (ma anche disorientata)
Cristo, mi commuovi........;)
Pensavo piuttosto al fatto di avere in mano la tetta rifatta di una estranea, ma è una lunga storia.......
che magari una volta racconterò e che comprende una serata banalmente ed inpiegabilmente diversa, un lungo colloquio intenso ed il volto di una ragazza che mi fissa come se le avessi dato due schiaffi.
(E del rossetto sulla camicia che mi ha procurato non pochi problemi......:mad:)
:D

bene! significa che son riuscita a far arrivare la comunicazione ;)

Tanti mi han detto che è una sensazione straniante...esattamente per gli aspetti che hai citato tu.
In particolare la consistenza.

Se ti ha fissato come se le avessi dato due schiaffi ed è rimasta a fissarti, le hai fatto un dono :)
Quando hai tempo e desiderio, racconta! Mi sa che sarebbe una lettura interessante.
 

spleen

utente ?
:D

bene! significa che son riuscita a far arrivare la comunicazione ;)

Tanti mi han detto che è una sensazione straniante...esattamente per gli aspetti che hai citato tu.
In particolare la consistenza.

Se ti ha fissato come se le avessi dato due schiaffi ed è rimasta a fissarti, le hai fatto un dono :)
Quando hai tempo e desiderio, racconta! Mi sa che sarebbe una lettura interessante.
Ti confermo che al di là dell' aspetto estetico la consistenza a me ha fatto proprio una pessima impressione. E a dirla tutta ho provato anche un po di immotivata e stupida pena per la detentrice. Lo so che è sbagliato ma mi è successo...... (va di moda ultimamente dire così). :giggle:
 

ipazia

Utente disorientante (ma anche disorientata)
Ti confermo che al di là dell' aspetto estetico la consistenza a me ha fatto proprio una pessima impressione. E a dirla tutta ho provato anche un po di immotivata e stupida pena per la detentrice. Lo so che è sbagliato ma mi è successo...... (va di moda ultimamente dire così). :giggle:
Io non rinuncerei mai alla consistenza delle mie tette!!
Manco alle mie tette, se devo dirla tutta. Non solo mi piacciono, mi sono simpatiche. E poi abbiamo vissuto un sacco di avventure insieme :D
Mi mancherebbero.
(Ho chiesto a G. cosa mi direbbe se gli dicessi che desidero rifarmi le tette, mi ha risposto "ti direi che sei una stupida criminale" )

Perchè hai provato pena?

(un altro mentore mi ha detto che se si ha da fare il male, allora val la pena farlo bene. ;))
 

spleen

utente ?
Io non rinuncerei mai alla consistenza delle mie tette!!
Manco alle mie tette, se devo dirla tutta. Non solo mi piacciono, mi sono simpatiche. E poi abbiamo vissuto un sacco di avventure insieme :D
Mi mancherebbero.
(Ho chiesto a G. cosa mi direbbe se gli dicessi che desidero rifarmi le tette, mi ha risposto "ti direi che sei una stupida criminale" )

Perchè hai provato pena?

(un altro mentore mi ha detto che se si ha da fare il male, allora val la pena farlo bene. ;))
Non lo so, ed è proprio questo il problema. :sick: Comunque non era la stessa ragazza di prima.
E se hai belle tette non posso che essere d'accordo con G. :)
 

ipazia

Utente disorientante (ma anche disorientata)
Non lo so, ed è proprio questo il problema. :sick: Comunque non era la stessa ragazza di prima.
E se hai belle tette non posso che essere d'accordo con G. :)
Di solito la pena sale quando troviamo tracce di noi, è una forma di riconoscimento :)
Chissà cosa hai visto.

Tenendo conto che ho superato i 40 e sono praticamente ancora con il fisico di quando avevo 20 anni, probabilmente meglio che a 20 anni perchè lo indosso con una migliore consapevolezza e più stretto legame , gli ho detto che ha ragione ;)
 

abebe

Utente di lunga data
Dunque: Parlo per esperienza diretta in quanto... (omissis).:cool: La protesi influisce eccome sulla trasmissione del calore, chiaramente se sono coperte dagli abiti la differenza è minima ma se parliamo di seno scoperto la sensazione che si ha al tatto è quella di una inquietante freddezza. Inoltre la sensazione tattile è totalmente diversa dal seno naturale. Il seno naturale ha una morbidezza, una consistenza progressiva che qualsiasi protesi non può nemmeno lontanamente sognarsi di avere. In pratica a me i seni rifatti fanno cagare.
A me il seno delle donne piace, no, anzi ne vado pazzo. La padrona di casa è poco dotata da sempre ma nel tempo, da ragazzetta ossuta ha messo sù qualche chiletto e naturalmente la tetta ne ha giovato. Alla sua età avere un seno sostenuto e quasi adolescenziale è una autentica figata. Non ha mai sofferto del complesso di inferiorità da seno piccolo e se avesse anche solo accennato al fatto di cambiarlo mi sarei incazzato come una biscia. A me comunque il seno piace in tutte le sue varianti, persino un po' allungato, cadente, dà una idea di intimità, di compenetrazione, di condivisione. Di dolcezza insomma.
E smettiamola co sta ipocrisia che il seno - lo aumento per me - Lo aumento per lo sguardo degli altri. Punto.
Non che questo costituisca reato, ma smettiamola una buona volta di pensare che la miriade di (per me) deficenti che si tatuano come una tenda da campo, che sia appendono anelli anche al buco del culo e che si infilano pezzi di plastica e litri di botox sotto la pelle lo facciano per se stessi, per esprimere se stessi, per esprimere quello che hanno dentro.
Esprimono una moda, una usanza sociale, un modus vivendi per cui non sei trasgressivo se non incanali la tua trasgressione dentro una cagata.
Non è originalità, è il più stupido conformismo.
Altrimenti lo fanno per provocare negli altri reazioni di disgusto o di interesse o quant'altro, ma anche qui la faccenda ha a che fare con lo sguardo degli altri in una sorta di legame a doppio filo, ci sono, esisto perchè mi noti, o perchè ti faccio schifo (che è lo stesso).

Questo nella mia opinione ovviamente. Ci si può pure riempire di protesi e vivere felici del resto, qualcuno ci riesce......(e anche senza).
Sottoscrivo tutto, naturalmente, come avevo già avuto modo di osservare.

Mi fa piacere scoprire di non essere l'unico anziano della compagnia...:)

Aggiungo una cosa, rileggendo questo thread e le sue risposte.

Avevo detto che io considererei il fatto che una donna voglia rifarsi le tette (o se le sia rifatte) come uno degli elementi per la valutazione della donna che ho davanti.
Suggerirei anche alle donne di considerare come la pensa l'uomo che ha davanti e far intervenire anche ciò nella valutazione che fa dell'uomo stesso: ho la sensazione che sarebbe un modo per migliorare la qualità dei possibili "match"....;)
 

Foglia

utente viva e vegeta
Sottoscrivo tutto, naturalmente, come avevo già avuto modo di osservare.

Mi fa piacere scoprire di non essere l'unico anziano della compagnia...:)

Aggiungo una cosa, rileggendo questo thread e le sue risposte.

Avevo detto che io considererei il fatto che una donna voglia rifarsi le tette (o se le sia rifatte) come uno degli elementi per la valutazione della donna che ho davanti.
Suggerirei anche alle donne di considerare come la pensa l'uomo che ha davanti e far intervenire anche ciò nella valutazione che fa dell'uomo stesso: ho la sensazione che sarebbe un modo per migliorare la qualità dei possibili "match"....;)
Ma sarebbe proprio l'ultima delle cose che andrei a considerare, dal momento che gli uomini passano mentre le bocce (rifatte o no in questo discorso e' ininfluente) restano 😂
 

Lara3

Utente di lunga data
Cristo, mi commuovi........;)
Pensavo piuttosto al fatto di avere in mano la tetta rifatta di una estranea, ma è una lunga storia.......
che magari una volta racconterò e che comprende una serata banalmente ed inpiegabilmente diversa, un lungo colloquio intenso ed il volto di una ragazza che mi fissa come se le avessi dato due schiaffi.
(E del rossetto sulla camicia che mi ha procurato non pochi problemi......:mad:)
Dai, racconta ! Ho i popcorn pronti ed i fazzoletti vicino.
 

spleen

utente ?
Dai, racconta ! Ho i popcorn pronti ed i fazzoletti vicino.
Mi rifiuto di rispondere alla domanda perchè la risposta potrebbe incriminarmi :giggle: A parte le battute quando avrò un po' di tempo in più lo racconterò. Poi non capisco perchè i fazzoletti..... hai le lacrime in tasca? (come dicono dalle mie mie parti). Non è una storia triste e nemmeno commovente, credo....
 

Brunetta

Utente di lunga data
Penso che i nostri tempi passeranno alla storia per la diffusione della chirurgia plastica e degli interventi estetici, così come altri tempi e luoghi per il sandaletti cinese o per i colli allungati.
 

Allegati

Top