Punti di vista differenti: Sparatemi pure

Warlock

Utente di lunga data
A volte, confrontando le "idee" di molti in questo forum mi accorgo di avere punti di vista differenti.

- Non devi prendertela con l'amante del traditore perchè lui non c'entra niente, la colpa è del tuo compagno/a, che tra l'altro non è una tua proprietà.

Sticazzi, in un tradimento ci sono varie responsabilità, sicuramente il mio partner ha, verso di me, la maggior percentuale rispetto all'amante, ma lui non ne è esente.
Facendo l'esempio di una rapina, i ladri, se beccati, verranno condannati ad un tot, ma non è che quello che faceva solo il palo non venga condannato anche lui, magari con minor responsabilità avrà meno anni, ma comunque verrà condannato.
Non considero mia moglie come una proprietà, ma facciamo caso a quello che ho scritto: MIA moglie, e questo indica comunque una forma di possesso.
E poi, permettete, l'amante si insinua tramite mia moglie nella MIA famiglia, rischiando di destabilizzarla e di far male a MIO figlio.
Ora, tutti a fare i buonisti col culo degli altri, sinceramente se mi si tocca la famiglia (anche se con la complicità di uno dei membri) io ti faccio passare i più brutti momenti della tua vita, che magari potrebbero anche essere educativi. Ovviamente poi me la vedrò con il partner.

- Non è detto che un traditore non sia un buon genitore

Sticazzi 2. Non parlo di non far mancare niente al figlio, affettivamente, durante il tradimento. Parlo di quando, per mascherare il senso di colpa, si mostrizza il partner davanti al figlio; parlo di dare un educazione. Con che criterio si può insegnare cosa sia il rispetto, la fiducia e la fedeltà, quando si sta agendo completamente al contrario e contro la persona che per lui ha un'importanza fondamentale, cioè l'altro genitore?
Come si fa ad essere considerati un buon genitore, quando per egoismo personale, tu rischi di sfasciare una famiglia? Quando tuo figlio per tue scelte sconsiderate, sarà costretto a vedere i genitori a giorni alterni? Quando non ci saranno soldi per l'università perchè la separazione impoverisce tutti?
Quando vedrai magari tuo padre (di solito è così che va) vivere di stenti in una topaia che si sente in imbarazzo quando devi stare con lui?
No, il traditore è sia un pessimo compagno/a (in tutto) e un pessimo genitore (sulle cose importanti)

Ora crocefiggetemi pure
 

oriente70

Utente di lunga data
un traditore non darà mai conferma 🍕🍕🍕🍕.. non può dare una visione a 360 delle sue marachelle precisa e oggettiva 😜😜😜, altrimenti molti traditori si dovrebbero dare delle 💩.
 

spleen

utente ?
A volte, confrontando le "idee" di molti in questo forum mi accorgo di avere punti di vista differenti.

- Non devi prendertela con l'amante del traditore perchè lui non c'entra niente, la colpa è del tuo compagno/a, che tra l'altro non è una tua proprietà.

Sticazzi, in un tradimento ci sono varie responsabilità, sicuramente il mio partner ha, verso di me, la maggior percentuale rispetto all'amante, ma lui non ne è esente.
Facendo l'esempio di una rapina, i ladri, se beccati, verranno condannati ad un tot, ma non è che quello che faceva solo il palo non venga condannato anche lui, magari con minor responsabilità avrà meno anni, ma comunque verrà condannato.
Non considero mia moglie come una proprietà, ma facciamo caso a quello che ho scritto: MIA moglie, e questo indica comunque una forma di possesso.
E poi, permettete, l'amante si insinua tramite mia moglie nella MIA famiglia, rischiando di destabilizzarla e di far male a MIO figlio.
Ora, tutti a fare i buonisti col culo degli altri, sinceramente se mi si tocca la famiglia (anche se con la complicità di uno dei membri) io ti faccio passare i più brutti momenti della tua vita, che magari potrebbero anche essere educativi. Ovviamente poi me la vedrò con il partner.

- Non è detto che un traditore non sia un buon genitore

Sticazzi 2. Non parlo di non far mancare niente al figlio, affettivamente, durante il tradimento. Parlo di quando, per mascherare il senso di colpa, si mostrizza il partner davanti al figlio; parlo di dare un educazione. Con che criterio si può insegnare cosa sia il rispetto, la fiducia e la fedeltà, quando si sta agendo completamente al contrario e contro la persona che per lui ha un'importanza fondamentale, cioè l'altro genitore?
Come si fa ad essere considerati un buon genitore, quando per egoismo personale, tu rischi di sfasciare una famiglia? Quando tuo figlio per tue scelte sconsiderate, sarà costretto a vedere i genitori a giorni alterni? Quando non ci saranno soldi per l'università perchè la separazione impoverisce tutti?
Quando vedrai magari tuo padre (di solito è così che va) vivere di stenti in una topaia che si sente in imbarazzo quando devi stare con lui?
No, il traditore è sia un pessimo compagno/a (in tutto) e un pessimo genitore (sulle cose importanti)

Ora crocefiggetemi pure
Cioè speri di trovare qualcuno che si batta il petto e ammetta di non essersi comportato proprio proprio correttamente?
Ma non lo sai che non si usa più? 😁
Adesso va che ciascuno giustifica quello che fa con mille "se" "però" e "nessuno mi può giudicare nemmeno tu".
L'etica per la maggior parte si costruisce a seconda delle circostanze.
Valido per tutti tranne Etta, che serve affinchè tutti ci si senta migliorissimi, chiaramente. 😂
 
Ultima modifica:

Tachidoz

Utente di lunga data
A volte, confrontando le "idee" di molti in questo forum mi accorgo di avere punti di vista differenti.

- Non devi prendertela con l'amante del traditore perchè lui non c'entra niente, la colpa è del tuo compagno/a, che tra l'altro non è una tua proprietà.

Sticazzi, in un tradimento ci sono varie responsabilità, sicuramente il mio partner ha, verso di me, la maggior percentuale rispetto all'amante, ma lui non ne è esente.
Facendo l'esempio di una rapina, i ladri, se beccati, verranno condannati ad un tot, ma non è che quello che faceva solo il palo non venga condannato anche lui, magari con minor responsabilità avrà meno anni, ma comunque verrà condannato.
Non considero mia moglie come una proprietà, ma facciamo caso a quello che ho scritto: MIA moglie, e questo indica comunque una forma di possesso.
E poi, permettete, l'amante si insinua tramite mia moglie nella MIA famiglia, rischiando di destabilizzarla e di far male a MIO figlio.
Ora, tutti a fare i buonisti col culo degli altri, sinceramente se mi si tocca la famiglia (anche se con la complicità di uno dei membri) io ti faccio passare i più brutti momenti della tua vita, che magari potrebbero anche essere educativi. Ovviamente poi me la vedrò con il partner.

- Non è detto che un traditore non sia un buon genitore

Sticazzi 2. Non parlo di non far mancare niente al figlio, affettivamente, durante il tradimento. Parlo di quando, per mascherare il senso di colpa, si mostrizza il partner davanti al figlio; parlo di dare un educazione. Con che criterio si può insegnare cosa sia il rispetto, la fiducia e la fedeltà, quando si sta agendo completamente al contrario e contro la persona che per lui ha un'importanza fondamentale, cioè l'altro genitore?
Come si fa ad essere considerati un buon genitore, quando per egoismo personale, tu rischi di sfasciare una famiglia? Quando tuo figlio per tue scelte sconsiderate, sarà costretto a vedere i genitori a giorni alterni? Quando non ci saranno soldi per l'università perchè la separazione impoverisce tutti?
Quando vedrai magari tuo padre (di solito è così che va) vivere di stenti in una topaia che si sente in imbarazzo quando devi stare con lui?
No, il traditore è sia un pessimo compagno/a (in tutto) e un pessimo genitore (sulle cose importanti)

Ora crocefiggetemi pure
Non esprimo pareri ma solo due domande:

1) Se tua moglie ti confessasse di averti tradito in una gang-bang affronteresti i numerosi marrani con lo stesso ardirmentoso coraggio?

2) Se invece tua moglie ti avesse tradito con una donna, come faresti passare alla vile infame i "momenti più brutti della sua vita" ? (parole tue...)

Grazie, chiedo per un amico...
 

Nocciola

Super Moderatore
Staff Forum
A volte, confrontando le "idee" di molti in questo forum mi accorgo di avere punti di vista differenti.

- Non devi prendertela con l'amante del traditore perchè lui non c'entra niente, la colpa è del tuo compagno/a, che tra l'altro non è una tua proprietà.

Sticazzi, in un tradimento ci sono varie responsabilità, sicuramente il mio partner ha, verso di me, la maggior percentuale rispetto all'amante, ma lui non ne è esente.
Facendo l'esempio di una rapina, i ladri, se beccati, verranno condannati ad un tot, ma non è che quello che faceva solo il palo non venga condannato anche lui, magari con minor responsabilità avrà meno anni, ma comunque verrà condannato.
Non considero mia moglie come una proprietà, ma facciamo caso a quello che ho scritto: MIA moglie, e questo indica comunque una forma di possesso.
E poi, permettete, l'amante si insinua tramite mia moglie nella MIA famiglia, rischiando di destabilizzarla e di far male a MIO figlio.
Ora, tutti a fare i buonisti col culo degli altri, sinceramente se mi si tocca la famiglia (anche se con la complicità di uno dei membri) io ti faccio passare i più brutti momenti della tua vita, che magari potrebbero anche essere educativi. Ovviamente poi me la vedrò con il partner.

- Non è detto che un traditore non sia un buon genitore

Sticazzi 2. Non parlo di non far mancare niente al figlio, affettivamente, durante il tradimento. Parlo di quando, per mascherare il senso di colpa, si mostrizza il partner davanti al figlio; parlo di dare un educazione. Con che criterio si può insegnare cosa sia il rispetto, la fiducia e la fedeltà, quando si sta agendo completamente al contrario e contro la persona che per lui ha un'importanza fondamentale, cioè l'altro genitore?
Come si fa ad essere considerati un buon genitore, quando per egoismo personale, tu rischi di sfasciare una famiglia? Quando tuo figlio per tue scelte sconsiderate, sarà costretto a vedere i genitori a giorni alterni? Quando non ci saranno soldi per l'università perchè la separazione impoverisce tutti?
Quando vedrai magari tuo padre (di solito è così che va) vivere di stenti in una topaia che si sente in imbarazzo quando devi stare con lui?
No, il traditore è sia un pessimo compagno/a (in tutto) e un pessimo genitore (sulle cose importanti)

Ora crocefiggetemi pure
Dare responsabilità all’amante equivale dare dell’incapace di intendere a tua moglie
Nessuno si insinua nella tua famiglia se nessuno gli apre la porta
Sul secondo punto Mi astengo
 

Pincopallino

Utente di lunga data
marrani mi piace.
e’ la versione di Ponte Lambro dei babbani di Henry Potter.
 

Nocciola

Super Moderatore
Staff Forum
Cioè speri di trovare qualcuno che si batta il petto e ammetta di non essersi comportato proprio proprio correttamente?
Ma non lo sai che non si usa più? 😁
Adesso va che ciascuno giustifica quello che fa con mille "se" "però" e "nessuno mi può giudicare nemmeno tu".
L'etica per la maggior parte si costruisce a seconda delle circostanze.
Valido per tutti tranne Etta, che serve affinchè tutti ci si senta migliorissimi, chiaramente. 😂
Ultima frase: Che palle!
 

Warlock

Utente di lunga data
Vabbè... è chiaro che è una discussione nata per fare scannare la gente...meglio non rispondere neppure...
Si è una discussione che fa scannare la gente.
Ma anche una discussione che fa riflettere. Perchè tutti vorremmo fare pagare all'amante il dolore che proviamo, non ce lo stiamo a raccontare.
Perchè, oggettivamente, non posso dire a mio figlio di non fumare, se in casa lo faccio io, come non posso insegnare cosa sia il rispetto e la fiducia se sono il primo che se ne sbatte allegramente.
 
Top