Prendo spunto...

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.

Tr@deUp

Utente di lunga data
Le donne che per anni rivestono il ruolo di amante di
uno sposato, chiamano "Amore" quello che in realtà è
un bisogno di masochismo.
Si stimano poco come donne e come persone, altrimenti
non accetterebbero una situazione così umiliante.
Le categorie in tal senso sono molteplici.
Ci sono anche quelle che semplicemente si godono (NON accontentano) di ciò che riescono a vivere parallelamente donando e ricevendo in equilibrio sulla lama di un rasoio ma pur sempre equilibrio.

Quelle che lo fanno perché hanno bisogno non di masochismo ma di soddisfare istinti primordiali anestetizzati da un rapporto quotidiano noioso ma...stabile.

E quelle (non infine) che lo fanno perché amano rivestire il ruolo di colei che prima o poi riuscirà a portar via l'uomo alla legittima consorte. Non necessariamente in mala fede ma semplicemente perchè non avendo la forza d'animo (e se vuoi le qualità) per conquistarsene uno "libero" approfittano delle debolezze del maschio incerto in cerca di tradimento.

Cara Clessidra,
mi dispiace molto della tua situazione, ma lascia che
(a costo di crearti del risentimento nei miei
confronti) ti dica un pò di cose.

Sono arcistufo delle ragazze che si lamentano degli
uomini. Mi spiego. pur essendo arciconvinto tantissimo
uomini siano dei coglioni (lo vedo nei miei amici),
non vedo perchè criminalizzare una intera categoria.
Che poi, nella fascia d'età che va dai 30 ai 40 (e la cosa perdura da almeno un decennio sicché direi che vale anche per le/gli attuali 40enni ancora e ormai per sempre single) ci sia una profonda ed ormai incolmabile barriera tra le ambizioni amorose delle une e degli altri è ben altra cosa.
Da qui le ventenni che cercano i quarantenni anche sposati -ma sì, meglio un uomo a metà che niente, dopo tutto due amanti consecutivi fanno un uomo intero :) - che uno intero che a 30 anni non ha ancora la testa per guardare oltre il suo sentirsi libero, solo e...con tanto tempo davanti.
Il buco d'intenti ha cause molteplici, comprese quelle ecomiche
Sappiamo tutti che in una grande città una coppia per campare dignitosamente deve incassare almeno 3000 € netti al mese a cui toglierne almeno 1000 per il mutuo nell'ipotesi che genitori, parenti e amici abbiano provveduto all'anticipo, o per l'affitto buttando soldi dalla finestra ogni mese. Ma per fare un mutuo, soprattutto oggi con rateizzazioni anche a 30 anni (!!!) occorre che la coppia sappia guardare lontano al futuro davvero!
E invece le separazioni fioccano ad ogni misera e miserabile piccolissima difficoltà. E' più facile separarsi che non chinare la testa, rimboccarsi le maniche ed adoperarsi al meglio ed oltre delle proprie possibilità per risanare.

Ma non solo economiche. Molte mie conoscenti femminili (tra i 30 ed i 40 appunto e, ripeto, queste ultime son 10 anni che me lo dicono!!!) lamentano nei loro coetanei la mancanza di voglia di mettersi in gioco, di assumersi responsabilità, di guardare lontano appunto...ma ciò manca anche in loro senza accorgersene perché continuano a recitare il ruolo di colei che deve farsi guidare
E allora pur di non rischiare restano sole, spesso per scelta (degli altri ovviamente non meritevoli) e si trincerano dietro alcune verità ma altrettante bugie....
 
Ultima modifica:

Grande82

Utente di lunga data
Le categorie in tal senso sono molteplici.
Ci sono anche quelle che semplicemente si godono (NON accontentano) di ciò che riescono a vivere parallelamente donando e ricevendo in equilibrio sulla lama di un rasoio ma pur sempre equilibrio.

Quelle che lo fanno perché hanno bisogno non di masochismo ma di soddisfare istinti primordiali anestetizzati da un rapporto quotidiano noioso ma...stabile.

E quelle (non infine) che lo fanno perché amano rivestire il ruolo di colei che prima o poi riuscirà a portar via l'uomo alla legittima consorte. Non necessariamente in mala fede ma semplicemente perchè non avendo la forza d'animo (e se vuoi le qualità) per conquistarsene uno "libero" approfittano delle debolezze del maschio incerto in cerca di tradimento.

Che poi, nella fascia d'età che va dai 30 ai 40 (e la cosa perdura da almeno un decennio sicché direi che vale anche per le/gli attuali 40enni ancora e ormai per sempre single) ci sia una profonda ed ormai incolmabile barriera tra le ambizioni amorose delle une e degli altri è ben altra cosa.
Da qui le ventenni che cercano i quarantenni anche sposati -ma sì, meglio un uomo a metà che niente, dopo tutto due amanti consecutivi fanno un uomo intero :) - che uno intero che a 30 anni non ha ancora la testa per guardare oltre il suo sentirsi libero, solo e...con tanto tempo davanti.
Il buco d'intenti ha cause molteplici, comprese quelle ecomiche
Sappiamo tutti che in una grande città una coppia per campare dignitosamente deve incassare almeno 3000 € netti al mese a cui toglierne almeno 1000 per il mutuo nell'ipotesi che genitori, parenti e amici abbiano provveduto all'anticipo, o per l'affitto buttando soldi dalla finestra ogni mese. Ma per fare un mutuo, soprattutto oggi con rateizzazioni anche a 30 anni (!!!) occorre che la coppia sappia guardare lontano al futuro davvero!
E invece le separazioni fioccano ad ogni misera e miserabile piccolissima difficoltà. E' più facile separarsi che non chinare la testa, rimboccarsi le maniche ed adoperarsi al meglio ed oltre delle proprie possibilità per risanare.

Ma non solo economiche. Molte mie conoscenti femminili (tra i 30 ed i 40 appunto e, ripeto, queste ultime son 10 anni che me lo dicono!!!) lamentano nei loro coetanei la mancanza di voglia di mettersi in gioco, di assumersi responsabilità, di guardare lontano appunto...ma ciò manca anche in loro senza accorgersene perché continuano a recitare il ruolo di colei che deve farsi guidare
E allora pur di non rischiare restano sole, spesso per scelta (degli altri ovviamente non meritevoli) e si trincerano dietro alcune verità ma altrettante bugie....
vorrei commentare, ma la carne sul fuoco è molta...
di cosa volevi discutere in particolare? categorie di amanti o motivi del non impegno?
 

Tr@deUp

Utente di lunga data
vorrei commentare, ma la carne sul fuoco è molta...
di cosa volevi discutere in particolare? categorie di amanti o motivi del non impegno?
Mi piace far bruciare l'arrosto! :)

Il post da cui ho preso spunto conteneva l'uno e l'altro.
Ho modificato il primo post aggiungendo anche...l'altro.
 
N

Non registrata

Guest
Le categorie in tal senso sono molteplici.
Ci sono anche quelle che semplicemente si godono (NON accontentano) di ciò che riescono a vivere parallelamente donando e ricevendo in equilibrio sulla lama di un rasoio ma pur sempre equilibrio.

Quelle che lo fanno perché hanno bisogno non di masochismo ma di soddisfare istinti primordiali anestetizzati da un rapporto quotidiano noioso ma...stabile.

E quelle (non infine) che lo fanno perché amano rivestire il ruolo di colei che prima o poi riuscirà a portar via l'uomo alla legittima consorte. Non necessariamente in mala fede ma semplicemente perchè non avendo la forza d'animo (e se vuoi le qualità) per conquistarsene uno "libero" approfittano delle debolezze del maschio incerto in cerca di tradimento.



Che poi, nella fascia d'età che va dai 30 ai 40 (e la cosa perdura da almeno un decennio sicché direi che vale anche per le/gli attuali 40enni ancora e ormai per sempre single) ci sia una profonda ed ormai incolmabile barriera tra le ambizioni amorose delle une e degli altri è ben altra cosa.
Da qui le ventenni che cercano i quarantenni anche sposati -ma sì, meglio un uomo a metà che niente, dopo tutto due amanti consecutivi fanno un uomo intero :) - che uno intero che a 30 anni non ha ancora la testa per guardare oltre il suo sentirsi libero, solo e...con tanto tempo davanti.
Il buco d'intenti ha cause molteplici, comprese quelle ecomiche
Sappiamo tutti che in una grande città una coppia per campare dignitosamente deve incassare almeno 3000 € netti al mese a cui toglierne almeno 1000 per il mutuo nell'ipotesi che genitori, parenti e amici abbiano provveduto all'anticipo, o per l'affitto buttando soldi dalla finestra ogni mese. Ma per fare un mutuo, soprattutto oggi con rateizzazioni anche a 30 anni (!!!) occorre che la coppia sappia guardare lontano al futuro davvero!
E invece le separazioni fioccano ad ogni misera e miserabile piccolissima difficoltà. E' più facile separarsi che non chinare la testa, rimboccarsi le maniche ed adoperarsi al meglio ed oltre delle proprie possibilità per risanare.

Ma non solo economiche. Molte mie conoscenti femminili (tra i 30 ed i 40 appunto e, ripeto, queste ultime son 10 anni che me lo dicono!!!) lamentano nei loro coetanei la mancanza di voglia di mettersi in gioco, di assumersi responsabilità, di guardare lontano appunto...ma ciò manca anche in loro senza accorgersene perché continuano a recitare il ruolo di colei che deve farsi guidare
E allora pur di non rischiare restano sole, spesso per scelta (degli altri ovviamente non meritevoli) e si trincerano dietro alcune verità ma altrettante bugie....

Sicuramente è meglio separarsi piuttosto che chinare la testa...
in fondo la separazione fa male, economicamente, più ad un uomo che ad una donna...perchè allora sopportare?
Il mondo è grande...morto un papa, se ne fa un altro!!!! Non è così difficile sostituire un marito mediocre!!!
 

Iago

Utente di lunga data
non registrata

sostituire??


stai scherzando, vero??
 
O

Old fabrizio56

Guest
Sicuramente è meglio separarsi piuttosto che chinare la testa...
in fondo la separazione fa male, economicamente, più ad un uomo che ad una donna...perchè allora sopportare?
Il mondo è grande...morto un papa, se ne fa un altro!!!! Non è così difficile sostituire un marito mediocre!!!
 
O

Old Angel

Guest
Sicuramente è meglio separarsi piuttosto che chinare la testa...
in fondo la separazione fa male, economicamente, più ad un uomo che ad una donna...perchè allora sopportare?
Il mondo è grande...morto un papa, se ne fa un altro!!!! Non è così difficile sostituire un marito mediocre!!!

Hmmm idea interessante
acido..murata in cantina....scivolata accidentale da un ponte...c'è da farci un pensierino
 

Nobody

Utente di lunga data
Con i metri quadri delle "cantine" odierne, non ci puoi murare più nemmeno la moglie
 

tatitati

Utente di lunga data
Le categorie in tal senso sono molteplici.
Ci sono anche quelle che semplicemente si godono (NON accontentano) di ciò che riescono a vivere parallelamente donando e ricevendo in equilibrio sulla lama di un rasoio ma pur sempre equilibrio.

Quelle che lo fanno perché hanno bisogno non di masochismo ma di soddisfare istinti primordiali anestetizzati da un rapporto quotidiano noioso ma...stabile.

E quelle (non infine) che lo fanno perché amano rivestire il ruolo di colei che prima o poi riuscirà a portar via l'uomo alla legittima consorte. Non necessariamente in mala fede ma semplicemente perchè non avendo la forza d'animo (e se vuoi le qualità) per conquistarsene uno "libero" approfittano delle debolezze del maschio incerto in cerca di tradimento.



Che poi, nella fascia d'età che va dai 30 ai 40 (e la cosa perdura da almeno un decennio sicché direi che vale anche per le/gli attuali 40enni ancora e ormai per sempre single) ci sia una profonda ed ormai incolmabile barriera tra le ambizioni amorose delle une e degli altri è ben altra cosa.
Da qui le ventenni che cercano i quarantenni anche sposati -ma sì, meglio un uomo a metà che niente, dopo tutto due amanti consecutivi fanno un uomo intero :) - che uno intero che a 30 anni non ha ancora la testa per guardare oltre il suo sentirsi libero, solo e...con tanto tempo davanti.
Il buco d'intenti ha cause molteplici, comprese quelle ecomiche
Sappiamo tutti che in una grande città una coppia per campare dignitosamente deve incassare almeno 3000 € netti al mese a cui toglierne almeno 1000 per il mutuo nell'ipotesi che genitori, parenti e amici abbiano provveduto all'anticipo, o per l'affitto buttando soldi dalla finestra ogni mese. Ma per fare un mutuo, soprattutto oggi con rateizzazioni anche a 30 anni (!!!) occorre che la coppia sappia guardare lontano al futuro davvero!
E invece le separazioni fioccano ad ogni misera e miserabile piccolissima difficoltà. E' più facile separarsi che non chinare la testa, rimboccarsi le maniche ed adoperarsi al meglio ed oltre delle proprie possibilità per risanare.

Ma non solo economiche. Molte mie conoscenti femminili (tra i 30 ed i 40 appunto e, ripeto, queste ultime son 10 anni che me lo dicono!!!) lamentano nei loro coetanei la mancanza di voglia di mettersi in gioco, di assumersi responsabilità, di guardare lontano appunto...ma ciò manca anche in loro senza accorgersene perché continuano a recitare il ruolo di colei che deve farsi guidare
E allora pur di non rischiare restano sole, spesso per scelta (degli altri ovviamente non meritevoli) e si trincerano dietro alcune verità ma altrettante bugie....


non ci vedo tutto sto casino... una mente meno complicata no?
è solo bello stare insieme non ci vedo altro io.. mah....
 

Verena67

Utente di lunga data
Le categorie in tal senso sono molteplici.
Ci sono anche quelle che semplicemente si godono (NON accontentano) di ciò che riescono a vivere parallelamente donando e ricevendo in equilibrio sulla lama di un rasoio ma pur sempre equilibrio.

Quelle che lo fanno perché hanno bisogno non di masochismo ma di soddisfare istinti primordiali anestetizzati da un rapporto quotidiano noioso ma...stabile.

E quelle (non infine) che lo fanno perché amano rivestire il ruolo di colei che prima o poi riuscirà a portar via l'uomo alla legittima consorte. Non necessariamente in mala fede ma semplicemente perchè non avendo la forza d'animo (e se vuoi le qualità) per conquistarsene uno "libero" approfittano delle debolezze del maschio incerto in cerca di tradimento.



Che poi, nella fascia d'età che va dai 30 ai 40 (e la cosa perdura da almeno un decennio sicché direi che vale anche per le/gli attuali 40enni ancora e ormai per sempre single) ci sia una profonda ed ormai incolmabile barriera tra le ambizioni amorose delle une e degli altri è ben altra cosa.
Da qui le ventenni che cercano i quarantenni anche sposati -ma sì, meglio un uomo a metà che niente, dopo tutto due amanti consecutivi fanno un uomo intero :) - che uno intero che a 30 anni non ha ancora la testa per guardare oltre il suo sentirsi libero, solo e...con tanto tempo davanti.
Il buco d'intenti ha cause molteplici, comprese quelle ecomiche
Sappiamo tutti che in una grande città una coppia per campare dignitosamente deve incassare almeno 3000 € netti al mese a cui toglierne almeno 1000 per il mutuo nell'ipotesi che genitori, parenti e amici abbiano provveduto all'anticipo, o per l'affitto buttando soldi dalla finestra ogni mese. Ma per fare un mutuo, soprattutto oggi con rateizzazioni anche a 30 anni (!!!) occorre che la coppia sappia guardare lontano al futuro davvero!
E invece le separazioni fioccano ad ogni misera e miserabile piccolissima difficoltà. E' più facile separarsi che non chinare la testa, rimboccarsi le maniche ed adoperarsi al meglio ed oltre delle proprie possibilità per risanare.

Ma non solo economiche. Molte mie conoscenti femminili (tra i 30 ed i 40 appunto e, ripeto, queste ultime son 10 anni che me lo dicono!!!) lamentano nei loro coetanei la mancanza di voglia di mettersi in gioco, di assumersi responsabilità, di guardare lontano appunto...ma ciò manca anche in loro senza accorgersene perché continuano a recitare il ruolo di colei che deve farsi guidare
E allora pur di non rischiare restano sole, spesso per scelta (degli altri ovviamente non meritevoli) e si trincerano dietro alcune verità ma altrettante bugie....
Come quasi sempre (fa eccezione la storia dei Tarocchi, ma non intervengo perché di parte ...) sono d'accordo con te al 100 %.

Mi sembra un quadro molto veritiero, pacato, e realistico, degli attuali rapporti uomo - donna e delle dinamiche sociali.

Bacio!
 
O

Old Ari

Guest
Le categorie in tal senso sono molteplici.
Ci sono anche quelle che semplicemente si godono (NON accontentano) di ciò che riescono a vivere parallelamente donando e ricevendo in equilibrio sulla lama di un rasoio ma pur sempre equilibrio.

Quelle che lo fanno perché hanno bisogno non di masochismo ma di soddisfare istinti primordiali anestetizzati da un rapporto quotidiano noioso ma...stabile.

E quelle (non infine) che lo fanno perché amano rivestire il ruolo di colei che prima o poi riuscirà a portar via l'uomo alla legittima consorte. Non necessariamente in mala fede ma semplicemente perchè non avendo la forza d'animo (e se vuoi le qualità) per conquistarsene uno "libero" approfittano delle debolezze del maschio incerto in cerca di tradimento.



Che poi, nella fascia d'età che va dai 30 ai 40 (e la cosa perdura da almeno un decennio sicché direi che vale anche per le/gli attuali 40enni ancora e ormai per sempre single) ci sia una profonda ed ormai incolmabile barriera tra le ambizioni amorose delle une e degli altri è ben altra cosa.
Da qui le ventenni che cercano i quarantenni anche sposati -ma sì, meglio un uomo a metà che niente, dopo tutto due amanti consecutivi fanno un uomo intero :) - che uno intero che a 30 anni non ha ancora la testa per guardare oltre il suo sentirsi libero, solo e...con tanto tempo davanti.
Il buco d'intenti ha cause molteplici, comprese quelle ecomiche
Sappiamo tutti che in una grande città una coppia per campare dignitosamente deve incassare almeno 3000 € netti al mese a cui toglierne almeno 1000 per il mutuo nell'ipotesi che genitori, parenti e amici abbiano provveduto all'anticipo, o per l'affitto buttando soldi dalla finestra ogni mese. Ma per fare un mutuo, soprattutto oggi con rateizzazioni anche a 30 anni (!!!) occorre che la coppia sappia guardare lontano al futuro davvero!
E invece le separazioni fioccano ad ogni misera e miserabile piccolissima difficoltà. E' più facile separarsi che non chinare la testa, rimboccarsi le maniche ed adoperarsi al meglio ed oltre delle proprie possibilità per risanare.

Ma non solo economiche. Molte mie conoscenti femminili (tra i 30 ed i 40 appunto e, ripeto, queste ultime son 10 anni che me lo dicono!!!) lamentano nei loro coetanei la mancanza di voglia di mettersi in gioco, di assumersi responsabilità, di guardare lontano appunto...ma ciò manca anche in loro senza accorgersene perché continuano a recitare il ruolo di colei che deve farsi guidare
E allora pur di non rischiare restano sole, spesso per scelta (degli altri ovviamente non meritevoli) e si trincerano dietro alcune verità ma altrettante bugie....
Buongiorno,
è ovviamente tutto riferito a una parte della categoria femminile giusto? Come è altrettanto tutto riferito a una parte dei rapporti di coppia. A parte che io questo chinare la testa non lo giudico positivo.
Baci
 

Verena67

Utente di lunga data
..anzi, diro' di piu'!

... a dire il vero si potrebbero scrivere poemi, ma alcune notazioni mi hanno soprattutto colpito, perché le condivido profondamente:


1. E' vero, c'è chi "gode" del tradimento, su una lama sottile. Credo pero' ci vada un peculiare affetto e maturità da entrambe le parti, che non sia cosa che si acquista ogni giorno al Di' X Di' (anche perché il tradimento "perfetto" dovrebbe avere ZERO conseguenze per le famiglie d'origine, e questo non è sempre facile, anzi...). Ecco perché quasi tutti i tradimenti finiscono in cacca.
Pero' penso la possibilità esista!

2. E' vero: donne e uomini hanno istinti primordiali assolutamente non appagati dal rapporto "stabile". Brutte cose? Ma vere. E non c'entra il masochismo o gli apparati sado - maso in pelle nera. Mi riferisco anche solo al fare l'amore con autentico desiderio in un gioco antico di conquista, di cui ormai si sono spesso perse le tracce (penso alle numerosissime coppie giovani e insoddisfatte annichilite nel profondo da fidanzamenti lunghissimi e noiosissimi....senza nessunissimo sbocco, tra l'altro)

3. L'uomo è in fuga: la gabbia è stata aperta, e dentro non torna piu'. Non è piu' obbligato né socialmente né economicamente a seguire la via di colui che mantiene famiglia e figli. Non ha piu' bisogno della donna per vivere una vita piena, sessualmente ed emotivamente,e soprattutto socialmente. La società inneggia al single glamour, non certo allo "sfigato" (messe virgolette) padre di famiglia. I disastri di questa "fuga" sono incalcolabili per entrambi i sessi e per la società nel suo complesso.

4. L'economia fomenta scelte di lungo periodo, e poi ci manda continuamente seducenti e contraddittori messaggi consumistici che minano nel profondo le stesse scelte. Hai voglia ad avere mutui trentennali, quando dopo un anno di convivenza vai in crisi "e non sai il perché" (e devi cambiare telefonino tre vv. l'anno).

Come uscirne?

Il bello dell'evoluzione è che costumi e condizioni socio - economiche cambiano. Non possiamo pensare che la massiccia immigrazione e globalizzazione non cambino, presto, prestissimo, il nostro modo di vivere. Saranno gli immigrati a cambiare noi, o il contrario? Mah.

Tra dieci anni - quindici al massimo - dovremmo poter vedere in che direzione stiamo andando.

Ritorni all'antico? Improbabili.

Il mondo va sempre avanti, anche se questo potrà non consolarci.


Un abbraccio!
 

Verena67

Utente di lunga data
Buongiorno,
è ovviamente tutto riferito a una parte della categoria femminile giusto? Come è altrettanto tutto riferito a una parte dei rapporti di coppia. A parte che io questo chinare la testa non lo giudico positivo.
Baci

Io penso Tr@deUp si riferisse alla coppia uomo - donna consapevole nel tradimento e non ci vedo nessun "chinare la testa", in questa fattispecie, bensì uno scambio consapevole specie nei suoi limiti.

Personalmente non ce la farei, ma magari c'è chi ci riesce.


Bacio!
 
O

Old Ari

Guest
Io penso Tr@deUp si riferisse alla coppia uomo - donna consapevole nel tradimento e non ci vedo nessun "chinare la testa", in questa fattispecie, bensì uno scambio consapevole specie nei suoi limiti.

Personalmente non ce la farei, ma magari c'è chi ci riesce.


Bacio!
Spero che comunque rimanga uno spaccato di alcune coppie.
E del chinare la testa ha parlato lui. A ognuno basta quel che si fa bastare.

Baci
 
O

Old Ari

Guest
Le categorie in tal senso sono molteplici.
Ci sono anche quelle che semplicemente si godono (NON accontentano) di ciò che riescono a vivere parallelamente donando e ricevendo in equilibrio sulla lama di un rasoio ma pur sempre equilibrio.

Quelle che lo fanno perché hanno bisogno non di masochismo ma di soddisfare istinti primordiali anestetizzati da un rapporto quotidiano noioso ma...stabile.

E quelle (non infine) che lo fanno perché amano rivestire il ruolo di colei che prima o poi riuscirà a portar via l'uomo alla legittima consorte. Non necessariamente in mala fede ma semplicemente perchè non avendo la forza d'animo (e se vuoi le qualità) per conquistarsene uno "libero" approfittano delle debolezze del maschio incerto in cerca di tradimento.



Che poi, nella fascia d'età che va dai 30 ai 40 (e la cosa perdura da almeno un decennio sicché direi che vale anche per le/gli attuali 40enni ancora e ormai per sempre single) ci sia una profonda ed ormai incolmabile barriera tra le ambizioni amorose delle une e degli altri è ben altra cosa.
Da qui le ventenni che cercano i quarantenni anche sposati -ma sì, meglio un uomo a metà che niente, dopo tutto due amanti consecutivi fanno un uomo intero :) - che uno intero che a 30 anni non ha ancora la testa per guardare oltre il suo sentirsi libero, solo e...con tanto tempo davanti.
Il buco d'intenti ha cause molteplici, comprese quelle ecomiche
Sappiamo tutti che in una grande città una coppia per campare dignitosamente deve incassare almeno 3000 € netti al mese a cui toglierne almeno 1000 per il mutuo nell'ipotesi che genitori, parenti e amici abbiano provveduto all'anticipo, o per l'affitto buttando soldi dalla finestra ogni mese. Ma per fare un mutuo, soprattutto oggi con rateizzazioni anche a 30 anni (!!!) occorre che la coppia sappia guardare lontano al futuro davvero!
E invece le separazioni fioccano ad ogni misera e miserabile piccolissima difficoltà. E' più facile separarsi che non chinare la testa, rimboccarsi le maniche ed adoperarsi al meglio ed oltre delle proprie possibilità per risanare.

Ma non solo economiche. Molte mie conoscenti femminili (tra i 30 ed i 40 appunto e, ripeto, queste ultime son 10 anni che me lo dicono!!!) lamentano nei loro coetanei la mancanza di voglia di mettersi in gioco, di assumersi responsabilità, di guardare lontano appunto...ma ciò manca anche in loro senza accorgersene perché continuano a recitare il ruolo di colei che deve farsi guidare
E allora pur di non rischiare restano sole, spesso per scelta (degli altri ovviamente non meritevoli) e si trincerano dietro alcune verità ma altrettante bugie....
Ehi!!!!! Lo vedi ora?
 

Nobody

Utente di lunga data
... a dire il vero si potrebbero scrivere poemi, ma alcune notazioni mi hanno soprattutto colpito, perché le condivido profondamente:


1. E' vero, c'è chi "gode" del tradimento, su una lama sottile. Credo pero' ci vada un peculiare affetto e maturità da entrambe le parti, che non sia cosa che si acquista ogni giorno al Di' X Di' (anche perché il tradimento "perfetto" dovrebbe avere ZERO conseguenze per le famiglie d'origine, e questo non è sempre facile, anzi...). Ecco perché quasi tutti i tradimenti finiscono in cacca.
Pero' penso la possibilità esista!

2. E' vero: donne e uomini hanno istinti primordiali assolutamente non appagati dal rapporto "stabile". Brutte cose? Ma vere. E non c'entra il masochismo o gli apparati sado - maso in pelle nera. Mi riferisco anche solo al fare l'amore con autentico desiderio in un gioco antico di conquista, di cui ormai si sono spesso perse le tracce (penso alle numerosissime coppie giovani e insoddisfatte annichilite nel profondo da fidanzamenti lunghissimi e noiosissimi....senza nessunissimo sbocco, tra l'altro)

3. L'uomo è in fuga: la gabbia è stata aperta, e dentro non torna piu'. Non è piu' obbligato né socialmente né economicamente a seguire la via di colui che mantiene famiglia e figli. Non ha piu' bisogno della donna per vivere una vita piena, sessualmente ed emotivamente,e soprattutto socialmente. La società inneggia al single glamour, non certo allo "sfigato" (messe virgolette) padre di famiglia. I disastri di questa "fuga" sono incalcolabili per entrambi i sessi e per la società nel suo complesso.

4. L'economia fomenta scelte di lungo periodo, e poi ci manda continuamente seducenti e contraddittori messaggi consumistici che minano nel profondo le stesse scelte. Hai voglia ad avere mutui trentennali, quando dopo un anno di convivenza vai in crisi "e non sai il perché" (e devi cambiare telefonino tre vv. l'anno).

Come uscirne?

Il bello dell'evoluzione è che costumi e condizioni socio - economiche cambiano. Non possiamo pensare che la massiccia immigrazione e globalizzazione non cambino, presto, prestissimo, il nostro modo di vivere. Saranno gli immigrati a cambiare noi, o il contrario? Mah.

Tra dieci anni - quindici al massimo - dovremmo poter vedere in che direzione stiamo andando.

Ritorni all'antico? Improbabili.

Il mondo va sempre avanti, anche se questo potrà non consolarci.


Un abbraccio!
Sarebbe accanimento terapeutico. Può far piacere o meno, ma la famiglia tradizionale è morta. Solo che ancora non lo sa...ci vorrà ancora qualche anno per stampare il necrologio.
 

Iris

Utente di lunga data
Spero che comunque rimanga uno spaccato di alcune coppie.
E del chinare la testa ha parlato lui. A ognuno basta quel che si fa bastare.

Baci
Se un matrimonio deve andare avanti perche uno dei due ( pare che il nostro trade si riferisca all'elemento femminile) china la testa, trovo che la separazione sia l'unica scelta possibile e dignitosa.
Non so se avete mai avuto a che fare con i figli di coppie, nelle quali uno dei due chinava la testa,sopportando tradimenti ed umiliazioni...nessuno di quei figli ha avuto una infanzia ed una adolescenza serena.
Una mia collega, quarantenne, mi ha confidato tutta la sua fatica nel crescere equilibrata ( è una donna molto equilibrata, nonostante il matrimonio dei suoi genitori.
E ha aggiunto, che appena grandicella, era lei a spingere sua madre verso la separazione, non perchè il padre fosse un mostro, ma semplicemente perchè era evidente che tradiva la moglie.
Quindi non manteniamo ancora la favola dei matrimoni in piedi per i figli...sono loro stessi a negare la validità di questa teoria.

Qualla di non registrata era una provocazione...sinceramente vi trovo del giusto.
 
Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
Top