Perdono o debito?

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
A

ales

Guest
Ciao a tutti.
Prendo spunto dal post "E' un gran casino" per chiedervi:
chi, essendo stato perdonato dopo un tradimento, non pensa (o non teme) che il partner tradito, prima o poi possa restituire "il favore"?

Penso che i "traditori perdonati" sotto sotto non possano non tenere conto di questa possibilità.
Non necessariamente come vendetta, ma come debito che potrà essere un giorno eventualmente riscosso.
 

Verena67

Utente di lunga data
può dar fastidio...

...ma forse se sei già "oltre" l'unione che hai "tradito", non penso ti disturberebbe piu' di tanto, potrebbe anzi darti l'occasione finale per chiudere il discorso. Triste, lo so, ma credo abbastanza realista.


Un bacio!
 
G

Glun

Guest
da tradita quale sono non posso rispondere in maniera diretta ma solo cio che la persona che mi ha tradita mi ha detto contestualmente alla richiesta di tornare insieme:

"certo, non mi aspetto un perdono assoluto ....so bene che quanto meno vorrai tradirmi anche tu per rimettere le cose in pari....e io sono pronta ad accettarlo."

credo che un discorso simile dimosti chiaramente come chi ha tradito si aspetti un atteggiamento vendicativo da parte del tradito ma sopratutto resto convinta che alla fine un eventuale contro-tradimento gli scaricherebbe non poco la coscienza.
 
A

ales

Guest
Condivido, Verena, ma se sei già "oltre l'unione".
Se invece è stata una divagazione, una scappatella, come si dice, e nell'unione ci vuoi restare, penso che almeno il dubbio che ti sia riservato lo stesso trattamento, anche a distanza di anni, non si può non avere.


Glun ha detto:
"certo, non mi aspetto un perdono assoluto ....so bene che quanto meno vorrai tradirmi anche tu per rimettere le cose in pari....e io sono pronta ad accettarlo."

credo che un discorso simile dimosti chiaramente come chi ha tradito si aspetti un atteggiamento vendicativo da parte del tradito ma sopratutto resto convinta che alla fine un eventuale contro-tradimento gli scaricherebbe non poco la coscienza.
Chi ha tradito è il primo a non fidarsi più, perchè il suo comportamento gli dà la misura delle cose. Crede a quello che di lui stesso ha visto e lo proietta anche sul tradito. Non ha sicurezza di sè, come può averla del partner?
 
O

Old Fa.

Guest
ales ha detto:
Ciao a tutti.
Prendo spunto dal post "E' un gran casino" per chiedervi:
chi, essendo stato perdonato dopo un tradimento, non pensa (o non teme) che il partner tradito, prima o poi possa restituire "il favore"?

Penso che i "traditori perdonati" sotto sotto non possano non tenere conto di questa possibilità.
Non necessariamente come vendetta, ma come debito che potrà essere un giorno eventualmente riscosso.
Bravissimo ales,

Ottima domanda, forse la prima nella storia di questo forum


Infatti, non possono affatto restare tranquilli su una restituzione probabile. Hanno dato loro stessi il "nulla osta" su questo aspetto.

ma non si devono offendere, ... è un diritto questo. Ti ho perdonato, ... ma lasciami anche a me sperimentare cosa sia bazzicare con altri.

Per un traditore, dovrebbe essere facile comprendere questa scelta
 
A

ales

Guest
Grazie per la condivisione, Fa.
Hanno dato il "nulla osta", questo è il punto.
Non possono più rivendicare il diritto alla lealtà che per primi non hanno riconosciuto al partner.

Comunque sono una femminuccia.
 
O

Old Fa.

Guest
ales ha detto:
Grazie per la condivisione, Fa.
Hanno dato il "nulla osta", questo è il punto.
Non possono più rivendicare il diritto alla lealtà che per primi non hanno riconosciuto al partner.

Comunque sono una femminuccia.
Allora un bacione.

La cosa non cambia, ... un tradito ha diritto di gustare anche lui la sua mela proibita, ... con un vantaggio in più; lo hai fatto tu ... non mi pare farti un torto se lo faccio anch'io.

Se ti offendi: gustati l'offesa ....
 

Fedifrago

Utente di lunga data
Non la farei così semplice (tanto per cambiare..
).

Non si tratta di pensare di ricevere un nulla osta, se così fosse, che senso avrebbe il perdono?

Credo che se di vero perdono si tratti, non automaticamnete esso divenga il via libera per le scappatelle dell'altro/a.

Se invece è un perdono di "comodo" allora significa che la storia già era arrivata a un punto tale per cui sarebbe probabilmente potuto accadere che il/la tradito/a divenisse a sua volta traditore/trice. Semplicemente era ancora mancata l'occasione.

ales ha detto:
Non possono più rivendicare il diritto alla lealtà che per primi non hanno riconosciuto al partner.
E perchè scusa? Due errori mica fanno una ragione!


E torniamo sempre lì, se è vero perdono si è accettato il fatto, pur reputandolo un comportamento sbagliato, ma non credo che questo equivalga a condividerlo, diversamente sarebbe come dire : "Beh, in fondo può capitare" e quindi di che perdono si tratterebbe? Per qualcosa che si reputa ammissibile? Suvvia!
 

Bruja

Utente di lunga data
Trottolino

Condivido il tuo modo di vedere.............. se il perdono parte già "peloso", diventa un perdono strumentale non spontaneo.
Quello che può pensare sia chi tradusce ce chi ha tradito è parte della propria individualità e personalità, ma ritengo che perdonare dovrebbe essere senza riserve. almeno per l'atto in sè, mentre ricevere il perdono dovrebbe proprio far pensare che l'altro è in grado di capire, dare un'altra possibilità senza per questo mettere in conto l'eventuale resa a tempo debito.
Giustamente due errori non danno una ragione, ma che perdono è se poi lo si invalida con l'occhio per occhio? O forse si suppone che a propria volta di dovrà essere perdonati per pareggiare i conti?
Se decido di perdonare sò bene che perdono a chi ha tradito e quindi a chi ha una certa mentalità e potrebbe mettere in conto che, prima o poi, l'abbiano anche gli altri, ma è solo perchè non arriva a pensare che ci possa essere un perdono senza rivalsa. Per intenderci è grazie alla sua scarsa fiducia nella generosità altrui che usa con gli altri gli stessi suoi parametri.
Bruja
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
..ricontrattazione

ales ha detto:
Ciao a tutti.
Prendo spunto dal post "E' un gran casino" per chiedervi:
chi, essendo stato perdonato dopo un tradimento, non pensa (o non teme) che il partner tradito, prima o poi possa restituire "il favore"?

Penso che i "traditori perdonati" sotto sotto non possano non tenere conto di questa possibilità.
Non necessariamente come vendetta, ma come debito che potrà essere un giorno eventualmente riscosso.
Ho pensato alla possibilità del perdono (capito quanto sono buona/fessa?) ..ma dopo un tradimento il perdono non implica che tutto possa tornare "come prima" ..potrebbe essere meglio o peggio..ma mai più come prima..
E' possibile solo un nuovo rapporto da ricontrattare ..e in questa ricontrattazione è compresa la consapevolezza che può succedere di tradire (se non ci fosse questa accettazione ..non si potrebbe perdonare ..il tradimento sarebbe inaccettabile e basta) e se c'è questa nuova consapevolezza c'è da entrambe le parti.
Questo può rendere il rapporto anche più vivo proprio perché basato su un equilibrio instabile..
Ma è tutta teoria..non so nella pratica come realmente si possa vivere una situazione così.
Ma una ricostruzione del rapporto che si basi su una presunzione di fedeltà ..è impossibile..per me.
 
O

Old Arsenico

Guest
ales ha detto:
Ciao a tutti.
Prendo spunto dal post "E' un gran casino" per chiedervi:
chi, essendo stato perdonato dopo un tradimento, non pensa (o non teme) che il partner tradito, prima o poi possa restituire "il favore"?

Penso che i "traditori perdonati" sotto sotto non possano non tenere conto di questa possibilità.
Non necessariamente come vendetta, ma come debito che potrà essere un giorno eventualmente riscosso.
Non crfedo sia necessariamente così... ho una coppia di amici che sono assieme da 2 anni, lui ha tradito lei più e più volte, più e più volte scoperto, lasciato e perdonato. lei, nonostante tutto, non se l'è fatto mai passare neanche per l'anticamera del cervello di tradirlo, troppo innamorata...
 
O

Old Nadamas

Guest
Arsenico

ma sei tu? vecchia pellaccia?

conservo ancora una tua foto ad un raduno
...bentornato ragazzaccio

Nada
 

MariLea

Utente di lunga data
Arsenico ha detto:
Non crfedo sia necessariamente così... ho una coppia di amici che sono assieme da 2 anni, lui ha tradito lei più e più volte, più e più volte scoperto, lasciato e perdonato. lei, nonostante tutto, non se l'è fatto mai passare neanche per l'anticamera del cervello di tradirlo, troppo innamorata...
va sicuramente così quando si è "troppo innamorati/e", ma... quando il grande amore comincia a scemare nel tempo (e succede spesso, ancor di più quando si sono ingoiati troppi bocconi amari nella storia) ed incontra una persona "speciale".. e la tentazione diventa sempre più forte... che fa? Pensa che non è giusto cedervi, che lui non merita questo... o ha meno remore rispetto ad altri/e...
 
O

Old Arsenico

Guest
mailea ha detto:
va sicuramente così quando si è "troppo innamorati/e", ma... quando il grande amore comincia a scemare nel tempo (e succede spesso, ancor di più quando si sono ingoiati troppi bocconi amari nella storia) ed incontra una persona "speciale".. e la tentazione diventa sempre più forte... che fa? Pensa che non è giusto cedervi, che lui non merita questo... o ha meno remore rispetto ad altri/e...
In quel caso, il tradimento arriva anche se non c'è nessun torto da ripagare.
 

Bruja

Utente di lunga data
Arsenico

In effetti "non è necessariamente così" può accadere anche questa aventualità, ma che una persona perdoni più e più volte nonostante il marito sia un vero recidivo abituale rende lei molto morbida proprio perchè innamorata e l'amore, la rende inattaccabile al tradimento di ritorno. Naturalmente finchè lei resta innamorata, perchè in caso contrario vedremo se lo mollerà o se deciderà di riscuotere il credito...... propendo per la prima delle ipotesi, a meno che non sia di quelle che restano per figli ed altre questioni socioeconomiche.
Bruja
 

MariLea

Utente di lunga data
Se non c'è nessun torto subito (da ripagare sa di vendetta e non è questo il caso) ci pensa 100 e 1000 volte prima.... e spesso chiude lì e non cede.
Ma se lui è un habitué del tradimento.. le normali remore in lei sono già abbattute.
 
O

Old Arsenico

Guest
Bruja ha detto:
In effetti "non è necessariamente così" può accadere anche questa aventualità, ma che una persona perdoni più e più volte nonostante il marito sia un vero recidivo abituale rende lei molto morbida proprio perchè innamorata e l'amore, la rende inattaccabile al tradimento di ritorno. Naturalmente finchè lei resta innamorata, perchè in caso contrario vedremo se lo mollerà o se deciderà di riscuotere il credito...... propendo per la prima delle ipotesi, a meno che non sia di quelle che restano per figli ed altre questioni socioeconomiche.
Bruja
Non sono due persone sposate, bruja, lui ha 26 anni e lei 22...
 
O

Old Arsenico

Guest
mailea ha detto:
Se non c'è nessun torto subito (da ripagare sa di vendetta e non è questo il caso) ci pensa 100 e 1000 volte prima.... e spesso chiude lì e non cede.
Ma se lui è un habitué del tradimento.. le normali remore in lei sono già abbattute.
Evidentemente no, Mailea... almeno nel caso delle due persone di cui parlo. E' anche una questione di indole, secondo me. C'è chi è portato per il tradimento,e chi proprio non ce la fa, forse.
 

Bruja

Utente di lunga data
Arsenico

Arsenico ha detto:
Non sono due persone sposate, bruja, lui ha 26 anni e lei 22...
Ops, allora lei è davvero molto ma molto innamorata.......... quindi lui deve solo augurarsi che non si disamori, se veramente tiene a questa ragazza. Capisci bene che in questo caso è proprio il solo e unico deterrente l'innamoramento così profondo.
Bruja
 
Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
Top