Perchè non riesco a fare il passo (Separazione)

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
O

Old AlexRo

Guest
Perchè non riesco a fare il passo (Separazione)

Ciao a tutti,
Sono nuovo (come si evince dal contapost) e sono approdato a questo forum in preda ad una profonda frustrazione che ormai mi pervade da parecchi mesi. Sono sposato da 10 anni (ho 37 anni) e non si può dire che la fedeltà sia mai stata una delle cose che ha tenuto insieme me e mia moglie. Ci siamo amati, probabilmente ancora oggi c'è affetto reciproco ma per lo meno dal mio punto di vista non credo ci sia più amore.
A quattro anni dal matrimonio ho avuto una storia molto intensa con una collega che è durata circa un anno. E' finita grazie alla estrema maturità di lei, che capito che io non sarei mai riuscito a lasciare mia moglie si è licenziata e se ne è andata per il bene di tutti. E' stata probabilmente la relazione che mi ha segnato poichè credo tutt'ora (sono passati sei anni) che quella persona (che ormai non sento più se non per scambiarci gli auguri a natale) sia la mia vera ed unica anima gemella. Due anni fa è toccato a mia moglie avere una relazione di parecchi mesi con un ragazzo molto più giovane di lei (e di me). Io l'ho scoperto tardi ma anche alla luce di questo lei ha proseguito, come "stregata" dice lei dall'avventura. Ora è finita grazie al fatto che lui l'ha trattata male e le ha detto che in pratica stava con lei solo per scopare (ma va?).
Io apparentemente non ho preso malissimo la cosa poichè mi è sempre stato detto che era una avventura, una esperienza, e soprattutto perchè avevo la coscienza sporca da quanto avvenuto a me. Tra parentesi non ho mai vissuto sessualmente con mia moglie ciò che ho vissuto nel periodo in cui lei mi tradiva, visto che (ed è stato uno dei motivi del mio sospetto) il sesso con lei era frequentissimo e molto intenso. Finita la storia siamo tornati "piatti" sotto quel profilo. Oggi sono diversi mesi che ho iniziato a frequentare un'altra mia collega che oltre che attraente (veramente molto attraente) è affascinante, solare e vivace. Oltretutto mi trovo da dio anche culturalmente condividendo parecchie passioni e gusti. Di quelle che ti fanno perdere la testa insomma. Io credo di essermi nuovamente innamorato, ma non sono sicuro che lei provi la stessa cosa. Fondamentalmente mi sono fatto l'idea che abbia bisogno di una avventura (è sposata anche lei) più che di un rapporto serio, cosa di cui invece avrei bisogno io per dare un taglio al mio matrimonio, ormai chiaramente morto.
Da solo ho già visto che non sono in grado di darci un taglio con mia moglie (lei non vuole, è chiaramente contraria, piange quando parlo di questo e ci sta male anche se non credo sia amore ciò che la tiene legata a me quanto piuttosto la paura di ricominciare a 37 anni).
Ma con la mia attuale relazione non ho ancora scorto da parte sua l'intenzione di creare qualcosa invece che distruggere ciò che già c'è.
Morale: Sono sposato con una persona che apprezzo ma che non amo e quella che amo probabilmente non è intenzionata a costruire un rapporto serio. E io non so che cosa fare.
 
O

Old fay

Guest
Uh, il mio clone maschio!!! Cosa dirti? Benvenuto nel casino più totale e auguri se riuscirai a trovare la soluzione, magari mi darai la ricetta...
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
due possibilità

Ciao a tutti,
Sono nuovo (come si evince dal contapost) e sono approdato a questo forum in preda ad una profonda frustrazione che ormai mi pervade da parecchi mesi. Sono sposato da 10 anni (ho 37 anni) e non si può dire che la fedeltà sia mai stata una delle cose che ha tenuto insieme me e mia moglie. Ci siamo amati, probabilmente ancora oggi c'è affetto reciproco ma per lo meno dal mio punto di vista non credo ci sia più amore.
A quattro anni dal matrimonio ho avuto una storia molto intensa con una collega che è durata circa un anno. E' finita grazie alla estrema maturità di lei, che capito che io non sarei mai riuscito a lasciare mia moglie si è licenziata e se ne è andata per il bene di tutti. E' stata probabilmente la relazione che mi ha segnato poichè credo tutt'ora (sono passati sei anni) che quella persona (che ormai non sento più se non per scambiarci gli auguri a natale) sia la mia vera ed unica anima gemella. Due anni fa è toccato a mia moglie avere una relazione di parecchi mesi con un ragazzo molto più giovane di lei (e di me). Io l'ho scoperto tardi ma anche alla luce di questo lei ha proseguito, come "stregata" dice lei dall'avventura. Ora è finita grazie al fatto che lui l'ha trattata male e le ha detto che in pratica stava con lei solo per scopare (ma va?).
Io apparentemente non ho preso malissimo la cosa poichè mi è sempre stato detto che era una avventura, una esperienza, e soprattutto perchè avevo la coscienza sporca da quanto avvenuto a me. Tra parentesi non ho mai vissuto sessualmente con mia moglie ciò che ho vissuto nel periodo in cui lei mi tradiva, visto che (ed è stato uno dei motivi del mio sospetto) il sesso con lei era frequentissimo e molto intenso. Finita la storia siamo tornati "piatti" sotto quel profilo. Oggi sono diversi mesi che ho iniziato a frequentare un'altra mia collega che oltre che attraente (veramente molto attraente) è affascinante, solare e vivace. Oltretutto mi trovo da dio anche culturalmente condividendo parecchie passioni e gusti. Di quelle che ti fanno perdere la testa insomma. Io credo di essermi nuovamente innamorato, ma non sono sicuro che lei provi la stessa cosa. Fondamentalmente mi sono fatto l'idea che abbia bisogno di una avventura (è sposata anche lei) più che di un rapporto serio, cosa di cui invece avrei bisogno io per dare un taglio al mio matrimonio, ormai chiaramente morto.
Da solo ho già visto che non sono in grado di darci un taglio con mia moglie (lei non vuole, è chiaramente contraria, piange quando parlo di questo e ci sta male anche se non credo sia amore ciò che la tiene legata a me quanto piuttosto la paura di ricominciare a 37 anni).
Ma con la mia attuale relazione non ho ancora scorto da parte sua l'intenzione di creare qualcosa invece che distruggere ciò che già c'è.
Morale: Sono sposato con una persona che apprezzo ma che non amo e quella che amo probabilmente non è intenzionata a costruire un rapporto serio. E io non so che cosa fare.
Prima risposta: separatevi al più presto finché siete giovani e potrete rifarvi una vita.
Seconda risposta: non riuscite a separarvi perché non volete e i tradimenti sono solo stampelle per tenere in piedi il vostro rapporto.
In ogni caso sarebbe utile rivolgervi a un mediatore familiare che vi aiuti a chiarire il percorso che volete fare (io sono per il primo) e sostenervi per superare il legame molto forte che vi unisce.
 

Bruja

Utente di lunga data
AlexRo

Intanto benvenuto.
Passiamo a quelli che sembrano i tuoi guai...
Mi pare che il tuo matrimonio sia nato con una scadenza naturale molto breve a cui non è stata data alcuna forma di sostentamento. Hai deciso che potevi tradire, lo hai fatto tranquillamente e dico che forse quella che, molto saggiamente ha chiuso il rapporto anche se tardivamente, era la tua anima gemella. Poi è toccato a tua moglie che evidentemente da trascurata ha cercato consolazione, anche se superficiale, altrove.
Adesso tu hai un'altra storia che pare sia un grande amore... ma che, come l'altra, ha la linea della parabola.... un'avventura che si concluderà con la fine dell'interesse.
Perchè questo è e di questo si è trattato l'altra volta.
Forse quello che devi valutare è non tanto che il matrimonio che pare finito ma quanto poco è stato fatto, da te in primis, per dargli ossigeno e vita.
Tu e tua moglie ormai siete un consorzio di mutuo soccorso che si consola extraconiugalmente alla bisogna. Non ci sono molte strade, o state come siete o vi separate, ma se proprio ne avete voglia potreste cominciare a parlarvi ed a cerrcare do capire cosa vi sia successo nell'arco degli anni; forse non risolverà la vostra situazione ma almeno vi permetterà di capire come ci siete arrivati.
Quanto a tua moglie puyò essere che non voglia ricominciare a 37 anni, ma può anche essere che tutto sommato ci tenga comunque a questo paramatrimonio.
Lei ha tradito, è vero, ma forse si è resa conto che non ne valeva la pena.... sei tu quello che crede che ogni rapporto extra sia un grande amore, ed in questo dimostri meno saggezza di tua moglie che tacci di pusillanimità. Sei tu quello che crede di trovare altrove quello che non riesci a trovare nel tuo matrimonio... tant'è che le persone che ti hanno frequentato hanno sì tradito, ma se ne guardano bene dal lasciare la loro realtà di coppia. e questo qualcosa dovrebbe pure suggerirtelo.
Rifletti, non voglio salvare a tutti i costi il tuo matrimonio, mi basterebbe snebbiarti dalle tue facili infatuazioni.............. le amanti sono tutte perfette se non hanno i cariche delle mogli, ma come moglio a loro volta non mollano la presa..............!!!!!!!!!!
Se devi fare una scelta fuori dal matrimonio, falla per te stesso.........da solo, senza puntelli; questa sarebbe una scelta!
Bruja
 

Iago

Utente di lunga data
AlexRo

"cosa di cui invece avrei bisogno io per dare un taglio al mio matrimonio"

...questa tua frase la trovo assurda!

...avete figli?...se no...perchè? (se è possibile, e se vuoi)
 
O

Old AlexRo

Guest
"cosa di cui invece avrei bisogno io per dare un taglio al mio matrimonio"

...questa tua frase la trovo assurda!

...avete figli?...se no...perchè? (se è possibile, e se vuoi)
Perchè mia moglie non ne vuole ed io anche se in alcuni momenti della relazione li avrei voluti probabilmente non ho insistito per averne. E' la stessa incapacità di prendere decisioni che ci perseguita?

@Bruja:
Ciò che non mi convince della tua analisi (che trovo indiscutibilmente interessante) è che io non sono un bellone da poter attrarre le donne per una avventura. Cioè: Mia moglie si è pigliata uno che aveva meno di venticinque anni per consolarsi come dici tu. Perchè le mie relazioni sono con coetanee o di poco più giovani? Perchè io fra i tanti che si possono prendere per una botta e via? E' questo che mi fa sperare che non siano solo avventure. Probabilmente hai ragione nel dire che dopo poco perdono interesse per me e la parabola va scemando.. ma comunque non mi spiego perchè iniziano?

EDIT: Con mia moglie non è che abbiamo poi parlato tanto neanche in gioventù. Siamo stati ottimi amici prima del matrimonio e buoni amici dopo il matrimonio. Alcune passioni ci uniscono ma oltre a ciò non ricordo molto di più.
 

Iago

Utente di lunga data
beh...

Perchè mia moglie non ne vuole ed io anche se in alcuni momenti della relazione li avrei voluti probabilmente non ho insistito per averne. E' la stessa incapacità di prendere decisioni che ci perseguita?

@Bruja:
Ciò che non mi convince della tua analisi (che trovo indiscutibilmente interessante) è che io non sono un bellone da poter attrarre le donne per una avventura. Cioè: Mia moglie si è pigliata uno che aveva meno di venticinque anni per consolarsi come dici tu. Perchè le mie relazioni sono con coetanee o di poco più giovani? Perchè io fra i tanti che si possono prendere per una botta e via? E' questo che mi fa sperare che non siano solo avventure. Probabilmente hai ragione nel dire che dopo poco perdono interesse per me e la parabola va scemando.. ma comunque non mi spiego perchè iniziano?

...se non avete figli, e non la ami più, è più facile, no? ...e assolutamente senza cercare forze esterne coinvolgendo le persone nel tuo tentativo di abbandono...ci si lascia con rispetto, e amen, perchè vuoi complicarti la vita, e soprattutto facendo del male??
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
Romantico

Perchè mia moglie non ne vuole ed io anche se in alcuni momenti della relazione li avrei voluti probabilmente non ho insistito per averne. E' la stessa incapacità di prendere decisioni che ci perseguita?

@Bruja:
Ciò che non mi convince della tua analisi (che trovo indiscutibilmente interessante) è che io non sono un bellone da poter attrarre le donne per una avventura. Cioè: Mia moglie si è pigliata uno che aveva meno di venticinque anni per consolarsi come dici tu. Perchè le mie relazioni sono con coetanee o di poco più giovani? Perchè io fra i tanti che si possono prendere per una botta e via? E' questo che mi fa sperare che non siano solo avventure. Probabilmente hai ragione nel dire che dopo poco perdono interesse per me e la parabola va scemando.. ma comunque non mi spiego perchè iniziano?
Ti sei presentato in un modo un po' grezzo, ma ora ti riveli un romantico che cerca amore e conferme di poter amare ed essere amato. Questo mi conferma nell'idea che tu non vuoi separarti perché vorresti credere nel tuo matrimonio che ti ha deluso proprio dal punto di vista emotivo-relazionale.
Nella frequentazione del forum mi sono fatta la convinzione che il sesso non è certo la prima motivazione al tradimento, ma bensì la ricerca di emozioni.
 
O

Old fay

Guest
dopo....

..una storia importante e devastante, dopo aver provato delle cose da tempo dimenticate, importantisisme, fondamentali per vivere, chi di voi ha pensato che un'altra storia ancora, avrebbe potuto essere la soluzione ad un grande dolore? Faccio un esempio, sto malisismo e lo sapete tutti oramai, ok, l'idea di tornare con mio marito mi annienta, l'idea, cosa che però adesso mi farebbe rabbrividire, di provare un'altra volta un amore così forte mi fa stare bene. Non sono una traditrice doc, è solo una sensazione che ho. Ieri sera sono stata fino all'una a parlare con mio marito sul letto, ho pensato al mio Lui, fa lo stesso con lei, a Persa, a Verena, a tanti qui dentro che dopo un tradimento, subito o inflitto, stanno cercando di rimettere insieme i cocci della loro vita di coppia. Ho pensato alle tante parole spese, alle notti insonni, alle stesse cose dette e ridette da mesi....Io non ce la farò a tornare con mio marito, forse dovrei fare una terapia con analisi? forse mi aiuterebbe? Mia cugina mi vuole portare a praticare con lei...buddismo giappponese che conosco già e nel quale credo ma...non sono troppo mistica. Meglio la terapia? Tutte in terapia le sue donne alla fine!!!! Almeno ce la pagasse.....Non so. Mio marito soffre della mia sofferenza, ieri sera gli ho detto che ci siamo rivisti, e lui giustamente mi ha detto che fino a che continuerò a rivederlo non ne uscirò. Ma io non voglio uscirne gli ho risposto. Ormai sono proprio pulita, TBT sarà felice.....Non capisco mio marito, cosa voglia, cosa provi, ora ha pure saturno nel segno...che ne so! L'idea di una nuova emozione mi fa stare meglio, pensare che non morirò con questo dolore ma che domani amerò ancora....Voi cosa dite?
 
O

Old fay

Guest
Ho fatto un pò di casino ma ho salvato e copiato da un'altra parte, scusate l'intormissione!!!
 

Bruja

Utente di lunga data
@Bruja:
Ciò che non mi convince della tua analisi (che trovo indiscutibilmente interessante) è che io non sono un bellone da poter attrarre le donne per una avventura. Cioè: Mia moglie si è pigliata uno che aveva meno di venticinque anni per consolarsi come dici tu. Perchè le mie relazioni sono con coetanee o di poco più giovani? Perchè io fra i tanti che si possono prendere per una botta e via? E' questo che mi fa sperare che non siano solo avventure. Probabilmente hai ragione nel dire che dopo poco perdono interesse per me e la parabola va scemando.. ma comunque non mi spiego perchè iniziano?
Forse iniziano perchè le risposte emotive che vai cercando, che per te sono primarie, non sono più quelle che ritrovi nel matrimonio.
Ora non sto a discutere se sia giusto o sbagliato che tu le cerchi ma è improduttivo il modo. Cosa vi state prospettando? Una serie di rapporti extra in cui trovate quello che non avete nella coppia così da puntellarla?
Resto del parere che dovete mettervi a tavolino e fare una bella chiacchierata, ma che duri due giorni, non le solite discussioni tipo tu sei così io cosà, siamo cambiati e non possiamo farci nulla............ Valutate veramente e profondamente quanta voglia avete ancora di stare insieme, e cercate di capire quale potrebbe essere il collante che possa darvi un aiuto fattivo.
Se dopo questa valutazione seria e critica non troverete motivazioni, qualunque sia la vostra idea di coppia, significa che voi non lo siete più..... non si sta insieme perchè ci si emoziona (subentra l'abitudine) nè perchè si hanno dei figli (sono un coronamento non una scusa) ma perchè si hanno sempre e comunque delle affinità in comune e perchè si è certi che, comunque vada, la persona migliore con la quale passare la vita è quella che ci sta accanto, nonostante eventuali trasgressioni.
Tradire è un peccato verso la coppia, stare insieme tanto per stare è un peccato verso sè stessi che porta a nuovi tradimenti.
Bruja
 

Verena67

Utente di lunga data
Perchè mia moglie non ne vuole ed io anche se in alcuni momenti della relazione li avrei voluti probabilmente non ho insistito per averne. E' la stessa incapacità di prendere decisioni che ci perseguita?

@Bruja:
Ciò che non mi convince della tua analisi (che trovo indiscutibilmente interessante) è che io non sono un bellone da poter attrarre le donne per una avventura. Cioè: Mia moglie si è pigliata uno che aveva meno di venticinque anni per consolarsi come dici tu. Perchè le mie relazioni sono con coetanee o di poco più giovani? Perchè io fra i tanti che si possono prendere per una botta e via? E' questo che mi fa sperare che non siano solo avventure. Probabilmente hai ragione nel dire che dopo poco perdono interesse per me e la parabola va scemando.. ma comunque non mi spiego perchè iniziano?

EDIT: Con mia moglie non è che abbiamo poi parlato tanto neanche in gioventù. Siamo stati ottimi amici prima del matrimonio e buoni amici dopo il matrimonio. Alcune passioni ci uniscono ma oltre a ciò non ricordo molto di più.
Benvenuto, intanto.
Ti parlo da donna che ha pensato di separarsi e non l'ha fatto.
Il mio ex amante tentennava come te, e io mi sono stufata. Molto presto.
Un amore lo devi fare crescere, senno' rimane un gatto in una bottiglia, inevitabilmente muore.

una donna prima di stravolgere la sua vita, quella dei suoi figli, etc., ci pensa su non una, ma mille volte.

Siamo tutti capaci a far follie quando pero' poi la sera si torna a casa nel proprio comodo nido.

Quello che una donna "innamorata" vuole da un uomo è che sia UOMO, prenda delle decisioni.

Altrimenti la stima svanisce, e con quella svanisce l'attrazione fisica, tutto.

E' inesorabile.

Tu ti aspetti che gli altri decidano per te. Sei immaturo. Nessuna donna sana di mente devasta la sua vita per uno senza sostanza, senza nerbo.

Ma non è un reato, tanta gente lo è. Solo che io non vedo nel tuo futuro né separazioni né figli né vita, se non MATURI e non impari a fare delle scelte, anche minime.

Altrimenti vai avanti così, non a tutti è dato farsi timonieri della propria vita.

Un abbraccio!
 

Verena67

Utente di lunga data
P[B ha detto:
e[/b]rsa/Ritrovata;91244]
Nella frequentazione del forum mi sono fatta la convinzione che il sesso non è certo la prima motivazione al tradimento, ma bensì la ricerca di emozioni.
Non ci sono dubbi al riguardo....


Ma le emozioni bisogna sapersele meritare....

Bacio!
 
O

Old AlexRo

Guest
Benvenuto, intanto.
Ti parlo da donna che ha pensato di separarsi e non l'ha fatto.
Il mio ex amante tentennava come te, e io mi sono stufata. Molto presto.
Un amore lo devi fare crescere, senno' rimane un gatto in una bottiglia, inevitabilmente muore.

una donna prima di stravolgere la sua vita, quella dei suoi figli, etc., ci pensa su non una, ma mille volte.

Siamo tutti capaci a far follie quando pero' poi la sera si torna a casa nel proprio comodo nido.

Quello che una donna "innamorata" vuole da un uomo è che sia UOMO, prenda delle decisioni.

Altrimenti la stima svanisce, e con quella svanisce l'attrazione fisica, tutto.

E' inesorabile.

Tu ti aspetti che gli altri decidano per te. Sei immaturo. Nessuna donna sana di mente devasta la sua vita per uno senza sostanza, senza nerbo.

Ma non è un reato, tanta gente lo è. Solo che io non vedo nel tuo futuro né separazioni né figli né vita, se non MATURI e non impari a fare delle scelte, anche minime.

Altrimenti vai avanti così, non a tutti è dato farsi timonieri della propria vita.

Un abbraccio!
Ringrazio ancora tutti per le risposte. Il quadro disarmante che dipingete è senza dubbio realistico. Non è un mistero per me stesso che io abbia fra i mille problemi anche quello di non avere il coraggio di prendere decisioni. Sono anche daccordo che la ricerca di emozioni sia ciò che mi ha spinto più volte a fare ciò che ho fatto (e che sto facendo) ma ciò non toglie che non si possa vivere di aspettative "più alte" verso una storia nata male. Mi è chiaro che la prima (anzi probabilmente l'unica decisione) che devo prendere è di andarmene visto che con mia moglie il tavolo delle trattative è ormai troppo inflazionato e si tende sempre a finire in accuse reciproche. Magari come suggeriva qualcuno sarebbe opportuno sentire un consulente che possa guidarci perchè ancora una volta da soli non ne usciamo. Grazie ancora.
 
O

Old Ari

Guest
Ringrazio ancora tutti per le risposte. Il quadro disarmante che dipingete è senza dubbio realistico. Non è un mistero per me stesso che io abbia fra i mille problemi anche quello di non avere il coraggio di prendere decisioni. Sono anche daccordo che la ricerca di emozioni sia ciò che mi ha spinto più volte a fare ciò che ho fatto (e che sto facendo) ma ciò non toglie che non si possa vivere di aspettative "più alte" verso una storia nata male. Mi è chiaro che la prima (anzi probabilmente l'unica decisione) che devo prendere è di andarmene visto che con mia moglie il tavolo delle trattative è ormai troppo inflazionato e si tende sempre a finire in accuse reciproche. Magari come suggeriva qualcuno sarebbe opportuno sentire un consulente che possa guidarci perchè ancora una volta da soli non ne usciamo. Grazie ancora.
Ciao e ben venuto.
Inizialmente volevo scriverti righe di fuoco, ma mi sono calmata prima di buttare giù quello che sento.
Comunque. Io mi sento dalla parte di quella che poteva essere la tua anima gemella, pertanto parlo con un dolore dentro che neppure ti immagini.
Fai del male facendo quello che fai, fai del male a tutti (te stesso compreso).
Hai sprecato un'occasione in nome di cosa? In nome della paura e della mancanza di coraggio? E' da vili. Hai rovinato l'esistenza di più persone in nome di cosa? Per avere in cambio che cosa?
Ciò non toglie che si possa vivere di aspettative "più alte" scrivi, è vero, ma ciò non toglie che sia necessario e dovere di tutti tendere a quelle aspettative e provarci in tutti i modi.
Prendi una decisione che lasci liberi entrambi (tu e tua moglie e le eventuali persone che potranno condividere con te....anche loro hanno diritto al rispetto sai?) di ricominciare.
A 37 anni non mi sembra una cosa impossibile, anzi. C'è gente che a 37 anni non ha ancora "cominciato" e non si sentono per nulla deficitarie per questo, e non lo sono proprio!
Stai parlando della separazione dandole i connotati di un qualcosa di insormontabile. Guarda che c'è ben altro che si può definire così.

A volte però penso anche che questa incompiutezza sia lo scotto minore che le persone come te debbano pagare. Forse è giusto che vi sentiate così per tutta la vita....

Forse....spero in realtà che tu possa prendere una decisione migliore....
Scusami se ho usato parole o frasi troppo dure.
 

Verena67

Utente di lunga data
A volte però penso anche che questa incompiutezza sia lo scotto minore che le persone come te debbano pagare. Forse è giusto che vi sentiate così per tutta la vita....
.
Concordo in tutto Ari


Sempre cautela (la nostra Badessa è maestra di vita e di crotalaggine...) nel compatire le miserie altrui quando derivano da pochezza esistenziale.

Ahime' purtroppo lo scotto di queste incompiutezze di solito lo pagano gli altri...


Abbraccio!!!
 

Iris

Utente di lunga data
Ciao e ben venuto.
Inizialmente volevo scriverti righe di fuoco, ma mi sono calmata prima di buttare giù quello che sento.
Comunque. Io mi sento dalla parte di quella che poteva essere la tua anima gemella, pertanto parlo con un dolore dentro che neppure ti immagini.
Fai del male facendo quello che fai, fai del male a tutti (te stesso compreso).
Hai sprecato un'occasione in nome di cosa? In nome della paura e della mancanza di coraggio? E' da vili. Hai rovinato l'esistenza di più persone in nome di cosa? Per avere in cambio che cosa?
Ciò non toglie che si possa vivere di aspettative "più alte" scrivi, è vero, ma ciò non toglie che sia necessario e dovere di tutti tendere a quelle aspettative e provarci in tutti i modi.
Prendi una decisione che lasci liberi entrambi (tu e tua moglie e le eventuali persone che potranno condividere con te....anche loro hanno diritto al rispetto sai?) di ricominciare.
A 37 anni non mi sembra una cosa impossibile, anzi. C'è gente che a 37 anni non ha ancora "cominciato" e non si sentono per nulla deficitarie per questo, e non lo sono proprio!
Stai parlando della separazione dandole i connotati di un qualcosa di insormontabile. Guarda che c'è ben altro che si può definire così.



A volte però penso anche che questa incompiutezza sia lo scotto minore che le persone come te debbano pagare. Forse è giusto che vi sentiate così per tutta la vita....

Forse....spero in realtà che tu possa prendere una decisione migliore....
Scusami se ho usato parole o frasi troppo dure.

Esatto. Brava Ari.
Io a 38 anni, separata con due figli, ieri ho ricevuto un anello di fidanzamento....mi sento pure un pò scema.
Se me lo avessero detto un anno fa...avrei riso. Mi viene da ridere pure ora...
 
Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
Top