Nuovo iscritto al club!

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
O

Old bensvegliato

Guest


Mi presento. Fresco di corna subite (1 mese ca.). Mia moglie dop 7 anni di matrimonio e una bellissima bimba di 2 anni ha fatto il grande passo: dopo aver cambiato lavoro ha deciso (da sola) che il lavoro non le piaceva, che il marito non l'amava + (avevo, a sua detta,solo occhi per la bimba). Risultato: è finita a letto col primo collega che l'ha lusingata facendola sentire donna.
Dopo che l'ho beccata, abbiamo deciso di fare comunque le vacanze insieme (per la bimba). E' stato un mese onirico vissuto sull'otto volante litigi, paci, dichiarazioni di guerra senza quartiere, momenti di dolcezza infinita, dubbi reciproci,e momenti di gelo da ambo le parti.
Tornati a casa ho deciso di traslocare da amici (lei era d'accordo) giurandoci reciprocamente serietà nel cercare di capire da ambo le parti il da farsi. Oggi ho scoperto che lei continua a sentire il bastardone e le ho comunicato di stare fuori casa a tempo indeterminato: apriti cielo! Ha mollato il lavoro e in 20 minuti me la sono trovata di fronte lacrimante. Ora finalmente ha capito: ama solo me, vuole che la sua famiglia torni ad essere felice e che io e lei siamo una coppia stupenda e mi chiede scusa per tutte le cattiverie che ha fatto.
Che faccio me ne vado via e basta o prima la porto alla neuro?
 
N

Non registrato

Guest
bensvegliato ha detto:


Mi presento. Fresco di corna subite (1 mese ca.). Mia moglie dop 7 anni di matrimonio e una bellissima bimba di 2 anni ha fatto il grande passo: dopo aver cambiato lavoro ha deciso (da sola) che il lavoro non le piaceva, che il marito non l'amava + (avevo, a sua detta,solo occhi per la bimba). Risultato: è finita a letto col primo collega che l'ha lusingata facendola sentire donna.
Dopo che l'ho beccata, abbiamo deciso di fare comunque le vacanze insieme (per la bimba). E' stato un mese onirico vissuto sull'otto volante litigi, paci, dichiarazioni di guerra senza quartiere, momenti di dolcezza infinita, dubbi reciproci,e momenti di gelo da ambo le parti.
Tornati a casa ho deciso di traslocare da amici (lei era d'accordo) giurandoci reciprocamente serietà nel cercare di capire da ambo le parti il da farsi. Oggi ho scoperto che lei continua a sentire il bastardone e le ho comunicato di stare fuori casa a tempo indeterminato: apriti cielo! Ha mollato il lavoro e in 20 minuti me la sono trovata di fronte lacrimante. Ora finalmente ha capito: ama solo me, vuole che la sua famiglia torni ad essere felice e che io e lei siamo una coppia stupenda e mi chiede scusa per tutte le cattiverie che ha fatto.
Che faccio me ne vado via e basta o prima la porto alla neuro?




Non provarci almeno per un paio di anni. non serve a nulla adesso. Io credo nelle statistiche lo rifarà.
Aspetta
 
O

Old bensvegliato

Guest
Risposta a non registrato

Beh! come primo msg è incoraggiante!
Il fatto che ho omesso di dire che nel frattempo ho perso sonno, peso, (non è un male), casa, moglie: le statistiche non mi tirano su di morale
 
P

Persa/Ritrovata

Guest
gli uomini e le donne sono uguali?

Ciao Bensvegliato,
il tuo nick mi sembra così simile al mio e ..simile è la storia ..anche se sono tanto più vecchia...se mi hai letto saprai che la mia "scoperta" risale a fine luglio.
Questo forum è per me una miniera di riflessioni ...anche se non sempre quelle che nascono in me in seguito alle storie che leggo mi sembra siano illuminanti per nessuno..ma lo sono per me.
Per solidarietà femminile sono sempre orientata a capire il punto di vista di "lei" ...a parte l'amante di mio marito (mi sembra comprensibile..anche se di lei oltre che troia e cesso penso anche che sia una poveretta psicolabile ..quest'ultima osservazione sarebbe quella "comprensiva :-D)..e il tuo caso mi aiuta a capire che forse realmente quando si tradisce lo si fa senza nessun tentativo di usare il cervello uomini o donne nella stessa misura! Anche tua moglie dice cose da neuro...
So che Fa dirà cose drastiche (ormai cominciamo a conoscerci :) ) ma trattandosi di un tradimento di breve durata forse potresti considerarlo come "sintomo" di un malessere della coppia o anche come medicina sbagliata e provare a ricostruire.
Ho preso in considerazione questa possibilità persino io ...dopo 6 anni!
Ma forse ora è presto...
Pensa se l'idea di passare il natale con la bambina separatemente ti dà i brividi..e decidi se vuoi provarci
Ti abbraccio
 
O

Old bensvegliato

Guest
Ciao P/S.
Beh, la mia risale al 3 di agosto. So che non siamo le controparti dello stesso romanzo perchè il bel tomo non è sposato. Non ti ho ancora letto ma mi riprometto di farlo immediatamente.
Io ho scoperto il forum oggi (sono a casa malato) è ho scoperto che è una miniera di riflessioni che forse ho già fatto. Sono arrivato alla conclusione che è inutile trovare una risposta che non c'è: quando accadono queste cose, non necessariamente c'è un motivo valido che ti consenta di accettare la situazione. E' successo, scopri che di fronte a te c'è una persona che non conoscevi (o forse che ti sei sempre rifiutato di conoscere), realizzi che non esiste niente che possa essere buttato via in questa civiltà basata sul libero mercato (nemmeno il sorriso di una frugola meravigliosamente disarmante). L'unica certezza sono io: la mia vita, le mie stupide convinzioni sulla sacralità delle promesse e il fatto che contano solo per me. Con queste 4 cose in tasca posso guardare chiunque neglo occhi, prenderlo sotto la coda e continuare a tirare dritto. Non ci ho messo 2 giorni a capire tutto qesto, però è l'unico modo per vedere qualcosa di buono in una storia che fino a un mese fa sembrava un sogno (ero sinceramente innamorato di mia moglie) e oggi sembra un articolo da Novella 2000. Ma bando alle ciance, vado a leggere i tuoi tormenti. A più tardi


Persa/Ritrovata ha detto:
Ciao Bensvegliato,
il tuo nick mi sembra così simile al mio e ..simile è la storia ..anche se sono tanto più vecchia...se mi hai letto saprai che la mia "scoperta" risale a fine luglio.
Questo forum è per me una miniera di riflessioni ...anche se non sempre quelle che nascono in me in seguito alle storie che leggo mi sembra siano illuminanti per nessuno..ma lo sono per me.
Per solidarietà femminile sono sempre orientata a capire il punto di vista di "lei" ...a parte l'amante di mio marito (mi sembra comprensibile..anche se di lei oltre che troia e cesso penso anche che sia una poveretta psicolabile ..quest'ultima osservazione sarebbe quella "comprensiva :-D)..e il tuo caso mi aiuta a capire che forse realmente quando si tradisce lo si fa senza nessun tentativo di usare il cervello uomini o donne nella stessa misura! Anche tua moglie dice cose da neuro...
So che Fa dirà cose drastiche (ormai cominciamo a conoscerci :) ) ma trattandosi di un tradimento di breve durata forse potresti considerarlo come "sintomo" di un malessere della coppia o anche come medicina sbagliata e provare a ricostruire.
Ho preso in considerazione questa possibilità persino io ...dopo 6 anni!
Ma forse ora è presto...
Pensa se l'idea di passare il natale con la bambina separatemente ti dà i brividi..e decidi se vuoi provarci
Ti abbraccio
 
P

Persa/Ritrovata

Guest
che agosto!

Non possiamo certo avere partner in comune ..se sei andato a leggere la mia storia (ormai è nella terza pagina del Confessionale ..il titolo del post è Sono stata tradita anch'io) avrai visto la mia età e che non bastano gli anni per poter dire di conoscere una persona.. Pensa che tu l'hai scoperto il giorno del mio compleanno ..una settimana dopo la mia scoperta!
Che bell'agosto abbiamo passato!
Ti abbraccio
 
O

Old bensvegliato

Guest
Chapeau

P/S

di fronte al tuo caso mi sento di piccolo cabotaggio. Un pensiero ai tempi che cambiano: una volta questi colpi di testa erano retaggio degli uomini: poi è arrivata l'orda delle mamme femministe che, da un lato hanno insegnato ai figli come comportatrsi nel mènage familiare e all figlie come confrontarsi pariteticamente con l'altro sesso. Risultato: abbiamo una generazione di uomini legati alla famiglia come non mai (al limite del coglionismo) e un'esercito di donne che fanno più puttanate dei loro padri (con l'aggravante che, per la legge, dovrebbero essere loro il riferimento per l'allevamento della prole). Le intenzioni erano nobili, ma il risultato è un disastro!






Persa/Ritrovata ha detto:
Ciao Bensvegliato,
il tuo nick mi sembra così simile al mio e ..simile è la storia ..anche se sono tanto più vecchia...se mi hai letto saprai che la mia "scoperta" risale a fine luglio.
Questo forum è per me una miniera di riflessioni ...anche se non sempre quelle che nascono in me in seguito alle storie che leggo mi sembra siano illuminanti per nessuno..ma lo sono per me.
Per solidarietà femminile sono sempre orientata a capire il punto di vista di "lei" ...a parte l'amante di mio marito (mi sembra comprensibile..anche se di lei oltre che troia e cesso penso anche che sia una poveretta psicolabile ..quest'ultima osservazione sarebbe quella "comprensiva :-D)..e il tuo caso mi aiuta a capire che forse realmente quando si tradisce lo si fa senza nessun tentativo di usare il cervello uomini o donne nella stessa misura! Anche tua moglie dice cose da neuro...
So che Fa dirà cose drastiche (ormai cominciamo a conoscerci :) ) ma trattandosi di un tradimento di breve durata forse potresti considerarlo come "sintomo" di un malessere della coppia o anche come medicina sbagliata e provare a ricostruire.
Ho preso in considerazione questa possibilità persino io ...dopo 6 anni!
Ma forse ora è presto...
Pensa se l'idea di passare il natale con la bambina separatemente ti dà i brividi..e decidi se vuoi provarci
Ti abbraccio
 
P

Persa/Ritrovata

Guest
eh no!

La mamma femminista potrei essere io ...eh no ...oltre che tradita ..non sarà responsabilità mia (sai quanti mi hanno detto la frase fatta "quando succede qualcosa la colpa non è mai di uno solo" !) oltre il tradimento di mio marito ...anche quello di tua moglie!!!
A parte gli scherzi penso ci sia del vero in quel che dici... Effettivamente c'è in giro molta (si può dire?) puttanaggine spacciata per "liberazione" ...basta accendere la tv!
Ma non credo che sia questo il vostro problema ..forse un uomo come te è talmente "ben riuscito" che tua moglie aveva bisogno di confrontarti con un pirla (fuori da Milano mi capite?) ..per sentire cose diverse. Non trovo giustificazioni al tradimento se non una passione sconvolgente, e credo che comunque il senso di rispetto e responsabilità debbano prevalere, ma ..cerco di capire perfino le ragioni di mio marito!
Certo, pensando al mio modo di vivere la maternità, mai avrei potuto considerare un altro uomo con una bambina così piccola...ma è proprio un'annotazione personale.
Ti abbraccio
 
F

Fedifrago

Guest
prendi tempo

La sua reazione al vedere la tua determinazione nel startene fuori casa è stato probabilmente per lei lo schiaffo che le ha fatto aprire gli occhi sull'intera vicenda, prima ho l'impressione che contasse di aver abbastanza "credito" o appeal su di te per poter contare sul tuo "perdono".

Vista la tua reazione, ora sa che è veramente tutto in gioco e si sente sull'orlo del precipizio. Occhio che in momenti come questi è più facile che lei tiri giù te che non il contrario!

Insisti sul guardare approfonditamente la vostro rapporto e soprattutto che lei guardi bene bene dentro se stessa.

Mi da l'impressione di essere molto immatura, che abbia vissuto il ruolo di mamma non con la responsabilità che una simile scelta di cambiamento nella nostra vita dovrebbe comportare. Come ha vissuto la maternità? Come "Oddio ora mi sformo e non sarà mai attraente come prima" o come "Che bel dono dal cielo abbiamo ricevuto?

Comunque in queste cose non è sempre vero che una ragione non c'è: cioè potresti non trovarla tu, perchè per te era tutto ok, ma lei forse ne avrebbe e potresti sgranare gli occhi se lei confessasse il perchè, che cosa ha cercato in quella storia, che cosa da te non sentiva più di ricevere.
 
O

Old bensvegliato

Guest
r: eh no!

Scusa p/s se ogni volta allego il tuo ultimo msg ma non ho ancora capito se c'è un metodo + efficace per ripondere. In realtà pensavo a qualche generazione + in su della tua (es. mia mamma) e cmq io ho 40 berette sulla testa. Quindi + giovane, ma quando sono nato tu, al max, pativi per qualche amorazzo. Per il pirla nn ti preoccupare (non sono di Mi ma comunque vivo qui, casualmente da 7 anni).
Non sono ben riusciuto nè tantomeno perfetto. Ho 1 mil. di difetti (penso troppo al lavoro, mi adagio sugli allori come tutti i maschietti che hanno delle certezze, sono poco propenso alle coccole). L'unica speranza che avevo è, che prima che finisse il mondo, mia moglie mi spaccasse il servizio da 12 in testa, mi cacciasse di casa dicendomi di andare a cagare perchè non le davo + quello che voleva.
Invece ha agito come un killer: si è chiusa in sè stessa, si è spenta, se ne è fregata delle attenzioni che le davo (ultimamente mi ero svegliato fuori: avevo subodorato puzza di bruciato e quindi via con moine, sorpresine, bacini) e alla prima occasione (aihmè glielo creata io ad arte per metterla alla prova): zac! Ha morsicato come un aspide. Compaortamento autistico: ha accumulato per 4 mesi portando a termine la sua vendetta. Micidiale e anche un pò autistica). Forse pensava che con la vebndetta si sarebbe messa il cuore in pace (o forse era l'inizio di un nuovo folle amore). Il problema e che l'ho beccata con le mani nella marmellata e quindi le ho scompaginato la vita. Il risultato e che ora stiamo tutti e due di merda





Persa/Ritrovata ha detto:
La mamma femminista potrei essere io ...eh no ...oltre che tradita ..non sarà responsabilità mia (sai quanti mi hanno detto la frase fatta "quando succede qualcosa la colpa non è mai di uno solo" !) oltre il tradimento di mio marito ...anche quello di tua moglie!!!
A parte gli scherzi penso ci sia del vero in quel che dici... Effettivamente c'è in giro molta (si può dire?) puttanaggine spacciata per "liberazione" ...basta accendere la tv!
Ma non credo che sia questo il vostro problema ..forse un uomo come te è talmente "ben riuscito" che tua moglie aveva bisogno di confrontarti con un pirla (fuori da Milano mi capite?) ..per sentire cose diverse. Non trovo giustificazioni al tradimento se non una passione sconvolgente, e credo che comunque il senso di rispetto e responsabilità debbano prevalere, ma ..cerco di capire perfino le ragioni di mio marito!
Certo, pensando al mio modo di vivere la maternità, mai avrei potuto considerare un altro uomo con una bambina così piccola...ma è proprio un'annotazione personale.
Ti abbraccio
 
P

Persa/Ritrovata

Guest
..e aprire la bocca!?

Beh sarei un po' giovane come mamma ..però capisco la generazione..
Mi domando perché tanti e tante abbiano tanta difficoltà a verbalizzare i disagi e se li coltivino come preziose pianticelle da innaffiare quotidianamente di piccolezze fino a farle diventare maestosi alberi di rancori!!
Beh ora che tutto è scoppiato ..provate a parlare..almeno ora! Comunque mio marito è in stato confusionale e del "fatto" e dei problemi non è in grado di parlare con me..per ora...si affiderà a uno psicologo..
L'intervento di Fedifrago mi è sembrato molto saggio..


P.S. Se vuoi riportare un intervento devi ckiccare quote se vuoi solo rispondere repley
 
O

Old bensvegliato

Guest
occhi shranati? sembravano abbaglianti

Come diceva una canzone. Li ho sgranati come due palle da biliardo quando mi ha detto che si era convinta che non l'amassi più perchè non manifestavo esplicitamente tenerezze, coccole e lusinghe. Io lo so, una donna ha bisogno di queste attenzioni per sentirsi apprezzata, ma se ogni essere femminile reagisse col tradimento a queste mancanze da parte del marito, penso che in Italia resterebbero si e no 12 coppie.
Il problema è nato col cambiamento di lavoro: sicuramente si è sentita svilita perchè in quello precedente era più coinvolta (piccolo problema: la società dove lavorava prima era ad un passo del fallimento e non riceveva + lo stipendio da mesi). Non è stata ad ascoltare neanche quando le ho detto che avrebbe dovuto aspettare un pò di tempo prima di ingranare (ha cambiato a marzo). Questo è stato il punto di rottura.


Fedifrago ha detto:
La sua reazione al vedere la tua determinazione nel startene fuori casa è stato probabilmente per lei lo schiaffo che le ha fatto aprire gli occhi sull'intera vicenda, prima ho l'impressione che contasse di aver abbastanza "credito" o appeal su di te per poter contare sul tuo "perdono".

Vista la tua reazione, ora sa che è veramente tutto in gioco e si sente sull'orlo del precipizio. Occhio che in momenti come questi è più facile che lei tiri giù te che non il contrario!

Insisti sul guardare approfonditamente la vostro rapporto e soprattutto che lei guardi bene bene dentro se stessa.

Mi da l'impressione di essere molto immatura, che abbia vissuto il ruolo di mamma non con la responsabilità che una simile scelta di cambiamento nella nostra vita dovrebbe comportare. Come ha vissuto la maternità? Come "Oddio ora mi sformo e non sarà mai attraente come prima" o come "Che bel dono dal cielo abbiamo ricevuto?

Comunque in queste cose non è sempre vero che una ragione non c'è: cioè potresti non trovarla tu, perchè per te era tutto ok, ma lei forse ne avrebbe e potresti sgranare gli occhi se lei confessasse il perchè, che cosa ha cercato in quella storia, che cosa da te non sentiva più di ricevere.
 
O

Old bensvegliato

Guest
sgranamenti e dintorni

Il lavoro come punto di rottura perchè lei non voleva cambiare (stava bene dove era prima: bella forza stavano fallendo perchè non facevano una mazza) posto. Primo addebito nei miei confronti. Poi il nuovo lavoro poco gratificante: di chi è la colpa? Ma certo, di chi le ha detto "Mi rifiuto di dirti che fai bene a restare dove sei". Il cocktail micidiale: lei insoddisfatta io beato che torno la sera a casa e gioco con la bimba: lei che pensa che io non la consideri +. Il primo mangiamorti che incontra e la lusinga (ti capisco, hai ragione tu; sei splendida; ah1 fossi io l'eletto ti porterei in palmo di mano) e lei cosa fa? Non mi chiede niente: diventa un candelotto di ghiaccio, una specie di sentimental terminator, mi piazza una serie di minacce verbali ai primi di maggio (del tipo "io quando scoppio poi combino casini) io cerco di recuperare e lei, tranquillamente a distanza di 3 mesi, scoppia come una mina anticarro.
 

Verena67

Utente di lunga data
Grrr Arggg

bensvegliato ha detto:
primo mangiamorti che incontra e la lusinga (ti capisco, hai ragione tu; sei splendida; ah1 fossi io l'eletto ti porterei in palmo di mano) e lei cosa fa? Non mi chiede niente: diventa un candelotto di ghiaccio, una specie di sentimental terminator, mi piazza una serie di minacce verbali ai primi di maggio (del tipo "io quando scoppio poi combino casini) io cerco di recuperare e lei, tranquillamente a distanza di 3 mesi, scoppia come una mina anticarro.
mannaggia, mi ero fatta tutti i miei progetti....(come canta Vasco) e invece internet mi ha mangiato la risposta, grrr, argghh!


Comunque - seppur confusamente - volevo dirti che... è naturale voler banalizzare le reazioni altrui (a LUI tirava...a LEI piacevano le lusinghe ..) e le proprie (IO tornavo a casa tutto trullo e non la consideravo, IO non mi sono accorto di niente, IO l'ho sempre amata...) ma siamo esseri complessi, e questi sono lumi nella notte, illuminano alcuni aspetti ma non la complessità propria degli esseri umani e dei progetti (specie quelli DISASTROSI) che essi realizzano.

La banalizzazione di cui sopra serve a "capire" - almeno a spizzichi e bocconi - quel che succede. Poi avrai l'eternità per rifletterci su!


La frase cretina e bugiarda "Tu non mi consideri piu'" l'ho detta anch'io a marito, e sono quasi certa che la totalità dei traditori - uomini e donne - la dicano e/o la pensino nel momento in cui la "tresca" viene alla luce.

Ma me ne sono pentita quei tre nano secondi dopo, perché me la sono sentita insincera sul palato
Lo so, sono uno strano animale


Ho come idea che non sia proprio così. Che non si tradisca SOLO perché l'altro non ci consideri piu'. Che non sia solo un fatto di colpe o meriti, di attenzioni date e negate.

Poi ciascuno ha i suoi moventi, però alla fine della fiera io non potevo/posso in coscienza rimproverare niente a mio marito. E' imperfetto, lo sono anch'io, ma in coscienza ha fatto sempre del suo meglio con me.

Non è mica colpa sua se mi sono ri - innamorata di un altro e ho avuto il coraggio - follia - presunzione - stupidità di voler vivere quell'amore (per quanto destinato ad esito infausto). Non è colpa sua se, malgrado tutto, non lo rimpiango.

Alla fine forse però ti farebbe anche piu' male sapere che, no, non è colpa tua, bensì COMUNQUE lei era pronta per una nuova emozione e - cascasse il mondo - ha scelto di viversela.

Per cui chiuderò un occhio e capirò se penserai che tutto sommato era "meglio la prima"!

un bacio, ti sono vicina!!!
 
O

Old bensvegliato

Guest
Verena ma che dici?

Carissima coetanea (se il 67 è il tuo anno di nascita):

Hai perfettamente ragione. So che se potessi teletrasportarmi avanti nel tempo direi le stesse cose e sarei pronto non a giustificare ma a comprendere tutto ciò che è successo e accetandolo con seraficità. In realtà me ne rendo già conto ora (ma mi devo forzare di riflettrci molto bene). Tuttavia, come si dice dalle mie parti di origine: mi smangia. Sono ancora nella fase in cui vorrei che la macchina del tempo andasse indietro. Che ci posso fare? Azzardo una possibile riposta: Fai passare il tempo!
 
N

Non registrato

Guest
Ciao, Bensvegliato.
Mi sono "bensvegliata" anch'io due mesi fa... mi hanno buttata giù dalla nuvoletta sulla quale stavo beatamente sonnecchiando da un anno. Pensa lo schianto!
Per carità, rispetto ad un risveglio all'interno di un matrimonio con figli, il mio è una passeggiata di salute, però, facendo le dovute proporzioni, anche io nel mio piccolo non mi posso lamentare.

Sei molto simpatico, sai? Mi piacciono le persone dotate di autoironia, e nelle tue parole ho letto un distacco assolutamente intelligente, qualcosa cui ambisco disperatamente.

Tra le motivazioni addotte da tua moglie al suo colpo di testa, ce n'è una che mi ha colpito particolarmente, ovvero il fatto che tu, secondo lei, non avevi occhi che per la bimba. Una sorta di gelosia, qualcosa che sto cercando di mettere a fuoco e che però mi sfugge.
Trovo inconsueta questa osservazione, mi fa pensare ad una sua forte insicurezza, forse al timore, di cui a volte ho sentito parlare, di esser vista come mamma e non più come donna desiderabile.
Non so... io questo rimprovero non lo sottovaluterei.

Ora è tardi, vado a dormire chè tanto c'è sempre qualche anima buona che ci viene a svegliare


Ti auguro di cuore che tutto si risolva per il meglio.
E credo che tu abbia tutti gli strumenti per poterlo fare. Non mollare!

Silvia
 

Bruja

Utente di lunga data
Bensvegliato

Personalmente credo che l'analisi più azzeccata sia quella di Fedifrago, è quelòla di un uomo, e dall'altra parte della barricata..............quindi con una visuale privilegiata.
Lei adesso dice che poichè non aveva quello che voleva l'ha cercato altrove, scontatissimo modo per colpevolizzare te per le sue scelte.
Ha creduto di poter agire furbescamente, ed ora sventola il suo ascedente senza pensare che quello c'era quando la sua immagine era integra.......... Personalmente trovo sia giusto riflettere e lasciarla a ragionare con sè stessa per un po'.
Accade quqasi sempre che quando vedono le loro aspirazioni sciogliersi come neve al sole, diventano tutte/i pentitissime/i e circolano con secchiate di cenere in testa.
Quanto a quello che lei ha pensato o creduto di trovare nell'altra storia, qualunque cosa sia, adesso sa che poteva palesarlo in altro modo, e comunque ha ormai importannza marginale quando si rischia di perdere il quotidiano. E' sempre così, ci si rende conto che del "dolce" non ci importa nulla" se non abbiamo i soliti 3 pasti giornalieri.
Perdona la mia concretezza e l'essere pedestre ma ne ho le tasche piene di queste giovani donne (e uomini ovviamente) che anzichè dialogare e confrontarsi con i partners, tradiscono perchè è la via più semplice, e poi si mettono a fare le "posose", assumendo ruoli drammatici da pentita alla Eleonora Duse attaccata alle tende!
La vita è fatta di scelte, e quando si sceglie, ci si assume la relativa responsabilità, è anche questo un modo per crescere, maturare e rendersi conto dei danni che si fanno agli altri.
Detto questo, se tu credi che sia davvero pentita, se l'ami ancora e se credi possa ricostruire con te un rapporto, ben venga, diversamente sei tu che devi decidere nonostante consigli e suggerimenti esterni.
Una cosa però la ribadisco, se sarai possibilista, lasciala lo stesso per un po' a decantare, le farà solo bene, e forse, eviterà che ci ricaschi in futuro, forse.......!
Bruja
 

Lettrice

Utente di lunga data
Troppo comodo scaricare la colpa delle proprie azioni sull'altro...comodo e anche un po' scontato...crederei di piu' a qualcuno che mi dicesse di essere stato rapito dagli alieni e costretto ad avere rapporti sessuali con quella persona...almeno si premia l'originalita'!!!!

Bensvegliato, non so cosa tu voglia fare...ma se decidi di riprendere la relazione con tua moglie...ti dico: 1) datti tempo non precipitare la riunione perche' ancora non credo tu conosca tutta la verita'...e a caldo e' facile pensare di riuscire a superare la cosa...ma non e' cosi'...le balle girano anche dopo uno,due anni.

2)valuta una possibile ricaduta della tua lei...mi sembra...da come ne parli...che abbia tutti i requisiti di una serial cheater.

in bocca al lupo
 
O

Old Fa.

Guest
bensvegliato ha detto:
......... Ora finalmente ha capito: ama solo me, vuole che la sua famiglia torni ad essere felice e che io e lei siamo una coppia stupenda e mi chiede scusa per tutte le cattiverie che ha fatto...........
Se bastasse così poco per risolvere questo tipo di problemi, ... forse questo forum non esisterebbe nemmeno.

La famiglia felice forse lo era prima, dopo questo sarà tutto salvo che felice.
 
N

Non registrato

Guest
Lettrice ha detto:
Troppo comodo scaricare la colpa delle proprie azioni sull'altro...comodo e anche un po' scontato...crederei di piu' a qualcuno che mi dicesse di essere stato rapito dagli alieni e costretto ad avere rapporti sessuali con quella persona...almeno si premia l'originalita'!!!!
Come dicevo nel mio post, si dovrebbe quantomeno avere l'onestà di dire: "L'ho fatto perchè ho voluto farlo, ho scelto di farlo".
Solo avendo questa onestà, questa consapevolezza, penso che si potrebbe avere anche credito, e sarebbe molto più semplice ascoltare, magari indagando insieme, le eventuali ragioni di fondo di chi ha tradito.

Perchè, parliamoci chiaro, se una persona tradisce, un qualche disagio dovrà pur averlo. Che sia personale o relazionale, alla fine poco cambia. In ogni caso, lo stare insieme, comporta comunque risentire delle "scosse telluriche" dell'altro, e se si vuole davvero bene, se il rapporto è davvero profondo, se c'è reale onestà di fondo, forse si può arrivare a comprendere che alla distrazione di chi tradisce, corrisponde una nostra distrazione.

Che la carne sarà pur debole, sì, ma io continuo a credere che la vera debolezza risieda altrove.

Baci...

Silvia
 
Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
Top