Mia moglie ed il suo amico che frequentava casa nostra...

Brunetta

Utente di lunga data
Però è una cosa che può essere vista ambo i lati. Prescindi un attimo dalle "motivazioni". Come lo fai quando si è spento tutto, persino l'alfabeto, della comunicazione. Lo fai male. Questo è. Una delle cose anche più "giocose" se vogliamo, all'interno di una coppia, diventa un "timbrare il cartellino", lato attivo (chi vorrebbe ancora) e lato passivo (chi non vuole più). Perché comunque la voglia di giocare con l'altro non c'è più. Prescindendo dalle motivazioni, eh ;)
Sì. Ma qui ho sempre visto dare la responsabilità alla donna (vedi anche questa discussione) come se ogni donna dovesse andare in visibilio per avere avuto l’omaggio di una erezione, quando per tutto il resto del tempo è considerata una lavatrice.
Può non essere così, però vorrei leggerlo.
 

Foglia

utente viva e vegeta
Sì. Ma qui ho sempre visto dare la responsabilità alla donna (vedi anche questa discussione) come se ogni donna dovesse andare in visibilio per avere avuto l’omaggio di una erezione, quando per tutto il resto del tempo è considerata una lavatrice.
Può non essere così, però vorrei leggerlo.
La responsabilità non è mai da una parte sola. Si comunica in due (e il sesso è una forma di comunicazione), se si smette di comunicare fuori dal letto, anche il sesso perde via via il suo alfabeto.
Il mio ex era arrivato a richiamare i "doveri coniugali" per fare sesso: non si accorgeva nemmeno (o poco gliene importava, non lo so :) ) del fatto che mi fosse diventato completamente ostile. E.... boh, pretendeva :). Ora, prescindendo dal fatto che avrei certamente potuto non essergli accondiscendente, cos'è che gli potevo dare? Oltre a un buco, sperando che si spicciasse.... Brutto a dirsi, eh. Tristissimo. Responsabilità di entrambi, anche mia di non avergli detto chiaro e tondo sul muso (prima di quel che ho fatto, perché poi l'ho fatto) che a quella stregua a me non piaceva certo, e lui poteva andare a scoparsi il mare. Avrei evitato di aggiungere brutti ricordi.
 

patroclo

Utente di lunga data
Sì. Ma qui ho sempre visto dare la responsabilità alla donna (vedi anche questa discussione) come se ogni donna dovesse andare in visibilio per avere avuto l’omaggio di una erezione, quando per tutto il resto del tempo è considerata una lavatrice.
Può non essere così, però vorrei leggerlo.
beh... non so dove hai letto della "lavatrice"
 

Brunetta

Utente di lunga data
La responsabilità non è mai da una parte sola. Si comunica in due (e il sesso è una forma di comunicazione), se si smette di comunicare fuori dal letto, anche il sesso perde via via il suo alfabeto.
Il mio ex era arrivato a richiamare i "doveri coniugali" per fare sesso: non si accorgeva nemmeno (o poco gliene importava, non lo so :) ) del fatto che mi fosse diventato completamente ostile. E.... boh, pretendeva :). Ora, prescindendo dal fatto che avrei certamente potuto non essergli accondiscendente, cos'è che gli potevo dare? Oltre a un buco, sperando che si spicciasse.... Brutto a dirsi, eh. Tristissimo. Responsabilità di entrambi, anche mia di non avergli detto chiaro e tondo sul muso (prima di quel che ho fatto, perché poi l'ho fatto) che a quella stregua a me non piaceva certo, e lui poteva andare a scoparsi il mare. Avrei evitato di aggiungere brutti ricordi.
beh... non so dove hai letto della "lavatrice"
Vedi Foglia
 

Foglia

utente viva e vegeta
Foglia parla di responsabilità comune, come se mi azzardassi a dire che lui era un "cazzo con dietro un portafoglio".... o cose simili
In sintesi, ma proprio in sintesi, quando la comunicazione è alla frutta tutto il resto (compreso il sesso ovviamente) segue a ruota. Per me lui alla fine comunque era (come ha detto qualcuno recentemente) una presenza ingombrante. Quando non fonte di altro. Un corpo estraneo. Ora: in un contesto così, rivendicare i cd. "doveri coniugali" è come pretendere che un muto si metta a parlare. E basta. Vivi solo di vantaggi materiali (da ambo le parti) finché non ti accorgi che non ti bastano :) Poi ovviamente ci sono situazioni per così dire "intermedie, non era il mio caso. Alla luce dell'oggi mi basterebbe poco per farmi dire che non è cosa lo stare insieme se non trovo corrispondenza. Ovviamente al tempo la responsabilità fu anche mia. Non ci si trova senza più un alfabeto dall'oggi al domani. Come non ci si dovrebbe trovare a fare sesso senza voglia, perché uno incalza coi "doveri coniugali". Alla fine (come nel sesso) tutto si era ridotto a una fornitura di servizi controvoglia. Con in più, da parte mia, una dose smisurata di paura. Paura delle reazioni di chi mi dormiva accanto. Mica per niente mi sono comunque separata :)
 

patroclo

Utente di lunga data
In sintesi, ma proprio in sintesi, quando la comunicazione è alla frutta tutto il resto (compreso il sesso ovviamente) segue a ruota. Per me lui alla fine comunque era (come ha detto qualcuno recentemente) una presenza ingombrante. Quando non fonte di altro. Un corpo estraneo. Ora: in un contesto così, rivendicare i cd. "doveri coniugali" è come pretendere che un muto si metta a parlare. E basta. Vivi solo di vantaggi materiali (da ambo le parti) finché non ti accorgi che non ti bastano :) Poi ovviamente ci sono situazioni per così dire "intermedie, non era il mio caso. Alla luce dell'oggi mi basterebbe poco per farmi dire che non è cosa lo stare insieme se non trovo corrispondenza. Ovviamente al tempo la responsabilità fu anche mia. Non ci si trova senza più un alfabeto dall'oggi al domani. Come non ci si dovrebbe trovare a fare sesso senza voglia, perché uno incalza coi "doveri coniugali". Alla fine (come nel sesso) tutto si era ridotto a una fornitura di servizi controvoglia. Con in più, da parte mia, una dose smisurata di paura. Paura delle reazioni di chi mi dormiva accanto. Mica per niente mi sono comunque separata :)
.....e hai fatto più che bene!
nel mio caso non era un "rivendicare i doveri coniugali", forse una situazione "intermedia" come la definisci tu. Arrivare alla conclusione che il sesso era uno strumento per appianare i suoi sensi di colpa e calmare le mie inquietudini non è stato bello
 

Rose1994

Utente di lunga data
Buonasera,
mi rivolgo specialmente alle donne di questo forum per un consiglio.
Circa 4 mesi fa, mia moglie e mia suocera, mi hanno presentato una persona, un uomo di 51 anni che lavora vicino al negozio di mia moglie, nel tempo questa persona veniva spesso da mia suocera che vive sopra di noi con scuse strane. Ha voluto organizzare diverse cene e alla fine abbiamo instaurato un rapporto di confidenza con questo uomo, mi ha chiesto aiuto per portare sua moglie su al nord per fargli aprire un suo negozio di abbigliamento, lui lavora qui da anni e va in su ed in giù una volta ogni due settimane. Qualcosa non mi tornava, notavo che mia moglie e lui erano particolarmente in imbarazzo alla mia presenza. Una sera, sono andato a farmi una doccia e quando sono uscito mia moglie non c'era più, era da mia suocera e c'era anche questo uomo, è tornata dopo circa 1 ora dimenticandosi anche che bisognava preparare la cena per noi e per le nostre figlie. Tutta questa situazione ha scaturito imbarazzo e dubbi anche a una delle mie figlie di 16 anni. Una delle due, si è confidata con me, dicendomi che non aveva piacere della presenza, quasi settimanale, di questo estraneo nella nostra vita, si era accorta anche lei che qualcosa non tornava, al negozio della mamma c'era spesso questo personaggio ed in casa ci veniva spesso. Un giorno mi chiama mia suocera per dirmi che aveva invitato nuovamente a cena questa persona, cena dove presenziavamo tutti. Ne parlo con mia moglie, dicendo che avrei preferito evitare, visto la situazione del covid, di fare questa cena, per lei non era un problema perchè il personaggio si era vaccinato e che non si rischiava nessun pericolo.... maaaaa, calcolate che abbiamo smesso da gennaio di fargli fare uno sport che sarebbe stato consentito, per evitare qualsiasi problema, in primis per mia suocera e poi per il fatto di essere lei un autonoma e dover poi chiudere l'attività. A questo punto, mia figlia ha voluto ribadire, non davanti a me, che non aveva piacere di cenare con questo uomo, sia perchè non capiva questa amicizia, sia per la situazione del covid. La risposta della mamma è stata piuttosto brutale, ha detto che non c'erano problemi, la soluzione era quella di andare solo lei da mia suocera ed io e le mie figlie si sarebbe cenato da soli in casa nostra. Non volevo credere a quello che stava succedendo, considerando che il rapporto con mia moglie, sia a livello sessuale che non era al top, forse come non mai in tanti anni ( entrambi abbiamo 37 anni e stiamo insieme da quando abbiamo 17 anni) Dovevo aprire gli occhi e controllare cosa stava succedendo. Premetto che non ho mai controllato il cellulare di mia moglie, ma un giorno, ricordandomi che il suo numero era intestato a me, ho scaricato l'app della compagnia telefonica per vedere le chiamate effettuate, li mi è crollato il mondo addosso, i dubbi che avevo sono diventati realtà, ho scoperto che c'erano chiamate constanti tutti i giorno per due ore e mezzo circa, sms inviati fino a tarda notte...... Ho preso di petto la situazione ed ho chiamato il nostro "amico" facendogli credere che avevo letto i messaggi e avevo visto tutte le chiamate quotidiane, dopo pochi minuti, il grande Uomo è crollato ed ha incominciato a chiedermi scusa, che gli dispiaceva dell'accaduto, gli ho chiesto un confronto a di persona ma non ha avuto lo stesso coraggio che aveva dimostrato nei mesi trascorsi nel venirmi in casa e farmi l'amico di turno..... Ho cosi deciso di inviargli un messaggio per invitarlo a non provarsi a ricontattare mia moglie e di stare alla larga dalla sua attività e nel mettere a conoscenza sua moglie di quanto era successo e di quanto poteva succedere.... Mi è crollato il mondo addosso, perchè un tradimento può anche capitare, anche se non lo condivido, io per primo mi sono legato anni fa ad un altra donna, ma ho messo a conoscenza mia moglie perchè non sono in grado di mentire e ci siamo allontanati per un paio di mesi. Poi abbiamo riiniziato un nuovo percorso e dopo un anno, ho scoperto che si frequentava con un altro uomo, lei dice che era solo amicizia.... Sorvoliamo questo episodio, perché il punto principale per cui vi chiedo un consiglio è di capire come si può superare superare una cattiveria simile, cioè quella di portarmi questa persona in casa mia, cercare in tutti i modi di farmelo diventare un amico e di farlo conoscere alle miei figlie, ripeto, il tradimento ci può anche stare, ma arrivare a cosi tanto è da persone cattive.... Non credo che riuscirò mai a superare questa situazione, sto pensando a me, che sono ancora giovane, per fortuna anche una persona piacente e penso che per quanto sono buono, merito molto di più... Dimenticavo, il negozio l'ho aperto io con i miei sacrifici, fisici ed economici, faccio doppio lavoro da tre anni, lavoro tutti i giorni almeno 14 ore per dargli una mano al negozio.... Lei ora piange e capisce di aver sbagliato, ma non ci credo più, non riesco a dimenticare, ma non il tradimento, perchè le prove non c'è l'ho e forse ho interrotto in tempo questa relazione, ma la cattiveria di farmi diventare amico e mettere nel mezzo anche le figlie senza un minimo di pudore.... Secondo voi è giusto subire cosi tanto e cercare di passarci sopra? Abbiamo fissato un appuntamento, su sua richiesta da una psicanalista di coppia, ma il problema è suo e non della coppia...Grazie a chiunque mi sia di supporto.
Scusate ma solo io mi sono soffermata sua frase “ DIMENTICANDOSI ANCHE CHE BISOGNAVA PREPARARE LA CENA PER NOI E PER LE NOSTRE FIGLIE” scusami ma non sai preparare due cose in croce?
tralasciando questo lo rileggo senza rabbia e rispondo tra un po’ 🤣
Scusate ma non si può sentire questa frase… mi sale il sangue al cervello…
 

perplesso

Administrator
Staff Forum
Scusate ma solo io mi sono soffermata sua frase “ DIMENTICANDOSI ANCHE CHE BISOGNAVA PREPARARE LA CENA PER NOI E PER LE NOSTRE FIGLIE” scusami ma non sai preparare due cose in croce?
tralasciando questo lo rileggo senza rabbia e rispondo tra un po’ 🤣
Scusate ma non si può sentire questa frase… mi sale il sangue al cervello…
Ci sono anche soggetti che l'incolumità pubblica è meglio tenere lontani dai fornelli
 

Vera

Moderator
Staff Forum
Scusate ma solo io mi sono soffermata sua frase “ DIMENTICANDOSI ANCHE CHE BISOGNAVA PREPARARE LA CENA PER NOI E PER LE NOSTRE FIGLIE” scusami ma non sai preparare due cose in croce?
tralasciando questo lo rileggo senza rabbia e rispondo tra un po’ 🤣
Scusate ma non si può sentire questa frase… mi sale il sangue al cervello…
Sta volta non mi freghi🤪
 

MariLea

Utente di lunga data
Scusate ma solo io mi sono soffermata sua frase “ DIMENTICANDOSI ANCHE CHE BISOGNAVA PREPARARE LA CENA PER NOI E PER LE NOSTRE FIGLIE” scusami ma non sai preparare due cose in croce?
tralasciando questo lo rileggo senza rabbia e rispondo tra un po🤣
Scusate ma non si può sentire questa frase… mi sale il sangue al cervello…
Sì, magari fra sei mesi 😂
La Riesumatrice:eek:
 

Arcistufo

Papero Talvolta Posseduto
diciamo che per arrivare ad un percorso pacifico ed arrivare ad un consensuale è necessario un percorso del genere, perchè in un momento come questo viaggio sul filo del rasoio, non vorrei aprire una guerra dove a rimetterci siamo tutti, sia noi due che le ragazze.
Non ti serve lo strizzacervelli di coppia. Ti serve un avvocato. Se allunghi il brodo ti giochi l'addebito. Batti il ferro finché é caldo.
In questa fase hai il coltello dalla parte del manico. Poi é tutto più indefinito.
 

Arcistufo

Papero Talvolta Posseduto
Ma solo io vedo un uomo che ha avuto un 'altra donna, ha confessato tutto alla moglie per lavarsi la coscienza
Da li in avanti ci sono Stati una serie di intoppi.
Credo che tua moglie si voglia vendicare.
Ti dovresti chiedere se tua moglie ti ha perdonato.
Se non ti butta fuori ti ha perdonato. La legge parla chiaro. Adesso mi pare abbastanza ovvio che si stanno insieme Da quando hanno 17 anni, e lui ha sempre pensato a tutto, lei non sia nemmeno in grado da solo di pulirsi il culo punto Ecco di che ha paura. Il perdono non c'entra nulla punto senza contare il fatto che in questo momento smuovere il bilancino del contrappasso tatticamente è una stronzata.
 

Ginevra65

Moderator
Staff Forum
Se non ti butta fuori ti ha perdonato. La legge parla chiaro. Adesso mi pare abbastanza ovvio che si stanno insieme Da quando hanno 17 anni, e lui ha sempre pensato a tutto, lei non sia nemmeno in grado da solo di pulirsi il culo punto Ecco di che ha paura. Il perdono non c'entra nulla punto senza contare il fatto che in questo momento smuovere il bilancino del contrappasso tatticamente è una stronzata.
Più che perdonarlo ha accettato per una qualche convenienza.
Quando a lei, dopo anni è capitata l'occasione non sì è fatta il ben che minimo problema
 

Arcistufo

Papero Talvolta Posseduto
Più che perdonarlo ha accettato per una qualche convenienza.
Legalmente é la stessa cosa. O rompi o resti.
Quando a lei, dopo anni è capitata l'occasione non sì è fatta il ben che minimo problema
Ma mo che ne sai di quello che sarà passato per la testa di lei. Se ti fidanzi a 17 anni una scappata a 37 ci sta tutta.
Questa storia è molto comune, la cosa più interessante è il ruolo della suocera "pilota" :LOL:
 
Top