Mi ha tradito...

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
O

Old Eni

Guest
Ciao ragazzi, se sono qui è perchè cerco aiuto...
Vi racconto la mia storia per così capire meglio...
Sono fidanzato da 6 anni a distanza ci vediamo circa ogni 15 giorni, ci siamo amati alla follia entrambi ed abbiamo fatto cose incredibili per vederci e dimostrarci il nostro amore, Siamo arrivati a decidere di sposarci la data del matrimonio la casa...
Poi un giorno la sconvolgente verità, vado sul sito del nostro operatore telefonico e vedo che ci sono un'infinità di chiamate e messaggi verso un numero che non è mio, chiamo lei per indagare e mi dà risposte lacunose e contrastanti nell'andare avanti, ritorno sul sito e controllo gli mms e li la dura verità, una foto di lui, un messaggio che finisce che Ti Amo...
I nervi schizzano la rabbia diventa un onda anomala che coinvolge tutti quelli che mi passano vicini, cambio, divento una belva...
Chiamo lei che confessa tutto, mi racconta ogni particolare e risponde ogni mia domanda...
Io la lascio e mi prometto che non voglio più saperne nulla, ma dentro di me non è così, 6 anni sono tanti, 6 anni di amore intenso non si possono dimenticare, sento che la amo e non riesco ad odiarla... Lei è in lacrime tenta il suicidio, riesco a fermala mettendo in guardia la madre...
Mi chiama molte volte mi chiede perdono, scusa, mi racconta tutto e viene fuori un quadro strano, lei che si sente per 2 mesi con un'altro per giunta sposato, all'inizio è solo amicizia, poi si confidano reciprocamente, s'incontrano solo una volta per un caffè e nient'altro ma d'allora i messaggi s'intensificano, le chiamate aumentano, fino ad un giorno in cui dopo essersi incontrati per caso finiscono a letto...
Lei dice che non riusciva a dirmi tutto perchè mi amava e ci teneva a me e non voleva perdermi, da lui non voleva nulla ma solo l'affetto che io non gli stavo dando, perchè è vero ultimamente ero freddo litigavamo spesso, gli facevo delle scenate di gelosia per cose stupide e lei nel frattempo aveva trovato un amico che l'ascoltava...
Le ho chiesto ogni particolare, di quel che è successo e lei in lacrime mi ha raccontato tutto anche di quel che è successo al letto, ovvero solo una penetrazione il tutto di 30 minuti preliminari compresi, lei non ha raggiunto l'orgasmo, e non ha fatto nulla per condurre il gioco, dice che in quel momento non era lei, era assente, aveva la mente vuota e non riusciva a pensar nulla...
In questo periodo anch'io guardavo altre donne cercavo l'aggancio ma nel frattempo tenevo le distanze perchè pensavo a lei...
Dopo solo 24 ore siamo ritornati insieme promettendoci di ricominciare da zero, abbiamo scritto e firmato le regole che d'ora in avanti dobbiamo rispettare ci siamo scambiati nuove fedine ed abbiamo messo un punto all'accaduto... Lei è sgomenta, ha ammesso l'immenso errore e non vuole più parlarne, io nemmeno voglio parlarne ed il rapporto sembra sia diventato solidissimo, ci sentiamo molto più amati di prima, siamo ritornati alle lunghe telefonate ed alle centinaia di sms ed mms, a letto siamo cambiati abbiamo abbandonato ogni tabù ed ogni fantasia diventa realtà facendono come mai l'abbiamo fatto in 6 anni...
Ora però il problema sono io, mi capita che di sera, mi arriva un angoscia al cuore mi sento sprofondare, non dormo la notte e penso a come sia potuto succedere proprio a noi due, una coppia esemplare, invidiata da chi ci conosce, due persone che hanno dato la vita l'un per l'altro...
L'anno prossimo abbiamo deciso di sposarci e di questo siamo contentissimi ma ho paura di non riuscire a dimenticare l'accaduto e di soffrire per tutta la vita...
Aiutatemi...
 

Grande82

Utente di lunga data
Ciao ragazzi, se sono qui è perchè cerco aiuto...
Vi racconto la mia storia per così capire meglio...
Sono fidanzato da 6 anni a distanza ci vediamo circa ogni 15 giorni, ci siamo amati alla follia entrambi ed abbiamo fatto cose incredibili per vederci e dimostrarci il nostro amore, Siamo arrivati a decidere di sposarci la data del matrimonio la casa...
Poi un giorno la sconvolgente verità, vado sul sito del nostro operatore telefonico e vedo che ci sono un'infinità di chiamate e messaggi verso un numero che non è mio, chiamo lei per indagare e mi dà risposte lacunose e contrastanti nell'andare avanti, ritorno sul sito e controllo gli mms e li la dura verità, una foto di lui, un messaggio che finisce che Ti Amo...
I nervi schizzano la rabbia diventa un onda anomala che coinvolge tutti quelli che mi passano vicini, cambio, divento una belva...
Chiamo lei che confessa tutto, mi racconta ogni particolare e risponde ogni mia domanda...
Io la lascio e mi prometto che non voglio più saperne nulla, ma dentro di me non è così, 6 anni sono tanti, 6 anni di amore intenso non si possono dimenticare, sento che la amo e non riesco ad odiarla... Lei è in lacrime tenta il suicidio, riesco a fermala mettendo in guardia la madre...
Mi chiama molte volte mi chiede perdono, scusa, mi racconta tutto e viene fuori un quadro strano, lei che si sente per 2 mesi con un'altro per giunta sposato, all'inizio è solo amicizia, poi si confidano reciprocamente, s'incontrano solo una volta per un caffè e nient'altro ma d'allora i messaggi s'intensificano, le chiamate aumentano, fino ad un giorno in cui dopo essersi incontrati per caso finiscono a letto...
Lei dice che non riusciva a dirmi tutto perchè mi amava e ci teneva a me e non voleva perdermi, da lui non voleva nulla ma solo l'affetto che io non gli stavo dando, perchè è vero ultimamente ero freddo litigavamo spesso, gli facevo delle scenate di gelosia per cose stupide e lei nel frattempo aveva trovato un amico che l'ascoltava...
Le ho chiesto ogni particolare, di quel che è successo e lei in lacrime mi ha raccontato tutto anche di quel che è successo al letto, ovvero solo una penetrazione il tutto di 30 minuti preliminari compresi, lei non ha raggiunto l'orgasmo, e non ha fatto nulla per condurre il gioco, dice che in quel momento non era lei, era assente, aveva la mente vuota e non riusciva a pensar nulla...
In questo periodo anch'io guardavo altre donne cercavo l'aggancio ma nel frattempo tenevo le distanze perchè pensavo a lei...
Dopo solo 24 ore siamo ritornati insieme promettendoci di ricominciare da zero, abbiamo scritto e firmato le regole che d'ora in avanti dobbiamo rispettare ci siamo scambiati nuove fedine ed abbiamo messo un punto all'accaduto... Lei è sgomenta, ha ammesso l'immenso errore e non vuole più parlarne, io nemmeno voglio parlarne ed il rapporto sembra sia diventato solidissimo, ci sentiamo molto più amati di prima, siamo ritornati alle lunghe telefonate ed alle centinaia di sms ed mms, a letto siamo cambiati abbiamo abbandonato ogni tabù ed ogni fantasia diventa realtà facendono come mai l'abbiamo fatto in 6 anni...
Ora però il problema sono io, mi capita che di sera, mi arriva un angoscia al cuore mi sento sprofondare, non dormo la notte e penso a come sia potuto succedere proprio a noi due, una coppia esemplare, invidiata da chi ci conosce, due persone che hanno dato la vita l'un per l'altro...
L'anno prossimo abbiamo deciso di sposarci e di questo siamo contentissimi ma ho paura di non riuscire a dimenticare l'accaduto e di soffrire per tutta la vita...
Aiutatemi...
24 ore!!!!!!!
Ma sei matto!
Mio caro, tutto bene, credo a tutto, immenso amore, errore, trascuratezza, tutto!
Ma 24 ore!
Non hai metabolizzato, semplicemente!
E neppure lei!
Come credete di potervi sposare con questo peso sulle spalle?
FOrse dovevate iniziare prima a realizzare le fantasie reciproche, prima a parlare dei problemi. Ora non è tardi, ma raccontarti i dettagli 100volte non ti aiuterà a stare meglio.
Devi metabolizzare. E ritornare insieme non ti aiuterà.
Serve tempo.
Insieme o da single, non conta, ma serve molto tempo.
Dillo anche a lei. Devi metabolizzare, e non si tratta di dimenticare o perdonare, ma di farla scendere dal piedistallo dorato su cui avevi messo questo amore invidiato da tutti.
penso che il matrimonio debba essere ora l'uultimo dai tuoi progetti.
Buona estate.
 
O

Old TurnBackTime

Guest
non capisco...

Ciao ragazzi, se sono qui è perchè cerco aiuto...
Vi racconto la mia storia per così capire meglio...
Sono fidanzato da 6 anni a distanza ci vediamo circa ogni 15 giorni, ci siamo amati alla follia entrambi ed abbiamo fatto cose incredibili per vederci e dimostrarci il nostro amore, Siamo arrivati a decidere di sposarci la data del matrimonio la casa...
Poi un giorno la sconvolgente verità, vado sul sito del nostro operatore telefonico e vedo che ci sono un'infinità di chiamate e messaggi verso un numero che non è mio, chiamo lei per indagare e mi dà risposte lacunose e contrastanti nell'andare avanti, ritorno sul sito e controllo gli mms e li la dura verità, una foto di lui, un messaggio che finisce che Ti Amo...
I nervi schizzano la rabbia diventa un onda anomala che coinvolge tutti quelli che mi passano vicini, cambio, divento una belva...
Chiamo lei che confessa tutto, mi racconta ogni particolare e risponde ogni mia domanda...
Io la lascio e mi prometto che non voglio più saperne nulla, ma dentro di me non è così, 6 anni sono tanti, 6 anni di amore intenso non si possono dimenticare, sento che la amo e non riesco ad odiarla... Lei è in lacrime tenta il suicidio, riesco a fermala mettendo in guardia la madre...
Mi chiama molte volte mi chiede perdono, scusa, mi racconta tutto e viene fuori un quadro strano, lei che si sente per 2 mesi con un'altro per giunta sposato, all'inizio è solo amicizia, poi si confidano reciprocamente, s'incontrano solo una volta per un caffè e nient'altro ma d'allora i messaggi s'intensificano, le chiamate aumentano, fino ad un giorno in cui dopo essersi incontrati per caso finiscono a letto...
Lei dice che non riusciva a dirmi tutto perchè mi amava e ci teneva a me e non voleva perdermi, da lui non voleva nulla ma solo l'affetto che io non gli stavo dando, perchè è vero ultimamente ero freddo litigavamo spesso, gli facevo delle scenate di gelosia per cose stupide e lei nel frattempo aveva trovato un amico che l'ascoltava...
Le ho chiesto ogni particolare, di quel che è successo e lei in lacrime mi ha raccontato tutto anche di quel che è successo al letto, ovvero solo una penetrazione il tutto di 30 minuti preliminari compresi, lei non ha raggiunto l'orgasmo, e non ha fatto nulla per condurre il gioco, dice che in quel momento non era lei, era assente, aveva la mente vuota e non riusciva a pensar nulla...
In questo periodo anch'io guardavo altre donne cercavo l'aggancio ma nel frattempo tenevo le distanze perchè pensavo a lei...
Dopo solo 24 ore siamo ritornati insieme promettendoci di ricominciare da zero, abbiamo scritto e firmato le regole che d'ora in avanti dobbiamo rispettare ci siamo scambiati nuove fedine ed abbiamo messo un punto all'accaduto... Lei è sgomenta, ha ammesso l'immenso errore e non vuole più parlarne, io nemmeno voglio parlarne ed il rapporto sembra sia diventato solidissimo, ci sentiamo molto più amati di prima, siamo ritornati alle lunghe telefonate ed alle centinaia di sms ed mms, a letto siamo cambiati abbiamo abbandonato ogni tabù ed ogni fantasia diventa realtà facendono come mai l'abbiamo fatto in 6 anni...
Ora però il problema sono io, mi capita che di sera, mi arriva un angoscia al cuore mi sento sprofondare, non dormo la notte e penso a come sia potuto succedere proprio a noi due, una coppia esemplare, invidiata da chi ci conosce, due persone che hanno dato la vita l'un per l'altro...
L'anno prossimo abbiamo deciso di sposarci e di questo siamo contentissimi ma ho paura di non riuscire a dimenticare l'accaduto e di soffrire per tutta la vita...
Aiutatemi...
Non capisco la necessita' di scrivere regole che poi verranno infrante perche' non hanno alcun valore....le regole ognuno se le detta' da se...

E non capisco tantomeno approvo l'idea di sposarvi fra un anno....non credo che un anno sia un tempo sufficente....almeno dopo quel che e' successo....ma tanto da come scrivi...da quello che dici....immagino come tu stia per questa persona....sposati in fretta...pentitene con tutta calma...
 
Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
Top