Mi date un consiglio su un uomo che sta per sposarsi(con un'altra)?

Pauline

Utente di lunga data
Ciao prima volta che scrivo qui. Entrambi 37 anni, io single,lui fidanzato da 6 anni con una che sta per sposare e con cui convive da pochi mesi ( ha comprato casa un mese prima di conoscere me). Ci siamo conosciuti in ambito accademico, lui affermato docente universitario abituato a presentare i suoi libri in pubblico con un vasto seguito di "fan" adoranti comprese donne, io ricercatrice in una struttura del suo ambiente ( ma non lavoro con lui né sono negli stessi palazzi). Lo vedo la prima volta ad una conferenza in cui è tra i relatori e io tra il pubblico. Ad un certo punto alzo lo sguardo e vedo che mi fissa. Ci guardiamo,io penso che sia proprio un bel tipo e sorrido..lui distoglie lo sguardo e si mette a parlare con il relatore di fianco che anche io conosco. La cosa finisce li e non lo sento piu per oltre un mese. Gli scrivo io una mail formale perché volevo invitarlo a parlare ad una mia conferenza. Lui è molto affabile, accetta e ci scambiamo il numero. Inizia a scrivermi su wapp parlandomi di lavoro e insistendo per incontrarci io e lui da soli. Quasi subito inizia a chiedermi un appuntamento in modo esplicito e io accetto. Vengo poi a sapere dal conoscente comune che quel giorno in cui ci eravamo visti per la prima volta lui aveva chiesto chi fossi e il mio numero senza però tuttavia chiamarmi...mentre insiste per vederci inizia a sbilanciarsi parecchio, senza che io gli chiedessi niente. Inizia a dirmi di stargli vicino perché mi voleva a lavorare accanto a lui,che avrei avuto successo con lui, che non vedeva l'ora di passare del tempo con me. Ci vediamo dopo una decina di giorni di questi discorsi e lui è di una freddezza incredibile tanto da farmi restare male. Io sinceramente pensavo gia dopo tutti quei discorsi di dover tenere a bada la sua passione e invece nulla. Non solo non ci ha provato ma nemmeno accennava ai suoi discorsi romantici se non quelli lavorativi senza nemmeno sorridermi mentre parlava! Tornata a casa lo messaggio arrabbiata ( per messaggio non abbiamo mai perso confidenza) e gli dico che si è comportato male e gli chiedo cosa avesse..lui continuava a dirmi niente. Io resto male perché semplicemente penso di non essergli piu piaciuta fisicamente..lui poi mi dice scusa se ti sei arrabbiata, mi sono fatto in quattro per venire solo un'ora da te!...io allora lo perdono e ricominciamo a messaggiarci come sempre ma lui da quel momento smette qualsiasi riferimento romantico e parla solo di lavoro...io penso proprio di non essergli piaciuta fisicamente e smetto anche io qualsiasi riferimento.due settimane dopo lo rivedo per lavoro in presenza di altre persone. Lui mi fa davanti a uno di questi battuttine scherzose allusive a cui non do peso..poi appena resta un attimo solo con me ( davvero un paio di minuti) inizia a fissarmi negli occhi con lo sguardo perso/eccitato, mi prende la mano e inizia a dirmi quanto sono bella...io allora resto davvero confusa e poi per il resto della serata mi concentro sul lavoro... lui mi chiede più volte quella sera se voglio accompagnare lui e il collega ad una conferenza che ha quella sera ma rifiuto. Il giorno dopo visto il suo atteggiamento mi sento autorizzata a fargli delle domande. Gli chiedo se per caso sia così ambiguo perché è fidanzato o si vede con un altra...lui cambia discorso e non c e modo di farlo confessare. A quel punto indago e scopro che ha una fidanzata, una che tra l altro io avevo notato stargli sempre addosso sui social (su cui lui non rivela nulla della sua vita privata ma solo cose lavorative) e che lui mi aveva detto tempo prima essere una sua "fan". A quel punto mi scatta una gelosia e una rabbia inarrestabili e inizio a insultare lui come bugiardo, stronzo etc. E inizio a insultare lei con lui dicendo che ha una fidanzata cessa, cretina, una racchia cornuta, che lui non la rispetta etc. Lui non solo si becca tutti i miei insulti ma non accenna neanche a difendere lei e pur non chiedendomi più di vederci o fare programmi romantici continua a dirmi che mi vuole accanto a lui per lavoro. A questo punto io divento sempre più stronza con lui e lo assillo di chiamate, pretese e ogni tanto infilandoci qualche insulto per la sua fidanzata. Lui accetta tutto. Passano cosi tre mesi. Io e lui ci sentiamo ogni giorno parlando solo di lavoro ma con un reciproco tono di confidenza e io che gli piazzo scenate se non mi risponde...alla fine vedendo le sue foto sui social con la fidanzata sulla pagina di lei scoppio e le faccio leggere tutti i messaggi di lui. Questa impazzisce e lo lascia. Lui disperato fa di tutto per riprendersela dicendole che io sono una pazza e lei dopo solo due giorni se lo riprende e inizia a insultare me pubblicamente dandomi della troia. Io allora do a lei pubblicamente della cessa. Smetto di sentire lui se non per mandargli dei messaggi privati di insulti dandogli dello sfigato e della cessa cornuta a lei. Lui non risponde. A questo punto dopo l ultimo litigio con una sua "fan" che aveva iniziato ad attaccarmi pubblicamente lo chiamo. E lui che fa? Sta muto al telefono..e io pure. In pratica gli ho fatto 3/4 chiamate una di seguito all altra tutte uguali con lui che non dice nemmeno pronto e resta in ascolto..cosi una ventina di secondi finche attacca..cosi tutte le chiamate. Interrompo ogni contatto con lui e lui nemmeno mi cerca piu. Penso di essermi sbagliata di nuovo sul fatto di piacergli...penso ancora una volta come il primo appuntamento di avere frainteso, di avere fatto dei castelli in aria...se non che dopo tutto sto casino circa un mese dopo mi capita di parlare con un altra ricercatrice. Entriamo un po in confidenza e lei mi confessa che aveva sentito voci su me e lui. Le chiedo chi le avesse detto questo e cosa avesse sentito. In pratica lei conosceva degli amici di lui. Questi amici che io non ho mai nemmeno visto sapevano persino il mio nome e in pratica lui gli parlava di me e aveva raccontato loro che gli piacevo e che aveva una storia con me. Questo mi ha spiazzata nuovamente e non riuscivo a capire come potesse andare lui stesso a dire in giro queste cose dal momento che non mi aveva dato nemmeno un bacio ( perche no se allora gli piacevo e lui sapeva di piacermi?) e soprattutto a gente che sapeva che lui era fidanzato....a me lui piace tantissimo..anzi di piu ma non l ho piu cercato...ora a breve dovro rivederlo per lavoro e non so come comportarmi.consigli?
 

perplesso

Administrator
Staff Forum
smettetela con le droghe e cercatevi un terapista bravo nella sindrome bipolare
 

Vera

Moderator
Staff Forum

Marjanna

Utente di lunga data
Ma tra voi è mai successo qualcosa o non vi siete mai dati neppure un bacio?
 

Lostris

Utente Ludica
Ciao prima volta che scrivo qui. Entrambi 37 anni, io single,lui fidanzato da 6 anni con una che sta per sposare e con cui convive da pochi mesi ( ha comprato casa un mese prima di conoscere me). Ci siamo conosciuti in ambito accademico, lui affermato docente universitario abituato a presentare i suoi libri in pubblico con un vasto seguito di "fan" adoranti comprese donne, io ricercatrice in una struttura del suo ambiente ( ma non lavoro con lui né sono negli stessi palazzi). Lo vedo la prima volta ad una conferenza in cui è tra i relatori e io tra il pubblico. Ad un certo punto alzo lo sguardo e vedo che mi fissa. Ci guardiamo,io penso che sia proprio un bel tipo e sorrido..lui distoglie lo sguardo e si mette a parlare con il relatore di fianco che anche io conosco. La cosa finisce li e non lo sento piu per oltre un mese. Gli scrivo io una mail formale perché volevo invitarlo a parlare ad una mia conferenza. Lui è molto affabile, accetta e ci scambiamo il numero. Inizia a scrivermi su wapp parlandomi di lavoro e insistendo per incontrarci io e lui da soli. Quasi subito inizia a chiedermi un appuntamento in modo esplicito e io accetto. Vengo poi a sapere dal conoscente comune che quel giorno in cui ci eravamo visti per la prima volta lui aveva chiesto chi fossi e il mio numero senza però tuttavia chiamarmi...mentre insiste per vederci inizia a sbilanciarsi parecchio, senza che io gli chiedessi niente. Inizia a dirmi di stargli vicino perché mi voleva a lavorare accanto a lui,che avrei avuto successo con lui, che non vedeva l'ora di passare del tempo con me. Ci vediamo dopo una decina di giorni di questi discorsi e lui è di una freddezza incredibile tanto da farmi restare male. Io sinceramente pensavo gia dopo tutti quei discorsi di dover tenere a bada la sua passione e invece nulla. Non solo non ci ha provato ma nemmeno accennava ai suoi discorsi romantici se non quelli lavorativi senza nemmeno sorridermi mentre parlava! Tornata a casa lo messaggio arrabbiata ( per messaggio non abbiamo mai perso confidenza) e gli dico che si è comportato male e gli chiedo cosa avesse..lui continuava a dirmi niente. Io resto male perché semplicemente penso di non essergli piu piaciuta fisicamente..lui poi mi dice scusa se ti sei arrabbiata, mi sono fatto in quattro per venire solo un'ora da te!...io allora lo perdono e ricominciamo a messaggiarci come sempre ma lui da quel momento smette qualsiasi riferimento romantico e parla solo di lavoro...io penso proprio di non essergli piaciuta fisicamente e smetto anche io qualsiasi riferimento.due settimane dopo lo rivedo per lavoro in presenza di altre persone. Lui mi fa davanti a uno di questi battuttine scherzose allusive a cui non do peso..poi appena resta un attimo solo con me ( davvero un paio di minuti) inizia a fissarmi negli occhi con lo sguardo perso/eccitato, mi prende la mano e inizia a dirmi quanto sono bella...io allora resto davvero confusa e poi per il resto della serata mi concentro sul lavoro... lui mi chiede più volte quella sera se voglio accompagnare lui e il collega ad una conferenza che ha quella sera ma rifiuto. Il giorno dopo visto il suo atteggiamento mi sento autorizzata a fargli delle domande. Gli chiedo se per caso sia così ambiguo perché è fidanzato o si vede con un altra...lui cambia discorso e non c e modo di farlo confessare. A quel punto indago e scopro che ha una fidanzata, una che tra l altro io avevo notato stargli sempre addosso sui social (su cui lui non rivela nulla della sua vita privata ma solo cose lavorative) e che lui mi aveva detto tempo prima essere una sua "fan". A quel punto mi scatta una gelosia e una rabbia inarrestabili e inizio a insultare lui come bugiardo, stronzo etc. E inizio a insultare lei con lui dicendo che ha una fidanzata cessa, cretina, una racchia cornuta, che lui non la rispetta etc. Lui non solo si becca tutti i miei insulti ma non accenna neanche a difendere lei e pur non chiedendomi più di vederci o fare programmi romantici continua a dirmi che mi vuole accanto a lui per lavoro. A questo punto io divento sempre più stronza con lui e lo assillo di chiamate, pretese e ogni tanto infilandoci qualche insulto per la sua fidanzata. Lui accetta tutto. Passano cosi tre mesi. Io e lui ci sentiamo ogni giorno parlando solo di lavoro ma con un reciproco tono di confidenza e io che gli piazzo scenate se non mi risponde...alla fine vedendo le sue foto sui social con la fidanzata sulla pagina di lei scoppio e le faccio leggere tutti i messaggi di lui. Questa impazzisce e lo lascia. Lui disperato fa di tutto per riprendersela dicendole che io sono una pazza e lei dopo solo due giorni se lo riprende e inizia a insultare me pubblicamente dandomi della troia. Io allora do a lei pubblicamente della cessa. Smetto di sentire lui se non per mandargli dei messaggi privati di insulti dandogli dello sfigato e della cessa cornuta a lei. Lui non risponde. A questo punto dopo l ultimo litigio con una sua "fan" che aveva iniziato ad attaccarmi pubblicamente lo chiamo. E lui che fa? Sta muto al telefono..e io pure. In pratica gli ho fatto 3/4 chiamate una di seguito all altra tutte uguali con lui che non dice nemmeno pronto e resta in ascolto..cosi una ventina di secondi finche attacca..cosi tutte le chiamate. Interrompo ogni contatto con lui e lui nemmeno mi cerca piu. Penso di essermi sbagliata di nuovo sul fatto di piacergli...penso ancora una volta come il primo appuntamento di avere frainteso, di avere fatto dei castelli in aria...se non che dopo tutto sto casino circa un mese dopo mi capita di parlare con un altra ricercatrice. Entriamo un po in confidenza e lei mi confessa che aveva sentito voci su me e lui. Le chiedo chi le avesse detto questo e cosa avesse sentito. In pratica lei conosceva degli amici di lui. Questi amici che io non ho mai nemmeno visto sapevano persino il mio nome e in pratica lui gli parlava di me e aveva raccontato loro che gli piacevo e che aveva una storia con me. Questo mi ha spiazzata nuovamente e non riuscivo a capire come potesse andare lui stesso a dire in giro queste cose dal momento che non mi aveva dato nemmeno un bacio ( perche no se allora gli piacevo e lui sapeva di piacermi?) e soprattutto a gente che sapeva che lui era fidanzato....a me lui piace tantissimo..anzi di piu ma non l ho piu cercato...
ora a breve dovro rivederlo per lavoro e non so come comportarmi.consigli?
Comportarsi da persona equilibrata (cioè non come hai fatto finora) non sarebbe una cattiva idea.

Lui sarà stato anche il re Tentenna, ma tu a bolla non ci sei per nulla, a costruirti il film della vita da dei messaggini e a reagire da psicopatica che Glenn Close levati.

E poi insulti la fidanzata?? Ma un bel calcio in culo e pedalare, che se lui non è completamente rincoglionito (ma magari sei fortunata) dopo tutto il casino che hai messo in piedi manco col binocolo ti vorrà vedere.

Toh, mi hai fatto perdere il mio aplomb :D
 

Fiammetta

Amazzone! Embe'. Sticazzi
Staff Forum
Ciao prima volta che scrivo qui. Entrambi 37 anni, io single,lui fidanzato da 6 anni con una che sta per sposare e con cui convive da pochi mesi ( ha comprato casa un mese prima di conoscere me). Ci siamo conosciuti in ambito accademico, lui affermato docente universitario abituato a presentare i suoi libri in pubblico con un vasto seguito di "fan" adoranti comprese donne, io ricercatrice in una struttura del suo ambiente ( ma non lavoro con lui né sono negli stessi palazzi). Lo vedo la prima volta ad una conferenza in cui è tra i relatori e io tra il pubblico. Ad un certo punto alzo lo sguardo e vedo che mi fissa. Ci guardiamo,io penso che sia proprio un bel tipo e sorrido..lui distoglie lo sguardo e si mette a parlare con il relatore di fianco che anche io conosco. La cosa finisce li e non lo sento piu per oltre un mese. Gli scrivo io una mail formale perché volevo invitarlo a parlare ad una mia conferenza. Lui è molto affabile, accetta e ci scambiamo il numero. Inizia a scrivermi su wapp parlandomi di lavoro e insistendo per incontrarci io e lui da soli. Quasi subito inizia a chiedermi un appuntamento in modo esplicito e io accetto. Vengo poi a sapere dal conoscente comune che quel giorno in cui ci eravamo visti per la prima volta lui aveva chiesto chi fossi e il mio numero senza però tuttavia chiamarmi...mentre insiste per vederci inizia a sbilanciarsi parecchio, senza che io gli chiedessi niente. Inizia a dirmi di stargli vicino perché mi voleva a lavorare accanto a lui,che avrei avuto successo con lui, che non vedeva l'ora di passare del tempo con me. Ci vediamo dopo una decina di giorni di questi discorsi e lui è di una freddezza incredibile tanto da farmi restare male. Io sinceramente pensavo gia dopo tutti quei discorsi di dover tenere a bada la sua passione e invece nulla. Non solo non ci ha provato ma nemmeno accennava ai suoi discorsi romantici se non quelli lavorativi senza nemmeno sorridermi mentre parlava! Tornata a casa lo messaggio arrabbiata ( per messaggio non abbiamo mai perso confidenza) e gli dico che si è comportato male e gli chiedo cosa avesse..lui continuava a dirmi niente. Io resto male perché semplicemente penso di non essergli piu piaciuta fisicamente..lui poi mi dice scusa se ti sei arrabbiata, mi sono fatto in quattro per venire solo un'ora da te!...io allora lo perdono e ricominciamo a messaggiarci come sempre ma lui da quel momento smette qualsiasi riferimento romantico e parla solo di lavoro...io penso proprio di non essergli piaciuta fisicamente e smetto anche io qualsiasi riferimento.due settimane dopo lo rivedo per lavoro in presenza di altre persone. Lui mi fa davanti a uno di questi battuttine scherzose allusive a cui non do peso..poi appena resta un attimo solo con me ( davvero un paio di minuti) inizia a fissarmi negli occhi con lo sguardo perso/eccitato, mi prende la mano e inizia a dirmi quanto sono bella...io allora resto davvero confusa e poi per il resto della serata mi concentro sul lavoro... lui mi chiede più volte quella sera se voglio accompagnare lui e il collega ad una conferenza che ha quella sera ma rifiuto. Il giorno dopo visto il suo atteggiamento mi sento autorizzata a fargli delle domande. Gli chiedo se per caso sia così ambiguo perché è fidanzato o si vede con un altra...lui cambia discorso e non c e modo di farlo confessare. A quel punto indago e scopro che ha una fidanzata, una che tra l altro io avevo notato stargli sempre addosso sui social (su cui lui non rivela nulla della sua vita privata ma solo cose lavorative) e che lui mi aveva detto tempo prima essere una sua "fan". A quel punto mi scatta una gelosia e una rabbia inarrestabili e inizio a insultare lui come bugiardo, stronzo etc. E inizio a insultare lei con lui dicendo che ha una fidanzata cessa, cretina, una racchia cornuta, che lui non la rispetta etc. Lui non solo si becca tutti i miei insulti ma non accenna neanche a difendere lei e pur non chiedendomi più di vederci o fare programmi romantici continua a dirmi che mi vuole accanto a lui per lavoro. A questo punto io divento sempre più stronza con lui e lo assillo di chiamate, pretese e ogni tanto infilandoci qualche insulto per la sua fidanzata. Lui accetta tutto. Passano cosi tre mesi. Io e lui ci sentiamo ogni giorno parlando solo di lavoro ma con un reciproco tono di confidenza e io che gli piazzo scenate se non mi risponde...alla fine vedendo le sue foto sui social con la fidanzata sulla pagina di lei scoppio e le faccio leggere tutti i messaggi di lui. Questa impazzisce e lo lascia. Lui disperato fa di tutto per riprendersela dicendole che io sono una pazza e lei dopo solo due giorni se lo riprende e inizia a insultare me pubblicamente dandomi della troia. Io allora do a lei pubblicamente della cessa. Smetto di sentire lui se non per mandargli dei messaggi privati di insulti dandogli dello sfigato e della cessa cornuta a lei. Lui non risponde. A questo punto dopo l ultimo litigio con una sua "fan" che aveva iniziato ad attaccarmi pubblicamente lo chiamo. E lui che fa? Sta muto al telefono..e io pure. In pratica gli ho fatto 3/4 chiamate una di seguito all altra tutte uguali con lui che non dice nemmeno pronto e resta in ascolto..cosi una ventina di secondi finche attacca..cosi tutte le chiamate. Interrompo ogni contatto con lui e lui nemmeno mi cerca piu. Penso di essermi sbagliata di nuovo sul fatto di piacergli...penso ancora una volta come il primo appuntamento di avere frainteso, di avere fatto dei castelli in aria...se non che dopo tutto sto casino circa un mese dopo mi capita di parlare con un altra ricercatrice. Entriamo un po in confidenza e lei mi confessa che aveva sentito voci su me e lui. Le chiedo chi le avesse detto questo e cosa avesse sentito. In pratica lei conosceva degli amici di lui. Questi amici che io non ho mai nemmeno visto sapevano persino il mio nome e in pratica lui gli parlava di me e aveva raccontato loro che gli piacevo e che aveva una storia con me. Questo mi ha spiazzata nuovamente e non riuscivo a capire come potesse andare lui stesso a dire in giro queste cose dal momento che non mi aveva dato nemmeno un bacio ( perche no se allora gli piacevo e lui sapeva di piacermi?) e soprattutto a gente che sapeva che lui era fidanzato....a me lui piace tantissimo..anzi di piu ma non l ho piu cercato...ora a breve dovro rivederlo per lavoro e non so come comportarmi.consigli?
benvenuta

ma hai fatto tutto sto casino per uno pseudo flirt?

comunque al prossimo incontro lavorativo sarei solo professionale.
Nessun gesto confidenziale.
 

ipazia

Utente disorientante (ma anche disorientata)
Ciao
prima volta che scrivo qui. Entrambi 37 anni, io single,lui fidanzato da 6 anni con una che sta per sposare e con cui convive da pochi mesi ( ha comprato casa un mese prima di conoscere me). Ci siamo conosciuti in ambito accademico, lui affermato docente universitario abituato a presentare i suoi libri in pubblico con un vasto seguito di "fan" adoranti comprese donne, io ricercatrice in una struttura del suo ambiente ( ma non lavoro con lui né sono negli stessi palazzi). Lo vedo la prima volta ad una conferenza in cui è tra i relatori e io tra il pubblico. Ad un certo punto alzo lo sguardo e vedo che mi fissa. Ci guardiamo,io penso che sia proprio un bel tipo e sorrido..lui distoglie lo sguardo e si mette a parlare con il relatore di fianco che anche io conosco. La cosa finisce li e non lo sento piu per oltre un mese. Gli scrivo io una mail formale perché volevo invitarlo a parlare ad una mia conferenza. Lui è molto affabile, accetta e ci scambiamo il numero. Inizia a scrivermi su wapp parlandomi di lavoro e insistendo per incontrarci io e lui da soli. Quasi subito inizia a chiedermi un appuntamento in modo esplicito e io accetto. Vengo poi a sapere dal conoscente comune che quel giorno in cui ci eravamo visti per la prima volta lui aveva chiesto chi fossi e il mio numero senza però tuttavia chiamarmi...mentre insiste per vederci inizia a sbilanciarsi parecchio, senza che io gli chiedessi niente. Inizia a dirmi di stargli vicino perché mi voleva a lavorare accanto a lui,che avrei avuto successo con lui, che non vedeva l'ora di passare del tempo con me. Ci vediamo dopo una decina di giorni di questi discorsi e lui è di una freddezza incredibile tanto da farmi restare male. Io sinceramente pensavo gia dopo tutti quei discorsi di dover tenere a bada la sua passione e invece nulla. Non solo non ci ha provato ma nemmeno accennava ai suoi discorsi romantici se non quelli lavorativi senza nemmeno sorridermi mentre parlava! Tornata a casa lo messaggio arrabbiata ( per messaggio non abbiamo mai perso confidenza) e gli dico che si è comportato male e gli chiedo cosa avesse..lui continuava a dirmi niente. Io resto male perché semplicemente penso di non essergli piu piaciuta fisicamente..lui poi mi dice scusa se ti sei arrabbiata, mi sono fatto in quattro per venire solo un'ora da te!...io allora lo perdono e ricominciamo a messaggiarci come sempre ma lui da quel momento smette qualsiasi riferimento romantico e parla solo di lavoro...io penso proprio di non essergli piaciuta fisicamente e smetto anche io qualsiasi riferimento.due settimane dopo lo rivedo per lavoro in presenza di altre persone. Lui mi fa davanti a uno di questi battuttine scherzose allusive a cui non do peso..poi appena resta un attimo solo con me ( davvero un paio di minuti) inizia a fissarmi negli occhi con lo sguardo perso/eccitato, mi prende la mano e inizia a dirmi quanto sono bella...io allora resto davvero confusa e poi per il resto della serata mi concentro sul lavoro... lui mi chiede più volte quella sera se voglio accompagnare lui e il collega ad una conferenza che ha quella sera ma rifiuto. Il giorno dopo visto il suo atteggiamento mi sento autorizzata a fargli delle domande. Gli chiedo se per caso sia così ambiguo perché è fidanzato o si vede con un altra...lui cambia discorso e non c e modo di farlo confessare. A quel punto indago e scopro che ha una fidanzata, una che tra l altro io avevo notato stargli sempre addosso sui social (su cui lui non rivela nulla della sua vita privata ma solo cose lavorative) e che lui mi aveva detto tempo prima essere una sua "fan". A quel punto mi scatta una gelosia e una rabbia inarrestabili e inizio a insultare lui come bugiardo, stronzo etc. E inizio a insultare lei con lui dicendo che ha una fidanzata cessa, cretina, una racchia cornuta, che lui non la rispetta etc. Lui non solo si becca tutti i miei insulti ma non accenna neanche a difendere lei e pur non chiedendomi più di vederci o fare programmi romantici continua a dirmi che mi vuole accanto a lui per lavoro. A questo punto io divento sempre più stronza con lui e lo assillo di chiamate, pretese e ogni tanto infilandoci qualche insulto per la sua fidanzata. Lui accetta tutto. Passano cosi tre mesi. Io e lui ci sentiamo ogni giorno parlando solo di lavoro ma con un reciproco tono di confidenza e io che gli piazzo scenate se non mi risponde...alla fine vedendo le sue foto sui social con la fidanzata sulla pagina di lei scoppio e le faccio leggere tutti i messaggi di lui. Questa impazzisce e lo lascia. Lui disperato fa di tutto per riprendersela dicendole che io sono una pazza e lei dopo solo due giorni se lo riprende e inizia a insultare me pubblicamente dandomi della troia. Io allora do a lei pubblicamente della cessa. Smetto di sentire lui se non per mandargli dei messaggi privati di insulti dandogli dello sfigato e della cessa cornuta a lei. Lui non risponde. A questo punto dopo l ultimo litigio con una sua "fan" che aveva iniziato ad attaccarmi pubblicamente lo chiamo. E lui che fa? Sta muto al telefono..e io pure. In pratica gli ho fatto 3/4 chiamate una di seguito all altra tutte uguali con lui che non dice nemmeno pronto e resta in ascolto..cosi una ventina di secondi finche attacca..cosi tutte le chiamate. Interrompo ogni contatto con lui e lui nemmeno mi cerca piu. Penso di essermi sbagliata di nuovo sul fatto di piacergli...penso ancora una volta come il primo appuntamento di avere frainteso, di avere fatto dei castelli in aria...se non che dopo tutto sto casino circa un mese dopo mi capita di parlare con un altra ricercatrice. Entriamo un po in confidenza e lei mi confessa che aveva sentito voci su me e lui. Le chiedo chi le avesse detto questo e cosa avesse sentito. In pratica lei conosceva degli amici di lui. Questi amici che io non ho mai nemmeno visto sapevano persino il mio nome e in pratica lui gli parlava di me e aveva raccontato loro che gli piacevo e che aveva una storia con me. Questo mi ha spiazzata nuovamente e non riuscivo a capire come potesse andare lui stesso a dire in giro queste cose dal momento che non mi aveva dato nemmeno un bacio ( perche no se allora gli piacevo e lui sapeva di piacermi?) e soprattutto a gente che sapeva che lui era fidanzato....a me lui piace tantissimo..anzi di piu ma non l ho piu cercato
...ora a breve dovro rivederlo per lavoro e non so come comportarmi.consigli?
Wow! :)

Prima invece sapevi come comportarti? :carneval:
 

Nocciola

Super Moderatore
Staff Forum
Comportarsi da persona equilibrata (cioè non come hai fatto finora) non sarebbe una cattiva idea.

Lui sarà stato anche il re Tentenna, ma tu a bolla non ci sei per nulla, a costruirti il film della vita da dei messaggini e a reagire da psicopatica che Glenn Close levati.

E poi insulti la fidanzata?? Ma un bel calcio in culo e pedalare, che se lui non è completamente rincoglionito (ma magari sei fortunata) dopo tutto il casino che hai messo in piedi manco col binocolo ti vorrà vedere.

Toh, mi hai fatto perdere il mio aplomb :D
Era ora :D
 

Skorpio

Utente di lunga data
...

Che libri scrive di preciso lui?
 

Rose1994

Utente di lunga data
Ma tu sei fuori di testa, perdonami.
Ti sei creduta l'amante di lui solo per dei messaggini? Allucinante.
E poi come ti permetti a insultare la sua ragazza? Per cosa poi se non avete mai avuto contatti fisici?
Questo povero cristo ha avuto una sfortuna allucinante a conoscerti, mi dispiace dirtelo ma penso che questa storia, o comunque lo spero, davvero che sia falsa!
Non è possibile a 37 anni non capire cosa c'è di vero o di ideato in un rapporto.
Anche il titolo del post è fuorviante : cosa dovresti fare se lui si sposa con lei? Nulla 😂
Perché nulla siete stati.
 

Delilah

Nuovo utente
Ma stai scherzando?
Ma neanche se fossi stata davvero l'amante sarebbe stato normale il tuo comportamento... Offendere lei poi...veramente meschino perdonami.
Ascolta... Fatti la tua vita, magari davvero parla con uno psicologo e cerca di superare questa cosa, lasciando vivere sereni anche lui e lei.
Ps. Comunque dopo che hai pubblicamente tirato fuori tutto, che poi sto tutto è il nulla praticamente, è normale che la gente parli... Non è assolutamente detto che abbia messo lui quelle voci in giro...
 

Lara3

Utente di lunga data
Ciao prima volta che scrivo qui. Entrambi 37 anni, io single,lui fidanzato da 6 anni con una che sta per sposare e con cui convive da pochi mesi ( ha comprato casa un mese prima di conoscere me). Ci siamo conosciuti in ambito accademico, lui affermato docente universitario abituato a presentare i suoi libri in pubblico con un vasto seguito di "fan" adoranti comprese donne, io ricercatrice in una struttura del suo ambiente ( ma non lavoro con lui né sono negli stessi palazzi). Lo vedo la prima volta ad una conferenza in cui è tra i relatori e io tra il pubblico. Ad un certo punto alzo lo sguardo e vedo che mi fissa. Ci guardiamo,io penso che sia proprio un bel tipo e sorrido..lui distoglie lo sguardo e si mette a parlare con il relatore di fianco che anche io conosco. La cosa finisce li e non lo sento piu per oltre un mese. Gli scrivo io una mail formale perché volevo invitarlo a parlare ad una mia conferenza. Lui è molto affabile, accetta e ci scambiamo il numero. Inizia a scrivermi su wapp parlandomi di lavoro e insistendo per incontrarci io e lui da soli. Quasi subito inizia a chiedermi un appuntamento in modo esplicito e io accetto. Vengo poi a sapere dal conoscente comune che quel giorno in cui ci eravamo visti per la prima volta lui aveva chiesto chi fossi e il mio numero senza però tuttavia chiamarmi...mentre insiste per vederci inizia a sbilanciarsi parecchio, senza che io gli chiedessi niente. Inizia a dirmi di stargli vicino perché mi voleva a lavorare accanto a lui,che avrei avuto successo con lui, che non vedeva l'ora di passare del tempo con me. Ci vediamo dopo una decina di giorni di questi discorsi e lui è di una freddezza incredibile tanto da farmi restare male. Io sinceramente pensavo gia dopo tutti quei discorsi di dover tenere a bada la sua passione e invece nulla. Non solo non ci ha provato ma nemmeno accennava ai suoi discorsi romantici se non quelli lavorativi senza nemmeno sorridermi mentre parlava! Tornata a casa lo messaggio arrabbiata ( per messaggio non abbiamo mai perso confidenza) e gli dico che si è comportato male e gli chiedo cosa avesse..lui continuava a dirmi niente. Io resto male perché semplicemente penso di non essergli piu piaciuta fisicamente..lui poi mi dice scusa se ti sei arrabbiata, mi sono fatto in quattro per venire solo un'ora da te!...io allora lo perdono e ricominciamo a messaggiarci come sempre ma lui da quel momento smette qualsiasi riferimento romantico e parla solo di lavoro...io penso proprio di non essergli piaciuta fisicamente e smetto anche io qualsiasi riferimento.due settimane dopo lo rivedo per lavoro in presenza di altre persone. Lui mi fa davanti a uno di questi battuttine scherzose allusive a cui non do peso..poi appena resta un attimo solo con me ( davvero un paio di minuti) inizia a fissarmi negli occhi con lo sguardo perso/eccitato, mi prende la mano e inizia a dirmi quanto sono bella...io allora resto davvero confusa e poi per il resto della serata mi concentro sul lavoro... lui mi chiede più volte quella sera se voglio accompagnare lui e il collega ad una conferenza che ha quella sera ma rifiuto. Il giorno dopo visto il suo atteggiamento mi sento autorizzata a fargli delle domande. Gli chiedo se per caso sia così ambiguo perché è fidanzato o si vede con un altra...lui cambia discorso e non c e modo di farlo confessare. A quel punto indago e scopro che ha una fidanzata, una che tra l altro io avevo notato stargli sempre addosso sui social (su cui lui non rivela nulla della sua vita privata ma solo cose lavorative) e che lui mi aveva detto tempo prima essere una sua "fan". A quel punto mi scatta una gelosia e una rabbia inarrestabili e inizio a insultare lui come bugiardo, stronzo etc. E inizio a insultare lei con lui dicendo che ha una fidanzata cessa, cretina, una racchia cornuta, che lui non la rispetta etc. Lui non solo si becca tutti i miei insulti ma non accenna neanche a difendere lei e pur non chiedendomi più di vederci o fare programmi romantici continua a dirmi che mi vuole accanto a lui per lavoro. A questo punto io divento sempre più stronza con lui e lo assillo di chiamate, pretese e ogni tanto infilandoci qualche insulto per la sua fidanzata. Lui accetta tutto. Passano cosi tre mesi. Io e lui ci sentiamo ogni giorno parlando solo di lavoro ma con un reciproco tono di confidenza e io che gli piazzo scenate se non mi risponde...alla fine vedendo le sue foto sui social con la fidanzata sulla pagina di lei scoppio e le faccio leggere tutti i messaggi di lui. Questa impazzisce e lo lascia. Lui disperato fa di tutto per riprendersela dicendole che io sono una pazza e lei dopo solo due giorni se lo riprende e inizia a insultare me pubblicamente dandomi della troia. Io allora do a lei pubblicamente della cessa. Smetto di sentire lui se non per mandargli dei messaggi privati di insulti dandogli dello sfigato e della cessa cornuta a lei. Lui non risponde. A questo punto dopo l ultimo litigio con una sua "fan" che aveva iniziato ad attaccarmi pubblicamente lo chiamo. E lui che fa? Sta muto al telefono..e io pure. In pratica gli ho fatto 3/4 chiamate una di seguito all altra tutte uguali con lui che non dice nemmeno pronto e resta in ascolto..cosi una ventina di secondi finche attacca..cosi tutte le chiamate. Interrompo ogni contatto con lui e lui nemmeno mi cerca piu. Penso di essermi sbagliata di nuovo sul fatto di piacergli...penso ancora una volta come il primo appuntamento di avere frainteso, di avere fatto dei castelli in aria...se non che dopo tutto sto casino circa un mese dopo mi capita di parlare con un altra ricercatrice. Entriamo un po in confidenza e lei mi confessa che aveva sentito voci su me e lui. Le chiedo chi le avesse detto questo e cosa avesse sentito. In pratica lei conosceva degli amici di lui. Questi amici che io non ho mai nemmeno visto sapevano persino il mio nome e in pratica lui gli parlava di me e aveva raccontato loro che gli piacevo e che aveva una storia con me. Questo mi ha spiazzata nuovamente e non riuscivo a capire come potesse andare lui stesso a dire in giro queste cose dal momento che non mi aveva dato nemmeno un bacio ( perche no se allora gli piacevo e lui sapeva di piacermi?) e soprattutto a gente che sapeva che lui era fidanzato....a me lui piace tantissimo..anzi di piu ma non l ho piu cercato...ora a breve dovro rivederlo per lavoro e non so come comportarmi.consigli?
E’ uno scherzo ?
Tu saresti una ricercatrice ?
😱
 

insane

Utente di lunga data
Ciao prima volta che scrivo qui. Entrambi 37 anni, io single,lui fidanzato da 6 anni con una che sta per sposare e con cui convive da pochi mesi ( ha comprato casa un mese prima di conoscere me). Ci siamo ...
Certo che avrete pure lauree multiple, phd e postdoc, ma mi sa che avete saltato entrambi "Human Interactions 101"
 

Arcistufo

Papero Talvolta Posseduto
Ciao prima volta che scrivo qui. Entrambi 37 anni, io single,lui fidanzato da 6 anni con una che sta per sposare e con cui convive da pochi mesi ( ha comprato casa un mese prima di conoscere me). Ci siamo conosciuti in ambito accademico, lui affermato docente universitario abituato a presentare i suoi libri in pubblico con un vasto seguito di "fan" adoranti comprese donne, io ricercatrice in una struttura del suo ambiente ( ma non lavoro con lui né sono negli stessi palazzi). Lo vedo la prima volta ad una conferenza in cui è tra i relatori e io tra il pubblico. Ad un certo punto alzo lo sguardo e vedo che mi fissa. Ci guardiamo,io penso che sia proprio un bel tipo e sorrido..lui distoglie lo sguardo e si mette a parlare con il relatore di fianco che anche io conosco. La cosa finisce li e non lo sento piu per oltre un mese. Gli scrivo io una mail formale perché volevo invitarlo a parlare ad una mia conferenza. Lui è molto affabile, accetta e ci scambiamo il numero. Inizia a scrivermi su wapp parlandomi di lavoro e insistendo per incontrarci io e lui da soli. Quasi subito inizia a chiedermi un appuntamento in modo esplicito e io accetto. Vengo poi a sapere dal conoscente comune che quel giorno in cui ci eravamo visti per la prima volta lui aveva chiesto chi fossi e il mio numero senza però tuttavia chiamarmi...mentre insiste per vederci inizia a sbilanciarsi parecchio, senza che io gli chiedessi niente. Inizia a dirmi di stargli vicino perché mi voleva a lavorare accanto a lui,che avrei avuto successo con lui, che non vedeva l'ora di passare del tempo con me. Ci vediamo dopo una decina di giorni di questi discorsi e lui è di una freddezza incredibile tanto da farmi restare male. Io sinceramente pensavo gia dopo tutti quei discorsi di dover tenere a bada la sua passione e invece nulla. Non solo non ci ha provato ma nemmeno accennava ai suoi discorsi romantici se non quelli lavorativi senza nemmeno sorridermi mentre parlava! Tornata a casa lo messaggio arrabbiata ( per messaggio non abbiamo mai perso confidenza) e gli dico che si è comportato male e gli chiedo cosa avesse..lui continuava a dirmi niente. Io resto male perché semplicemente penso di non essergli piu piaciuta fisicamente..lui poi mi dice scusa se ti sei arrabbiata, mi sono fatto in quattro per venire solo un'ora da te!...io allora lo perdono e ricominciamo a messaggiarci come sempre ma lui da quel momento smette qualsiasi riferimento romantico e parla solo di lavoro...io penso proprio di non essergli piaciuta fisicamente e smetto anche io qualsiasi riferimento.due settimane dopo lo rivedo per lavoro in presenza di altre persone. Lui mi fa davanti a uno di questi battuttine scherzose allusive a cui non do peso..poi appena resta un attimo solo con me ( davvero un paio di minuti) inizia a fissarmi negli occhi con lo sguardo perso/eccitato, mi prende la mano e inizia a dirmi quanto sono bella...io allora resto davvero confusa e poi per il resto della serata mi concentro sul lavoro... lui mi chiede più volte quella sera se voglio accompagnare lui e il collega ad una conferenza che ha quella sera ma rifiuto. Il giorno dopo visto il suo atteggiamento mi sento autorizzata a fargli delle domande. Gli chiedo se per caso sia così ambiguo perché è fidanzato o si vede con un altra...lui cambia discorso e non c e modo di farlo confessare. A quel punto indago e scopro che ha una fidanzata, una che tra l altro io avevo notato stargli sempre addosso sui social (su cui lui non rivela nulla della sua vita privata ma solo cose lavorative) e che lui mi aveva detto tempo prima essere una sua "fan". A quel punto mi scatta una gelosia e una rabbia inarrestabili e inizio a insultare lui come bugiardo, stronzo etc. E inizio a insultare lei con lui dicendo che ha una fidanzata cessa, cretina, una racchia cornuta, che lui non la rispetta etc. Lui non solo si becca tutti i miei insulti ma non accenna neanche a difendere lei e pur non chiedendomi più di vederci o fare programmi romantici continua a dirmi che mi vuole accanto a lui per lavoro. A questo punto io divento sempre più stronza con lui e lo assillo di chiamate, pretese e ogni tanto infilandoci qualche insulto per la sua fidanzata. Lui accetta tutto. Passano cosi tre mesi. Io e lui ci sentiamo ogni giorno parlando solo di lavoro ma con un reciproco tono di confidenza e io che gli piazzo scenate se non mi risponde...alla fine vedendo le sue foto sui social con la fidanzata sulla pagina di lei scoppio e le faccio leggere tutti i messaggi di lui. Questa impazzisce e lo lascia. Lui disperato fa di tutto per riprendersela dicendole che io sono una pazza e lei dopo solo due giorni se lo riprende e inizia a insultare me pubblicamente dandomi della troia. Io allora do a lei pubblicamente della cessa. Smetto di sentire lui se non per mandargli dei messaggi privati di insulti dandogli dello sfigato e della cessa cornuta a lei. Lui non risponde. A questo punto dopo l ultimo litigio con una sua "fan" che aveva iniziato ad attaccarmi pubblicamente lo chiamo. E lui che fa? Sta muto al telefono..e io pure. In pratica gli ho fatto 3/4 chiamate una di seguito all altra tutte uguali con lui che non dice nemmeno pronto e resta in ascolto..cosi una ventina di secondi finche attacca..cosi tutte le chiamate. Interrompo ogni contatto con lui e lui nemmeno mi cerca piu. Penso di essermi sbagliata di nuovo sul fatto di piacergli...penso ancora una volta come il primo appuntamento di avere frainteso, di avere fatto dei castelli in aria...se non che dopo tutto sto casino circa un mese dopo mi capita di parlare con un altra ricercatrice. Entriamo un po in confidenza e lei mi confessa che aveva sentito voci su me e lui. Le chiedo chi le avesse detto questo e cosa avesse sentito. In pratica lei conosceva degli amici di lui. Questi amici che io non ho mai nemmeno visto sapevano persino il mio nome e in pratica lui gli parlava di me e aveva raccontato loro che gli piacevo e che aveva una storia con me. Questo mi ha spiazzata nuovamente e non riuscivo a capire come potesse andare lui stesso a dire in giro queste cose dal momento che non mi aveva dato nemmeno un bacio ( perche no se allora gli piacevo e lui sapeva di piacermi?) e soprattutto a gente che sapeva che lui era fidanzato....a me lui piace tantissimo..anzi di piu ma non l ho piu cercato...ora a breve dovro rivederlo per lavoro e non so come comportarmi.consigli?
Accetta il fatto che sei completamente fuori luogo. Frequento pure io l'ambiente universitario è pure parecchio, per cui non trovo la tua storia così inverosimile. Di topi di laboratorio o di biblioteca impazziti all'interno di ambienti chiusi ne ho conosciuti diversi. Comincia ad accettare che hai l'intelligenza sociale di un criceto e la maturità emotiva di una bambina di 12 anni.
Quando l'hai fatto, avrai una buona base di partenza per risollevarsi dal baratro di quelli che della vita non ci capiscono un cazzo.
 

Jacaranda

Utente di lunga data
Accetta il fatto che sei completamente fuori luogo. Frequento pure io l'ambiente universitario è pure parecchio, per cui non trovo la tua storia così inverosimile. Di topi di laboratorio o di biblioteca impazziti all'interno di ambienti chiusi ne ho conosciuti diversi. Comincia ad accettare che hai l'intelligenza sociale di un criceto e la maturità emotiva di una bambina di 12 anni.
Quando l'hai fatto, avrai una buona base di partenza per risollevarsi dal baratro di quelli che della vita non ci capiscono un cazzo.
Verissimo. La mente elabora in maniera disgiunta rispetto al corpo. Le proiezioni hanno il sopravventò e si creano film inverosimili .
Conosco gente così nello stesso ambiente, sono anche più grandi di loro ...
 
Top