L'importanza dei genitori..

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.

Grande82

Utente di lunga data
facevo questi giorni alcune riflessioni sui genitori, su quanto contano per un bambino anche i piccolissimi gesti che vede (e che i genitori credono non vengano notati), su quanto questo incida POI sul loro modo di vivere la vita.
Ho avuto una famiglia molto unita, tanto che mi permettevo di scherzare sulla separazione (davvero improbabile!!) dei miei dicendo che tanto se si separavano potevo raccontare le cose due volte (sono logorroica)....
Mia madre, la donna più eccezionale (si può dire???) che conosca è una persona forte, intelligente, silenziosa, quando sorride irradia energia e dolcezza.
Non è mai stata una persona molto affettuosa, non che fosse scostante, ma come lei non aveva ricevuto molti abbracci e coccole, così non stava lì a coccolarci (si è rifatta ultimamente, ma mi pare sempre strano quando mi chiama 'tesoro'). Una carezza, un sorriso, mi facevano comunque sentire amata.
Eppure mi rendo conto oggi che anche io ho difficoltà a percepire l'amore nel mezzo del contatto fisico, per lo più non amo essere abbracciata e accarezzata, a meno di particolari serate di 'coccole'.
Inoltre mi rendo conto di percepire oggi l'idea di famiglia esattamente come la famiglia che vedevo in casa mia, dove non esisteva la separazione di ruoli ed entrambi cucinavano, pulivano, curavano la casa e noi figli, dove la casa era proprietà di mia madre ed era lei quella che faceva le regole ferree, ma mio padre, deus ex machina, la appoggiava sempre e comunque (e ho saputo di recente, era anche più ferreo di lei)...
E voi?
Quanto influisce l'infanzia e la famiglia sulle persone che siete?
 
O

Old Asudem

Guest
facevo questi giorni alcune riflessioni sui genitori, su quanto contano per un bambino anche i piccolissimi gesti che vede (e che i genitori credono non vengano notati), su quanto questo incida POI sul loro modo di vivere la vita.
Ho avuto una famiglia molto unita, tanto che mi permettevo di scherzare sulla separazione (davvero improbabile!!) dei miei dicendo che tanto se si separavano potevo raccontare le cose due volte (sono logorroica)....
Mia madre, la donna più eccezionale (si può dire???) che conosca è una persona forte, intelligente, silenziosa, quando sorride irradia energia e dolcezza.
Non è mai stata una persona molto affettuosa, non che fosse scostante, ma come lei non aveva ricevuto molti abbracci e coccole, così non stava lì a coccolarci (si è rifatta ultimamente, ma mi pare sempre strano quando mi chiama 'tesoro'). Una carezza, un sorriso, mi facevano comunque sentire amata.
Eppure mi rendo conto oggi che anche io ho difficoltà a percepire l'amore nel mezzo del contatto fisico, per lo più non amo essere abbracciata e accarezzata, a meno di particolari serate di 'coccole'.
Inoltre mi rendo conto di percepire oggi l'idea di famiglia esattamente come la famiglia che vedevo in casa mia, dove non esisteva la separazione di ruoli ed entrambi cucinavano, pulivano, curavano la casa e noi figli, dove la casa era proprietà di mia madre ed era lei quella che faceva le regole ferree, ma mio padre, deus ex machina, la appoggiava sempre e comunque (e ho saputo di recente, era anche più ferreo di lei)...
E voi?
Quanto influisce l'infanzia e la famiglia sulle persone che siete?
tantissimo.
Ho una profonda stima e amore per mia madre (anche se a volte mi straccia le palle come nessuno..) e credo sia la donna che più ammiro.
Da lei ho ereditato il grandissimo amore per la famiglia e la consapevolezza del valore che ha.


 

emmanuelle arsan

Utente di lunga data
amo la mia famiglia d'origine forse quasi anche più di mio figlio. Quest'amore mi ha rovinata: loro restano delle persone stupende ed uniche. I cazzi amari sono i miei.
 
O

Old angelodelmale

Guest
facevo questi giorni alcune riflessioni sui genitori, su quanto contano per un bambino anche i piccolissimi gesti che vede (e che i genitori credono non vengano notati), su quanto questo incida POI sul loro modo di vivere la vita.
Ho avuto una famiglia molto unita, tanto che mi permettevo di scherzare sulla separazione (davvero improbabile!!) dei miei dicendo che tanto se si separavano potevo raccontare le cose due volte (sono logorroica)....
Mia madre, la donna più eccezionale (si può dire???) che conosca è una persona forte, intelligente, silenziosa, quando sorride irradia energia e dolcezza.
Non è mai stata una persona molto affettuosa, non che fosse scostante, ma come lei non aveva ricevuto molti abbracci e coccole, così non stava lì a coccolarci (si è rifatta ultimamente, ma mi pare sempre strano quando mi chiama 'tesoro'). Una carezza, un sorriso, mi facevano comunque sentire amata.
Eppure mi rendo conto oggi che anche io ho difficoltà a percepire l'amore nel mezzo del contatto fisico, per lo più non amo essere abbracciata e accarezzata, a meno di particolari serate di 'coccole'.
Inoltre mi rendo conto di percepire oggi l'idea di famiglia esattamente come la famiglia che vedevo in casa mia, dove non esisteva la separazione di ruoli ed entrambi cucinavano, pulivano, curavano la casa e noi figli, dove la casa era proprietà di mia madre ed era lei quella che faceva le regole ferree, ma mio padre, deus ex machina, la appoggiava sempre e comunque (e ho saputo di recente, era anche più ferreo di lei)...
E voi?
Quanto influisce l'infanzia e la famiglia sulle persone che siete?

estremamente. credo che questo accada quando si ha della propria famiglia un buon concetto e non si hanno dunque ragioni per volersi comportare o rapportare diversamente.
io senza mia madre sarei perduta.
 
O

Old sperella

Guest
Quanto influisce l'infanzia e la famiglia sulle persone che siete?
Ho sempre pensato contasse poco , per poi dovermi ricredere totalmente .
Influisce sia in positivo che in negativo ovviamente .
I punti di riferimento per un bambino sono le basi del suo essere .
 

Grande82

Utente di lunga data
estremamente. credo che questo accada quando si ha della propria famiglia un buon concetto e non si hanno dunque ragioni per volersi comportare o rapportare diversamente.
io senza mia madre sarei perduta.
io lo stesso.
ma mi ha anche colpito rendermi conto come alcune cose del mio carattere ricalchino il suo o cose che le ho visto fare.
Anche tratti del mio carattere che non amo ma che nell'insieme del SUO modo di essere sono inscindibili e quindi amabili come lo è lei...
 
O

Old sperella

Guest
io lo stesso.
ma mi ha anche colpito rendermi conto come alcune cose del mio carattere ricalchino il suo o cose che le ho visto fare.
Anche tratti del mio carattere che non amo ma che nell'insieme del SUO modo di essere sono inscindibili e quindi amabili come lo è lei...
secondo me si riflettono anche le passioni , in alcune delle mie ci rivedo chi mi ha cresciuto
 

Grande82

Utente di lunga data
io invece direi di no.
Mia madre ha dei grandissimi pregi che io non ho
:balloon
pazienza, dolcezza, disponibilità totale per gli altri)

da mio padre invece ho preso il carattere incazzoso
però io non parlavo di cose trasmesse 'geneticamente' ma di imprintig dovuto all'educazione o a ciò che si è visto...
 

Lettrice

Utente di lunga data
Per me influiscono relativamente.
 

brugola

Utente di lunga data
facevo questi giorni alcune riflessioni sui genitori, su quanto contano per un bambino anche i piccolissimi gesti che vede (e che i genitori credono non vengano notati), su quanto questo incida POI sul loro modo di vivere la vita.
Ho avuto una famiglia molto unita, tanto che mi permettevo di scherzare sulla separazione (davvero improbabile!!) dei miei dicendo che tanto se si separavano potevo raccontare le cose due volte (sono logorroica)....
Mia madre, la donna più eccezionale (si può dire???) che conosca è una persona forte, intelligente, silenziosa, quando sorride irradia energia e dolcezza.
Non è mai stata una persona molto affettuosa, non che fosse scostante, ma come lei non aveva ricevuto molti abbracci e coccole, così non stava lì a coccolarci (si è rifatta ultimamente, ma mi pare sempre strano quando mi chiama 'tesoro'). Una carezza, un sorriso, mi facevano comunque sentire amata.
Eppure mi rendo conto oggi che anche io ho difficoltà a percepire l'amore nel mezzo del contatto fisico, per lo più non amo essere abbracciata e accarezzata, a meno di particolari serate di 'coccole'.
Inoltre mi rendo conto di percepire oggi l'idea di famiglia esattamente come la famiglia che vedevo in casa mia, dove non esisteva la separazione di ruoli ed entrambi cucinavano, pulivano, curavano la casa e noi figli, dove la casa era proprietà di mia madre ed era lei quella che faceva le regole ferree, ma mio padre, deus ex machina, la appoggiava sempre e comunque (e ho saputo di recente, era anche più ferreo di lei)...
E voi?
Quanto influisce l'infanzia e la famiglia sulle persone che siete?

influisce da matti, e come per tante cose nella vita bisogna avere una buona dose di culo e nascere con una madre che ti ama, che ti stima e che ti trasmette con amore la sua conoscenza e quello che crede possa servirti nella vita
Onore alle mamme così
 
O

Old angelodelmale

Guest
io invece direi di no.
Mia madre ha dei grandissimi pregi che io non ho
:balloon
pazienza, dolcezza, disponibilità totale per gli altri)

da mio padre invece ho preso il carattere incazzoso
non è assolutamente vero che non li possiedi.
 

Grande82

Utente di lunga data
ma li uso con pochi

e poi amore, onestamente dolce lo sono pochino
Per es l'immagine che mi son fatta della tua mamma è di una donna dolcissima con voi e dura e spigolosa col mondo (per difendervi).
Così siete anche voi: dolci fra voi e corazzate contro gli altri....
 
O

Old angelodelmale

Guest
ma li uso con pochi

e poi amore, onestamente dolce lo sono pochino

li usi con chi evidentemente ti porta ad usarli.

dipende da cosa si intende per dolcezza. se si parla di parole mielose o dall'essere perennemente paragonabile a una zolletta di zucchero, allora non lo sei tantissimo. se si parla invece dei modi di esprimerti e soprattutto del sapere quando usarli, allora lo sei.
io diffido di chi è perennemente dolce, o perennemente incazzato, o perennemente in qualsiasi altra maniera. preferisco di gran lunga un carattere più sfaccettato che sappia di volta in volta mostrare l'aspetto adeguato
 
O

Old Asudem

Guest
Per es l'immagine che mi son fatta della tua mamma è di una donna dolcissima con voi e dura e spigolosa col mondo (per difendervi).
Così siete anche voi: dolci fra voi e corazzate contro gli altri....
mia madre è molto forte ma assolutamente non spigolosa col mondo anche se credo di aver capito che intendi.
La cosa che me la fa stimare immensamente è che in un mare di enormi difficoltà e dolori è sempre riuscita a darci tantissimo amore anche se dopo la morte di mio padre che lei amava tantissimo (lei aveva solo 42 anni!!) so che le si è spezzato qualcosa dentro.
Ecco perchè m'incazzo quando leggo che un genitore mette davanti ai figli le proprie esigenze non si rende conto dei danni che può fare.
Mia madre ha sotterrato il suo dolore per non dare un dolore a noi figlie
 
O

Old angelodelmale

Guest
Per es l'immagine che mi son fatta della tua mamma è di una donna dolcissima con voi e dura e spigolosa col mondo (per difendervi).
Così siete anche voi: dolci fra voi e corazzate contro gli altri....

della mamma delle gemelle ho la stessa idea e la reputo una santa donna.

quanto alle gemelle invece non mi sembrano poi così corazzate contro gli altri. di sicuro hanno caratteri forti e cercano di non farsi calpestare e quando necessario indossano una corazza, ma non la portano perennemente.

per la consulenza sono 50 euro alla cassa

 
Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
Top