l'ho scoperto...

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
O

Old ladamadelcastello

Guest
Lunedì sera ho scoperto che da 15 giorni il mio compagno ha un'amante. Figuriamoci, sapendo tutte le sue password ho prove e controprove. ho trovato foto di lei, e-mail affettuose, sms spinti, insomma, una storia coi fiocchi con una subordinata conosciuta per motivi di lavoro. Siamo assieme da 8 anni, io ne ho 33, da meno di 2 conviviamo. lui è la classica persona da cui nessuno sel lo sarebbe MAI aspettato. Vi assicuro che abbiamo passato una notte terribile, io ho iniziato pure a picchiarlo e a lanciargli contro quello che mi capitava sottomano. Una rabbia indescrivibile. Adesso lui piange nel vero senso della parola lacrime amare, ha ammesso subito che era vero (come avrebbe potuto negare l'evidenza?). E' pentitissimo, dice di aver fatto l'errore più grande della sua vita e che prima o poi vuole ritornare con me. ora dorme dai suoi (non potrei tollerare di dormire sotto lo stesso tetto). Premetto che mi sono trasferita da lui a più di 200 km da casa, che ho qui tutte le mie cose oltre che il lavoro e che non intendo tornare dalla mia famiglia. Sono sicura che il movente è stato il sesso e che questa troia (ma non dò solo la colpa a lei, tranquillizzatevi donne) l'ha fatto anche per carriera. Lui è in apparenza un tranquillone, sempre stato un amante molto affettuoso ma non passionale. Io alla fine l'ho accettato perchè per il resto era il compagno ideale con cui pensavo di dividere la vita.
Ma come si fa a tradire come ha fatto lui dopo che ho affrontato mille sacrifici per trasferirmi e proprio ora che stiamo finendo di arredare la casa? Che bastardata... che idiota... io ammetto di non essere stata una santa in passato, ho avuto i miei dubbi come tutti, ma non mi sarei mai permessa una scivolata proprio ora. in fin dei conti anche se nno si è sposati c'è un impegno morale con il compagno. pensavo che sarebbe potuto succedere tra un po' di anni, con lo stress della famiglia, figli, sempre la solita tiritera, ma noi non siamo sposati nè abbiamo figli...
sono rabbiosa e senza parole. lui mi assicura che è la prima volta e che nella vita si può sbagliare, potrebbe anche essere vero, ma è come se mi avesse marchiato a fuoco, non posso più fidarmi di lui al 100%.
un consiglio che avrete sentito innumerevoli volte: non confessate mai un tradimento, non fatevi scoprire, perchè rovinereste irrimediabilmente delle storie stabili per dei surrogati che al 99%dei casi sono comunque destinati a spegnersi.
tra l'altro: viviamo nella repubblica delle banane, ancora niente pacs...
 

Verena67

Utente di lunga data
Massimo rispetto....

...per la tua vicenda umana, ma alcune tue notazioni mi lasciano perplessa (a partire dal nick, che mi ricorda un certo film goliardico anni '70):

- l'altra è una SUBORDINATA. Che, siamo in un film di Fantozzi?!!

- rimarchi il concetto dicendo che la TROIA (ok poi un attimo ammorbidisci...ma insomma...) l'ha fatto QUASI SICURAMENTE PER FAR CARRIERA
[mi chiedo allora che te lo tieni a fare il tipo se non pensi che sia DI PER SE' in grado di sedurre una COLLEGA (e non "inferiore", please!)]
- ad un certo punto fai un ragionamento del tipo "Capirei tra qualche anno....ma non ora!"

E...scusa...tu ti sposeresti per essere fedele "a tempo"?!

Oh che tristezza


Io sento in te, nel tuo lanciargli addosso oggetti, una grandissima rabbia, come nel dare le coordinate di una situazione che hai scoperto "avendo tutte le password" (te le ha date lui?) e mettendolo nel paradigma "trombata in ufficio uso promozione". Ci sento poco amore, e tanta tanta stizza.

Sembra che la gran parte dei tradimenti siano dovuti al voler USCIRE da una relazione o al voler EVITARE conflitti/intimità. Chissà


Ho come idea che, lanciato lui fuori di casa, ti convenga abituarti ad una vita in cui lui non faccia piu' parte del piano triennale di investimenti, una volta smaltita la rabbia.

Scusami, ma questo è quel che mi comunica il tuo messaggio, ovviamente sicuramente sbaglio
 
N

Non registrato

Guest
Ammetto di non esser stata una santa....prima di esprimere un parere vorrei che specificassi cosa intendi con questa frase,se ti và,ho un certo sentore.....!!!leone
 
O

Old Fa.

Guest
ladamadelcastello.

E allora visto che si può sbagliare come dice, mettilo alla prova nel vedere se questa giustificazione funziona anche per lui.

Trovatene uno, oppure non trovarlo e fai l'esperimento: e poi gli dici che anche tu hai avuto una sbandata e ci sei finita a letto (senza foto però).

Sono certo che la sua giustificazione potrai utilizzarla anche tu, se davvero ci crede sarà capace di accettarla a sua volta
 
O

Old ladamadelcastello

Guest
Cara verena, forse non hai capito che la vittima sono io... tra l'altro è stato lui a fare immediatamente le valigie, perchè ho minacciato di andare in albergo. tra l'altro la casa è sua, nulla è mio qui, e l'unico mio diritto come convivente è che non può sbattermi subito per la strada.
Il mio nick si presta ad essere frainteso, ne volevo uno insulso, forse vista la situazione drammatico/grottesca che sto vivendo. non so perchè l'ho scelto, proverò a cambiarlo.
Se dico che una è una subordinata perchè è in posizione lavorativa inferiore è semplicemente una constatazione di fatto. Se una è una troia perchè ho saputo nell'ambiente di lavoro, grazie a indagini, che ha già agito così con altri, è una troia carrierista ormai agli sgoccioli e basta e non mi faccio scrupoli a dirlo.
Per quanto riguarda la fedeltà, intendo che posso giustificare la stanchezza e le infedeltà in un rapporto più facilmente dopo anni di vita comune che nel mio caso.
Non ti auguro di essere nella mia situazione.
Rispondendo al secondo utente, quando ho iniziato la storia con lui l'ho lasciato per un altro dopo un anno perchè non ero sicura, poi siamo tornati assieme e non ci siamo più lasciati, nonostante la lontananza e i problemi di lavoro.
 
O

Old ladamadelcastello

Guest
non vi sembra che dal momento in cui scatta la convivenza dovrebbe esserci da parte di entrambi una convinzione forte all'impegno? io mi sentivo in pratica sposata, all'inizio di una nuova vita...
 
O

Old Fa.

Guest
non vi sembra che dal momento in cui scatta la convivenza dovrebbe esserci da parte di entrambi una convinzione forte all'impegno? io mi sentivo in pratica sposata, all'inizio di una nuova vita...
Per questo molti consigliano di fare: ognuno a casa propria, ... per evitare l'idea di essere legati o rendere il rapporto ... una gran rottura di marroni,
 
N

Non registrato

Guest
L hai lasciato per un altro dopo un anno e poi siete tornati assieme!!!Il mio sentore era giusto.....perdonami ma su cosa era basata questa storia?Scommetto che se con l altro le cose andavan bene non saresti tornata da lui.....!Non era questo il momento per tradirti?esiste un momento per farlo?Ok non doveva tradirti,certo ma questa storia profuma di marcio dall inizio,e sinceramente mi sembra pure assurdo che siate tornati assieme la prima volta...!tu almeno lo hai lasciato..e sei stata piu corretta di lui,per il resto era facilmente preventivabile,che una storia partita con queste premesse,finisse in questo modo!!Puoi prendertela per il modo ma per il resto tu hai fatto lo stesso,salvo tornar indietro per tua convenienza...!!!mi spiace ma non sei proprio una vittima,il tempo ti ha semplicemente ripagato con la stessa moneta con gli interessi!!!!leone
 
O

Old ladamadelcastello

Guest
Guarda che l'avevo lasciato perchè sono andata a vivere all'estero per lavoro, mica per un altro!!!
 
O

Old Fa.

Guest
Guarda che l'avevo lasciato perchè sono andata a vivere all'estero per lavoro, mica per un altro!!!
Carissima, .... Per un uomo ha un'altro senso, anche se sono giuste motivazioni. Non dico e non giustifico, ... solo che se tu fossi stata la mia ragazza e fossi partita avrei avuto voglia di fartela pagare per questo.

Dipende da molte cose, io probabilmente mi sarei limitato a prenderti per il culo e poi a lasciarti nel raggio di qualche mese al massimo.

Ma, .... ti sto solo dicendo cosa avrei fatto io, ed io sono io e basta.
 
N

Non registrato

Guest
Lo lasci perche vai fuori per lavoro...stai con un altro e torni da lui cambia qualcosa?a questo punto mi auguro per voi che ognuno prenda la sua strada!!!leone
 
O

Old Airforever

Guest
Lunedì sera ho scoperto che da 15 giorni il mio compagno ha un'amante. Figuriamoci, sapendo tutte le sue password ho prove e controprove. ho trovato foto di lei, e-mail affettuose, sms spinti, insomma, una storia coi fiocchi con una subordinata conosciuta per motivi di lavoro. Siamo assieme da 8 anni, io ne ho 33, da meno di 2 conviviamo. lui è la classica persona da cui nessuno sel lo sarebbe MAI aspettato. Vi assicuro che abbiamo passato una notte terribile, io ho iniziato pure a picchiarlo e a lanciargli contro quello che mi capitava sottomano. Una rabbia indescrivibile. Adesso lui piange nel vero senso della parola lacrime amare, ha ammesso subito che era vero (come avrebbe potuto negare l'evidenza?). E' pentitissimo, dice di aver fatto l'errore più grande della sua vita e che prima o poi vuole ritornare con me. ora dorme dai suoi (non potrei tollerare di dormire sotto lo stesso tetto). Premetto che mi sono trasferita da lui a più di 200 km da casa, che ho qui tutte le mie cose oltre che il lavoro e che non intendo tornare dalla mia famiglia. Sono sicura che il movente è stato il sesso e che questa troia (ma non dò solo la colpa a lei, tranquillizzatevi donne) l'ha fatto anche per carriera. Lui è in apparenza un tranquillone, sempre stato un amante molto affettuoso ma non passionale. Io alla fine l'ho accettato perchè per il resto era il compagno ideale con cui pensavo di dividere la vita.
Ma come si fa a tradire come ha fatto lui dopo che ho affrontato mille sacrifici per trasferirmi e proprio ora che stiamo finendo di arredare la casa? Che bastardata... che idiota... io ammetto di non essere stata una santa in passato, ho avuto i miei dubbi come tutti, ma non mi sarei mai permessa una scivolata proprio ora. in fin dei conti anche se nno si è sposati c'è un impegno morale con il compagno. pensavo che sarebbe potuto succedere tra un po' di anni, con lo stress della famiglia, figli, sempre la solita tiritera, ma noi non siamo sposati nè abbiamo figli...
sono rabbiosa e senza parole. lui mi assicura che è la prima volta e che nella vita si può sbagliare, potrebbe anche essere vero, ma è come se mi avesse marchiato a fuoco, non posso più fidarmi di lui al 100%.
un consiglio che avrete sentito innumerevoli volte: non confessate mai un tradimento, non fatevi scoprire, perchè rovinereste irrimediabilmente delle storie stabili per dei surrogati che al 99%dei casi sono comunque destinati a spegnersi.
tra l'altro: viviamo nella repubblica delle banane, ancora niente pacs...
Facile e comodo "sbagliare" e poi chiedere scusa...
Non voglio essere ripetitivo (vedi altri miei post-riscontri) ma..si SCEGLIE di tradire. NON si ha l'obbligo! Il tuo lui era consenziente e capacissimo di intendere e di volere quando ha incominciato a tradirti.
L'esempio che spesso faccio è questo: di prostitute ce ne sono a bizzeffe: sta a noi scegliere se andarci oppure no! E se ci si va, non ci si va certamente per obbligo! Non so se mi spiego...
Airforever
 
O

Old Morgan

Guest
A differenza di molti “traditi” (virgoletto il termine, lo trovo piuttosto anacronistico) non rivendichi l’onta subita a fronte di un rapporto idilliaco in cui tutto era OK, anzi…seppur in modo disarticolato esponi ed analizzi tu stessa le ragioni che hanno condotto alla trasgressione, al venir meno all’impegno morale sotteso ad una convivenza non contrattuale.

La prima di queste ragioni balza agli occhi evidente: l’ha fatto per sesso, evidentemente non ha trovato in te la giusta complicità, la soddisfazione a quelle pulsioni e a quei desideri che covano in lui come in ognuno di noi.
Solo tu sai se e quanto la vostra intesa fosse a prova di relazioni extra. Ti neghi oggi e domani, lo consideri affettuoso e poco passionale, ti proclami donna dal passato burrascoso…ipotizzi e prevedi divagazioni future dal menage di coppia, senza probabilmente accorgerti che la solita tiritera tra voi è già in atto, sebbene dopo solo 8 anni di rapporto di cui 2 di convivenza.
Ha trovato un’altra, sarà pure troia..interessata alla carriera, di certo è riuscita ad intrigarlo, di certo in lei ha trovato quel che gli mancava di te.

Altra cosa che non quadra è il serrato controllo operato sul tranquillone e, ripeto, ometto affettuoso e poco passionale. Lo definisci tu stessa “insospettabile” (persona da cui nessuno se lo sarebbe MAI aspettato)…eppure se sei ricorsa ai controlli qualche sospetto l’hai avuto. Magari derivante più che dal suo modo di comportarsi (sospetto), dal tuo modo di rapportarti a lui.

Dulcis in fundo gli rimproveri la bastardata mica per altro… per i sacrifici di un trasferimento, di un completamento d’arredo.
L’inopportunità del momento (proprio ora che…) mica altro… e non è chiaro, infine, se quel
pensavo che sarebbe potuto succedere tra un po' di anni….
lo mettevi in conto anche per te.
 
O

Old fay

Guest
Sei molto arrabbiata, è giusto che sia così, ma per favore non farmi sentire la storia del:" io ho fatto questo, ho fatto quello, ho rinunciato...per LUI. Non regge, l'hai fatto anche per te, eri comunque consenziente. L'amore non vive di ricatti ricordalo. E' la cosa che meno devi prendere in considerazione adesso. Io mi soffermerei sul fatto che ha un'atra, che forse si è innamorato di un'altra, e che queste cose accadono specialmente dopo tanti anni di fidanzamento. Si cambia, si cresce, forse la dama fuori dal castello è la donna che più rispecchia le sue esigenze adesso. Cosa vuoi? Tenertelo lo stesso? E se accadeva tra qualche anno non era peggio? Rifletti, magari con figli? Ah si, è la classica crisi prima di sposarsi, poi però tutto rientra. Wow, l'ahi acchiappato lo stesso, che ficata, ma sapessi che uomo infelice che rischi di creare e di divenire tu stessa! Pensaci!
 

Old ale

Utente
non vi sembra che dal momento in cui scatta la convivenza dovrebbe esserci da parte di entrambi una convinzione forte all'impegno? io mi sentivo in pratica sposata, all'inizio di una nuova vita...

su questa affermazione non c'è dubbio. la convivenza dovrebbe essere un matrimonio, almeno per i partner. tra l'altro lo è quasi ovunque, tranne che "nella repubblica delle banane"

Io ti consiglio, damina, di far sbollire la rabbia. In ogni modo che puoi, se ti fa bene anche trovandoti un altro per un periodo. poi però, mi sento anche di dirti, di non buttare tutto all'aria. Lui ha sbagliato, non c'è dubbio. tu sei una vittima, non c'è dubbio. Ma sei anche una che ha investito tantissimo nel rapporto. Insomma, ti sei trasfeirta a casa sua, hai lasciato la tua città ecc... e credo che, accettando di convivere, anche lui abbia progettato e investito nel rapporto. D'accordo lui ha sbagliato. Ma una volta ritorvata, per quanto possibile, la lucidità, vedetevi e sicura che abbia dato il benservito alla dipendente-troia, provate a rimettere insieme i cocci. Se nel frattempo tu pensi che ne valga la pena.

Ricorda però che se ti ha tradito una volta potrebbe farlo ancora (a proposito, sei sicura che nel periodo di lontananza, precedente alla convivenza non l'abbia già fatto?) e che è molto pesante vivere con questa angoscia.
fatti tanto coraggio e facci sapere
Ale
 
O

Old Fa.

Guest
.....eppure se sei ricorsa ai controlli qualche sospetto l’hai avuto. Magari derivante più che dal suo modo di comportarsi (sospetto), dal tuo modo di rapportarti a lui..........
Brava Morgan ..... è questo anche se al principio, .... il centro di tutto
 
N

Non registrato

Guest
Ma si trovati un altro ancora una volta così ti si schiariscono le idee!!qualcuno mi spiega come funziona?ogni volta che si ha dei dubbi,bisogna chiarirli a letto con qualcuno?da soli no?mhaa.....!!!!leone
 
O

Old ladamadelcastello

Guest


"Altra cosa che non quadra è il serrato controllo operato sul tranquillone e, ripeto, ometto affettuoso e poco passionale. Lo definisci tu stessa “insospettabile” (persona da cui nessuno se lo sarebbe MAI aspettato)…eppure se sei ricorsa ai controlli qualche sospetto l’hai avuto. Magari derivante più che dal suo modo di comportarsi (sospetto), dal tuo modo di rapportarti a lui"........

Dimmi un po': se il tuo partner è assente, finge di stare poco bene per negarsi a letto, fa telefonate strane e gli arrivano messaggini notturni... non dirmi che non apriresti il suo computer o che non guarderesti cosa c'è sul cellulare di tanto interessante!!!
 
N

Non registrato

Guest
Ricorda però che se ti ha tradito una volta potrebbe farlo ancora.....
Questa, scusami, mi pare la solita baggianata trita e ritrita.
Se ragioniamo sui "potrebbe", potrebbe pure cambiare sesso o farsi prete.

Guarda caso il tradimento arriva proprio da chi non te lo saresti aspetti.
 
Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
Top