Il successo me lo porterà via?

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
F

Francesca'71

Guest
Il successo me lo porterà via?

Ciao a tutti e complimenti per il Forum.
Vorrei raccontarvi la mia storia e se possibile ricevere qualche parere spassionato.
Come da oggetto, è da poco successa una cosa che dovrebbe rendermi felice, ma di cui non riesco a gioire fino in fondo per le mille paure che questo avvenimento mi ha scatenato.
Provo a cominciare dall'inizio.
Sono fidanzata con lui da un anno e mezzo. Lui ha quasi 10 anni in meno di me. E' un grande amore e lo è stato da subito. A giugno, dopo averla a lungo cercata e voluta, abbiamo trovato casa e siamo andati a vivere insieme. Siamo felici. La differenza di età, che all'inizio talvolta mi ha preoccupata, non si è quasi mai avvertita se non per piccole e trascurabili cose, e man mano che andiamo avanti si avverte sempre meno, abbiamo appianato le piccole divergerze, siamo sempre più affiatati. Io, che nelle mie relazioni precedenti sono sempre stata di carattere un pò "farfallino" (anche se ero fidanzata mi piaceva comunque essere corteggiata e guardarmi intorno) da quando sto con lui non ho occhi che per lui. Lui è un compagno devoto, mai una volta mi ha dato modo di dubitare del suo amore e della sua fedeltà.
Detto tutto ciò, se avete avuto la pazienza di leggermi, immagino vi starete chiedendo che cosa c'è che non va. Nulla in effetti, teoricamente abbiamo tutto per essere felici. Non da ultimo l'avvenimento della settimana scorsa, quello di cui inizialmente ho gioito, ma che poi ha scatenato le mie ansie. E queste stanno crescendo sempre di più, spero che parlarne mi aiuti.
La faccio breve. Lui fa il cantautore. Suona e canta da quando era un ragazzino, la musica è il suo lavoro e la sua grande passione. E' bravo e ci ha sempre messo l'anima, in giro a suonare per pochi spiccioli, ad esercistarsi giorno e notte, con mille porte sbattute in faccia, fra mille delusioni e mille speranze. Ma non si è mai dato per vinto e finalmente i risultati sono arrivati. Un mese fa è stato notato da una specie di "talent scout" in un locale e settimana scorsa ha firmato un contratto con un'importante casa discografica. Adesso ci sono tutti i presupposti perchè riesca a fare il grande salto. Ci sono ottime probabilità che diventi famoso a livello nazionale nel giro dei prossimi mesi o cmq del prossimo anno.
Ebbene? Mi chiederete. Ebbene, sono felice per lui naturalmente. Ma non riesco ad esserlo come vorrei, ovvero fino in fondo. La verità è che ho paura. Io che, credetemi, l'ho sempre sostenuto in questa sua avventura, ora mi scopro a temere quello che potrebbe essere il suo successo.
La verità è che ho una tremenda paura che quello che verrà potrà cambiare qualcosa fra noi. Ho paura che il successo, con tutte le sue tentazioni, lo allontanerà progressivamente da me, da noi, dal nostro progetto di vita comune.
E lui ha un bel da rassicurarmi che vuole solo me, che sono la cosa più importante della sua vita, che nulla e nessuno potrà mai portarmelo via, perchè io non riesco a crederci. O meglio: io so che adesso lui è sincero, ma guardiamo in faccia alla realtà. Ha 27 anni, e se le cose andranno come devono andare, verrà catapultato in un mondo completamente diverso. Un mondo fatto di lusinghe e di tentazioni, di luci e paillettes, di immagini e di facciata. Posso davvero sperare che rimarrà quello di adesso e che io avrò sempre lo stesso posto in una vita che forse sarà completamente diversa?
Magari adesso mi direte che se il suo è vero amore non ho nulla da temere, che se dovesse cambiare allora vuol dire che non era quello che credevamo, ma lo ripeto ancora una volta: guardiamo in faccia alla realtà. Che "l'occasione fa l'uomo ladro" sarà anche un banale luogo comune, ma io credo che sia anche tragicamente vero. E, tanto per dirne una, lui che è così devoto e fedele, lo rimarrà anche quando sarà sottoposto a tentazioni di ogni tipo? Sappiamo bene che qualsiasi musicista di successo è attorniato da belle donne che farebbero carte false per lui, se poi ci aggiungiamo che il mio compagno è già di suo anche un gran bel ragazzo, non è ragionevole pensare che sarà veramente sottoposto a tentazioni a cui gli sarà difficile rinunciare? Perchè sarà anche l'uomo più innamorato e più fedele del mondo, ma è pur sempre fatto di carne..!
E allora che cosa mi devo aspettare io? Una vita fatta di ansie e di paure, che logorerà non solo la mia fiducia in lui, ma anche la stima che ho di me stessa e il mio amor proprio? Pensate che io, che sono sempre stata abbastanza sicura di me, ora mi scopro a guardarmi allo specchio senza piacermi, a pensare a quante donne più belle e più giovani di me potrà avere ai suoi piedi, a temere per quella differenza di età che fino ad ora mi è sembrata solo uno stupido particolare...
Insomma, sono davvero giù.
Vi sarei grata se mi diceste cosa pensate della situazione. Non cerco consolazioni gratuite, vorrei solo i vostri pareri spassionati.
Sono completamente nel torto, sto diventando pazza o invece non ho tutti i torti per i miei timori?
Grazie in anticipo.
Francesca
 

Miciolidia

Utente di lunga data
francesca, buona sera e ben arrivata.

Le tue ansie ( anche se comprensibili )nascono da una profonda insicurezza in te stessa.

Quindi vedi di rafforzare la tua persona che un tempo fu "farfallina"nemmeno cosi remoto..tant'è che alla prima sollecitazione nemmeno provata, ma solo paventata, caschi come pera ...e invece di strapparti i capelli affronta questa esperienza con lui, condividila tutta...e poche menate.

Non è necessario diventare "di successo" per riuscire a fare crollare una relazione, anzi, è piu' sicuro che crolli se tu non affronti come donna e non come debole donna queste tue paure...che hanno tutti sai...quando sono innamorati...ma fanno parte del gioco.

Questa è per lui una grande occasione. non trasformarla in un incubo per entrambi perchè finirebbe nel giro di pochi mesi...e senza una antagonista.

Hai paura perchè non ti senti abbastanza bella ora che temi l'eventuale confronto con le altre del" giro"?

Bene. Guardati allo specchio e tira fuori il meglio di te...lui non si sarà innammorato solo di un bel paio di gambe...ma anche del resto..
Ed è di quel resto che ora ha bisogno.
 

Verena67

Utente di lunga data
Francesca, benvenuta.

Ti avverto, parto da un pregiudizio (anzi un sacco di pregiudizi, vedrai...ma è la mia opinione e me la tengo!): che le storie con forti differenze d'età non funzionino.

Si è in fasi diverse della propria vita, è inevitabile.

Tu hai quasi 40 anni, lui è un ragazzo, siete troppo sfasati. Ho un'amica che sta vivendo una storia simile, è appena partita, lei è felicissima, io no (nel senso, per me non funzionerà, nel tempo, e lei rimarrà con un pugno di mosche, solo piu' vecchia
).

Parto da un secondo pregiudizio: se lui è avviato verso una carriera nel mondo dello spettacolo, è un altro colpo mortale.

Tu sei in un età in cui è abbastanza logico attendersi un certo tipo di impegno dal compagno. Lui è su tutt'altre rotte.

Ecco, questi sono i miei carichi da 90 di negatività.

Cio' premesso...


...stai con lui da un anno e mezzo. Non è che sia tantissimo. La vostra storia è fresca, bella, pimpante.

Se sei nella logica "Mi devo trovare marito", mi sa che hai sbagliato persona, artista e giovane.

Ma se sei nella logica "Voglio vivermi una bellissima storia d'amore", beh mi sembra hai scelto la persona giusta!

Chi l'ha mai detto che l'amore debba durare in eterno!? Perché precipitare fin d'ora in patemi e negatività?!

Vivi con serenità - con lui - questa bella avventura umana, imprenditoriale e artistica, godetevelo fino in fondo!!!

Non ci sono certezze nella vita, mai, ma sicuramente le scelte di paura sono scelte sbagliate!!

Goditi il tuo amore, goditi il tuo bel ragazzo sensibile e artista!!! AD AVERCENE!!

L'hai scelto presumo ad occhi aperti, perché ora ti spaventi? Se volevi sistemarti subito, mica sceglievi lui!

Su, forza, vivi!

Un abbraccio!
 
O

Old chensamurai

Guest
Ciao a tutti e complimenti per il Forum.
Vorrei raccontarvi la mia storia e se possibile ricevere qualche parere spassionato.
Come da oggetto, è da poco successa una cosa che dovrebbe rendermi felice, ma di cui non riesco a gioire fino in fondo per le mille paure che questo avvenimento mi ha scatenato.
Provo a cominciare dall'inizio.
Sono fidanzata con lui da un anno e mezzo. Lui ha quasi 10 anni in meno di me. E' un grande amore e lo è stato da subito. A giugno, dopo averla a lungo cercata e voluta, abbiamo trovato casa e siamo andati a vivere insieme. Siamo felici. La differenza di età, che all'inizio talvolta mi ha preoccupata, non si è quasi mai avvertita se non per piccole e trascurabili cose, e man mano che andiamo avanti si avverte sempre meno, abbiamo appianato le piccole divergerze, siamo sempre più affiatati. Io, che nelle mie relazioni precedenti sono sempre stata di carattere un pò "farfallino" (anche se ero fidanzata mi piaceva comunque essere corteggiata e guardarmi intorno) da quando sto con lui non ho occhi che per lui. Lui è un compagno devoto, mai una volta mi ha dato modo di dubitare del suo amore e della sua fedeltà.
Detto tutto ciò, se avete avuto la pazienza di leggermi, immagino vi starete chiedendo che cosa c'è che non va. Nulla in effetti, teoricamente abbiamo tutto per essere felici. Non da ultimo l'avvenimento della settimana scorsa, quello di cui inizialmente ho gioito, ma che poi ha scatenato le mie ansie. E queste stanno crescendo sempre di più, spero che parlarne mi aiuti.
La faccio breve. Lui fa il cantautore. Suona e canta da quando era un ragazzino, la musica è il suo lavoro e la sua grande passione. E' bravo e ci ha sempre messo l'anima, in giro a suonare per pochi spiccioli, ad esercistarsi giorno e notte, con mille porte sbattute in faccia, fra mille delusioni e mille speranze. Ma non si è mai dato per vinto e finalmente i risultati sono arrivati. Un mese fa è stato notato da una specie di "talent scout" in un locale e settimana scorsa ha firmato un contratto con un'importante casa discografica. Adesso ci sono tutti i presupposti perchè riesca a fare il grande salto. Ci sono ottime probabilità che diventi famoso a livello nazionale nel giro dei prossimi mesi o cmq del prossimo anno.
Ebbene? Mi chiederete. Ebbene, sono felice per lui naturalmente. Ma non riesco ad esserlo come vorrei, ovvero fino in fondo. La verità è che ho paura. Io che, credetemi, l'ho sempre sostenuto in questa sua avventura, ora mi scopro a temere quello che potrebbe essere il suo successo.
La verità è che ho una tremenda paura che quello che verrà potrà cambiare qualcosa fra noi. Ho paura che il successo, con tutte le sue tentazioni, lo allontanerà progressivamente da me, da noi, dal nostro progetto di vita comune.
E lui ha un bel da rassicurarmi che vuole solo me, che sono la cosa più importante della sua vita, che nulla e nessuno potrà mai portarmelo via, perchè io non riesco a crederci. O meglio: io so che adesso lui è sincero, ma guardiamo in faccia alla realtà. Ha 27 anni, e se le cose andranno come devono andare, verrà catapultato in un mondo completamente diverso. Un mondo fatto di lusinghe e di tentazioni, di luci e paillettes, di immagini e di facciata. Posso davvero sperare che rimarrà quello di adesso e che io avrò sempre lo stesso posto in una vita che forse sarà completamente diversa?
Magari adesso mi direte che se il suo è vero amore non ho nulla da temere, che se dovesse cambiare allora vuol dire che non era quello che credevamo, ma lo ripeto ancora una volta: guardiamo in faccia alla realtà. Che "l'occasione fa l'uomo ladro" sarà anche un banale luogo comune, ma io credo che sia anche tragicamente vero. E, tanto per dirne una, lui che è così devoto e fedele, lo rimarrà anche quando sarà sottoposto a tentazioni di ogni tipo? Sappiamo bene che qualsiasi musicista di successo è attorniato da belle donne che farebbero carte false per lui, se poi ci aggiungiamo che il mio compagno è già di suo anche un gran bel ragazzo, non è ragionevole pensare che sarà veramente sottoposto a tentazioni a cui gli sarà difficile rinunciare? Perchè sarà anche l'uomo più innamorato e più fedele del mondo, ma è pur sempre fatto di carne..!
E allora che cosa mi devo aspettare io? Una vita fatta di ansie e di paure, che logorerà non solo la mia fiducia in lui, ma anche la stima che ho di me stessa e il mio amor proprio? Pensate che io, che sono sempre stata abbastanza sicura di me, ora mi scopro a guardarmi allo specchio senza piacermi, a pensare a quante donne più belle e più giovani di me potrà avere ai suoi piedi, a temere per quella differenza di età che fino ad ora mi è sembrata solo uno stupido particolare...
Insomma, sono davvero giù.
Vi sarei grata se mi diceste cosa pensate della situazione. Non cerco consolazioni gratuite, vorrei solo i vostri pareri spassionati.
Sono completamente nel torto, sto diventando pazza o invece non ho tutti i torti per i miei timori?
Grazie in anticipo.
Francesca
... amica mia, vuoi un'opinione spassionata?... ebbene, per la tua storia, puoi pure iniziare a suonare la campana a morto... non ho voglia, oggi, di spiegarti il perché... ma sarà così... fammi sapere...
 
O

Old Lillyna19

Guest
Ciao Francesca, quanto ti capisco, guarda.
E' un momentaneo complesso di inferiorità nei confronti del partner a farci parlare così...pensaci.
Ci si sente piccole, incapaci di bastargli.

Io provo la stessa cosa nei confronti del mio ragazzo: bello, brillante, intelligente, pragmatico, lui ci mette un niente a conquistare una donna, anche se quando ci siamo conosciuti non era affatto così. Ora che si è lanciato nella sua carriera e sta raggiungendo il suo sogno, frequentando un ambiente di un altro calibro, io mi sento spesso sola.
Tanto che sono arrivata a cercare distrazioni un pò ovunque: nei libri, nei disegni, nel mio aspetto...tremila piccole cose.
Sono arrivata anche al punto di prendermi una cotta per il suo amico, che è una persona speciale e mi capisce molto bene.
Ma dentro di me, provo un profondo, forte rispetto per il mio ragazzo e ho in realtà una enorme paura di perderlo.

Anche io sono un pò farfallina, e mi piace "fare colpo" ma senza malizia: è solo un modo per giocare, esercitare il proprio fascino, una specie di palestra, forse per sentirsi meno insicure...e penso che sia una cosa comune a tutti.

Io ci ho pensato e ripensato: sicuramente, se il mio ragazzo è "emerso" , è per sue doti personali, ma anche perchè, nei momenti più bui in cui era solo, ci stavo io a sostenerlo e a credere nei suoi sogni insieme a lui. Se lui ha avuto la serenità di "crescere" è perchè lo abbiamo fatto insieme.
Quindi tu hai un posto privilegiato. La gratitudine, il capire quanto sia preziosa la propria donna (e viceversa) non è da tutti, su questo sono d'accordo: ma tu sei sempre la sua donna e se lui è arrivato dove sta lo deve anche a te, ricordatelo.
(e se un giorno facesse lo stronzo, non esitare a rinfacciarglielo.)

Quindi, se sei una persona forte, non esitare a stargli vicino e preparati al colpo, perchè inizialmente noterai suoi cambiamenti e si sentirà anche destabilizzato. Qualsiasi cosa succeda, entra nell'ottica che sei sempre la sua donna, la sua complice e il suo sostegno: nessun'altra meglio di te lo può essere e può occupare quel posto privilegiato che hai tu.
Non saranno certo quattro sgallettate vestite di paillettes, o un gruppo di viscidi impresari cocainomani.

Hanno ragione gli altri: tira fuori il meglio di te.
A me questa cosa è servita per avere un forte slancio a migliorarmi, a coltivarmi, a prendermi delle soddisfazioni non indifferenti: non sono ancora maturata abbastanza, e sto su un nuovo terreno sperimentale, ma me la sto cavando, ti assicuro che sono migliorata anche nell'aspetto, nei ritmi, nel lavoro, nello sport.

E se un domani , in qualsiasi situazione, arrivasse\ssero la stronza\gli stronzi di turno a cercare di mandare all'aria quello che abbiamo faticosamente costruito (anche se dovesse essere il mio ragazzo stesso a farlo) caccerò fuori le unghie e lotterò non poco per difenderlo se dovesse valere la pena.
 
O

Old TurnBackTime

Guest
per carita'...

Ciao a tutti e complimenti per il Forum.
Vorrei raccontarvi la mia storia e se possibile ricevere qualche parere spassionato.
Come da oggetto, è da poco successa una cosa che dovrebbe rendermi felice, ma di cui non riesco a gioire fino in fondo per le mille paure che questo avvenimento mi ha scatenato.
Provo a cominciare dall'inizio.
Sono fidanzata con lui da un anno e mezzo. Lui ha quasi 10 anni in meno di me. E' un grande amore e lo è stato da subito. A giugno, dopo averla a lungo cercata e voluta, abbiamo trovato casa e siamo andati a vivere insieme. Siamo felici. La differenza di età, che all'inizio talvolta mi ha preoccupata, non si è quasi mai avvertita se non per piccole e trascurabili cose, e man mano che andiamo avanti si avverte sempre meno, abbiamo appianato le piccole divergerze, siamo sempre più affiatati. Io, che nelle mie relazioni precedenti sono sempre stata di carattere un pò "farfallino" (anche se ero fidanzata mi piaceva comunque essere corteggiata e guardarmi intorno) da quando sto con lui non ho occhi che per lui. Lui è un compagno devoto, mai una volta mi ha dato modo di dubitare del suo amore e della sua fedeltà.
Detto tutto ciò, se avete avuto la pazienza di leggermi, immagino vi starete chiedendo che cosa c'è che non va. Nulla in effetti, teoricamente abbiamo tutto per essere felici. Non da ultimo l'avvenimento della settimana scorsa, quello di cui inizialmente ho gioito, ma che poi ha scatenato le mie ansie. E queste stanno crescendo sempre di più, spero che parlarne mi aiuti.
La faccio breve. Lui fa il cantautore. Suona e canta da quando era un ragazzino, la musica è il suo lavoro e la sua grande passione. E' bravo e ci ha sempre messo l'anima, in giro a suonare per pochi spiccioli, ad esercistarsi giorno e notte, con mille porte sbattute in faccia, fra mille delusioni e mille speranze. Ma non si è mai dato per vinto e finalmente i risultati sono arrivati. Un mese fa è stato notato da una specie di "talent scout" in un locale e settimana scorsa ha firmato un contratto con un'importante casa discografica. Adesso ci sono tutti i presupposti perchè riesca a fare il grande salto. Ci sono ottime probabilità che diventi famoso a livello nazionale nel giro dei prossimi mesi o cmq del prossimo anno.
Ebbene? Mi chiederete. Ebbene, sono felice per lui naturalmente. Ma non riesco ad esserlo come vorrei, ovvero fino in fondo. La verità è che ho paura. Io che, credetemi, l'ho sempre sostenuto in questa sua avventura, ora mi scopro a temere quello che potrebbe essere il suo successo.
La verità è che ho una tremenda paura che quello che verrà potrà cambiare qualcosa fra noi. Ho paura che il successo, con tutte le sue tentazioni, lo allontanerà progressivamente da me, da noi, dal nostro progetto di vita comune.
E lui ha un bel da rassicurarmi che vuole solo me, che sono la cosa più importante della sua vita, che nulla e nessuno potrà mai portarmelo via, perchè io non riesco a crederci. O meglio: io so che adesso lui è sincero, ma guardiamo in faccia alla realtà. Ha 27 anni, e se le cose andranno come devono andare, verrà catapultato in un mondo completamente diverso. Un mondo fatto di lusinghe e di tentazioni, di luci e paillettes, di immagini e di facciata. Posso davvero sperare che rimarrà quello di adesso e che io avrò sempre lo stesso posto in una vita che forse sarà completamente diversa?
Magari adesso mi direte che se il suo è vero amore non ho nulla da temere, che se dovesse cambiare allora vuol dire che non era quello che credevamo, ma lo ripeto ancora una volta: guardiamo in faccia alla realtà. Che "l'occasione fa l'uomo ladro" sarà anche un banale luogo comune, ma io credo che sia anche tragicamente vero. E, tanto per dirne una, lui che è così devoto e fedele, lo rimarrà anche quando sarà sottoposto a tentazioni di ogni tipo? Sappiamo bene che qualsiasi musicista di successo è attorniato da belle donne che farebbero carte false per lui, se poi ci aggiungiamo che il mio compagno è già di suo anche un gran bel ragazzo, non è ragionevole pensare che sarà veramente sottoposto a tentazioni a cui gli sarà difficile rinunciare? Perchè sarà anche l'uomo più innamorato e più fedele del mondo, ma è pur sempre fatto di carne..!
E allora che cosa mi devo aspettare io? Una vita fatta di ansie e di paure, che logorerà non solo la mia fiducia in lui, ma anche la stima che ho di me stessa e il mio amor proprio? Pensate che io, che sono sempre stata abbastanza sicura di me, ora mi scopro a guardarmi allo specchio senza piacermi, a pensare a quante donne più belle e più giovani di me potrà avere ai suoi piedi, a temere per quella differenza di età che fino ad ora mi è sembrata solo uno stupido particolare...
Insomma, sono davvero giù.
Vi sarei grata se mi diceste cosa pensate della situazione. Non cerco consolazioni gratuite, vorrei solo i vostri pareri spassionati.
Sono completamente nel torto, sto diventando pazza o invece non ho tutti i torti per i miei timori?
Grazie in anticipo.
Francesca
Per carita' Francesca....fai bene ad avere questi timori...ma fasciarsi la testa prima di essersela rotta non e' una grande pensata...a parte che lui visto che e' un bel ragazzo potrebbe tradire anche senza questo "successo" che sta arrivando...e poi cosa pensi di fare?Viviti questa storia cercando di rimanere serena...la paranoia allontana la persona...tu cosi' rischi di spaventarlo...e ci mettera' poco a fuggire...

Mi rendo conto che l'insicurezza fa di questi scherzi....ma non c'e' molto che tu possa fare?
Pensi forse che se non avesse questa possibilita' non ti tradirebbe mai?
Non e' il contesto che crea la possibilita' per un tradimento..e' la persona Francesca....se lui dentro di se...sentira' il desiderio di qualcosa di nuovo....tradira' anche se fa il salumiere...o il muratore...quindi vedi di calmarti...e non spaventarlo troppo...parla con lui di queste paure...mantieni il rapporto cosi com'e' stato fin'ora...se mai...e quando arrivera' il momento in cui ti tradira'....allora ci penserai....ora e' inutile anche fare supposizzioni
 

Grande82

Utente di lunga data
Ciao a tutti e complimenti per il Forum.
Vorrei raccontarvi la mia storia e se possibile ricevere qualche parere spassionato.
Come da oggetto, è da poco successa una cosa che dovrebbe rendermi felice, ma di cui non riesco a gioire fino in fondo per le mille paure che questo avvenimento mi ha scatenato.
Provo a cominciare dall'inizio.
Sono fidanzata con lui da un anno e mezzo. Lui ha quasi 10 anni in meno di me. E' un grande amore e lo è stato da subito. A giugno, dopo averla a lungo cercata e voluta, abbiamo trovato casa e siamo andati a vivere insieme. Siamo felici. La differenza di età, che all'inizio talvolta mi ha preoccupata, non si è quasi mai avvertita se non per piccole e trascurabili cose, e man mano che andiamo avanti si avverte sempre meno, abbiamo appianato le piccole divergerze, siamo sempre più affiatati. Io, che nelle mie relazioni precedenti sono sempre stata di carattere un pò "farfallino" (anche se ero fidanzata mi piaceva comunque essere corteggiata e guardarmi intorno) da quando sto con lui non ho occhi che per lui. Lui è un compagno devoto, mai una volta mi ha dato modo di dubitare del suo amore e della sua fedeltà.
Detto tutto ciò, se avete avuto la pazienza di leggermi, immagino vi starete chiedendo che cosa c'è che non va. Nulla in effetti, teoricamente abbiamo tutto per essere felici. Non da ultimo l'avvenimento della settimana scorsa, quello di cui inizialmente ho gioito, ma che poi ha scatenato le mie ansie. E queste stanno crescendo sempre di più, spero che parlarne mi aiuti.
La faccio breve. Lui fa il cantautore. Suona e canta da quando era un ragazzino, la musica è il suo lavoro e la sua grande passione. E' bravo e ci ha sempre messo l'anima, in giro a suonare per pochi spiccioli, ad esercistarsi giorno e notte, con mille porte sbattute in faccia, fra mille delusioni e mille speranze. Ma non si è mai dato per vinto e finalmente i risultati sono arrivati. Un mese fa è stato notato da una specie di "talent scout" in un locale e settimana scorsa ha firmato un contratto con un'importante casa discografica. Adesso ci sono tutti i presupposti perchè riesca a fare il grande salto. Ci sono ottime probabilità che diventi famoso a livello nazionale nel giro dei prossimi mesi o cmq del prossimo anno.
Ebbene? Mi chiederete. Ebbene, sono felice per lui naturalmente. Ma non riesco ad esserlo come vorrei, ovvero fino in fondo. La verità è che ho paura. Io che, credetemi, l'ho sempre sostenuto in questa sua avventura, ora mi scopro a temere quello che potrebbe essere il suo successo.
La verità è che ho una tremenda paura che quello che verrà potrà cambiare qualcosa fra noi. Ho paura che il successo, con tutte le sue tentazioni, lo allontanerà progressivamente da me, da noi, dal nostro progetto di vita comune.
E lui ha un bel da rassicurarmi che vuole solo me, che sono la cosa più importante della sua vita, che nulla e nessuno potrà mai portarmelo via, perchè io non riesco a crederci. O meglio: io so che adesso lui è sincero, ma guardiamo in faccia alla realtà. Ha 27 anni, e se le cose andranno come devono andare, verrà catapultato in un mondo completamente diverso. Un mondo fatto di lusinghe e di tentazioni, di luci e paillettes, di immagini e di facciata. Posso davvero sperare che rimarrà quello di adesso e che io avrò sempre lo stesso posto in una vita che forse sarà completamente diversa?
Magari adesso mi direte che se il suo è vero amore non ho nulla da temere, che se dovesse cambiare allora vuol dire che non era quello che credevamo, ma lo ripeto ancora una volta: guardiamo in faccia alla realtà. Che "l'occasione fa l'uomo ladro" sarà anche un banale luogo comune, ma io credo che sia anche tragicamente vero. E, tanto per dirne una, lui che è così devoto e fedele, lo rimarrà anche quando sarà sottoposto a tentazioni di ogni tipo? Sappiamo bene che qualsiasi musicista di successo è attorniato da belle donne che farebbero carte false per lui, se poi ci aggiungiamo che il mio compagno è già di suo anche un gran bel ragazzo, non è ragionevole pensare che sarà veramente sottoposto a tentazioni a cui gli sarà difficile rinunciare? Perchè sarà anche l'uomo più innamorato e più fedele del mondo, ma è pur sempre fatto di carne..!
E allora che cosa mi devo aspettare io? Una vita fatta di ansie e di paure, che logorerà non solo la mia fiducia in lui, ma anche la stima che ho di me stessa e il mio amor proprio? Pensate che io, che sono sempre stata abbastanza sicura di me, ora mi scopro a guardarmi allo specchio senza piacermi, a pensare a quante donne più belle e più giovani di me potrà avere ai suoi piedi, a temere per quella differenza di età che fino ad ora mi è sembrata solo uno stupido particolare...
Insomma, sono davvero giù.
Vi sarei grata se mi diceste cosa pensate della situazione. Non cerco consolazioni gratuite, vorrei solo i vostri pareri spassionati.
Sono completamente nel torto, sto diventando pazza o invece non ho tutti i torti per i miei timori?
Grazie in anticipo.
Francesca
La questione non è avere la ragione che vorresti avere.
La questione è che puoi fare una scelta, ora: scegliere id fidarti e vivertela e poi magari scoprire che hai fatto bene o meno (i nodi vengono al pettine, soprattutto per chi ha fama, i paparazzi saranno i tuoi migliori amici-nemici), oppure logorarti in ansie, paure, timori, mettendo lui e te in difficoltà, facendoti venire la gastrite e rovinando il rapporto, che lui sia fedele o meno, col sospetto e la sofferenza, magari dandogli ragioni per tradirti con la tua insicurezza che alla lunga stanca chi vorrebbe vederti solo partecipe e felice.
Vivi, francesca, vivi e goditi il tuo amore, il suo successo, la vita che avete scelto. E se andrà male sarà colpa del mondo, ma non tua. Se andrà male sarà almeno valsa la pena di amare. Scusa se non leggo tutto, volevo rispondere di getto. Buona fortuna.
 
O

Old lilith_666

Guest
non vuol dire che ti lascerà

guarda Raul Bova, tutti che davano per spacciata la sua storia con la fidanzata storica (considerata brutta da tanti) eppure lui l'ha sposata ed è pure pazzo di lei.
 
O

Old Anna A

Guest
mah. io non capisco...
intanto non è diventato ancora famoso, intanto siamo adesso e non fra un anno...
insomma, vivitela per quello che hai ora con lui.
se poi finirà, non è detto che accadrà per colpa del suo successo.
guarda che le storie possono finire anche per motivi non contingenti al successo.
 

Verena67

Utente di lunga data
guarda Raul Bova, tutti che davano per spacciata la sua storia con la fidanzata storica (considerata brutta da tanti) eppure lui l'ha sposata ed è pure pazzo di lei.

...ma non erano in crisi? (e poi brutta...dai, una bella ragazza, nonché figlia della piu' famosa avvocato divorzista d'Italia, amica di tutti i vip, mica COTICHE!)

Bacio!
 
O

Old chensamurai

Guest
mah. io non capisco...
intanto non è diventato ancora famoso, intanto siamo adesso e non fra un anno...
insomma, vivitela per quello che hai ora con lui.
se poi finirà, non è detto che accadrà per colpa del suo successo.
guarda che le storie possono finire anche per motivi non contingenti al successo.
... finirà... finirà... e l'ha capito benissimo anche la nostra amica... lo sente... e non di certo, per queste stronzate del successo... hi, hi, hi...
 

Nobody

Utente di lunga data
...ma non erano in crisi? (e poi brutta...dai, una bella ragazza, nonché figlia della piu' famosa avvocato divorzista d'Italia, amica di tutti i vip, mica COTICHE!)

Bacio!
Ecco un buon motivo per non lasciarla...
Gli fanno un culo come una capanna
 

Verena67

Utente di lunga data
Ecco un buon motivo per non lasciarla...
Gli fanno un culo come una capanna

non solo, mammina cara è superintrodotta in RAI e MEDIASET. Non mi stupirei se la cosiddetta "ranocchia" (che poi ribadisco è una gran bella donna!) avesse aiutato tramite mommy dearest BOVA piu' di qualunque altra cosa nella sua carriera...

acca' nisciuno è fesso!

Bacio!
 

Nobody

Utente di lunga data
non solo, mammina cara è superintrodotta in RAI e MEDIASET. Non mi stupirei se la cosiddetta "ranocchia" (che poi ribadisco è una gran bella donna!) avesse aiutato tramite mommy dearest BOVA piu' di qualunque altra cosa nella sua carriera...

acca' nisciuno è fesso!

Bacio!
Po' esse....il ruolo migliore che ha mai interpretato Bova è l'archeologo in Alien vs Predator...finisce divorato
 
O

Old Airforever

Guest
Francesca 71

Il successo non ti porterà via niente e nessuno. Se mai la persona con la quale stai, in futuro ti lascerà, non è certamente per il tipo di lavoro che svolge.
La mia professione ne è un esempio concreto: non opero 8 ore al giorno dal lunedì al venerdì. E capitano anche trasferte. Eppure, non ho mai tradito. Ed ora che sono single, non so manco cosa significhi il termine "avventura", cosa che potrei concedermi tranquillamente...non devo niente a nessuna.
Certamente, certi ambienti creano determinate condizioni, spesso appetibili. Basta saper dire un no secco.
Airforever
 

Old Otella82

Utente di lunga data
Francesca, capisco le tue ansie, davvero, perchè ogni tanto queste "vagonate di paura" hanno investito anche me per piccole cose.
Hai la mia comprensione, ma nessuno qui può dirti come andrà con certezza, perciò se cercavi previsioni certe per il futuro, un "non ti preoccupare non ti tradirà se ti ama" o un "ti lascia di sicuro, tanto vale scappare per primi", questi interventi ti serviranno a poco.
Io credo che oggi tu debba vivere la tua storia con l'entusiasmo e la felicità che merita. credo che tu debba stare vicina al tuo ragazzo in questo momento importante della sua vita e, al contempo, coltivare le tue passioni, trovare qualcosa che renda felice te come la musica rende felice lui.
Vivi questo amore senza rovinarlo prima del tempo per paura, ma non buttare su di lui tutta la responsabilità della tua felicità perchè non sarebbe giusto, lui, pur amandoti, sta inseguendo, com'è giusto, i suoi sogni. fai altrettano e prenditi cura di te.
come andrà qui non può saperlo nessuno, ma tu puoi fare in modo di diventare più forte e più amabile.. per te prima che per lui.
 

Nobody

Utente di lunga data
sempre meglio della Golino che ha UCCISO un film memorabile come RAINMAN con la sua voce chioccia


Bacio!
Sai che col tempo la sto rivalutando? Non parlo di quel film...ma in generale è molto meno peggio di quel che pensassi.
 
Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
Top