Il senso dell'amore

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.

MK

Utente di lunga data
Il mio ex marito non faceva che ripetermi, prima di andarsene, io ti voglio bene, ma non ci amiamo, è meglio così, per entrambi. Che non ci amassimo lo sapevo anch'io, ma il voler bene credevo significasse rispettarsi. Invece mi ha lasciata da sola, a crescere nostra figlia, cercando subito un'altra donna che fosse più consona ai suoi bisogni. Quante volte lo chiamavo e gli dicevo ma se mi vuoi bene aiutami, dammi una mano, io sto male... chiama i tuoi amici mi diceva. Gli anni sono passati. Io non ho cercato subito un altro uomo. Volevo capire. Riflettere sui miei errori. Dopo due anni ho incontrato un uomo che mi piaceva molto, era affettuoso, gentile, si preoccupava per me, di come stavo. Mi piaceva molto fisicamente. Sapevo che era fidanzato ma non volevo una storia. Volevo qualcuno che mi dicesse qualcosa di carino, dopo tanta sofferenza. Dopo un mese ho capito che eravamo troppo diversi, che non potevamo nemmeno essere amici. E ho chiuso. Per farlo definitivamente ho dovuto fargli credere che ci fosse un altro. E lui continuava, ma io ti rispetto ti voglio bene... A parole. Ma nei fatti era gelosia cattiveria invidia. Poi ho trovato un uomo che subito mi ha detto di non amarmi, era facile. Grande attrazione e amicizia. Un rapporto alla pari. Magari poteva diventare qualcosa di più. Ma non ne ho avuto il tempo. Sono stata travolta da parole e sogni. Da qualcuno che diceva che non conoscevo il mio valore. Non conoscevo il senso dell'amore.
E sono andata avanti, anche quando segnali mi dicevano di stare attenta, di andarci cauta, di vederci più chiaro. Non ho avuto paura. Ho riflettuto. Ho elaborato. Ho lasciato cadere le paure. Tutte le paure. Mi sono svelata fino in fondo. Per sentirmi dire ma io ti voglio bene ti rispetto, a parole. Sono stanca...
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
amore

L'amore non si trova al supermercato.
Purtroppo si può non viverlo mai...incontrarlo e perderlo...
Forse bisognerebbe rassegnarsi a farne senza.
Io non ci riesco...
 

Verena67

Utente di lunga data
Parole o fatti?

...fatti


Al di là di mille cincischiamenti, e credo questo valga per tutti i rapporti umani, lavoro, famiglia, amicizia, sesso, amore, etc., o uno ti fa entrare nel tuo mondo, per INTERO, per RESTARCI, oppure no.

Non credo ci siano vie di mezzo.

Es. quel fidanzato tanto carino e amoroso che vi manda 2000 sms al giorno e vi telefona di notte ma decide LUI quando ci si vede, dove e perché?

Mollatelo


Bacio!
 

MK

Utente di lunga data
L'amore non si trova al supermercato.
Purtroppo si può non viverlo mai...incontrarlo e perderlo...
Forse bisognerebbe rassegnarsi a farne senza.
Io non ci riesco...
Nemmeno io ci riesco. Ci sono riuscita un sacco di anni, poi è nata mia figlia e mi ha riaperto il cuore. Credevo che sarei riuscita ad amare solo lei e invece... E' che ci sono momenti, come oggi, in cui vorrei tanto tornare ad essere quella che diceva ahhhhhh l'amore non esiste. Ma indietro non si torna.
 
O

Old fay

Guest
Mi spiace. Non so quanti anni tu abbia, ma non devi essere stanca. Non voglio dirti la solita frase scontata, prima o poi capiterà...etc.etc. Va avanti per la tua vita come meglio credi, fallo per te e per tua figlia. Quello che mi fa stare mglio in questo periodo è pensare a questo. So che non sto avendo nè amore ne sesso, e forse passerà parecchio tempo prima di riaverli, o forse non farò più l'amore, non amerò più, chi lo sa. Non importa, ma non voglio avere nulla di mediocre. Eppure il fatto stesso di portare avanti la mia vita con dignità mi fa stare bene, di più non voglio, non posso, ho sofferto troppo e sto ancora soffrendo. Forse mi sto congelando...non lo so, però so che potrei sciogliermi subito se....
E tu quindi non essere stanca. Non è ancora il momento.
 

MK

Utente di lunga data
ma non voglio avere nulla di mediocre.
Nemmeno io. Ho 41 anni e non intenzione di chiudermi alla vita. So cosa significhi amare. So che cosa sia il dolore. E non congelo il cuore. Sicuramente non mi chiuderò in casa a fare la calza...
 

Old Giusy

Utente di lunga data
Mk, quello che succede a te, è successo e continua a succedere anche a me. Gli uomini che fanno un pezzetto di strada di vita con me mi dicono spesso che provano una forte attrazione, ma che non mi amano, mi vogliono bene e passano volentieri del tempo con me. Soltanto un uomo mi ha fatto sentire davvero amata, ed io l'ho allontanato perchè non lo amavo io. Stupida ironia della sorte. Mi sono autoconvinta di non essere capace di scatenare amore negli uomini che incontro. Qualcuno mi ha anche detto che sono così forte e autonoma che li spavento. Sicuramente è più facile rapportarsi ad una donna dolce, arrendevole, poco sicura di sè, piuttosto che ad una donna con idee ben salde, con una personalità evidente e indipendente. Non lo so.... Io continuo ad essere me stessa.... Il problema è che anch'io sono dolce, affettuosa, desiderosa di dare e ricevere amore, ma come posso dimostrarlo se non mi è mai data questa possibilità? A 30 anni non si può giocare a fare le fidanzate. In un rapporto ci si confronta, è purtroppo a me non capita mai, la storia finisce sempre prima che io possa farmi conoscere e mostrarmi nelle mie diverse sfaccettature. Forse è il destino, forse è l'essere sbagliata, forse non bisogna perdere le speranze, forse.... Mk, aspettiamo.... E' sicuramente presto per tirare le somme...
 

MK

Utente di lunga data
Qualcuno mi ha anche detto che sono così forte e autonoma che li spavento. Sicuramente è più facile rapportarsi ad una donna dolce, arrendevole, poco sicura di sè, piuttosto che ad una donna con idee ben salde, con una personalità evidente e indipendente. Non lo so.... Io continuo ad essere me stessa....
Giusy su questo sono perfettamente d'accordo con te. Le dinamiche dei miei rapporti (tranne in quello dove il sentimento non c'era) erano proprio queste. Tutte le volte in cui cercavo di affermare me stessa, come essere umano autonomo, crisi. E come già avevo fatto col mio ex marito cedevo. Mi ammorbidivo. Forse era vero, mi dicevo. Forse sono troppo aggressiva, troppo autonoma, troppo centrata sui miei interessi. Poco femminile. E allora facciamoci trascinare dalle loro passioni, mettiamoci un passo indietro, stiamo nell'ombra... E a poco a poco diventavo meno interessante, soffocante, ansiosa, rompicoglioni, invadente... E c'era subito un'altra donna pronta a soddisfare i bisogni... Mai più.
 

Fedifrago

Utente di lunga data
Il mio ex marito non faceva che ripetermi, prima di andarsene, io ti voglio bene, ma non ci amiamo, è meglio così, per entrambi. Che non ci amassimo lo sapevo anch'io, ma il voler bene credevo significasse rispettarsi. Invece mi ha lasciata da sola, a crescere nostra figlia, cercando subito un'altra donna che fosse più consona ai suoi bisogni. Quante volte lo chiamavo e gli dicevo ma se mi vuoi bene aiutami, dammi una mano, io sto male... ...
MK, ti sembrerò cinico, ma penso, per esperienza personale, che lui ti abbia rispettato, non raccontandoti storie o cercando di addolcirti la pillola (poi su altri motivi che qui e là hai accennato...oltre a non esserci per tua figlia
...non discuto!)

Se lui si fosse dimostrato disponibile, se ci fosse stato sempre ad ogni tua chiamata, ti avrebbe tenuta in qualche modo ancora legata a lui, avrebbe prolungato molto nel tempo il tuo distacco emotivo da quella situazione e forse non avresti ancora riiniziato ad amarti e a desiderare amore vero.

In fondo stavi chiedendo aiuto al tuo carnefice (se vogliamo estremizzare): credi davvero possibile riceverne?!!?
 

MK

Utente di lunga data
In fondo stavi chiedendo aiuto al tuo carnefice (se vogliamo estremizzare): credi davvero possibile riceverne?!!?
Fedi è vero, carnefici non ne voglio più... Compagni, compagni veri.

ps hai ragione però sul distacco, io infatti l'amore vero l'ho trovato, lui ha perso la fidanzata dopo quattro anni e subito è ripartito alla ricerca di una nuova donna... ovvero elaborazione, zero...

ps2 e ha provato a sondare con la ex moglie, da bravo furbone... ma non c'è trippa...
 
O

Old Diana

Guest
Nemmeno io ci riesco. Ci sono riuscita un sacco di anni, poi è nata mia figlia e mi ha riaperto il cuore. Credevo che sarei riuscita ad amare solo lei e invece... E' che ci sono momenti, come oggi, in cui vorrei tanto tornare ad essere quella che diceva ahhhhhh l'amore non esiste. Ma indietro non si torna.
Per fortuna direi visto il caso! Quel dolore, quella sofferenza ma anche quella gioia di viere che ci "costringe" a provare l'amore ci riempono in bene e in male e ci rendono quelli che siamo oggi giorno. E' anche grazie e soprattutto alle tue vicende passate, ai tormenti con tuo marito e con la vita che sei la donna che sei oggi..la donna capace di amare e di darsi in questo modo che tu senti così "diverso" ma che qualcuno potrebbe trovare molto speciale, la donna capace di elaborare, di crescere sua figlia,di riuscire ad andare avanti da sola..una gran bella donna, permettimi di dirlo!
 

MK

Utente di lunga data
Per fortuna direi visto il caso! Quel dolore, quella sofferenza ma anche quella gioia di viere che ci "costringe" a provare l'amore ci riempono in bene e in male e ci rendono quelli che siamo oggi giorno. E' anche grazie e soprattutto alle tue vicende passate, ai tormenti con tuo marito e con la vita che sei la donna che sei oggi..la donna capace di amare e di darsi in questo modo che tu senti così "diverso" ma che qualcuno potrebbe trovare molto speciale, la donna capace di elaborare, di crescere sua figlia,di riuscire ad andare avanti da sola..una gran bella donna, permettimi di dirlo!
Grazie Diana, un abbraccio...

ps beh però non esageriamo eh, economicamente il padre di mia figlia ci ha sempre sostenuto, fin troppo bene. Anche se io ho sempre lavorato. E adesso a poco a poco si sta riavvicinando anche affettivamente a lei.
 

Verena67

Utente di lunga data
Mk, quello che succede a te, è successo e continua a succedere anche a me. Gli uomini che fanno un pezzetto di strada di vita con me mi dicono spesso che provano una forte attrazione, ma che non mi amano, mi vogliono bene e passano volentieri del tempo con me. Soltanto un uomo mi ha fatto sentire davvero amata, ed io l'ho allontanato perchè non lo amavo io. Stupida ironia della sorte. Mi sono autoconvinta di non essere capace di scatenare amore negli uomini che incontro. Qualcuno mi ha anche detto che sono così forte e autonoma che li spavento. Sicuramente è più facile rapportarsi ad una donna dolce, arrendevole, poco sicura di sè, piuttosto che ad una donna con idee ben salde, con una personalità evidente e indipendente. Non lo so.... Io continuo ad essere me stessa.... Il problema è che anch'io sono dolce, affettuosa, desiderosa di dare e ricevere amore, ma come posso dimostrarlo se non mi è mai data questa possibilità? A 30 anni non si può giocare a fare le fidanzate. In un rapporto ci si confronta, è purtroppo a me non capita mai, la storia finisce sempre prima che io possa farmi conoscere e mostrarmi nelle mie diverse sfaccettature. Forse è il destino, forse è l'essere sbagliata, forse non bisogna perdere le speranze, forse.... Mk, aspettiamo.... E' sicuramente presto per tirare le somme...

Secondo me dici cose molto interessanti che denunciano una autoanalisi non superficiale, e su queste devi lavorare.


Te ne ho sottolineate alcune


innanzitutto, non sei tu ad essere "sbagliata": nelle storie ci sono sempre responsabilità da entrambe le parti. Non fare l'errore di patologizzarti.

Né devi vergognarti di non essere una fragile damigella in pericolo, bensì una donna a tutto tondo, impegnata nella sua vita lavorativa, personale, familiare, etc.

Dov'è l'errore?

Probabilmente nella SCELTA degli interlocutori. Non so se l'ultimo di cui ci hai narrato rappresenta molti dei difetti "classici" dei tuoi ex ragazzi, ma è probabile.
Di solito tendiamo ad avere in mente un "Paradigma" di maschio che replichiamo piu' o meno consciamente.

Tu metti in atto una dinamica dove "lui non si innamora mai", pur trovandoti (e sono sicura che ne ha buonissime ragioni!) gradevole.

Tant'è che quello che ti amava...non lo amavi tu.

Non è che parte di te è attratta proprio dalla necessità di "inseguire" persone sfuggenti?

Te la pongo come domanda. Perché altrimenti investire emotivamente su persone che da subito (vedi l'ultimo...) ti fanno capire che "hanno dei problemi ad aprirsi emotivamente, ad impegnarsi" o che "Non ti amano abbastanza"?

Io sono fortemente convinta che un uomo intelligente ed equilibrato non "schifa" una donna solo perché intelligente e assertiva. E nemmeno che uomini di qualità si lascino travolgere solo da afasiche nevrotiche (capita, eh, ma io penso la persona intelligente prima o poi si ripiglia...).

Per cui, tu NON sei sbagliata. Meriti ed avrai un compagno degno di te.

Ma la revisione, importante, va fatta sul tipo di uomo che frequenti. Al primo comportamento dubbio (ti telefono o no? Usciamo o no?), via, come dicono "The Rules, "NEXT"!

Ti abbraccio!
 
O

Old Diana

Guest
Grazie Diana, un abbraccio...

ps beh però non esageriamo eh, economicamente il padre di mia figlia ci ha sempre sostenuto, fin troppo bene. Anche se io ho sempre lavorato. E adesso a poco a poco si sta riavvicinando anche affettivamente a lei.
Quando dicevo "da sola" mi riferivo alla tua solitudine emotiva non economica..
Sono sicura che per quanto un supporto economico sia fondamentale in casi come questi non è la mancanza che si soffre di piu..
Ricambio l' abbraccio!
 

Old Giusy

Utente di lunga data
Secondo me dici cose molto interessanti che denunciano una autoanalisi non superficiale, e su queste devi lavorare.


Te ne ho sottolineate alcune


innanzitutto, non sei tu ad essere "sbagliata": nelle storie ci sono sempre responsabilità da entrambe le parti. Non fare l'errore di patologizzarti.

Né devi vergognarti di non essere una fragile damigella in pericolo, bensì una donna a tutto tondo, impegnata nella sua vita lavorativa, personale, familiare, etc.

Dov'è l'errore?

Probabilmente nella SCELTA degli interlocutori. Non so se l'ultimo di cui ci hai narrato rappresenta molti dei difetti "classici" dei tuoi ex ragazzi, ma è probabile.
Di solito tendiamo ad avere in mente un "Paradigma" di maschio che replichiamo piu' o meno consciamente.

Tu metti in atto una dinamica dove "lui non si innamora mai", pur trovandoti (e sono sicura che ne ha buonissime ragioni!) gradevole.

Tant'è che quello che ti amava...non lo amavi tu.

Non è che parte di te è attratta proprio dalla necessità di "inseguire" persone sfuggenti?

Te la pongo come domanda. Perché altrimenti investire emotivamente su persone che da subito (vedi l'ultimo...) ti fanno capire che "hanno dei problemi ad aprirsi emotivamente, ad impegnarsi" o che "Non ti amano abbastanza"?

Io sono fortemente convinta che un uomo intelligente ed equilibrato non "schifa" una donna solo perché intelligente e assertiva. E nemmeno che uomini di qualità si lascino travolgere solo da afasiche nevrotiche (capita, eh, ma io penso la persona intelligente prima o poi si ripiglia...).

Per cui, tu NON sei sbagliata. Meriti ed avrai un compagno degno di te.

Ma la revisione, importante, va fatta sul tipo di uomo che frequenti. Al primo comportamento dubbio (ti telefono o no? Usciamo o no?), via, come dicono "The Rules, "NEXT"!

Ti abbraccio!
Non so se questo è il problema. E' vero che sono attratta da uomini particolari, problematici, perchè sono attratta dalla sfida, dalla conquista di qualcosa che è difficile conquistare. E non parlo dell'uomo bello fisicamente, che piace a tutte e per il quale ci può essere competizione, ma dell'uomo intrigante, complesso, incasinato....
A volte penso di essere ancora emotivamente immatura, se preferisco il pericolo alla sicurezza.
Rifletto molto sulle persone, vorrei sempre capire i meccanismi mentali che le muovono, quando si avvicinano a me e quando se ne allontanano, più che altro perchè vorrei migliorare me stessa. Se sapessi i motivi per cui un uomo dice di essere attratto ma di non volere una storia con me, potrei migliorarmi.
Ma so benissimo che il più delle volte non è colpa mia, ma dell'uomo con cui ho a che fare... E possibile che io abbia a che fare SOLO con uomini che non si innamorano di me, pur ritenendomi perfetta, bella, intelligente, comprensiva, saggia? Allora ripenso che la difficoltà sia mia, proprio nella scelta del tipo d'uomo che mi piace. Ma sapete tutti bene che non si sceglie di amare, si può scegliere di smettere di amare, ma non di amare.
Ed anche per questo sono ferma, in questa "anoressia emotiva" come la chiamo io.... Lascio fuori le emozioni. Perchè ho paura. O meglio, sono convinta che è inutile che io mi apra con un uomo, tanto non si innamorerà mai di me!!!!
Fatica sprecata.
 

MK

Utente di lunga data
... E possibile che io abbia a che fare SOLO con uomini che non si innamorano di me, pur ritenendomi perfetta, bella, intelligente, comprensiva, saggia? Allora ripenso che la difficoltà sia mia, proprio nella scelta del tipo d'uomo che mi piace. Ma sapete tutti bene che non si sceglie di amare, si può scegliere di smettere di amare, ma non di amare.
Giusy comincia a non aspettarti che si innamorino di te. Comincia a goderteli per quello che ti danno. E lascia che il tempo lavori per te. D'accordo sullo scegliere di smettere di amare. Che per me è come smettere di vivere comunque.
 
J

JDM

Guest
Giusy.... E' solo il caso.
Il caso decide x noi....
Vorrei dirti lascia aperto il cuore.
Ma non te lo dico.
Sono l'ultima persona che ha il diritto di dirlo.

Come è difficile essere donne
Come è difficile essere uomini
 

Old Giusy

Utente di lunga data
Mk, scusa se sono entrata nel tuo post con le mie riflessioni personali....
 

Verena67

Utente di lunga data
E possibile che io abbia a che fare SOLO con uomini che non si innamorano di me, pur ritenendomi perfetta, bella, intelligente, comprensiva, saggia? Allora ripenso che la difficoltà sia mia, proprio nella scelta del tipo d'uomo che mi piace.
appunto.


ora pero' devi fare un passetto in avanti, individuare il problema non basta, bisogna trovare delle soluzioni!

Se la tua è immaturità, allora, cresci! Sai tu in quale direzione, ma non è "congelandoti perché tanto a me va tutto male" che trovi la direzione!

Esci dai soliti schemi. Prova qualche partner diverso. Pasticcia con persone che a occhio "Non sono il tuo tipo".

Te lo dico io perché quei tipi lì non "si innamorano". In verità "si guardano bene" dall'innamorarsi di una come te, perché sanno che tu pretenderesti cose da loro che non sono in grado, né ora né mai, di darti. Sono ben consci della loro pochezza, e ti temono come uno specchio ingrandente.

Non a caso quando poi si sistemano, è sempre "per caso" con donne per niente assertive che li lasciano liberi di farsi i loro porci comodi senza pretendere niente in cambio.


Ho sentito una frase in un film delizioso che consiglio a tutti ("Scrivimi una canzone" con Hugh Grant e Drew Barrymore): "Quando ti trovi contro un muro, è ora di pensare ad altro!"

Bacio!
 
Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
Top