Il rischio ...

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
Condivido la tristezza e la solidarietà umana. Penso con pena al dolore di quella madre che aveva visto partire il figlio 20 giorni prima...

Il fotografo compie una scelta di vita per il desiderio di sapere di tutti.
I militari fanno una scelta di vita anche loro.

Trovo insopportabili per cinismo, ipocrisia e indifferenza umana i politici che sono responsabili delle scelte che portano a quelle morti e che non ne sentono il peso.
 
solo il fatto che si accetti un rischio in nome e per conto anche degli altri fa onore a tutte queste persone ; di fronte a loro dovremmo sentirci tutti un po' in lutto come i loro parenti.
 

Nobody

Utente di lunga data
solo il fatto che si accetti un rischio in nome e per conto anche degli altri fa onore a tutte queste persone ; di fronte a loro dovremmo sentirci tutti un po' in lutto come i loro parenti.
Rispetto i morti (tutti, anche le migliaia di civili afgani e iracheni ammazzati dalla nato) , ma la loro scelta non è in nome mio. Andare in casa d'altri per coprire interessi sporchi con la scusa del terrorismo a me fa vomitare.
 

Iris

Utente di lunga data
Il reporter non era armato.

Fermo restando il rispetto per il lutto dei parenti dei deceduti.
 

Iris

Utente di lunga data
Rispetto i morti (tutti, anche le migliaia di civili afgani e iracheni ammazzati dalla nato) , ma la loro scelta non è in nome mio. Andare in casa d'altri per coprire interessi sporchi con la scusa del terrorismo a me fa vomitare.

Non solo te, ma anche il mio compagno che è un militare di carriera.
Mi dispiace comunque per i morti. Nessun guadagno vale una morte idel genere.
 

Nobody

Utente di lunga data
Non solo te, ma anche il mio compagno che è un militare di carriera.
Mi dispiace comunque per i morti. Nessun guadagno vale una morte idel genere.
Anche un mio conoscente che è pilota militare è disgustato, ma chiaramente son cose che si tengono dentro.
 

dererumnatura

Utente di lunga data
Rispetto i morti (tutti, anche le migliaia di civili afgani e iracheni ammazzati dalla nato) , ma la loro scelta non è in nome mio. Andare in casa d'altri per coprire interessi sporchi con la scusa del terrorismo a me fa vomitare.

A me piace pensare che questi militari siano davvero motivati da sentimenti di pace...
 

Nobody

Utente di lunga data
A me piace pensare che questi militari siano davvero motivati da sentimenti di pace...
Ognuno porta dentro di sè la sua motivazione, e ci saranno senza dubbio soldati che credono sinceramente di andar lì ad aiutare gli afgani o gli iracheni. Questo però non sposta di una virgola la realtà dei fatti.
 

dererumnatura

Utente di lunga data
Ognuno porta dentro di sè la sua motivazione, e ci saranno senza dubbio soldati che credono sinceramente di andar lì ad aiutare gli afgani o gli iracheni. Questo però non sposta di una virgola la realtà dei fatti.

La realtà è suscettibile di interpretazione.

Anche il film della Guzzanti parla di realtà dei fatti. La sua realtà.

Comunque anche io rispetto l'opinione di tutti :up:
 

Iris

Utente di lunga data
Ognuno porta dentro di sè la sua motivazione, e ci saranno senza dubbio soldati che credono sinceramente di andar lì ad aiutare gli afgani o gli iracheni. Questo però non sposta di una virgola la realtà dei fatti.

In genere chi parte sa benissimo cosa andrà a fare e per chi. E soprattutto a quale prezzo. C'è una lunghissima lista di attesa di gente che non vede l'ora di "seminare pace" al di fuori dei confini italiani. A parte qualcuno che proprio ci viene spedito per necessità.
Comunque, questo è...
 

Iris

Utente di lunga data
Anche io rispetto l'opinione di tutti, ma spero che realmente verrà il giorno in cui si smetterà di esportare la "democrazia con i carri armati", e soprattutto che venga il giorno in cui i ricchi smettano di trucidare i poveri.
 

Nobody

Utente di lunga data
La realtà è suscettibile di interpretazione.

Anche il film della Guzzanti parla di realtà dei fatti. La sua realtà.

Comunque anche io rispetto l'opinione di tutti :up:
Sicuramente. Quando gli cadono le nostre bombe addosso, loro possono interpretarle in vari modi. Magari pensare che portino la democrazia, oppure che servano per fregargli qualcosa che è loro... ognuno ha una sua realtà. Le bombe però cascano lo stesso.
 

Nobody

Utente di lunga data
Anche io rispetto l'opinione di tutti, ma spero che realmente verrà il giorno in cui si smetterà di esportare la "democrazia con i carri armati", e soprattutto che venga il giorno in cui i ricchi smettano di trucidare i poveri.
Magari fosse solo quello... poi li chiamiamo pure terroristi.
 

Iris

Utente di lunga data
Sicuramente. Quando gli cadono le nostre bombe addosso, loro possono interpretarle in vari modi. Magari pensare che portino la democrazia, oppure che servano per fregargli qualcosa che è loro... ognuno ha una sua realtà. Le bombe però cascano lo stesso.

Potrebbero decidere di "esportare la democrazia" anche in Italia...magari per far fuori il Berlusca potrebbero decidere di bombardsre anche il resto della popolazione. Non credo che interpreteremmo bene questa realtà...l'abbiamo già vissuta qualche decennio fa.
 

Nobody

Utente di lunga data
Potrebbero decidere di "esportare la democrazia" anche in Italia...magari per far fuori il Berlusca potrebbero decidere di bombardsre anche il resto della popolazione. Non credo che interpreteremmo bene questa realtà...l'abbiamo già vissuta qualche decennio fa.
Appunto. A Roma si dice... col culo degli altri siamo tutti froci... proverbio volgarotto ma efficace.
 
Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
Top