Il perdono

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
O

Old udor

Guest
Salve a tutti, mia moglie poco più di un anno fà aveva iniziato una relazione con un collega, la relazione è stata scoperta dopo i primi due incontri dove si sono scambiati solo dei baci (è oggettivamente credibile). A seguito di questo sono andato via di casa distrutto, lei mi ha ovviamente supplicato di non fare sciocchezze perchè era solo un'ammirazione per una persona brillante andata troppo oltre. Al mio rifiuto iniziale si sono susseguite patologie medio leggere da parte sua; nel testo delle mail scambiate con il tipo si trovavano frasi in cui lei si rende conto dello sbaglio che stà facendo, etc etc

Detto questo, il problema è che io alterno periodi in cui, estraneandomi dalla vicenda mi rendo conto che non è poi successo molto, i sensi di colpa erano presenti dal primo incontro, il suo pentimento e dispiacere per quello che ha fatto sono reali.

Ci sono poi altri momenti in cui non la vorrei semplicemente vedere, l'umiliazione subita è veramente troppo forte, penso di non riuscire assolutamente a venirne fuori.

Io penso di volerle ancora bene, certamente è un sentimento diverso dal precedente, ma questi miei momenti-no mi rendo conto che stanno minando seriamente il nostro rapporto.
Lei non mi chiede nulla, mi è molto vicina in questi momenti, fà veramente qualsiasi cosa per farmi star meglio, mi ascolta, parliamo molto di quello che è successo perchè ancora non me lo spiego (il tipo ha 55 anni lei 35) e questi sfoghi mi fanno star meglio.

Concludo chiedendo a chi avesse avuto esperienze simili, possono uno o più baci rovinare una vita assieme? Come ne siete venuti fuori?

Come posso superare questo periodo? mi rendo conto che il mio è un blocco psicologico.
Secondo voi dovrei/ dovremmo consultarci con un professionista?

Avete qualcuno da consigliarmi?
 
O

Old Airforever

Guest
Salve a tutti, mia moglie poco più di un anno fà aveva iniziato una relazione con un collega, la relazione è stata scoperta dopo i primi due incontri dove si sono scambiati solo dei baci (è oggettivamente credibile). A seguito di questo sono andato via di casa distrutto, lei mi ha ovviamente supplicato di non fare sciocchezze perchè era solo un'ammirazione per una persona brillante andata troppo oltre. Al mio rifiuto iniziale si sono susseguite patologie medio leggere da parte sua; nel testo delle mail scambiate con il tipo si trovavano frasi in cui lei si rende conto dello sbaglio che stà facendo, etc etc

Detto questo, il problema è che io alterno periodi in cui, estraneandomi dalla vicenda mi rendo conto che non è poi successo molto, i sensi di colpa erano presenti dal primo incontro (però c'è stato anche un secondo incontro), il suo pentimento e dispiacere per quello che ha fatto sono reali (poi mi dirai da cosa capisci che sono reali).

Ci sono poi altri momenti in cui non la vorrei semplicemente vedere, l'umiliazione subita è veramente troppo forte, penso di non riuscire assolutamente a venirne fuori.

Io penso di volerle ancora bene, certamente è un sentimento diverso dal precedente, ma questi miei momenti-no mi rendo conto che stanno minando seriamente il nostro rapporto.
Lei non mi chiede nulla, mi è molto vicina in questi momenti, fà veramente qualsiasi cosa per farmi star meglio (compresa quella di essere stata col collega, al tempo che fu), mi ascolta, parliamo molto di quello che è successo perchè ancora non me lo spiego (il tipo ha 55 anni lei 35) e questi sfoghi mi fanno star meglio.

Concludo chiedendo a chi avesse avuto esperienze simili, possono uno o più baci rovinare una vita assieme? Come ne siete venuti fuori?

Come posso superare questo periodo? mi rendo conto che il mio è un blocco psicologico.
Secondo voi dovrei/ dovremmo consultarci con un professionista?

Avete qualcuno da consigliarmi?
Prima di consigliarti qualcosa e/o qualcuno, ti proporrei di leggere attentamente le parti evidenziate (in rosso, parte di ciò che hai scritto; in nero, alcune mie riflessioni).
Air
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
x Udor

Molti di noi vorrebbero che il tradimento subìto si fosse fermato a dei baci in due incontri!
Ma credo che il problema sia quello di ogni tradimento.
La scoperta che il nostro partner ha fatto qualcosa che mai ci saremmo aspettati. Quimdi si è travolti dalla rabbia e dalla delusione e si fatica a ritrovare fiducia.
Credo che inoltre se, come mi sembra di aver intuito, è stata scoperta dopo quei due incontri, ti sia rimasto il dubbio che si trattasse di una cosa più importante di quel che dice e che vi fosse un forte coinvolgimento.
Inoltre non ti capaciti per la scelta di un uomo che consideri o meglio avresti considerato non pericoloso. Quindi l'aspetto dell'orgoglio ferito è molto importante.

Mi domando se sei riuscito a separare e riflettere su questi diversi aspetti.
 

Old simo

Utente di lunga data
Udor

Salve a tutti, mia moglie poco più di un anno fà aveva iniziato una relazione con un collega, la relazione è stata scoperta dopo i primi due incontri dove si sono scambiati solo dei baci (è oggettivamente credibile). A seguito di questo sono andato via di casa distrutto, lei mi ha ovviamente supplicato di non fare sciocchezze perchè era solo un'ammirazione per una persona brillante andata troppo oltre. Al mio rifiuto iniziale si sono susseguite patologie medio leggere da parte sua; nel testo delle mail scambiate con il tipo si trovavano frasi in cui lei si rende conto dello sbaglio che stà facendo, etc etc

Detto questo, il problema è che io alterno periodi in cui, estraneandomi dalla vicenda mi rendo conto che non è poi successo molto, i sensi di colpa erano presenti dal primo incontro, il suo pentimento e dispiacere per quello che ha fatto sono reali.

Ci sono poi altri momenti in cui non la vorrei semplicemente vedere, l'umiliazione subita è veramente troppo forte, penso di non riuscire assolutamente a venirne fuori.

Io penso di volerle ancora bene, certamente è un sentimento diverso dal precedente, ma questi miei momenti-no mi rendo conto che stanno minando seriamente il nostro rapporto.
Lei non mi chiede nulla, mi è molto vicina in questi momenti, fà veramente qualsiasi cosa per farmi star meglio, mi ascolta, parliamo molto di quello che è successo perchè ancora non me lo spiego (il tipo ha 55 anni lei 35) e questi sfoghi mi fanno star meglio.

Concludo chiedendo a chi avesse avuto esperienze simili, possono uno o più baci rovinare una vita assieme? Come ne siete venuti fuori?

Come posso superare questo periodo? mi rendo conto che il mio è un blocco psicologico.
Secondo voi dovrei/ dovremmo consultarci con un professionista?

Avete qualcuno da consigliarmi?

Caro Udor,
il perdono non è una cosa semplice...per nulla! Prima di tutto, secondo me (e per quanto riguarda la mia esperienza), devi capire cosa provi realmente x tua moglie. E' ovvio che il sentimento non sia lo stesso di prima, è impossibile, ma devi capire se cio' che senti è cosi' forte da farti continuare...poi devi iniziare il percorso, che non è ovviamente a senso unico, anzi! mi sembra di aver capito che lei si stia impegnando nel farti capire che vuole stare con te...ora sei tu che devi capire cosa vuoi,credo che la chiave sia tutta li', ovviamente il percorso non è affatto facile! In bocca al lupo.
Simo.
p.s. io sono contro aiuti "esterni", specie nel vostro caso...credo invece che riuscire a parlarne insieme sia un'ottima "terapia".
 

Nobody

Utente di lunga data
Se ami tua moglie, prova a lasciare da parte l'orgoglio e datevi una seconda possibilità.
 

Bruja

Utente di lunga data
Udor

In effetti quello che veramente è conflittuale in te è SE credere a quello che dice tua moglie! Un conto è pensare che sia come lei sostiene una questione di baci e nulla più, altyro è sapere davvero cosa lei sentiva! Non si tradisce perchè si va a letto ma perchè si trova altrove la complicità che dovrebbe essere prerogativa della coppia.
Se proprio devo dire la mia sensazione è che lei si è senza dubbio fatta irretire da un uomo navigato (55 contro 35 hanno una ottima motivazione in quel senso), e forse la sua è stat una "distrazione" per gratificarsi non è ben chiaro di che!
Forse il problema non è neppure se e come ti abbia tradito ma perchè veramente lo abbia fatto, nel senso che bisogna capire cosa lei pensa le sia mancato!
Quanto a te, il percorso post-tradimento è sempre diverso e uguale insieme, devi macinare tutte le fasi della disillusione, della crisi di identità e della delusione vera e propria, e ci vuole tempo e pazienza, ma soprattutto vedere chiaro in sè stessi.
C'è una frase che hai detto che ritengo emblematica ..... tua moglie ha detto che aveva sensi di colpa prima di cominciare.... encomiabile per la sua coscienza, ma non sono serviti come deterrente quindi, che lei ora ti stia seguendo in tutto è solo la normale parte che fa un traditore per riacquistare la fiducia compromessa.
Se credi di non riuscire ad essere sufficientemente analitico e ti senti in difficoltà ma vuoi recuperare il tuo matrimonio, forse un aiuto professionale, almeno all'inizio, sarebbe una scelta adeguata.
Bruja
 
O

Old Airforever

Guest
Non vi sembra..

..che anche solo dei semplici baci siano già un gran bel tradimento?
Air
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
concretezza e realismo

..che anche solo dei semplici baci siano già un gran bel tradimento?
Air
Tradimento è pensieri
Tradimento è sentimento ed emozioni
Tradimento è contatti emozionanti
Tradimento è baci
Tradimento è sesso
Tradimento è progettare nella menzogna

Tradimento è tutte queste cose...ma non sono uguali!
 
O

Old udor

Guest
Grazie a tutti per la risposte.
Sono diverse tra loro e probabilmente figlie di diverse interpretazioni o se vogliamo nascono dalle esperienze diverse che ognuno fà.

Ho capito in questo periodo molte cose, e purtroppo sulla mia pelle; mai dare nulla per scontato e soprattutto mai dire mai sono le più banali ma al tempo stesso quelle che più mi vengono in mente.
Mi rifaccio ad alcune delle vostre citazioni, tradimento è anche pensieri, verissimo ma in questo caso sarebbe molto difficile professarsi fedeli un pò per tutti; dei baci o del sesso spinto al fine del tradimento non fanno molta differenza anche se mi tengo volentieri i baci (piango con un occhio solo).

Quanto è avvenuto credo sia chiaro ed escluderei oggettivamente che ci sia stato di più per mancanza di tempo e di luoghi. Ed è proprio questo il problema, loro non hanno "consumato" non per mancanza di volontà a mio avviso, ma perchè ancora troppo presto e non ancora organizzati.
Questo è il mio chiodo fisso, naturalmente contestato da lei che in effetti si mostrava dubbiosa su quanto stava avvenendo. Io credo che sarebbe stata questione di tempo.

Bruja ha colto incredibilmente nel segno quando dice:

"In effetti quello che veramente è conflittuale in te è SE credere a quello che dice tua moglie! Un conto è pensare che sia come lei sostiene una questione di baci e nulla più, altyro è sapere davvero cosa lei sentiva! Non si tradisce perchè si va a letto ma perchè si trova altrove la complicità che dovrebbe essere prerogativa della coppia.
Se proprio devo dire la mia sensazione è che lei si è senza dubbio fatta irretire da un uomo navigato (55 contro 35 hanno una ottima motivazione in quel senso), e forse la sua è stat una "distrazione" per gratificarsi non è ben chiaro di che!
Forse il problema non è neppure se e come ti abbia tradito ma perchè veramente lo abbia fatto, nel senso che bisogna capire cosa lei pensa le sia mancato!"


Purtroppo sono proprio questi gli elementi di discussione ed i miei dubbi peggiori, non essendoci stato nessun elemento scatenante quale grossa litigata o evidenti incomprensioni o periodi di mutismo reciproco, quando lei mi dice che lui complimentandosi con lei sia per motivi di lavoro e non, interessandosi costantemente a lei riempiva quei vuoti che il nostro rapporto ormai consolidato dava per scontato, io ne soffro ancora di più, avrei preferito sentirmi dire perchè era bello e mi piaceva!
La mancanza di complicità poi, è quello che lei mi ha detto e che io devo ammettere, anche se la complicità mancava anche a me e non sono andato a cercarla altrove.....anzi.
Penso seriamente di volergli dare un'altra possibilità, credo abbia passato un periodo di crisi d'identità (maternità, cambio di lavoro, io non sempre a casa) o qualcosa del genere, purtroppo però sono orgogliosissimo e per me è veramente difficile da accettare.
Ma qualcuno di voi è stato tradito ed è riuscito non dico a dimenticare ma a perdonare seriamente? Io mi rendo conto di non riuscire più a godermi quei momenti, peraltro belli, che capitano in tutte le famiglie, non sono sereno, come mi rilasso un attimo arriva la vocina che mi ricorda quello che è successo.

Se conoscete un professionista che mi può aiutare in qualche modo fatemelo sapere.
Ancora grazie a tutti
Udor
 

Fedifrago

Utente di lunga data
Sarà banale ma...

Purtroppo sono proprio questi gli elementi di discussione ed i miei dubbi peggiori, non essendoci stato nessun elemento scatenante quale grossa litigata o evidenti incomprensioni o periodi di mutismo reciproco, quando lei mi dice che lui complimentandosi con lei sia per motivi di lavoro e non, interessandosi costantemente a lei riempiva quei vuoti che il nostro rapporto ormai consolidato dava per scontato, io ne soffro ancora di più, avrei preferito sentirmi dire perchè era bello e mi piaceva!
La mancanza di complicità poi, è quello che lei mi ha detto e che io devo ammettere, anche se la complicità mancava anche a me e non sono andato a cercarla altrove.....anzi.
Penso seriamente di volergli dare un'altra possibilità, credo abbia passato un periodo di crisi d'identità (maternità, cambio di lavoro, io non sempre a casa) o qualcosa del genere, purtroppo però sono orgogliosissimo e per me è veramente difficile da accettare.
Ma qualcuno di voi è stato tradito ed è riuscito non dico a dimenticare ma a perdonare seriamente? Io mi rendo conto di non riuscire più a godermi quei momenti, peraltro belli, che capitano in tutte le famiglie, non sono sereno, come mi rilasso un attimo arriva la vocina che mi ricorda quello che è successo.

Se conoscete un professionista che mi può aiutare in qualche modo fatemelo sapere.
Ancora grazie a tutti
Udor
Udor, sinceramente, devo dire che sei fortunato!!

Hai sotto gli occhi le motivazioni principali che portano a cercare altrove quello che per "abitudine" ci si scorda di dare NOI.
E sei fortunato perchè lei, evidentemente, voleva più richiamare la tua attenzione sul vostro rapporto (di cui tu stesso ammetti le pecche) che non andare per conto suo.

Ora, osservando quello che ti ho sottolineato, hai una traccia.

Lascia perdere l'orgoglio, forse anche lei ha bisogno di sentirsi amata da te!!

Cosa serve essere fedeli se si considera il partner un soprammobile? Lo si è perchè troppo pigri o troppo presi dalle nostre altre gratificazioni (lavoro successo etc etc)??

Guarda anche alle tue di carenze, le sue son lì evidenti, ammesse... se vuoi puoi risolverle!
 
O

Old sunrise

Guest
Udor, sinceramente, devo dire che sei fortunato!!

Hai sotto gli occhi le motivazioni principali che portano a cercare altrove quello che per "abitudine" ci si scorda di dare NOI.
E sei fortunato perchè lei, evidentemente, voleva più richiamare la tua attenzione sul vostro rapporto (di cui tu stesso ammetti le pecche) che non andare per conto suo.

Ora, osservando quello che ti ho sottolineato, hai una traccia.

Lascia perdere l'orgoglio, forse anche lei ha bisogno di sentirsi amata da te!!

Cosa serve essere fedeli se si considera il partner un soprammobile? Lo si è perchè troppo pigri o troppo presi dalle nostre altre gratificazioni (lavoro successo etc etc)??

Guarda anche alle tue di carenze, le sue son lì evidenti, ammesse... se vuoi puoi risolverle!
Quote quello che hai detto...ma da un estremo all'altro! Certo l'orgoglio in questi casi lasciamolo perdere, ma rendersi conto che lei ha bisogno di sentirsi amata e dico rendersene conto a fatto compiuto da lei, ti fa anche capire che bisogna ragionare e capire se ne vale poi tanto la pena di continuare e cercare di far sentire amata una persona che ti ha tradito e vuoi per una sua mancanza o vuoi per una tua mancanza non è stata in grado di farsi capire se non con il tradimento
 

Fedifrago

Utente di lunga data
Quote quello che hai detto...ma da un estremo all'altro! Certo l'orgoglio in questi casi lasciamolo perdere, ma rendersi conto che lei ha bisogno di sentirsi amata e dico rendersene conto a fatto compiuto da lei, ti fa anche capire che bisogna ragionare e capire se ne vale poi tanto la pena di continuare e cercare di far sentire amata una persona che ti ha tradito e vuoi per una sua mancanza o vuoi per una tua mancanza non è stata in grado di farsi capire se non con il tradimento
Sunrise, il mio non era un intervento generico valido per ogni occasione...ma nel caso specifico, viste le modalità (storia stroncata sul nascere e con molte titubanze da parte di lei) e sempre con la premessa che a LUI lei continui a interessare, che voglia davvero recuperare il rapporto, vale sicuramente la pena!
 
O

Old sunrise

Guest
Sunrise, il mio non era un intervento generico valido per ogni occasione...ma nel caso specifico, viste le modalità (storia stroncata sul nascere e con molte titubanze da parte di lei) e sempre con la premessa che a LUI lei continui a interessare, che voglia davvero recuperare il rapporto, vale sicuramente la pena!
...credo ne valga la pena se da quanto accaduto entrambi riescono a trarre i frutti dell'esperienza se pur negativa. Credo sia importante che ognuno dei due faccia un auto analisi di ciò che si è sbagliato nei confronti reciproci...ma se non saranno tutti e due umili da individuare i propri errori e comunque bravi e decisi nel non ripetrsi nel futuro, si troveranno da capo a dodici.
Mi auguro ci sia la voglia e la maturità di entrambi per superare il momento ed essere più uniti di prima
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
x Udor

Io ho fatto un elenco di gradualità di tradimento perché le cose sono molto diverse rispetto ai gradi di tradimento.
Tua moglie si è fermata (per sua volontà conscia o inconscia) in una fase iniziale.
Sei nelle condizioni per migliorare il rapporto rispetto a prima.
Lascia perdere l'orgoglio, forse è proprio l'orgoglio che ti ha impedito di raggiungere con tua moglie quell'intimità (io preferisco questo termine a "complicità", mica siete un'associazione a delinquere, siete una coppia!) di cui sentivate entrambi la mancanza.
Non la prenderei invece come trascuratezza da parte tua e bisogno di complimenti e attenzioni (mi sembra riduttivo), ma come modi diversi di comunicare tra voi.
Prima di una terapia fai in giro in una megalibreria. Io consiglio a tutti
http://www.lafeltrinelli.it/istituzionale/catalogo/scheda_prodotto.aspx?i=2447431
prova!
Ti abbraccio
 
O

Old udor

Guest
Grazie a tutti, quello che dite è vero. Il problema per me è l'orgoglio ferito. Non riesco ad accettare l'accaduto, non riesco a dimenticare. Mi sono reso conto solo dopo che a noi mancava la complicità o meglio non comunicavamo a 360 gradi. Naturalmente non giustifico il suo gesto ne mi do colpe per quanto accaduto, ma onestamente nei momenti in cui riesco a controllare l'orgoglio il nostro rapporto è migliore. Non dandomi colpe non pretendo di passare per quello perfetto, ma semplicemente non accetto il fatto che lei invece di dirmi (visto che io non capivo/vedevo) quello che non andava lo ha cercato in un altro. Forse io sono troppo razionale e non avendo mai tradito cerco spiegazioni "matematiche" al fatto.
Vi ringrazio ancora una volta, le riflessioni di Fedifrago, Bruja, Sunrise e Persa/Ritrovata per citare solo le più pungenti collimano incredibilmente con le nostre infinite chiaccherate e mi devo rassegnare ad accettare quelle che sono le sue motivazioni, motivazioni per me difficili da accettare per i motivi già detti, .......troppa razionalità e troppo orgoglio.

Ancora grazie e spero di uscirne fuori presto anche con i vostri consigli/punti di vista.

Udor
 
O

Old TurnBackTime

Guest
un attimo e tanto tempo...

la fiducia e' qualcosa che si guadagna con il tempo...tanto tempo...cosi come la stima...tua moglie ha tradito la tua fiducia...e tu hai perso la stima che avevi di lei....cose che si possono perdere entrambe in pochi giorni...a volte ore...ritrovarle si puo'...ma non si puo' sperare che sia facile e veloce come uno schiocco di dita...ci vuole impegno...da parte tua sicuramente...ma MOLTO DI PIU' DA PARTE DI TUA MOGLIE...la stima di lei potrai ritrovarla solo se SARA' LEI A DARTENE VERO MOTIVO...poi piu' che specificare se devi rivolgerti a un professionista o meno...io vorrei tanto sapere una cosa....questa persona particolarmente brillante...in che modo era cosi brillante?Era brillante la carrozzeria della sua auto?Era brillante il diamante che porta al dito?L orologio?Brillava la sua testa?Cosa aveva di superiore o di inferiore rispetto a te...perche' se tua moglie ha fatto quello che ha fatto...e tu da parte tua puoi solo avere la colpa di non averlo capito e probabilmente di averla data un po' per scontata...un motivo valido deve esserci...perche' proprio con questo e non con l idraulico?Con lui hai parlato?Vi siete scannati a parole?O non vi siete mai sentiti?
 
O

Old udor

Guest
E' la stima più che la fiducia quello che più sento di aver perso. Proprio quella stima grazie alla quale ho sempre evitato occasioni che un uomo raramente non coglie ora è scomparsa. Lei è intelligente, sà cosa provo, non chiede nulla, mi dice che saprà aspettare, anche tutta una vita, ma io sento che il sentimento che c'era prima ora è diverso.
Sono molto più freddo, vivo con il freno a mano tirato, faccio un passo avanti e due indietro, raramente mi lascio andare a tenerezze; solo a letto le cose vanno bene, forse anche meglio di prima, non è quello di cui ho bisogno ma è un buon collante. Sta facendo molto per recuperare, io non ne sarei capace a parti invertite, ma la delusione è stata troppa, i figli mi danno la forza per continuare a credere che c'è una possibilità. Le voglio bene, ma senza di loro forse avrebbe vinto l'orgoglio....
Lui chi è?
oggettivamente brillante, sportivo a livello nazionale e non, professore universitario più vari titoli che non dico per discrezione; aspetto piacevole ma nulla più, 55 anni, la cosa mi ha distrutto anche se lei mi ha invitato a considerare che se avesse voluto una storia di sesso con qualcuno probabilmente avrebbe cercato l'idraulico o il maestro di tennis.......
Non era la macchina o l'orologio, ma i suoi modi di fare, i continui complimenti, le attenzioni in un momento in cui lei credeva che io non avessi più molto interesse per lei, il rapporto scontato. Queste secondo lei sarebbero le cause scatenanti. Lui ha chiesto a lei di parlarmi quando ho lasciato casa, le ho detto che se lo incontro mi rovino, non potrei mai avere un colloquio normale con lui, uno dei due andrebbe a casa pesto, non scherzo e proprio per questo non l'ho mai cercato; mi rovinerei la vita. La cosa però so che mi sta lentamente consumando, non potermi sfogare come vorrei mi fà più male che bene.
Tu cosa avresti fatto ? sono curioso.
Udor
 
O

Old udor

Guest
E' la stima più che la fiducia quello che più sento di aver perso. Proprio quella stima grazie alla quale ho sempre evitato occasioni che un uomo raramente non coglie ora è scomparsa. Lei è intelligente, sà cosa provo, non chiede nulla, mi dice che saprà aspettare, anche tutta una vita, ma io sento che il sentimento che c'era prima ora è diverso.
Sono molto più freddo, vivo con il freno a mano tirato, faccio un passo avanti e due indietro, raramente mi lascio andare a tenerezze; solo a letto le cose vanno bene, forse anche meglio di prima, non è quello di cui ho bisogno ma è un buon collante. Sta facendo molto per recuperare, io non ne sarei capace a parti invertite, ma la delusione è stata troppa, i figli mi danno la forza per continuare a credere che c'è una possibilità. Le voglio bene, ma senza di loro forse avrebbe vinto l'orgoglio....
Lui chi è?
oggettivamente brillante, sportivo a livello nazionale e non, professore universitario più vari titoli che non dico per discrezione; aspetto piacevole ma nulla più, 55 anni, la cosa mi ha distrutto anche se lei mi ha invitato a considerare che se avesse voluto una storia di sesso con qualcuno probabilmente avrebbe cercato l'idraulico o il maestro di tennis.......
Non era la macchina o l'orologio, ma i suoi modi di fare, i continui complimenti, le attenzioni in un momento in cui lei credeva che io non avessi più molto interesse per lei, il rapporto scontato. Queste secondo lei sarebbero le cause scatenanti. Lui ha chiesto a lei di parlarmi quando ho lasciato casa, le ho detto che se lo incontro mi rovino, non potrei mai avere un colloquio normale con lui, uno dei due andrebbe a casa pesto, non scherzo e proprio per questo non l'ho mai cercato; mi rovinerei la vita. La cosa però so che mi sta lentamente consumando, non potermi sfogare come vorrei mi fà più male che bene.
Tu cosa avresti fatto ? sono curioso.
Udor
 
Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
Top