Gelosia...

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
R

roberto

Guest
Ciao a tutti,

vi espongo subito la mia situazione: sono fidanzato da ormai quasi 4 anni. Sia io che lei abbiamo una mentalità aperta, e - anche sulla base delle rispettive esperienze - riteniamo fondamentale che nei rapporti di coppia ciascuno conservi la propria libertà. Che senso ha stare assieme se non si è anzitutto liberi di fare ciò che si vuole?

Per questo, fin dall'inizio abbiamo messo al bando le nostre pulsioni "possessive", dicendoci chiaramente che ciascuno dei due poteva tranquillamente avere rapporti sessuali con altri, se ne avesse sentito il desiderio.

Ora, in questi 4 anni io sono rimasto sostanzialmente monogamo (se si esclude qualche bacio e nulla di più): non ho mai sentito un vero desiderio di avere rapporti con altre donne. Lei, invece, ha avuto diversi incontri ed avventure.

Non lo nego: provo gelosia. So che non dovrei, ma è così.
A volte, preso dal tarlo, finisco col chiederle i particolari dei suoi incontri. Ed qui, paradossalmente, che capisco che mi ama davvero: mai si è sottratta alle mie domande, mi ha risposto sempre con la massima sincerità, e pur provando un evidente imbarazzo, mai me l'ha fatto pesare.

Questo mi ripete solo che lei è molto più matura di me nell'affrontare le pulsioni. Credo che il problema stia tutto lì: devo riuscire a fronteggiare questa assurda gelosia, senza scaricare la colpa su di lei... che non ha mai infranto nessuna promessa fatta a me.

Datemi qualche consiglio spassionato. Fra le mie poche qualità, ritengo di avere quella dell'assenza di pregiudizi. Mi aspetto altrettanto da voi...
 
O

Old fay

Guest
x roberto

E' che secondo me poi, anche il rapporto che si prospetta il più moderno e il più aperto del mondo, alla fine scivola sulla gelosia. Non credo che si possa accettare la coppia aperta come se nulla fosse, prima o poi qualcosa comincia a dare fastidio. E poi secondo me se si ha bisogno di un'altra persona, anche solo per avventura sessuale o per pulsione, come dici tu, vuol dire che quel che hai non ti basta. io la penso così. Di solito una persona accetta l'idea della coppia aperta perchè non ha scelta davanti alle richieste del proprio partner, ma per esserne veramente convinti bisogna essere in due a volerlo, ad avere la stessa esigenza, senza accondiscendere perchè messi alle strette. Tu parti svantaggiato eprchè lei ha avuto avventure reali e quindi esigenza di averli, tu solo qualche bacetto!!! Non ti sembra un pò poco?
 

MariLea

Utente di lunga data
Premetto che non ritengo facile mantenere nel tempo un rapporto in assoluta libertà di questo tipo. Ce lo dimostra il fatto che la gelosia ha cominciato a far capolino... Non credo c'entri la maturità nel controllo delle pulsioni quanto l'uso e conseguente abitudine all'uso...
Non voglio fare discorsi di misurazione dell'amore, qui non abbiamo misuratori

Ci sono comunque dei punti di non ritorno in questo tipo di libertà ed ora devi solo cercare di cacciare via la gelosia, e come? Domanda difficile!
Puoi andare per tentativi... il primo che proverei è uscire dalla monogamia e fare un pò di esperienze, avventure ecc... E vedi l'effetto che fa, magari hai modo di constatare che non inficiano il tuo amore per lei e questo ti potrebbe aiutare credo...

Adesso spazio agli altri per soluzioni diverse....
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
..non ho capito bene ..

....fidanzati ...????????
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
..seriamente..

..lei gestisce in modo MATURO le sue pulsioni????!!!



...non ci riesco?
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
senza pregiudizi

roberto ha detto:
Ciao a tutti,

vi espongo subito la mia situazione: sono fidanzato da ormai quasi 4 anni. Sia io che lei abbiamo una mentalità aperta, e - anche sulla base delle rispettive esperienze - riteniamo fondamentale che nei rapporti di coppia ciascuno conservi la propria libertà. Che senso ha stare assieme se non si è anzitutto liberi di fare ciò che si vuole?

Per questo, fin dall'inizio abbiamo messo al bando le nostre pulsioni "possessive", dicendoci chiaramente che ciascuno dei due poteva tranquillamente avere rapporti sessuali con altri, se ne avesse sentito il desiderio.

Ora, in questi 4 anni io sono rimasto sostanzialmente monogamo (se si esclude qualche bacio e nulla di più): non ho mai sentito un vero desiderio di avere rapporti con altre donne. Lei, invece, ha avuto diversi incontri ed avventure.

Non lo nego: provo gelosia. So che non dovrei, ma è così.
A volte, preso dal tarlo, finisco col chiederle i particolari dei suoi incontri. Ed qui, paradossalmente, che capisco che mi ama davvero: mai si è sottratta alle mie domande, mi ha risposto sempre con la massima sincerità, e pur provando un evidente imbarazzo, mai me l'ha fatto pesare.

Questo mi ripete solo che lei è molto più matura di me nell'affrontare le pulsioni. Credo che il problema stia tutto lì: devo riuscire a fronteggiare questa assurda gelosia, senza scaricare la colpa su di lei... che non ha mai infranto nessuna promessa fatta a me.

Datemi qualche consiglio spassionato. Fra le mie poche qualità, ritengo di avere quella dell'assenza di pregiudizi. Mi aspetto altrettanto da voi...
La frase evidenziata è la questione centrale: se si è liberi in una coppia ..lo si è per essere liberi di stare insieme ..non di tenersi una persona sicura per proprio comodo e poi avere tutti i rapporti che ci possono essere offerti..
Inoltre due cose sono inquietanti:
1 che lei te ne parli nei particolari e tu li ascolti ...segno che non cogliete nessuno dei due la mancanza di reale interesse che questo indica
2 che lei trovi tanti ragazzi attraenti con cui ha voglia di far sesso al primo incontro (se non è al primo incontro ..si tratta di relazioni parallele alla vostra anche se di breve durata) ...ti informo che tanti uomini attraenti non si incontrano ..a nessuna età

E per quanto tu riguarda ..manifesti un problema, se solo ora provi disagio per questa situazione ...forse sei insicuro sessualmente e preferisci che sia lei a darti conferma della tua virilità ritornando da te dopo aver potuto fare confronti ..piuttosto che metterti in gioco realmente, pur avendone la possibilità...
Auguri..
 
N

Non registrato

Guest
io penso che non hai scelta lei t tradisce e tu subisci e non riesci a fare altrettanto
 
R

roberto

Guest
Persa/Ritrovata ha detto:
1 che lei te ne parli nei particolari e tu li ascolti ...segno che non cogliete nessuno dei due la mancanza di reale interesse che questo indica
Interesse verso cosa? Non capisco...

2 che lei trovi tanti ragazzi attraenti con cui ha voglia di far sesso al primo incontro (se non è al primo incontro ..si tratta di relazioni parallele alla vostra anche se di breve durata) ...ti informo che tanti uomini attraenti non si incontrano ..a nessuna età
Non ho mai detto che lei abbia avuto TANTE avventure... ora non ricordo di preciso, ma in questi quattro anni credo abbia avuto fra i cinque e i dieci incontri.

E per quanto tu riguarda ..manifesti un problema, se solo ora provi disagio per questa situazione ...
Per dire la verità, c'è stato un "fatto scatenante"... anche se me non ne sono reso conto subito. Magari più avanti ne parlerò, per adesso mi interessano i vostri consigli, e non vorrei influenzarli con racconti "equivoci".
 
N

Non registrato

Guest
roberto ha detto:
Ciao a tutti,

vi espongo subito la mia situazione: sono fidanzato da ormai quasi 4 anni. Sia io che lei abbiamo una mentalità aperta, e - anche sulla base delle rispettive esperienze - riteniamo fondamentale che nei rapporti di coppia ciascuno conservi la propria libertà. Che senso ha stare assieme se non si è anzitutto liberi di fare ciò che si vuole?

Per questo, fin dall'inizio abbiamo messo al bando le nostre pulsioni "possessive", dicendoci chiaramente che ciascuno dei due poteva tranquillamente avere rapporti sessuali con altri, se ne avesse sentito il desiderio.

Ora, in questi 4 anni io sono rimasto sostanzialmente monogamo (se si esclude qualche bacio e nulla di più): non ho mai sentito un vero desiderio di avere rapporti con altre donne. Lei, invece, ha avuto diversi incontri ed avventure.

Non lo nego: provo gelosia. So che non dovrei, ma è così.
A volte, preso dal tarlo, finisco col chiederle i particolari dei suoi incontri. Ed qui, paradossalmente, che capisco che mi ama davvero: mai si è sottratta alle mie domande, mi ha risposto sempre con la massima sincerità, e pur provando un evidente imbarazzo, mai me l'ha fatto pesare.

Questo mi ripete solo che lei è molto più matura di me nell'affrontare le pulsioni. Credo che il problema stia tutto lì: devo riuscire a fronteggiare questa assurda gelosia, senza scaricare la colpa su di lei... che non ha mai infranto nessuna promessa fatta a me.

Datemi qualche consiglio spassionato. Fra le mie poche qualità, ritengo di avere quella dell'assenza di pregiudizi. Mi aspetto altrettanto da voi...

Una domanda : che cosa caratterizza in maniera esclusiva, il vostro rapporto visto che vi siete scelti?

In altre parole, perchè vi scegliete l'uno con l'altro visti che vi siete definiti "coppia"...insomma.."coppia di che"?!!

E inoltre..come mai dici di avere cosi poche qualità...

Non è che che ti stimi cosi poco da non poter richiedere l'attenzione esclusiva della tua Signora?

Puzza di bruciato caro amico...i conti non ci tornano o mi sbaglio?

con simpatia

miciolidia.
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
roberto ha detto:
Interesse verso cosa? Non capisco...


Non ho mai detto che lei abbia avuto TANTE avventure... ora non ricordo di preciso, ma in questi quattro anni credo abbia avuto fra i cinque e i dieci incontri.


Per dire la verità, c'è stato un "fatto scatenante"... anche se me non ne sono reso conto subito. Magari più avanti ne parlerò, per adesso mi interessano i vostri consigli, e non vorrei influenzarli con racconti "equivoci".
Santo cielo l'interesse per voi ..tra di voi ...l'una per l'altro!
Un fatto è mettere in conto che possa succedere di provare interesse per un'altra persona ed essre pronti a mettersi in discussione e a rivedere il rapporto...un conto accettare k il/la proprio/a partner abbia una vita promisqua...ma che partner è!?!
Roberto ci sono donne (non inibite..ma con autostima) che 5 o 10 uomini li hanno in una vita! Guarda che il personaggio di Samantha in "Sex and the city" piace e diverte le donne perché ..si comporta come un uomo e comunque il suo comportamento è la manifestazione di un grave problema a darsi realmente in un rapporto oltre il sesso...

E il fatto che tu nello stesso periodo non abbia incontrato nessuna ragazza disponibile con cui ti sia venuto naturale fare sesso indica quanto sia squibrato il vostro rapporto..
Non posso che dirti quello che ti hanno già detto : quale rapporto di coppia?!!!
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
ops

promiscua..
 
P

pepe

Guest
Roberto ha chiesto un consiglio a persone senza pregiudizi.
Chi ha pregiudizi in merito farebbe bene, anche per rispetto delle idee altrui, ad astenersi da risatine e lezioni su come deve essere una coppia, la concezione comune la conosciamo tutti.
E' un sito aperto o chi non sostiene le vostre idee viene lapidato? E allora ditelo!
 

Bruja

Utente di lunga data
Pregiudizi?

Intanto mando un saluto di benvenuto a pepe, credo sia un nuovo iscritto............
E adesso affrontiamo una cosa èpiù impportante dei rapporti liberi e disimpegnati del nostor amico................
I primi pregiudizi sono stati espressi da lui pensando che noi ne avessimo!!! Detto questo, che due fidanzati si scambino la massima confidenza e fiducia e frequentino sessualmente altre persone è cosa di nessuna rilevanza se entrambi sono d'accordo.
Il poblema sorge quando, con tutta la buona volontà, uno si rende conto che della libertà non he ha tutto sommato bisogno perchè il rapporto con lei gli basta, e vede la partner che poco o tanto riesce ad avere rapporti sessuali estranei e li racconta, se richiesta, con la massima trasparenza.
Qui non si tratta di preconcetti, ma di carattere, di indole, di disposizione. Lui è libero di mente e di pensiero, ma è una libertà che sapendo di averla non usa, lei idem ma la usa all'occasione. Non ho voglia di essere additata di oscurantismo solo perchè trovo sbilanciato il rapporto, ma c'è una cosa che non comprendo? Come mai, lei che presumo ami il fidanzato, non si accorge che qualcosa non funziona? Non percepisce che lui ha cambiato atteggiamento mentale verso questa intesa liberale (non mi spingo al libertinaggio visto che sono senzienti)? O preferisce non affrontare la cosa?
La verità è che credo che se la stiano raccontando più per convincere sè stessi che altro, con una differenza, lei ci riesce benissimo, lui comincia ad accusare il peso della libertà.
A proposito la libertà è una cosa magnifica, ma alla libertà malintesa si può anche soccombere................. fino ad essere talmente liberi che i legami vengono avvertiti come evanescenti.
Bruja

p.s. domanda che faccio a tutti, quindi non mirata al caso ma attinente: quando secondo voi in un simile accordo il sesso lascia il passo a sentimenti diversi?
E' proprio vero che il sesso può essere goduto senza alcun coinvolgimento?
E quando può accadere di incontrare chi ci fa sballare i piani e ci coinvolge al punto da volersi riprendere TUTTA LA LIBERTA'........... ???
 
P

pepe

Guest
Penso che tu, al contrario di lei, non eri pronto per questo tipo di rapporto.
Poi sta a vedere cos'è che ha fatto scattare la tua gelosia dopo quattro anni, è un coinvolgimento a livello emotivo oltre che fisico quello che temi?
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
...e Roberto?

...e Roberto cosa pensa?
Ho cercato di rispondere su un problema posto..
Se ritenesse tutto tranquillo ..non proverebbe gelosia né si sarebbe posto alcun problema..
Esistono modi diversi di stare insieme ...ma ...visto che le grasse risate..non risatine.. erano mie...non chiamiamo "fidanzati" chi ha quel tipo di rapporto.
Va bene che ogni generazione cambia i termini per definire lo stare insieme ..ma comunque ..anche se usato con un po' di autoironia quando un rapporto è agli inizi...i termini fidanzati si usa persone che danno al loro stare insieme un valore di impegno e di progettualità..che nella descrizione di Roberto non vedo..
Che sia un modo maturo di gestire le proprie pulsione quello di avere rapporti con tutti i ragazzi che si trovano attraenti ....mi sembra altrettanto risibile..
Anche il trovare piacevole avere rapporti occasionali è segno di una considerazione del sesso svincolata dai sentimenti non particolarmente sana (abbiamo anche un cervello..) oltretutto è più difficile un sesso soddisfacente senza fiducia, abbandono e intesa (cose che credo non si trovino in un rapporto occasionale)
Un modo maturo di gestire le proprie pulsioni è controllarle..a parte questo ...il loro è un rapporto squilibrato anche all'interno del loro patto..
Sì ho cercato di far notare in modo provocatorio la contraddizione di alcune affermazioni ...spero che siano state notate...
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
coppia ..

Ah ..come deve essere una coppia proprio non lo so..non so cosa bisogna condividere ..cosa si deve fare insieme ..cosa separatamente..cosa deve essre vissuto autonomamente e poi riportato all'interno della coppia ..anzi non mi piace neanche mi piace il termine coppia ..credo sia meglio di parlare di persone autonome che si scelgono per vivere un pezzo di vita insieme..il più lungo possibile con sincerità e rispetto..con impegno e fatica ...però si deve essere in due non una folla ..
 

Lettrice

Utente di lunga data
Caro Roberto,

mi chiedo, ma a te questa relazione cosi' libertina ti sta' bene? Perche' vedi se ti stesse bene al 100% non saresti neanche qui in questo forum, tantomeno ti rovineresti il fegato chiedendo particolari alla tua lei assolutamente poco gradevoli.

Vedi per amore si accettano tante situazioni del caspio che in normale stato mentale non prenderemmo neanche in considerazione.

Non critico la vostra relazione perche' se realmente va bene per tutt'e due vi faccio tanto di cappello.
 

Bruja

Utente di lunga data
rammento un caso....

..forse non completamente uguale ma attinente, in cui una coppia di sposi, arrivati alla routine senza essere riusciti ad intervenire in tempo, hanno cercato di arrangiare il loro rapporto permettendosi una tranquilla libertà sessuale e di incontri, e mantenendo la complicità nel raccontarseli. L'idea era che prendersi queste libertà, condividendole, era una forma di complicità avanzata.
Peccato che le regole in questi casi, pur credendo di stabilirle con la ragione, devono poi vedersela con le sensazioni.
Era un rapporto che viveva con la convinzione di essere liberali e sulla certezza che così non c'era tradimento............... era vero, perchè non c'era neppure amore.
Era solo un accordo pseudo-sentimentale in cui, in nome di una liberalità passata per progressismo, ci si teneva una situazione decantata e "cotta". La vera libertà sarebbe stata prendere atto che la coppia non esisteva più e che lo stare insieme era dovuto a fattori di convenienza o interesse che con l'essere liberi, divergendo da una morale ritenuta restrittiva, era solo un pretesto.
Infine, una cosa abbastanza triste.
Ora ripeto, tutto perfetto se due fidanzati, che potrebbero fare scelte liberali anche più drastiche, cioè valutare se sono davvero una coppia complice o se è l'intrigo che fa da mastice a tutta questa liberalità, decidono che questa è la via che vogliono intraprendere, e che ovviamente dovranno mantenere nel matrimonio (o hanno altri programmi per il dopo ???), devono far fede all'accordo e se uno dei due, comincia ad avvertire dei malesseri, specie se è quello che della libertà praticamente non fa uso, l'intesa e le motivazioni per cui questo tipo di rapporto esiste sono saltate.......
Sarebbe opportuno parlare alla ragazza e sperare che sia altrettanto liberale nel capire che ci sono sensazioni e stati d'animo oltre i quali certe liberalità sono un accampare pretesti quando sarebbe molto più equo prendersi cura del benessere della coppia in sè.
Diversamente è ovvio che si tiene più alla propria indole che ad una pretestuosa libertà che, allo stato, appare squilibrata ed il cui, volenti o nolenti, l'intesa delle affinità pare sia già saltata per conto suo.
Bruja
 
N

Non registrato

Guest
pepe ha detto:
Roberto ha chiesto un consiglio a persone senza pregiudizi.
Chi ha pregiudizi in merito farebbe bene, anche per rispetto delle idee altrui, ad astenersi da risatine e lezioni su come deve essere una coppia, la concezione comune la conosciamo tutti.
E' un sito aperto o chi non sostiene le vostre idee viene lapidato? E allora ditelo!
Hai ragione Pepe. Anche se, personalmente spero che il post di Roberto sia solo uno scherzo. Se cos' non fosse, rispetto (anche se non condivido) il suo (e quello della "sua" tipa) metodo di fidanzamento. Metto tra virgolette il termine "sua" perchè dovrei usare il termine "loro".
Non essere succubi mi sta bene. Ma condividersi (anche consenzientemente) con altre persone non credo sia un fidanzamento.
Immaginiamo se volessero sposarsi 'sti due tizi...scusate l'ironia ma forse è meglio dire questi...TANTI tizi!
Lele
 
Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
Top