Facciamo due conti...

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
D

disillusionista

Guest
Un rapporto finisce perchè uno dei due ha tradito l'altro.

Chi tradisce perde l'amore e la stima del partner, oltre tutto quello che li teneva uniti, i progetti o il concreto che avevano in comune, a seconda dello stadio della relazione. In alcuni casi, guadagna un senso di colpa.
Chi è tradito prende coscienza di chi si trova veramente a fianco e perde sostanzialmente un'illusione, cede il falso in cambio del vero.

Teniamo da parte la sofferenza dell'impatto iniziale dell'esperienza tradimento e focalizziamo la nostra attenzione sul risultato finale:
chi dei due ha perso in realtà?!
 
O

Old Fa.

Guest
Il traditore/traditrice ci ha perso: ..... perchè questa/o voleva "capra e cavoli nello stesso recinto" ... mentre invece, ..... ha perso tutta la Fattoria in un colpo solo


La persona tradita ha un vantaggio enorme: ha scoperto finalmente con chi ha vissuto e il vero volto del suo ex partner ....(speriamo ex).

PS: ci perde anche la persona tradita, ... solo se questa perdona il traditore
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
..e il traditore?

..il traditore scoperto ..ovvero quello che non aveva incontrato l'amore della sua vita, ma voleva sentirsi "figo"...si accorge di non essere più tanto "figo" ..ma anzi si sente un po' pirla ...

..ovvio se ha conservato qualche neurone..
 
O

Old Fa.

Guest
Persa/Ritrovata ha detto:
..il traditore scoperto ..ovvero quello che non aveva incontrato l'amore della sua vita, ma voleva sentirsi "figo"...si accorge di non essere più tanto "figo" ..ma anzi si sente un po' pirla ...

..ovvio se ha conservato qualche neurone..
Se davvero è come dici carissima,

Credo davvero che ognuno si sia meritato la sua croce, ... se una persona è tanto stupida, ... non credo che chi gli fosse assieme possa essere meglio.
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
cattivo

Fa. ha detto:
Se davvero è come dici carissima,

Credo davvero che ognuno si sia meritato la sua croce, ... se una persona è tanto stupida, ... non credo che chi gli fosse assieme possa essere meglio.

 
O

Old sunrise

Guest
Chi tradisce ha perso un'occasione e potrà sempre rimproverarselo !!!
Chi è stato tradito ha perso tempo e non avrà nessun rimorso e non potrà rimproverarsi mai niente!!!
 
A

asia

Guest
sunrise ha detto:
Chi è stato tradito ha perso tempo
Chi può dirlo... magari avrà imparato qualcosa da questa esperienza ed il tempo che serve per imparare non è mai perso.
 
N

Non registrato

Guest
asia ha detto:
Chi può dirlo... magari avrà imparato qualcosa da questa esperienza ed il tempo che serve per imparare non è mai perso.
1 anno, 2 anni, non è tempo perso. Oltre, è sprecato.
 

Miciolidia

Utente di lunga data
Non registrato ha detto:
1 anno, 2 anni, non è tempo perso. Oltre, è sprecato.


Sprecato ?!! e perchè lo sarebbe?


perchè si ha bisogno di rinnovare l'illusione di essere capaci di sedurre ancora?


Se potrebbe essere questa la risposta non credi che sarebbe piu' interessante sedurre sè stessi trovando la voglia di farlo con chi ci sta accanto?

oppure è troppo faticoso darsi una rimescolatina dentro di se?
 

Bruja

Utente di lunga data
disillusionista

Al solito quando l'argomento potrebbe meritare un km. di post meglio essere pragmatici.

Chi è tradito ha delusione e disillusione, prende atto che l'altra parte non era come sembrava ma, a parte il dolore e la ferita morale e sentimentale e qualche crisi periodica di identità, in sostanza resta la stessa persona di prima, ha forse la sensazione di aver perso tempo, ma è anche vero che finchè l'ha vissuto certa di averlo ben impiegato può anche pensare che in sè stava vivendo uno stato di benessere oggettivo.

Chi tradisce, oltre a giocarsi la fiducia, la stima e l'irrimediabile cambiamento delle valutazioni e delle aspettative che aveva investito su di lui/lei l'altro/a, la vera sconfitta per me è che si deve misurare con la sua debolezza di fronte all'etica personale. Chi cede al proprio compensarsi o soddisfarsi a spese altrui, scende a compromessi prima di tutto con sè stesso.
Sò bene che c'è chi la pensa diversamente, ed ognuno si regola come preferisce, ma non rendersene conto significa solo che nella vita ci facciamo bastare quello che ci basta, senza aspirare a superarci ed a motivarci più profondamente; una specie di alzo zero delle proprie aspirazioni sentimentali, quando si potrebbe alzare lo sguardo verso qualcosa di più alto del proprio ristretto orizzonte.
Non si tratta di rinuncia tout court, ma di capacità di affrontare le proprie variazioni di comportamenti e di attitudini evitando l'inganno verso chi si affida a noi.
Bruja
 
D

disillusionista

Guest
Bruja ha detto:
la vera sconfitta per me è che si deve misurare con la sua debolezza di fronte all'etica personale.
E tu quale credi che sia l'etica personale di chi è capace di ingannare, di abusare della fiducia altrui?
C'è coscienza della debolezza o ciascuno la nasconde a se stesso come meglio può?
 

Bruja

Utente di lunga data
disillusionista

Ognuno dà quel che può dare e si rapporta con quello che fondamentalmente è; se non ci arriva perchè è mentalmente ed esistenzialmente un incapace di raziocinio, non è colpa sua, qualche pezzo di catena del DNA e scollegato anche se esteriormente non si nota, mentre se si comporta scientemente da furbacchione siamo di fronte semplicemente ad un cialtrone/a che crede che gli abusi siano un diritto divino.
Nel primo caso sta a noi non farci bastare così poca cosa, nel secondo sapendo con chi si ha a che fare, possiamo sempre decidere se tenercelo, come accade a volte per altre convenienze, e di mollarlo, sapendo che una simile indole non portà cambiare comunque.
Quanto all'etica personale in senso generale, la conoscono bene, non la praticano solo per loro comodo tacitando la loro coscienza. Anche se quella esiste loro malgrado, non viene tenuta in considerazione, esattamente come il famoso grillo parlante.
Va da sè che per mke sarebbe una sconfitta, e questo intendevo, loro, che bastano a se stessi per quel poco che decidono di valere trovano sempre una via di fuga dalla coscienza.
Una cosa deve essere chiara, questa percentuale è altissima perchè la sola cosa a cui si tiene non è la propria autostima, ma non essere scoperti!! E' a quel punto che, con buona pace delle ricostruzioni cercate ad oltranza, una bella porzione di quel matrimonio o convivrenza non avrebbe più ragione di essere.
Bruja
 
Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
Top