Eppure non mi sento bene...

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
O

Old fay

Guest
...nonostante lui mi abbia voluta rivedere per dirmi che senza di me sta male e che gli manco, che non riesce a fare a meno di noi e di tutte le nostre cose....ma che lei c'è. Ci siamo visti, si, siamo usciti siamo rimasti insieme fino all'alba, poi lui è andato fuori il week end con lei, come faceva un tempo, prima che restassimo da soli senza di lei. Allora non mi dava fastidio, anzi, era il mio amante e mi dava un attimo di respiro quando spariva, io riprendevo in mano la mia vita normalmente, non vedevo l'ora che tornava si, e mi telefonava subito, immediatamente, ci vedevamo, era stupendo, poi quando con lei è finita abbiamo cominciato a fare tutto insieme. Era bello, c''era progettualità, il nostro rapporto era cresciuto. Eravamo io e lui e basta. Immaginate i miei sacrifici. Comunque c'era la prospettiva del futuro, non ne parlavamo ma nell'aria c'era il credere di stare progredendo verso qualcosa. Poi lei è tornata, lui l'ha fatta restare e...sparita io. Non so se questa possa considerarsi una ripresa, manca la progettualità perchè sappiamo dove ci ha portati, da nessuna parte, e chi ha fatto soffrire. Io mi sento diversa, oggi non attendo il suo ritorno come un anno, due anni fa, oggi non posso pensare che ci vediamo per stare insieme e per dirci...mi sei mancto un casino non vedevo l'ora di rivederti, perchè TU hai scelto di andare fuori con lei. Potevi farlo con me. Tutto quello che ti è capitato è stata la tua scelta, o non scelta forse. Si può tornare indietro in una storia? Quando ti rendi conto che poi non ce l'hai fatta a prosegurie in quella progettualità, ma che comunque c'è del sentimento ancora, è giusto mantenerlo pur di non perderlo del tutto e accontentarsi di vivere la storia a metà. Io mi sento un pò così...insomma, so che lui sta cercando di evitare di dargli quell'impostazione di allora perchè altrimenti ci ritroveremmo da capo a dodici, ma vivere così un rapporto dopo che comunque è stato importante è giusto? Io non lo so anche se poi mi dico ma io sono sposata e ragiono come una libera. E la cosa che più mi da fastidio è lei che non fa che dirgli "io so che tu non la cercherai mai, ma se lo facesse lei devi dirmelo..." e so che non fanno sesso, e so che insomma, di buono c'è che il dolore quello forte, devastante è attualmente scomparso, c'è amarezza, non c'è più dentro di me quell'impeto di gioia e di forza che mi proiettava esclusivamente verso di lui. Ecco, avevo bisogno di parlare un pò. Baci!
 

Insonne di Seattle

Utente di lunga data
Tesoro, ascoltami.

Quando dici "so che non fanno sesso", perdonami, ma mi viene da ridere. Spero che tu sia abbastanza intelligente e non ofuscata dalla confusione che discerni le kazzate dal reale.

Io non so come si fa a vivere una situazione come la tua, e probabilmente non lo saprò mai. permettimi però, rispettosamente, di mettermi nei panni di tuo marito.

Se io sapessi che mia moglie ha rinunciato ad essere mia moglie per correre appresso ad un sessantenne, impegnato, che neppure se la vuole caricare e che la usa a suo piacimento illudendola ... non solo mi incazzerei a morte, ma perderei irreversibilmente la stima in mia moglie. E' vero che amore e stima sono legati (non è solo una battuta tra Pina e Ugo Fantozzi).
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
Fay


anzi!

 

Old bastardo dentro

Utente di lunga data
...nonostante lui mi abbia voluta rivedere per dirmi che senza di me sta male e che gli manco, che non riesce a fare a meno di noi e di tutte le nostre cose....ma che lei c'è. Ci siamo visti, si, siamo usciti siamo rimasti insieme fino all'alba, poi lui è andato fuori il week end con lei, come faceva un tempo, prima che restassimo da soli senza di lei. Allora non mi dava fastidio, anzi, era il mio amante e mi dava un attimo di respiro quando spariva, io riprendevo in mano la mia vita normalmente, non vedevo l'ora che tornava si, e mi telefonava subito, immediatamente, ci vedevamo, era stupendo, poi quando con lei è finita abbiamo cominciato a fare tutto insieme. Era bello, c''era progettualità, il nostro rapporto era cresciuto. Eravamo io e lui e basta. Immaginate i miei sacrifici. Comunque c'era la prospettiva del futuro, non ne parlavamo ma nell'aria c'era il credere di stare progredendo verso qualcosa. Poi lei è tornata, lui l'ha fatta restare e...sparita io. Non so se questa possa considerarsi una ripresa, manca la progettualità perchè sappiamo dove ci ha portati, da nessuna parte, e chi ha fatto soffrire. Io mi sento diversa, oggi non attendo il suo ritorno come un anno, due anni fa, oggi non posso pensare che ci vediamo per stare insieme e per dirci...mi sei mancto un casino non vedevo l'ora di rivederti, perchè TU hai scelto di andare fuori con lei. Potevi farlo con me. Tutto quello che ti è capitato è stata la tua scelta, o non scelta forse. Si può tornare indietro in una storia? Quando ti rendi conto che poi non ce l'hai fatta a prosegurie in quella progettualità, ma che comunque c'è del sentimento ancora, è giusto mantenerlo pur di non perderlo del tutto e accontentarsi di vivere la storia a metà. Io mi sento un pò così...insomma, so che lui sta cercando di evitare di dargli quell'impostazione di allora perchè altrimenti ci ritroveremmo da capo a dodici, ma vivere così un rapporto dopo che comunque è stato importante è giusto? Io non lo so anche se poi mi dico ma io sono sposata e ragiono come una libera. E la cosa che più mi da fastidio è lei che non fa che dirgli "io so che tu non la cercherai mai, ma se lo facesse lei devi dirmelo..." e so che non fanno sesso, e so che insomma, di buono c'è che il dolore quello forte, devastante è attualmente scomparso, c'è amarezza, non c'è più dentro di me quell'impeto di gioia e di forza che mi proiettava esclusivamente verso di lui. Ecco, avevo bisogno di parlare un pò. Baci!
tu sai che io ti capisco in pieno e sai come la penso. quello che fai tu tiene solamente vivo il dolore, straziante, il pensiero di cio' che poteva essere e non e' stato. per me e' passato quasi un anno senza vedersi... un anno della mia vita... ma piu' che mai sono consapevole che solamente tagliando I ponti si puo uscire da certe situazioni. e' inutile dirtelo, lo so. io ho fatto come te, contro tutto e contro tutti. ma arriva un momento in cui bisogna arrendersi, lasciare andare coloro che hanno fatto scelte diverse. lasciare andare chi e legato a noi per consuetudine o convenienza oppure riaapropriarsi della propria vita. cio che, a mio avviso non si dovrebbe fare, e vivere in uno strano limbo per cui, in cambio di scampoli di vita, si continua a pensare a cio' che poteva essere ed invece non ez stato. quando il dolore avra' fatto il suo percorso, a poco a poco, farai le tue scelte ma devi permettere al dolore di scorrere e continuare a vedersi o sentirsi, per quanto ti possa sembrare causa di momentaneo benessere, e paragonabile a voler fermare un fiume in piena con pochi tronchi. l'avanzata dell'acqua e' solo ritardata e l'impatto della piena e' forse ancora piu' devastante. ti abbraccio con tanto tanto affetto

bastardo dentro
 
O

Old Confù

Guest
Fay, sei ad 1 punto di non ritorno!!!!per favore svolta!!!!!!
eravate tu e lui(diciamo...)c'era progettualità...poi lei è tornata e lui ha scelto lei....e poi è ritornato a dirti che gli manchi!!!!!capisco fare l'amante....poi sei stata ufficiale(tralasciando sempre tuo marito), ma che poi lui...per qualsiasi motivo scelga di nuovo lei NO! si deve andare avanti nella vita MAI indietro!!!!
per questo ti dico, sei ad 1 punto di non ritorno!!!

Non dev'essere lui a dare poca importanza a questa cosa, per non essere punto e a capo...ma TU! e se vuoi ce la puoi fare!!!!davanti a queste cose non c'è amore che tenga...ma rispetto, per noi stesse in primis!!!

1 bacio
 
O

Old fay

Guest
Lo so. Sono intelligente Insonne, ho superato la fase del "fanno sesso" non gliel'ho mai chiesto e non me n'è mai fregato nulla se lo facevano o meno, so che era naturale, non mi ha mai dato fastidio insomma. Adesso lui è depresso ed è sotto psicofarmaci, So per certo che in questo momento, da quando sono tornati insieme hanno grosse difficoltà. Non mi sento fica perchè con me scopa e con lei no, sono moglie anche io e so cosa voglia dire stare dall'altra parte. Andavo oltre. In ogni caso grazie per gli interventi. Sono giusti, così come io so che giusto era stareinsieme noi due e non loro, la loro storia è un tornare indietro, non la nostra che si è semplicemente interrotta pur funzionando bene. Ieri sera ho parlato a lungo con mio marito, io credo che ci sperareremo, ma che senso ha? E credo che il mio andare avanti attualmente risieda in questa scelta, il resto...può aspettare, è di poca importanza. Baci!
 
O

Old fay

Guest
Insonne!!

Ti rileggevo Insonne, ti rendi conto che mio marito non mi ha mai detto nulla? Nemmeno l'altra notte che sono tornata alle 4 di mattina? E questo pensi non mi crei problemi? So che è una ficata potersi fare i cavoli propri alle volte, ma avrei preferito un marito che mi avesse sbattuta al muro, e questo è anche uno dei miei problemi con lui, ma che marito ho? Non solo mi trascura nel male ma mi ha trascurata anche nel bene. Io non voglioadnjare avanti così. Resterò sola, ok a sarò a posto con me stessa.
 

Verena67

Utente di lunga data
Ti rileggevo Insonne, ti rendi conto che mio marito non mi ha mai detto nulla? Nemmeno l'altra notte che sono tornata alle 4 di mattina? E questo pensi non mi crei problemi? So che è una ficata potersi fare i cavoli propri alle volte, ma avrei preferito un marito che mi avesse sbattuta al muro, e questo è anche uno dei miei problemi con lui, ma che marito ho? Non solo mi trascura nel male ma mi ha trascurata anche nel bene. Io non voglioadnjare avanti così. Resterò sola, ok a sarò a posto con me stessa.

Il problema è sicuramente tuo marito. Nel senso che una persona sola non fa un matrimonio. Il vostro non è un matrimonio, o quantomeno non lo è piu' se lo è stato (ma dubito, probabilmente lui è stato un pigmalione...ricordavo giorni fa la tua laurea in medicina...e poi persosi per strada questo ruolo non gli è rimasto molto da fare per te...).

Io non ho ancora afferrato bene che tipo di persona sei, che tipo di progettualità hai per te stessa. Forse non lo sai nemmeno tu.

Ma sai bene che non è il sessantenne a potertela dare. E non credo nemmeno il marito. Sono entrambi sul viale del tramonto esistenziale, gli anni che hanno davanti li vogliono vivere in pace senza rotture di balle, come dar loro torto?


Fay, trovati il TUO destino, accanto ad un coetaneo, se proprio devi.

Non mi sento in sincerità di dirti altro.

Ti abbraccio.
 
O

Old fay

Guest
Le mie due lauree se è per questo...!!! Va bè lasciamo stare. Comunque grazie al cielo lavoro grazie a quella in Lettere e annessi....lui non mi è servito. A parte ciò, ho due maschietti sul viale del tramonto, è vero, ne amo uno, l'altro è il mio compagno di famiglia, un fratello, non so. Il padre dei miei figli...boh? Quello che amo è ancora più vicino al tramonto di mio marito....mi troverò un liceale finirà. Ma non è l'uomo quel che voglio, adesso voglio ritrovare me stessa. Spero di farcela. Grazie.
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
Le mie due lauree se è per questo...!!! Va bè lasciamo stare. Comunque grazie al cielo lavoro grazie a quella in Lettere e annessi....lui non mi è servito. A parte ciò, ho due maschietti sul viale del tramonto, è vero, ne amo uno, l'altro è il mio compagno di famiglia, un fratello, non so. Il padre dei miei figli...boh? Quello che amo è ancora più vicino al tramonto di mio marito....mi troverò un liceale finirà. Ma non è l'uomo quel che voglio, adesso voglio ritrovare me stessa. Spero di farcela. Grazie.
Ma ti puoi trovare solo se accetti di stare SOLA totalmente senza nessun uomo in cui rispecchiarti.
Vedendo cosa ti piace di te e cosa non ti piace senza aspettarti che le reazioni di un uomo ti dicano in cosa vai bene.
Definisciti da sola!
 
O

Old fay

Guest
E' che sono sempre stata proiettata verso un uomo. Mi sono fidanzata presto per tanti anni, poi ancora, poi ancora, sempre in coppia, sempre dipendente da un uomo affettivamente, non sono mai stata sola, mai. Le sole cose che mi fanno essere veramente felici sono l'amore e il sesso, un uomo, distinguo molto queste cose dai figli, famiglia, amici, tempo libero e lavoro. Io sono fatta così. Forse sono stata poco amata, o forse troppo. I miei genitori mi hanno avuta tardi, ho un fratello molto più grande di me. Fate vobis!!!
 

Verena67

Utente di lunga data
Le mie due lauree se è per questo...!!! Va bè lasciamo stare. Comunque grazie al cielo lavoro grazie a quella in Lettere e annessi....lui non mi è servito. A parte ciò, ho due maschietti sul viale del tramonto, è vero, ne amo uno, l'altro è il mio compagno di famiglia, un fratello, non so. Il padre dei miei figli...boh? Quello che amo è ancora più vicino al tramonto di mio marito....mi troverò un liceale finirà. Ma non è l'uomo quel che voglio, adesso voglio ritrovare me stessa. Spero di farcela. Grazie.

ricordavo bene le due lauree, ma volevo sottolineare quella in medicina proprio per la sua "stranezza": di solito si laurea in medicina chi ha una "vocazione", è evidente che non era il caso tuo, visto che ti occupi di altro.

Insomma, giri giri sei bella vitale, capace, ma disancorata da te stessa...o no?!

Bacio!
 
O

Old fay

Guest
Forse si, mi sono laureata dopo che è nato mio figlio piccolo, è stato malissimo, ricoverato un mese in terapia intensiva, ed io ho voluto un pò sfidare il destino, non so, come se glielo dovessi...ed era un sogno nel cassetto che avevo da sempre. Ti dirò pure che prima dil aurearmi in lettere mi ero iscritta a Lingue, scienze politiche...stavo per...architettura...un disastro lo so! Sono un pò eclettica, eccentrica, non è poi tanto facile seguirmi, mentre mi parlano già so la risposta e passo ad altro...
 

Fedifrago

Utente di lunga data
E' che sono sempre stata proiettata verso un uomo. Mi sono fidanzata presto per tanti anni, poi ancora, poi ancora, sempre in coppia, sempre dipendente da un uomo affettivamente, non sono mai stata sola, mai. Le sole cose che mi fanno essere veramente felici sono l'amore e il sesso, un uomo, distinguo molto queste cose dai figli, famiglia, amici, tempo libero e lavoro. Io sono fatta così. Forse sono stata poco amata, o forse troppo. I miei genitori mi hanno avuta tardi, ho un fratello molto più grande di me. Fate vobis!!!
Non per fare psicologia spicciola, ma il parallelismo fra i genitori anziani e questi compagni "anziani" lo avrai sicuramente fatto no?

Eri un pò la cocca di famiglia, quella a cui veniva tutto permesso e tutto perdonato?
Non vi è un pò il "gusto" di esser per forza sopra le righe, per attirare l'attenzione, per richiedere affetto, anche provocare reazioni forti, pur di sentirti al centro?
 
O

Old fay

Guest
fedi

Forse si, la mia famiglia comunque è un pò pazza, non è italiana del tutto...Credo che abbiano influito molte situazioni nella mia vita.
 

Fedifrago

Utente di lunga data
Forse si, la mia famiglia comunque è un pò pazza, non è italiana del tutto...Credo che abbiano influito molte situazioni nella mia vita.
Ritrovarti con te stessa potrebbe consentirti di partire proprio da lì, esaminando questa "pazzia" e le situazioni attraverso le quali sei cresciuta...o forse anche il contrario, riesaminandole potresti ritrovare parte di te!
 
O

Old amarax

Guest
Non per fare psicologia spicciola, ma il parallelismo fra i genitori anziani e questi compagni "anziani" lo avrai sicuramente fatto no?

Eri un pò la cocca di famiglia, quella a cui veniva tutto permesso e tutto perdonato?
Non vi è un pò il "gusto" di esser per forza sopra le righe, per attirare l'attenzione, per richiedere affetto, anche provocare reazioni forti, pur di sentirti al centro?
xchè la colpa è sempre dei genitori? ed i nostri figli COME reagiranno a noi?
 
O

Old amarax

Guest
......mi sei mancto un casino non vedevo l'ora di rivederti, perchè TU hai scelto di andare fuori con lei. Potevi farlo con me. Tutto quello che ti è capitato è stata la tua scelta, o non scelta forse. Si può tornare indietro in una storia? Quando ti rendi conto che poi non ce l'hai fatta a prosegurie in quella progettualità, ma che comunque c'è del sentimento ancora, è giusto mantenerlo pur di non perderlo del tutto e accontentarsi di vivere la storia a metà. Io mi sento un pò così...insomma, so che lui sta cercando di evitare di dargli quell'impostazione di allora perchè altrimenti ci ritroveremmo da capo a dodici, ma vivere così un rapporto dopo che comunque è stato importante è giusto? Io non lo so anche se poi mi dico ma io sono sposata e ragiono come una libera. E la cosa che più mi da fastidio è lei che non fa che dirgli "io so che tu non la cercherai mai, ma se lo facesse lei devi dirmelo..." e so che non fanno sesso, e so che insomma, di buono c'è che il dolore quello forte, devastante è attualmente scomparso, c'è amarezza, non c'è più dentro di me quell'impeto di gioia e di forza che mi proiettava esclusivamente verso di lui. Ecco, avevo bisogno di parlare un pò. Baci!





Cara amica di sballo...xchè siamo sballate forte...xchè non lo forzi a scegliere?


e se ti dà fastidio che lei pensi che tu lo avresti cercato e dinvece lo ha fatto lui...xchè non la chiami e glie lo dici? Io apprezzerei molto.
Tu non sai veramente cosa dice lei a lui...magari sta dicendo quello che dico io...e lui tiene te e lei come mio amrito fa con me e la sua lei...

...e non fanno sesso?
Mah! non ci credo.

Io ho detto in una litigata <tradisci me con lei e lei con me...io lo so...ma lei lo sa'..> Dalla faccoia credo di aver fatto Bingoooooo.
Chssà che le racconta.Palle e bugie e...poi il tempo è poco e scopano\vano non so se al presente o all'imperfetto.Urge un raid sul cellulare x vedere il registro delle chiamate.Se sono cancellate
è la volta che faccio le valigie e glie le lascio fuori la porta.Non cambio la serratura.Resto dentro e metto la MIA chiave dietro.Chiamasse il 113.
 

Fedifrago

Utente di lunga data
xchè la colpa è sempre dei genitori? ed i nostri figli COME reagiranno a noi?
Amarax, non ho parlato di "colpe".

Ho parlato di tipo di rapporto, che ovviamente tra un genitore "anziano" e un bimbo è diverso rispetto a quello con un genitore con una differenza di età "giusta".

Il genitore "anziano" è, in genere, più protettivo e ha più difficoltà ad ascoltare il/la figlio/a e a capirne i problemi, assume spesso un ruolo più autoritario che di vicinanza, creando dinamiche che portano o alla ribellione a tale autorità, o di soggezione con limitazioni nella maturazione del figlio e della sua autonomia decisionale.
 
Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
Top