dopo

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
In qualunque ruolo ci si possa trovare in un tradimento, quello che è importante è quello che succede dopo. Dopo che si viene scoperti e si deve decidere cosa fare e cosa scegliere e come si comunica quel che si è deciso.
Perché tanti, troppi, dicono cose atroci e imperdonabili?
Forse si dovrebbe essere indulgenti per quello che viene detto da chi si sta arrampicando sugli specchi o scivolando giù stridendo..
O forse sono questi i momenti in cui ci si rivela per quel che si è?
 
O

Old laila

Guest
indulgenti??
dopo aver voluto bene ...davvero bene...ad una persona con cui si ha avuto una storia pr due annu,..
dopo due anni lui viene scoperto e per paararsi il culo e tu sei la troia e qualla che si è inventata tutto...saresti indulgente?
Io sto solo cercando di contare fino a 10 e di non abbassarmi al loro livello...ma ti assicuro che l'indulgenza è tutta un'altra cosa...io non so più con chi ho avuto a che fare!|!!!pazzesco..
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
ruoli

indulgenti??
dopo aver voluto bene ...davvero bene...ad una persona con cui si ha avuto una storia pr due annu,..
dopo due anni lui viene scoperto e per paararsi il culo e tu sei la troia e qualla che si è inventata tutto...saresti indulgente?
Io sto solo cercando di contare fino a 10 e di non abbassarmi al loro livello...ma ti assicuro che l'indulgenza è tutta un'altra cosa...io non so più con chi ho avuto a che fare!|!!!pazzesco..
Tu sei in un ruolo che pensavi meritasse più rispetto in quanto il rapporto con te era totalmente libero da obblighi e per questo lo credevi sincero.
Ora lui deve inventarsi una costrizione per non assumersi la responsabilità della menzogna.
E la responsabile della costrizione sei tu..ma non si avvede che in questo modo ogni cosa che dice contro di te la sta dicendo di se stesso: è lui che ha tradito e mentito.
La fidanzata vorrà credergli e cercare di ridimensionare quanto c'è stato per cercare anche lei di salvare se stessa e non sentirsi di essersi affidata a un uomo tanto meschino...
Se ti chiede chiarimenti daglieli.
Mail e sms non li rivelerei ..lo troverei meschino e crudele, anche perché sono solo prove della capacità di lui di mentire con te così come faceva con lei e violeresti non solo l'intimità di lui, ma anche la tua.
Leggi "L'altra donna" di Doris Lessing
 
O

Old laila

Guest
lo leggerò senz'altro..

e sono sicura che quando ritroverò la lucidità riuscirò a capire...tu mi hai detto cose su cui rifletterò...grazie mille.
 

MariLea

Utente di lunga data
Persa

Penso proprio l'ultima che hai detto.
In questi momenti ognuno dimostra quel che è veramente, come il vecchio detto che a tavola ed al tavolo da gioco si riconosce il vero signore.. anche nel tradimento riconosci il l'imbroglione, l'ingenuo, il tollerante, il bluffatore, l'intelligente ecc... ecc...
L'indulgenza dimostra sempre una certa supoeriorità...
 

Verena67

Utente di lunga data
Rifacendomi alla domanda di P/R

...alla fine penso che se uno fosse del tutto padrone di sé in prima battuta eviterebbe di dire il piu' possibile.

Si corre il rischio di fare disastri immani, di allontanarsi prima ancora di capire se è ancora il caso di darsi una chance come coppia.

A volte nel dubbio...meglio tacere.

Un bacio!
 

Rebecca

Utente di lunga data
In qualunque ruolo ci si possa trovare in un tradimento, quello che è importante è quello che succede dopo. Dopo che si viene scoperti e si deve decidere cosa fare e cosa scegliere e come si comunica quel che si è deciso.
Perché tanti, troppi, dicono cose atroci e imperdonabili?
Forse si dovrebbe essere indulgenti per quello che viene detto da chi si sta arrampicando sugli specchi o scivolando giù stridendo..
O forse sono questi i momenti in cui ci si rivela per quel che si è?
farei una distinzione.
quello che si fa subito dopo, a botta calda, nel panico della scoperta merita un po' di indulgenza.
quello che si fa un po' dopo, passata la buriana, dimostra quel che si è.
che ne dite di questa teoria?
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
sicuramente

farei una distinzione.
quello che si fa subito dopo, a botta calda, nel panico della scoperta merita un po' di indulgenza.
quello che si fa un po' dopo, passata la buriana, dimostra quel che si è.
che ne dite di questa teoria?
Quel che si dice a botta calda bisognerebbe essere in grado di dimenticarlo..per salvare la propria immagine a se stessi durante il tradimento si trovano giustificazioni a sé e colpe nel tradito che escono sotto forma di frasi che per giustificarsi provocano danni più gravi del tradimento stesso.
E così nei confronti del "complice" del tradimento si dicono e fanno cose imperdonabili.
Quello che si fa e dice dopo ..il dopo deve rimediare e risarcire anche del dopo..
 
O

Old Pinguino

Guest
Dopo

...alla fine penso che se uno fosse del tutto padrone di sé in prima battuta eviterebbe di dire il piu' possibile.

Si corre il rischio di fare disastri immani, di allontanarsi prima ancora di capire se è ancora il caso di darsi una chance come coppia.

A volte nel dubbio...meglio tacere.

Un bacio!
Se uno fosse padrone di se, non ragionerebbe con la parti basse, tutto questo non succederebbe. Quale coppia non ha momenti di crisi, di noia, di non sentire più quel bel groppo allo stomaco quando vede l'altro. Dopo la passione in una coppia resta l'amore ma è logico non è più una cosa travolgente, il punto è quando subentra tutto questo non bisogna tradire il compagno. Certo con l'altro ricomincia la passione ci si sente ancora ragazzini e si scappa dalla realtà, ma a quale prezzo? Si prende per il culo la persona che si dice di avere amato, fino a ieri, non è meglio cercare di chiarirci e se proprio non si riesce andarsene nel modo più dolce senza guerre. Tradire è sbagliato e non venite a raccontarmi balle non volevo è successo era un momento di crisi, siamo delle persone munite di cervello, chi più chi meno, usiamolo. Ripeterò fino alla nausea se mia moglie me lo avrebbe detto subito prima di tradirmi per tanti anni non ne sarei uscito così distrutto. Me ne sarei andato. Onestà questa sconosciuta.
 
Ultima modifica:

Verena67

Utente di lunga data
Se uno fosse padrone di se, non ragionerebbe con la parti basse, tutto questo non succederebbe. Quale coppia non ha momenti di crisi, di noia, di non sentire più quel bel groppo allo stomaco quando vede l'altro. Dopo la passione in una coppia resta l'amore ma è logico non è più una cosa travolgente, il punto è quando subentra tutto questo non bisogna tradire il compagno. Certo con l'altro ricomincia la passione ci si sente ancora ragazzini e si scappa dalla realtà, ma a quale prezzo? Si prende per il culo la persona che si dice di avere amato, fino a ieri, non è meglio cercare di chiarirci e se proprio non si riesce andarsene nel modo più dolce senza guerre. Tradire è sbagliato e non venite a raccontarmi balle non volevo è successo era un momento di crisi, siamo delle persone munite di cervello, chi più chi meno, usiamolo. Ripeterò fino alla nausea se mia moglie me lo avrebbe detto subito prima di tradirmi per tanti anni non ne sarei uscito così distrutto. Me ne sarei andato. Onestà questa sconosciuta.

Pinguino, non puoi fare di tutta l'erba un fascio.
Un conto è il tradimento - scivolone, un conto una storia - oltretutto in famiglia! - durata 13 anni come quella di tua moglie!
Tu dici che "te ne saresti andato"; ma leggi - scusa, e con tutto il rispetto per la tua vicenda umana - la contraddizione: l'avresti lasciata dopo uno scivolone confessato onestamente, NON LA LASCI dopo 13 anni di inganno grave con un parente!

Il vostro problema mi sembra nel fatto che entrambi vi portate addosso situazioni di difficoltà psicologica pregressa, tu a causa della tua infanzia, lei evidentemente ha problemi grossi di autostima se ha "giocato" 13 lunghissimi anni con il marito di SUA CUGINA!!!

Il non riuscire a parlarsi e capirsi dipende da quello, siete individualmente troppo scossi e provati.

Ma ci sono invece situazioni - fortunatamente per chi le vive - piu' "sane" dove uno scivolone si può e si deve a mio avviso perdonare, purché entrambi i coniugi si avvicinino al problema con umiltà (specie chi ha tradito, è ovvio, ma ciascuno nella coppia ha le sue responsabilità....)e anche...un certo pudore. Dirsi a botta calda cose orribili a vicenda scava fossati che dopo, a mente fredda, non si riescono a colmare....

Un abbraccio!
 
O

Old Pinguino

Guest
Pinguino, non puoi fare di tutta l'erba un fascio.
Un conto è il tradimento - scivolone, un conto una storia - oltretutto in famiglia! - durata 13 anni come quella di tua moglie!
Tu dici che "te ne saresti andato"; ma leggi - scusa, e con tutto il rispetto per la tua vicenda umana - la contraddizione: l'avresti lasciata dopo uno scivolone confessato onestamente, NON LA LASCI dopo 13 anni di inganno grave con un parente!

Il vostro problema mi sembra nel fatto che entrambi vi portate addosso situazioni di difficoltà psicologica pregressa, tu a causa della tua infanzia, lei evidentemente ha problemi grossi di autostima se ha "giocato" 13 lunghissimi anni con il marito di SUA CUGINA!!!

Il non riuscire a parlarsi e capirsi dipende da quello, siete individualmente troppo scossi e provati.

Ma ci sono invece situazioni - fortunatamente per chi le vive - piu' "sane" dove uno scivolone si può e si deve a mio avviso perdonare, purché entrambi i coniugi si avvicinino al problema con umiltà (specie chi ha tradito, è ovvio, ma ciascuno nella coppia ha le sue responsabilità....)e anche...un certo pudore. Dirsi a botta calda cose orribili a vicenda scava fossati che dopo, a mente fredda, non si riescono a colmare....

Un abbraccio!
Vedi Verena il tradimento scivolone non esiste per me, il tradimento è solo tradimento. A cosa serve sposarsi in chiesa davanti a Dio promettendo fedeltà se poi si possono perdonare i tradimenti? Altra contradizzione. Veniamo al mio caso. E' verò io ho dei problemi psicologici anche gravi secondo la psicologa e dovrò essere seguito praticamente tutta la vita. Un pò questo mi ha condizianato e non me ne sono andato ma c'è stato un'episodio che mi ha fermato. Una sera mio figlio minore 14anni ha avuto una crisi di pianto disperato motivo non sa se sono io il padre, ha una madre che li riempe la testa di accuse nei mie confronti per giustificare il suo tradimento, lascia bigliettini ai suo figli adducendo scuse e colpe nei mie confronti i figli devono capire che è colpa mia. Praticamente li sta lavorando psicologicamente per adossarmi la colpa di essere troia a me. E' vero ho le mie colpe ma da li a fare quello che ha fatto lei ne corre. Ho paura ad andarmene per non rivivere il mio abbandono infantile ma ho paura di lasciare i figli in mano a una del genere, solo il pensiero che li porti in casa quell'essere in casa mi terorizza. Lei ha gravissimi problemi di autostima legati al suo fisico, sa di essere grassa ma risolve le ansie mangiando. Quando si accorge di essere ingrassata aumentano le ansie e riprende a mangiare, Un giro vizioso che l'atro per farsela dare dicendoli che è bellissima cavalcava alla grande. Però doveva vestirsi in maniera sexi per migliorare un pò. La mia colpa metterla davanti alla realtà dicendoli i problemi che comporta continuare ad ingrassare, risultato insulti pesanti verso a me e corsa verso l'altro che l'aspettava a pantaloni abassati. Vedi cara Verena sò che dovrei andarmene ma è sicuro che io i mie figli li vedrei pochissimo, la conosco. Se me ne vado sono solo ti assicuro che non c'è nessuno che mi da una mano nemmeno i mie genitori, fregato niente da piccolo pensa adesso. Dovrò avere molta forza e in questo spero nell'aiuto della psicologa. Aspetto la tua risposta, un bacio.
 

Verena67

Utente di lunga data
Se me ne vado sono solo ti assicuro che non c'è nessuno che mi da una mano nemmeno i mie genitori, fregato niente da piccolo pensa adesso. Dovrò avere molta forza e in questo spero nell'aiuto della psicologa. Aspetto la tua risposta, un bacio.
Ti ho risposto privatamente

Ti sono vicina per tutto, ma non tutte le situazioni sono tragiche come la tua. Io e mio marito abbiamo ricostruito e ci vogliamo bene e ci rispettiamo. Un errore è umano. Auguro ovviamente lo stesso a tua moglie e te.

Un abbraccio!
 

Miciolidia

Utente di lunga data
In qualunque ruolo ci si possa trovare in un tradimento, quello che è importante è quello che succede dopo. Dopo che si viene scoperti e si deve decidere cosa fare e cosa scegliere e come si comunica quel che si è deciso.
Perché tanti, troppi, dicono cose atroci e imperdonabili?
Forse si dovrebbe essere indulgenti per quello che viene detto da chi si sta arrampicando sugli specchi o scivolando giù stridendo..
O forse sono questi i momenti in cui ci si rivela per quel che si è?[/quote]

Persa, prima e dopo un tradimento le chiacchere stanno a zero... i pentimenti, il flagello...tutte stupidate...quello che conta è la capacità di rivedere alcune mancanze, alcuni limiti della relazione e osservare se vi è la REALE volontà di andare incontro all'altro prostandosi dal proprio egocentrismo.

Quello che siamo chi puo'osservarlo oggettivamente? Chi è capace di raccontarlo con la necessaria oggettività..non basta una vita intera a raccontarci figurati un episodio cosi' circoscritto per quanto dolorosissimo sia.

Se si sente di usare indulgenza è perchè probabilmente si risponde ad una propria natura...se divesamente non lo si è ..è perchè non si riesce a sopportare la ferita narcisistica...insomma non ci sono regole che valgono universalmente. Ci tocca provare
, tentare, ritentare...e vedere quello che succede.
 

Nobody

Utente di lunga data
Dopo la scoperta:
Se fossi il tradito...il silenzio. Aspettare la calma, e poi riuscire a riflettere. Dopo, il dialogo. Lungo, accurato, profondo. E poi decidere se continuare o meno.
Se fossi il traditore...beh è una posizione molto più difficile. Comunque, non cercherei scuse, non rigirerei la frittata. A prescindere da ogni altra considerazione, in torto sono io. Quindi...cercherei di spiegare, se c'è lo spazio per farlo, cosa mi ha portato a fare quell'atto. Senza ipocrisie di sorta. Insomma, direi quello che avrei dovuto dire prima.
 

Bruja

Utente di lunga data
Persa

Rispondo alla tua domanda/risposta iniziale................. credo che il tradimento dimostri non quello che si è ma quello che non si supponeva si potesse essere........ è questo che spesso fa sballare gli equilibri......
Bruja
 

La Lupa

Utente di lunga data
Io... sapete che non lo so?


Da quando sono qua sopra ne ho lette di ogni, e ora non so più che reazione potrei avere.

Non mi è mai capitato, ma ho sempre pensato che mi sarei comportata istintivamente. Un bell'omicidio. A caldo.

Devo dire che da quando leggo le vostre testimonianze, ho capito che c'è anche una possibilità che prima non avrei mai preso in considerazione. Il dialogo. O addirittura il perdono!


Eh! Non so... credo che resterei per l'eliminazione fisica, però un dubbio me lo avete messo...
 

La Lupa

Utente di lunga data
Dopo la scoperta:
Se fossi il tradito...il silenzio. Aspettare la calma, e poi riuscire a riflettere. Dopo, il dialogo. Lungo, accurato, profondo. E poi decidere se continuare o meno.
Se fossi il traditore...beh è una posizione molto più difficile. Comunque, non cercherei scuse, non rigirerei la frittata. A prescindere da ogni altra considerazione, in torto sono io. Quindi...cercherei di spiegare, se c'è lo spazio per farlo, cosa mi ha portato a fare quell'atto. Senza ipocrisie di sorta. Insomma, direi quello che avrei dovuto dire prima.
E dirlo prima no eh?
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
Eh

Io... sapete che non lo so?


Da quando sono qua sopra ne ho lette di ogni, e ora non so più che reazione potrei avere.

Non mi è mai capitato, ma ho sempre pensato che mi sarei comportata istintivamente. Un bell'omicidio. A caldo.

Devo dire che da quando leggo le vostre testimonianze, ho capito che c'è anche una possibilità che prima non avrei mai preso in considerazione. Il dialogo. O addirittura il perdono!


Eh! Non so... credo che resterei per l'eliminazione fisica, però un dubbio me lo avete messo...
E' quello che dicevo io PRIMA in linea teorica ..anzi dicevo che mi sarei "limitata" a tagliargli quello che ha di più caro
ed è per questo forse che non ha trovato il coraggio di parlarne e concluderla senza invischiarsi...
 

Nobody

Utente di lunga data
E dirlo prima no eh?
E' la cosa più giusta, senza dubbio. Ma se lo dicessi prima, non ci sarebbe tradimento. Ergo, come potevo rispondere alla domanda iniziale della discussione?

Devo pur mettermi nei panni di un traditore per rispondere...
 

Bruja

Utente di lunga data
???????????

E' quello che dicevo io PRIMA in linea teorica ..anzi dicevo che mi sarei "limitata" a tagliargli quello che ha di più caro
ed è per questo forse che non ha trovato il coraggio di parlarne e concluderla senza invischiarsi...

Soluzione "Bobbit"???

Bruja
 
Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
Top