donne... e chi le capisce

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
S

serenity

Guest
Buonasera a tutti. Stasera ho approfittato dello strano ed irreale silenzio che c'è in casa per rileggere i miei post... Mamma che polla... Ho assaporato ogni singolo post, ogni singola risposta e mi è sembrato di rivedermi in quel periodaccio, confusa e palesemente irrequieta. Non sapevo dove andare a parare, non volevo vedere e ammettere che stavo lottando contro i mulini a vento.
E avete azzeccato tutto...ma proprio tutto tutto... ed avevate perfettamente ragione nel dire che il percorso di crescita deve essere compiuto sulla propria pelle, e che è assolutamente inutile aspettarsi risposte dagli altri o finali stile Dallas.
Sono stata l amante di un uomo sposato. Ho fatto il suo gioco. Gli ho permesso di tornare a casa e di sorridere, gli ho regalato "giornate indimenticabili" (cosi le chiamava lui).
Ho creduto che fosse amore, quello vero, quello che ti fa toccare il cielo con un dito, ho creduto alle sue parole, alle sue promesse ( puntualmente nn mantenute). l ho aspettato e sostenuto, perfino consiglaito quando aveva problemi con la moglie.
HO costruito un castello fatto di illusioni e false speranze. Mi sono inventata un uomo che non c era, ho epnsato che le sue confessioni sui diversi colori delle mutandine delle sue amichette fossero un segno dell amore per me... Gli ho perfino creduto quando mi ha detto che non faceva piu l amore con la moglie ( erano passati piiu di 2 mesi da quando l aveva fatto con me l ultima volta eheheheh...praticamente uno stoico)...Ma mi chiedo: ma come si puo credere a verita cosi esageratamente finte, false, e costruite tanto per far piacere?
eppure non sono una stupida, sono una donna che ha sempre affrontato la vita a testa alta, che ha sempre difeso le sue idee( per quanto assurde potessero essere). Ho sempre avuto la capacita di discernere cio che era "giusto" da cio che non lo era affatto.... eppure... sono stata l amante di un uomo sposato...
come ho fatto?
la cosa che mi sconcerta era che sapevo chi fosse e cosa facesse. Razionalmente sapevo che dovevo allontanarmene e ho cercato mille modi per farlo. ho perfino pagato per leggere la sua corrispondenza per "toccare con mano"...
Sapevo. Diamine sapevo. eppure l ho voluto fortemente, con tutta me stessa, sapendo che avrei sbattuto la testa . Mi ha umiliata con quel "non ti scelgo" ma l ho implorato di restare... per poi stancarmi io.
Follia? Masochismo? O tempi naturali per accettare la realta dei fatti senza farsi troppo male?
E confrontandomi con altre persone che vivono o hanno vissuto situazioni simili mi accorgo che non sono l unica ad aver agito cosi. ma cosa ci spinge a farlo?
 

Miciolidia

Utente di lunga data
cara Serenety

alla frase " NON TI SCELGO"

avresti dovuto rispondere cosi : Perfect


e mandarlo affangulo con tutti quelli della razza sua


Tesora! machetenestracatafotte! hai imparato? e allora guarda avanti piu' sicura di prima, ora lo sai come funziona

perfect!


ti abbraccio.
 
O

Old mr.perfect

Guest
Mr..ma non eri a leggere Tu?


scusa ma credo di aver fatto una gaffe
faccio uso di lenti ma i miei occhi lo stesso s'affannano dopo diverso tempo che fissano minuscoli caratti su pagine stampati
sono obbligato ad interrompere saltuariamente la lettura
nessuna gaffe da parte tua: hai solo giustamente riportato quanto scritto da me nella mia precedente
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
ciao Sere

Innanzi tutto come stai? Un po' meglio sembra ...
e andrà sempre meglio
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
non so ...

Non so se sia il tuo caso...ma c'è un grande bisogno di amore ...di un sentimento coinvolgente e totalizzante.
Credo che non sia facile trovarlo, penso che provare un enorme sentimento, trovare una persna che lo susciti sia già molto raro e che questa persona ricambi se non nella stessa misura, ma almeno in modo adeguato sia ancora più raro.
Ma la fame resta, il sogno resta ed è facile salire su un calesse sperando che sia quello che bramiamo.
 

dererumnatura

Utente di lunga data
Buonasera a tutti. Stasera ho approfittato dello strano ed irreale silenzio che c'è in casa per rileggere i miei post... Mamma che polla... Ho assaporato ogni singolo post, ogni singola risposta e mi è sembrato di rivedermi in quel periodaccio, confusa e palesemente irrequieta. Non sapevo dove andare a parare, non volevo vedere e ammettere che stavo lottando contro i mulini a vento.
E avete azzeccato tutto...ma proprio tutto tutto... ed avevate perfettamente ragione nel dire che il percorso di crescita deve essere compiuto sulla propria pelle, e che è assolutamente inutile aspettarsi risposte dagli altri o finali stile Dallas.
Sono stata l amante di un uomo sposato. Ho fatto il suo gioco. Gli ho permesso di tornare a casa e di sorridere, gli ho regalato "giornate indimenticabili" (cosi le chiamava lui).
Ho creduto che fosse amore, quello vero, quello che ti fa toccare il cielo con un dito, ho creduto alle sue parole, alle sue promesse ( puntualmente nn mantenute). l ho aspettato e sostenuto, perfino consiglaito quando aveva problemi con la moglie.
HO costruito un castello fatto di illusioni e false speranze. Mi sono inventata un uomo che non c era, ho epnsato che le sue confessioni sui diversi colori delle mutandine delle sue amichette fossero un segno dell amore per me... Gli ho perfino creduto quando mi ha detto che non faceva piu l amore con la moglie ( erano passati piiu di 2 mesi da quando l aveva fatto con me l ultima volta eheheheh...praticamente uno stoico)...Ma mi chiedo: ma come si puo credere a verita cosi esageratamente finte, false, e costruite tanto per far piacere?
eppure non sono una stupida, sono una donna che ha sempre affrontato la vita a testa alta, che ha sempre difeso le sue idee( per quanto assurde potessero essere). Ho sempre avuto la capacita di discernere cio che era "giusto" da cio che non lo era affatto.... eppure... sono stata l amante di un uomo sposato...
come ho fatto?
la cosa che mi sconcerta era che sapevo chi fosse e cosa facesse. Razionalmente sapevo che dovevo allontanarmene e ho cercato mille modi per farlo. ho perfino pagato per leggere la sua corrispondenza per "toccare con mano"...
Sapevo. Diamine sapevo. eppure l ho voluto fortemente, con tutta me stessa, sapendo che avrei sbattuto la testa . Mi ha umiliata con quel "non ti scelgo" ma l ho implorato di restare... per poi stancarmi io.
Follia? Masochismo? O tempi naturali per accettare la realta dei fatti senza farsi troppo male?
E confrontandomi con altre persone che vivono o hanno vissuto situazioni simili mi accorgo che non sono l unica ad aver agito cosi. ma cosa ci spinge a farlo?
Ho già risposto in questo thread che riporto:

http://www.tradimento.net/showthread.php?t=1693&page=4


ma non fraintendermi come hanno fatto altri:è una lettura parallela al fatto di provare amore per questa persona...l'una non esclude l'altra...
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
O

Old mr.perfect

Guest
a me

non si apre
ribadisco che l'indirizzo riportato non è corretto
prego di controllarlo e rapidamente sostituirlo col giusto
 

dererumnatura

Utente di lunga data
non escludo l'ipotesi tua
compare la dicitura classica di quando pagine rimosse son state o indirizzi errati son stati immessi

ecco qui:ti faccio un copia incolla


credo che per quanto mi riguarda..quando ho iniziato quella relazione ho solo pensato a quanto fossi attratta da qull' uomo.e all'intrigo.e mi sentivo..forte..un'illusione.
ne ho già parlato in altre occasioni dell'analisi che ho fatto di questa esperienza e delle motivazioni che possono avermi portato ad intraprenderla...ma alla fine credo che fossi solo in un momento in cui avevo voglia di trasgressione dopo un periodo di soffocamento..e che avessi voglia di far venir fuori la passionalità che è in me.a tutto ciò sommaci un po' di edipo


e hai un quadro abbastanza completo.




Sono stata cortese.
 
O

Old mr.perfect

Guest
ecco qui:ti faccio un copia incolla


credo che per quanto mi riguarda..quando ho iniziato quella relazione ho solo pensato a quanto fossi attratta da qull' uomo.e all'intrigo.e mi sentivo..forte..un'illusione.
ne ho già parlato in altre occasioni dell'analisi che ho fatto di questa esperienza e delle motivazioni che possono avermi portato ad intraprenderla...ma alla fine credo che fossi solo in un momento in cui avevo voglia di trasgressione dopo un periodo di soffocamento..e che avessi voglia di far venir fuori la passionalità che è in me.a tutto ciò sommaci un po' di edipo


e hai un quadro abbastanza completo.




Sono stata cortese.
la tua disponibilità mi lusinga
purtroppo ora l'età mia è avanzata
operazioni di "copia-incolla" non le so fare
non le ricordo più
ringrazio ugualmente
 
Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
Top