consiglio, se volete...

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
N

Non registrato

Guest
Ho letto un libro bellissimo che parla d'amore...quello vero e grande e dal quale molto spesso scappiamo, sia che siamo noi traditi o traditori. Si intitola lo Zahir di Paolo Coelho. "Lo Zahir è un pensiero che all'inizio ti sfiora appena e finisce per essere la sola cosa a cui riesci a pensare. Il mio Zahir ha un nome e il suo nome è Esther"...se vi farà un decimo dell'effetto che ha fatto a me, sarò felice di avervelo consigliato! Buona lettura a tutti/e
 

dererumnatura

Utente di lunga data
Ho letto un libro bellissimo che parla d'amore...quello vero e grande e dal quale molto spesso scappiamo, sia che siamo noi traditi o traditori. Si intitola lo Zahir di Paolo Coelho. "Lo Zahir è un pensiero che all'inizio ti sfiora appena e finisce per essere la sola cosa a cui riesci a pensare. Il mio Zahir ha un nome e il suo nome è Esther"...se vi farà un decimo dell'effetto che ha fatto a me, sarò felice di avervelo consigliato! Buona lettura a tutti/e
L'ho letto
E' uno dei pchi libri di Coelho che mi è piaciuto ( in genere..sono libri cos'...lenti....)
 

Old lancillotto

Utente di lunga data
Qualcuno che mi amo mi ha detto che se non voglio tentare il suicidio, meglio evitare quello scrittore. Francamente non lo conosco, ho sempre poco tempo (e costanza) per leggere, quindi non posso esprimermi in merito.......
 

La Lupa

Utente di lunga data
Oh! Ecco il topic giusto per darvi il buon giorno!


Che non si parli dello Zahir invano!


Se volete sapere dello Zahir, leggete Borges.
Non quel dattilografo di Coelho.


Sono di ottimo umore, comunque.


'giorno a tutti.
 
O

Old Ari

Guest
Oh! Ecco il topic giusto per darvi il buon giorno!


Che non si parli dello Zahir invano!


Se volete sapere dello Zahir, leggete Borges.
Non quel dattilografo di Coelho.


Sono di ottimo umore, comunque.


'giorno a tutti.
Eventuale titolo di Borges?
 

La Lupa

Utente di lunga data
Eventuale titolo di Borges?
Beh... lo Zahir lo trovi ne "L'Aleph".

Opera senza la cui lettura, nessun individuo è degno di chiamarsi tale.


Scusate la melodrammaticità, ma oggi mi butta così.


Per altro, lo penso davvero.
 
O

Old Ari

Guest
Beh... lo Zahir lo trovi ne "L'Aleph".

Opera senza la cui lettura, nessun individuo è degno di chiamarsi tale.


Scusate la melodrammaticità, ma oggi mi butta così.


Per altro, lo penso davvero.
Scusa, non ho capito niente.
"Lo Zahir" è anche un titolo di Borges?
 

La Lupa

Utente di lunga data
Scusa, non ho capito niente.
"Lo Zahir" è anche un titolo di Borges?
E' uno dei racconti che si trovano all'interno dell'Aleph, che è il racconto che da il titolo alla raccolta.

Che poi non è neanche vero, perchè l'Aleph è l'Aleph e basta.
L'Aleph è il principio e la fine; è il compiuto, è l'infinito. E' la circolarità dell'Aleph stesso, è in quanto esiste per esistere... vabbè, sto divagando.


Lo Zahir, per inciso, è uno "stato mentale" della cultura araba.

Borges, nel suo racconto, lo rende drammatico e chiarissimo.
 

Bruja

Utente di lunga data
.............

Mi inchino a Borges.............. è l'unico motivo per cui intervengo!

Bruja
 
Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
Top