confusione...

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
O

Old dolcenera

Guest
...mi sembra di essere uscita da un frullatore...

Ho conosciuto un tipo via internet quasi subito dopo averne visto le foto, dopo un breve scambio di mail carine... premetto che mi sono separata dal mio compagno in autunno (causa scoperto tradimento di lui) e che da allora, in preda alla tristezza più profonda, mi sono solo concentrata su me stessa, senza pensare al mondo maschile intorno a me.
Insomma, lo incontro, mi piace un sacco da subito, già dal secondo incontro cadono tutti i miei freni e le mie paure e mi lascio andare completamente... Conquistata!

Siamo stati assieme due giorni di seguito...
Io non so cosa mi ha fatto lui o cosa mi sono fatta da sola, fattostà che da allora mi è scattata automatica una dipendenza, una nostalgia di lui in ogni momento, un pensiero fisso, una follia pura... le notti seguenti mi risvegliavo convinta che lui fosse accanto a me, ma veramente convinta... allucinata! avevo perso la testa per uno che in pratica non conoscevo...


Il problema in me è emerso quasi subito, appena ho capito che lui non era nel mio stato di innamoramento confusionale... o meglio, sembrava stare bene con me, ma sentivo che era più distaccato, che sapeva condurre il gioco, mentre io mi sentivo più vulnerabile, troppo in balia delle sue mani...
Allora mi è scattata un'autodifesa strana: complici alcuni sms ambigui da parte sua (il quale non è mai stato generoso in galanterie e carinerie, ma a me piaceva comunque...) ho iniziato ad attaccarlo nei suoi punti deboli, dicendogli che comunque lui non era l'uomo per me, che gli mancavano delle qualità che ritenevo fondamentali, che io in realtà cercavo altro....
Mi venivano in mente le cose peggiori: che lui, single incallito, l'amante bello e inconquistabile che avrei sempre voluto, si stesse divertendo alle mie spalle, abilissimo nel riconoscere gli stati d'animo di una poveretta che, buttiamola sul terra terra, non scopava da mesi... Oppure che non si rendesse conto del mio malessere, che semplicemente fosse concentrato su se stesso, sul piacere momentaneo dei nostri incontri... Io non sono il tipo che si sente vittima dell'uomo cattivo, ma questa volta ho avuto la sensazione di essere incappata in un tipo "pericoloso" per me stessa, perchè mi faceva incazzare al massimo e far stare bene al massimo...

Insomma, in meno di tre settimane è finita ed io mi ritrovo più sola di prima...
Il fatto è che ancora mi manca in maniera terribile, ma allo stesso tempo mi sento come se l'avessi scampata bella, perchè uno così alla lunga mi avrebbe letteralmente consumata, disossata...
Cosa diavolo mi è successo? Vi siete mai sentiti così? Non riesco a capire quanto sia dipeso da me o se sia stato proprio lui a farmi questo effetto "sballante"...
Aiuto! Scusate la lungaggine...
 
O

Old dolcenera

Guest
non si può!

E' finita cosi: io l'ho accusato di essersi "risparmiato" con me, di avere dato poco in questa storia rispetto a me, di avere avuto dei comportamenti altalenanti. Lui mi ha risposto che, quando è innamorato, dà molto di più.... Ma si può essere più str....?!?
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
beh anche tu...

E' finita cosi: io l'ho accusato di essersi "risparmiato" con me, di avere dato poco in questa storia rispetto a me, di avere avuto dei comportamenti altalenanti. Lui mi ha risposto che, quando è innamorato, dà molto di più.... Ma si può essere più str....?!?
Perdi la testa e vuoi comportamenti altrettanto folli da parte sua dopo 3 giorni..lui è giustamente più prudente...ti dichiari insoddisfatta e lo molli in tre settimane...
E ti stupisci della sua risposta?
Penso che anche lui pensi di averla scampata bella!

Cerca di capire che ti eri costruita un muro di cartone che è caduto alla prima emozione e ti ha travolta.
Cosa puoi fare per trovare maggiore equilibrio?
Quanto era durata la storia finita in autunno?
Che esigenze sai di avere in un rapporto?
 
O

Old dolcenera

Guest
mi spiego

Perdi la testa e vuoi comportamenti altrettanto folli da parte sua dopo 3 giorni..lui è giustamente più prudente...ti dichiari insoddisfatta e lo molli in tre settimane...
E ti stupisci della sua risposta?
Penso che anche lui pensi di averla scampata bella!

Cerca di capire che ti eri costruita un muro di cartone che è caduto alla prima emozione e ti ha travolta.
Cosa puoi fare per trovare maggiore equilibrio?
Quanto era durata la storia finita in autunno?
Che esigenze sai di avere in un rapporto?
Infatti sono convinta anch'io che non mi dovevo comportare così... ma quando uno ti dice dal principio che, nel momento in cui vive una storia, quando capisce che la partner "c'è", lui si tira indietro? E' stato un continuo tira e molla, uno stare bene seguito da sue telefonate in cui diceva di avere paura, di non sentirsi a suo agio... lo faceva apposta?
Io non sapevo più gestire la situazione, avevo segnali molto contrastanti...
 

MariLea

Utente di lunga data
complimenti!

Complimenti davvero dolcenera!
nonostante il trambusto emotivo, hai fatto un'analisi distaccata di tutta la situazione.
Penso anche io che lui, single incallito, non si butti a capofitto in una storia per quanto piacevole, ma di pochi giorni... come hai fatto tu che sei ancora fragile e senza esperienza... Non pensare però che si sia divertito alle tue spalle, vi siete divertiti assieme, siete stati bene e potresti continuare a vederlo se solo tieni a bada testa e cuore. Non fare l'affamata davanti ad un piatto di spaghetti, gustateli pian piano e quando finiranno... aspetterai il secondo...
Capisco che non è facile, ma è l'unico modo per affrontare queste storie.
Se ancora non ti senti capace di prenderla con leggerezza, meglio troncare subito, perchè dopo soffriresti molto di più... è difficile che un bel tipo come questo cambi idea sulla sua "singletudine" ed in ogni caso non in così breve tempo.
 
O

Old dolcenera

Guest
La mia storia era durata otto anni. Poi questo incontro. Io ero prevenutissima... ma allo stesso tempo ho trovato quello che volevo... Ho avuto paura di essere capitata in una cosa più grande di me e ho fatto solo casino. Ma non sono stata aiutata dalla controparte, se posso dirlo in mia difesa...
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
Ho capito

Infatti sono convinta anch'io che non mi dovevo comportare così... ma quando uno ti dice dal principio che, nel momento in cui vive una storia, quando capisce che la partner "c'è", lui si tira indietro? E' stato un continuo tira e molla, uno stare bene seguito da sue telefonate in cui diceva di avere paura, di non sentirsi a suo agio... lo faceva apposta?
Io non sapevo più gestire la situazione, avevo segnali molto contrastanti...
E tutto sarebbe comprensibile se non fosse avvenuto nell'arco di tre settimane.
La tua difficoltà è stata nel gestire le tue emozioni non nel gestire il rapporto con lui che era solo agli inizi.
Il suo comportamento era determinato dal tuo che lo ha spaventato.
Forse devi fare un flash back e raccontarci come è andata e poi finita con l'altro perché tu possa capire meglio te stessa e questa esplosione. Forse ti sei repressa in passato?
 
O

Old dolcenera

Guest
la mia natura è sempre stata questa. Sono sempre stata bene con partner fissi, le mie storie sono sempre durate molto (ho 33 anni), ho avuto solo un paio di avventure brevi prima di questa, proprio perchè non so "muovermi". Aver incontrato un uomo così, che mi dice di non avere moglie nè amanti, che mi piace così tanto ma che vedo così indipendente, così autonomo... non so, non mi fido... e se fosse uno particolarmente "portato" per le donne? Mi ha detto di averne avute innumerevoli, e ci credo... Io mi sono sentita troppo bene, talmente bene da non crederci, da pensare "dov'è la fregatura?". Quindi ho aiutato il tutto a finire per evitare di soffrire nel caso lui un giorno si stufasse di me... non sono a posto, vero?
Ma non volevo lasciarlo!!!
Quanto sono scema... che depressione...
 
O

Old dolcenera

Guest
Purtroppo ho avuto un grosso trauma quando è finita la mia storia. convivevo da un paio d'anni col mio ragazzo, in tutto 7 anni di frequentazione. Purtroppo al momento di andare a vivere assieme (prima avevamo una relazione a distanza) avevo già dei sospetti. 2 anni piuttosto felici, fino a quando mi sono messa a fare la detective e, ahimè, ho scoperto una storiella in corso... un trauma, la fine di un sogno.
Forse devo semplicemente ancora digerire, forse è vero che bisogna aspettare... ma la solitudine è dura, durissima. Ed è difficile capire cosa fare, cosa sia più giusto. non mi resta che provare.. Certo, che inizio da incapace....
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
...

la mia natura è sempre stata questa. Sono sempre stata bene con partner fissi, le mie storie sono sempre durate molto (ho 33 anni), ho avuto solo un paio di avventure brevi prima di questa, proprio perchè non so "muovermi". Aver incontrato un uomo così, che mi dice di non avere moglie nè amanti, che mi piace così tanto ma che vedo così indipendente, così autonomo... non so, non mi fido... e se fosse uno particolarmente "portato" per le donne? Mi ha detto di averne avute innumerevoli, e ci credo... Io mi sono sentita troppo bene, talmente bene da non crederci, da pensare "dov'è la fregatura?". Quindi ho aiutato il tutto a finire per evitare di soffrire nel caso lui un giorno si stufasse di me... non sono a posto, vero?
Ma non volevo lasciarlo!!!
Quanto sono scema... che depressione...
Il problema non consiste tanto nel fatto che tu abbia delle paure comprensibilissime, quanto che non controlli la tua impulsività e le tue emzioni.
E' chiaro che se ti senti coinvolta dopo 2 giorni ti spaventi.
Il guaio è che ti è successo con un uomo che non ti ha saputo dare sicurezze...ma quanti ce ne sono che ne danno...soprattutto in poche settimane?
A trentatre anni dovresti essere in grado di vivere emozioni senza farti travolgere.
Gli uomini delle tue relazioni che tipi erano? Si erano mostrati subito coinvolti? Ti facevi guidare da loro? Il tradimento secondo te da cosa è dipeso?
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
normale

Purtroppo ho avuto un grosso trauma quando è finita la mia storia. convivevo da un paio d'anni col mio ragazzo, in tutto 7 anni di frequentazione. Purtroppo al momento di andare a vivere assieme (prima avevamo una relazione a distanza) avevo già dei sospetti. 2 anni piuttosto felici, fino a quando mi sono messa a fare la detective e, ahimè, ho scoperto una storiella in corso... un trauma, la fine di un sogno.
Forse devo semplicemente ancora digerire, forse è vero che bisogna aspettare... ma la solitudine è dura, durissima. Ed è difficile capire cosa fare, cosa sia più giusto. non mi resta che provare.. Certo, che inizio da incapace....
Hai vissuto qualcosa di normale...
Ma ti ha lasciato insicurezze.
Tu hai comportamenti adolescenziali nel senso che "agisci" i disagi invece di "verbalizzarli".
Infatti anche nel raccontare la tua storia hai parlato di più delle cose che sono successe che dei sentimenti e delle emozioni.
Forse non hai elaborato e quindi digerito il tradimento perché non hai trovato le parole per dirlo.
Anche con questo ragazzo l'hai confuso con la tua confusione.
Perché fai tanta fatica a raccontare quel che provi?
Eppure se hai vissuto un rapporto a distanza e se hai conosciuto questo in internet le parole le hai usate. Me di cosa parlavi?
 
O

Old dolcenera

Guest
Il problema non consiste tanto nel fatto che tu abbia delle paure comprensibilissime, quanto che non controlli la tua impulsività e le tue emzioni.
E' chiaro che se ti senti coinvolta dopo 2 giorni ti spaventi.
Il guaio è che ti è successo con un uomo che non ti ha saputo dare sicurezze...ma quanti ce ne sono che ne danno...soprattutto in poche settimane?
A trentatre anni dovresti essere in grado di vivere emozioni senza farti travolgere.
Gli uomini delle tue relazioni che tipi erano? Si erano mostrati subito coinvolti? Ti facevi guidare da loro? Il tradimento secondo te da cosa è dipeso?
[/quote


I miei uomini precedenti (3 i principali, tralascio i pochi che sono durati meno, ma non per questo a loro modo meno importanti) erano tutti tipi che definirei "rassicuranti", ovvero non particolarmente attraenti come bellezza. persone calme, posate, grandi lavoratori, uomini che tuttora stimo (si, anche l'ultimo nonostante le corna!). In effetti ripensandoci più che la passione con loro ho condiviso un amore fatto di grandi complicità, di dolcezza, di sorprese, di piccole attenzioni quotidiane, di grande dialogo, di condivisione di interessi.
Lui, invece... 1)bello, non solo perchè secondo il mio gusto sia molto attraente, ma perchè lo è! bello di viso, fisicamente (fa l'attore) 2)assolutamente non romantico 3)più "uomo" di tutti gli altri messi assieme... insomma, il tipo che secondo il mio limitato target definisco pericoloso...
Adesso mi prenderete per la suora del convento, ma io non sono abituata a tale velocità di presa e perfetto infilamento di condom al buio totale (vediamo... 3 secondi?)... o allo sgancio di vari modelli di reggiseno al primo colpo... oppure alla sua nonchalance in alcuni comportamenti (ma questo in pvt...) che io considero al limite della sicurezza per quanto riguarda il contagio di certe malattie. Sarà che ero abituata male? Sono sprovveduta? in realtà non mi sono saputa godere la vita negli anni passati, accontentandomi di uomini molto più "soft"?
o forse sono io soft?
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
mmm

Il problema non consiste tanto nel fatto che tu abbia delle paure comprensibilissime, quanto che non controlli la tua impulsività e le tue emzioni.
E' chiaro che se ti senti coinvolta dopo 2 giorni ti spaventi.
Il guaio è che ti è successo con un uomo che non ti ha saputo dare sicurezze...ma quanti ce ne sono che ne danno...soprattutto in poche settimane?
A trentatre anni dovresti essere in grado di vivere emozioni senza farti travolgere.
Gli uomini delle tue relazioni che tipi erano? Si erano mostrati subito coinvolti? Ti facevi guidare da loro? Il tradimento secondo te da cosa è dipeso?
[/quote


I miei uomini precedenti (3 i principali, tralascio i pochi che sono durati meno, ma non per questo a loro modo meno importanti) erano tutti tipi che definirei "rassicuranti", ovvero non particolarmente attraenti come bellezza. persone calme, posate, grandi lavoratori, uomini che tuttora stimo (si, anche l'ultimo nonostante le corna!). In effetti ripensandoci più che la passione con loro ho condiviso un amore fatto di grandi complicità, di dolcezza, di sorprese, di piccole attenzioni quotidiane, di grande dialogo, di condivisione di interessi.
Lui, invece... 1)bello, non solo perchè secondo il mio gusto sia molto attraente, ma perchè lo è! bello di viso, fisicamente (fa l'attore) 2)assolutamente non romantico 3)più "uomo" di tutti gli altri messi assieme... insomma, il tipo che secondo il mio limitato target definisco pericoloso...
Adesso mi prenderete per la suora del convento, ma io non sono abituata a tale velocità di presa e perfetto infilamento di condom al buio totale (vediamo... 3 secondi?)... o allo sgancio di vari modelli di reggiseno al primo colpo... oppure alla sua nonchalance in alcuni comportamenti (ma questo in pvt...) che io considero al limite della sicurezza per quanto riguarda il contagio di certe malattie. Sarà che ero abituata male? Sono sprovveduta? in realtà non mi sono saputa godere la vita negli anni passati, accontentandomi di uomini molto più "soft"?
o forse sono io soft?
Non ti stimi abbastanza da pensare che un uomo bello, esperto e abile voglia stare con te?
Ma per vivere una storia che garanzie vuoi?
 
O

Old dolcenera

Guest
Hai vissuto qualcosa di normale...
Ma ti ha lasciato insicurezze.
Tu hai comportamenti adolescenziali nel senso che "agisci" i disagi invece di "verbalizzarli".
Infatti anche nel raccontare la tua storia hai parlato di più delle cose che sono successe che dei sentimenti e delle emozioni.
Forse non hai elaborato e quindi digerito il tradimento perché non hai trovato le parole per dirlo.
Anche con questo ragazzo l'hai confuso con la tua confusione.
Perché fai tanta fatica a raccontare quel che provi?
Eppure se hai vissuto un rapporto a distanza e se hai conosciuto questo in internet le parole le hai usate. Me di cosa parlavi?


Parlavamo poco... anche a questo non sono abituata! ce l'avevo sempre addosso! io sono una che parla un sacco, ascolto molto e mi piace essere ascoltata... tra l'altro io e lui siamo di diversa estrazione culturale, non avevamo molti argomenti in comune. Io invece dò molta importanza al linguaggio verbale. Ho sempre ricercato partners affini ai miei gusti, che ne so, letture, mostre, musica. Ma lui mi è capitato addosso in maniera così invasiva e diversa rispetto agli altri... Ho sentito il puro istinto... sarà l'età biologica, saranno gli ormoni che hanno avuto il sopravvento, sarà l'astinenza... che ne so... so che mi sento una scema.
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
mmm

Parlavamo poco... anche a questo non sono abituata! ce l'avevo sempre addosso! io sono una che parla un sacco, ascolto molto e mi piace essere ascoltata... tra l'altro io e lui siamo di diversa estrazione culturale, non avevamo molti argomenti in comune. Io invece dò molta importanza al linguaggio verbale. Ho sempre ricercato partners affini ai miei gusti, che ne so, letture, mostre, musica. Ma lui mi è capitato addosso in maniera così invasiva e diversa rispetto agli altri... Ho sentito il puro istinto... sarà l'età biologica, saranno gli ormoni che hanno avuto il sopravvento, sarà l'astinenza... che ne so... so che mi sento una scema.
Ma che tipo di attore è ? E' "l'erede" di Rocco Siffredi?

Ti ho fatto ridere?
Ogni persona si relaziona nel modo suo proprio...almeno inizialmente.
Forse lui ti ha fatto scoprire un modo che non conoscevi e un lato di te stessa che ti spaventa.
Se riesci a riprendere il controllo puoi anche chiamarlo e spiegargli quel che ti è successo.
Certo lui non si è sentito subito coinvolto e non vuole essere frainteso: è umano
 
O

Old dolcenera

Guest
Ma che tipo di attore è ? E' "l'erede" di Rocco Siffredi?
Ti ho fatto ridere?
Ogni persona si relaziona nel modo suo proprio...almeno inizialmente.
Forse lui ti ha fatto scoprire un modo che non conoscevi e un lato di te stessa che ti spaventa.
Se riesci a riprendere il controllo puoi anche chiamarlo e spiegargli quel che ti è successo.
Certo lui non si è sentito subito coinvolto e non vuole essere frainteso: è umano



Si, ho riso!

Ora ti spiego il nostro gran finale delle 3 settimane scarse... l'ho buttato fuori di casa alle 4 di mattina presa da un accesso di rabbia perchè non sapevo se lo volevo o no (mi sembrava che fosse venuto solo per sesso). poi gli ho chiesto scusa 2 gg dopo. lui mi ha detto che nessuno prima l'aveva trattato così. gli ho scritto una mail nella quale gli ho spiegato tutto il mio malessere. lui mi ha risposto freddamente dicendo che non se la sentiva di rispondere, che un po' si vergognava di se stesso (testuali parole) ma che dovevamo elaborare entrambi l'accaduto, consapevoli che la realtà fa male... (?). io gli ho risposto che la realtà ora non mi faceva più male e che non avevo nulla di cui vergognarmi. poi silenzio da 4 giorni...
direi che siamo i prìncipi dell'incomprensione... io non ci ho capito molto... o mi ha dato la tipica risposta dello str...?
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
Sinceramente

Si, ho riso!

Ora ti spiego il nostro gran finale delle 3 settimane scarse... l'ho buttato fuori di casa alle 4 di mattina presa da un accesso di rabbia perchè non sapevo se lo volevo o no (mi sembrava che fosse venuto solo per sesso). poi gli ho chiesto scusa 2 gg dopo. lui mi ha detto che nessuno prima l'aveva trattato così. gli ho scritto una mail nella quale gli ho spiegato tutto il mio malessere. lui mi ha risposto freddamente dicendo che non se la sentiva di rispondere, che un po' si vergognava di se stesso (testuali parole) ma che dovevamo elaborare entrambi l'accaduto, consapevoli che la realtà fa male... (?). io gli ho risposto che la realtà ora non mi faceva più male e che non avevo nulla di cui vergognarmi. poi silenzio da 4 giorni...
direi che siamo i prìncipi dell'incomprensione... io non ci ho capito molto... o mi ha dato la tipica risposta dello str...?
Io non mi aspetterei che sesso dopo 3 settimane e non scaricherei su di lui i miei bisogni affettivi..
Le mamme dicevano "se son rose fioriranno" ..tu volevi rose "in autunno" e oltretutto l'hai trattato malissimo senza ragione apparente.
E' stato carino a rispondere alla tua mail.
Immagina se fosse stato lui a trattarti come hai fatto tu con lui...
 
O

Old dolcenera

Guest
Io non mi aspetterei che sesso dopo 3 settimane e non scaricherei su di lui i miei bisogni affettivi..
Le mamme dicevano "se son rose fioriranno" ..tu volevi rose "in autunno" e oltretutto l'hai trattato malissimo senza ragione apparente.
E' stato carino a rispondere alla tua mail.
Immagina se fosse stato lui a trattarti come hai fatto tu con lui...


Io non dico di non aver sbagliato, gli ho chiesto mille volte scusa. Non è colpa mia se vivo in un bilocale, per cui se non voglio qualcuno in camera o se ne va o dorme nel divano striminzito a 2 posti... il fatto che l'abbia fatto entrare non implica il fatto che lo debba tenere fino al giorno dopo... è strano avere un diverbio a casa propria con una persona che non si conosce a fondo... mi sono sentita a disagio, mi è venuto spontaneo allontanarlo... hai letto il pvt?
 
O

Old dolcenera

Guest
Io non dico che all'inizio non ci debba essere il sesso e la passione, anzi, sono la prima ad averne approfittato! ma forse non avevo bisogno solo di questo, o meglio, non in dosi così forti... sono andata in overdose!!!
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
scherzavo, ma non troppo

Io non dico che all'inizio non ci debba essere il sesso e la passione, anzi, sono la prima ad averne approfittato! ma forse non avevo bisogno solo di questo, o meglio, non in dosi così forti... sono andata in overdose!!!
Quando lo descrivi fisicamente bello e disinvolto sessualmente poco propenso al dialogo e attore mi domando che tipo di attore sia?

Però in questo approccio carnale ti sei trovata bene anche se ti ha disorientata, o no?
Gli hai parlato chiaramente di questo o ti sei giustificata?
 
Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
Top