Che gioco è?

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
A

aurora

Guest
Che gioco è?

Secondo voi se una persona confessa spontaneamente un tradimento, tradimento che senza la confessione non avreste mai potuto scoprire, perchè lo fa?

Nel mio caso non avrei potuto scoprirlo se non me l'avesse detto lui perchè questa "bellissima cosa" è successa quando lui si trovava all'estero per lavoro.
A dire il vero io avevo sentito odore di corna perchè aveva cambiato atteggiamento e lui stesso, subito dopo avermelo detto, ha aggiunto "tanto lo avevi capito".
Quando ha visto la mia reazione di rabbia cieca è stato come se non se l'aspettasse (mi sapeva persona non particolarmente gelosa, in effetti è così ma c'è un limite a tutto) e mi ha detto che le mie parole nei suoi confronti erano state peggio del suo tradimento.

Fatto sta che esattamente un anno fa, quando è successo tutto questo, ci siamo lasciati, sebbene lui in questo anno abbia tentato un paio di volte timidissimi riavvicinamenti, aspettando più che altro che mi fossi calmata e gli aprissi la strada. Cosa che non ho fatto perchè, oltre ad essere a pezzi, l'idea che mi ero fatta era che lui volesse in realtà essere lasciato, cosa che invece lui ha fortemente negato quando gliel'ho detto.
Lo scorso settembre, in occasione del mio compleanno, mi chiama per gli auguri, mi chiede se nel frattempo mi ero fidanzata e udite udite... dice che mi ama.
Per capire dove vuole andare a parare gli propongo, visto che è passato un anno, di provare ad iniziare un rapporto amichevole (grande sciocchezza lo so, ma era solo per capire cosa diavolo volesse) e mi risponde un no secco.

Ricapitolando:
mi confessa un tradimento,
non fa niente di concreto per rimediare, neanche prova a recuperare la mia fiducia,
dice che non l'ha fatto per essere lasciato,
dice, dopo un anno, che mi ama,
non vuole essere mio amico, ma... stando ai fatti... neanche fidanzato.

Io mi ritrovo con una ferita, che a malapena si era rimarginata, nuovamente aperta e non so nemmeno il perchè di quest'altro "delicato regalo" da parte sua.
Voi riuscite a vederci più chiaro di me?
Lo spero, grazie.
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
chiarisci

Per me le valutazioni cambiano a seconda di elementi che tu non hai dato:
quanti anni avete, per quanto tempo siete stati insieme, che tipo di rapporto era (come intimità affettiva..se progettavate un futuro insieme, se convivevate...), se frequentate lo stesso ambiente di amici, se le condizioni di lavoro ripropongono spesso allontanamenti...
Senza tutti questi elementi mi viene da pensare che lui volesse un rapporto senza impegni né di fedeltà né di progettualità e che..a distanza di un anno..abbia saggiato la tua disponibilità a un tipo di rapporto "comprensivo"..tu apparentemente gli hai offerto meno..un'amicizia..invece lui ha capito bene che gli hai chiesto di più..un rapporto di confidenza e lealtà che non si sente di dare..
Meglio se non ci pensi più..se riesci..
 
O

Old gipo

Guest
ti ha confessato spontaneamente il tradimento perchè sentendosi ormai scoperto, pensava che giocando di anticipo avrebbe affievolito le conseguenze del "misfatto"..
idea stupida e scellerata la sua..vista la tua reazione!!
sta giochicchiando con i tuoi sentimenti..sintomo di immaturità e scarsa stima nei tuoi confronti..
meriti di meglio senz'altro!!..auguri!!
 

Verena67

Utente di lunga data
Altro uomo ambivalente, Attention please!

Ciao carissima, benvenuta!


Sono assolutamente d'accordo con Persa/Ritrovata e Gipo: questo qui voleva "abbassare" di livello il rapporto (da fidanzamento monogamico a relazione sessual - ricreativa - senza - impegno - emotivo). Bene hai fatto a proporgli l'amicizia: se un uomo ti ama davvero accetta anche di portarti il latte la mattina e basta, pur di avere uno straccio di possibilità!
Altro che dettare condizioni come l'Hitler de noaltri!


Del resto, la sua ambivalenza (ce n'è sempre di piu' in giro di questi prodotti "fallati") è evidente nel suo prenderti, tradirti, non opporsi a che tu lo lasciassi, riprovarci debolmente, risparire, riapparire.

Pare normale, però, come diceva Greggio al Drive in ....non lo è!

Un uomo solido si giudica da come si comporta, troppo facile dichiarare amore e poi giochicchiare a poker con i sentimenti altrui....vedo, non vedo!


Un grosso bacio, e tira innanzi, questo tipo non ti merita!
 
A

aurora

Guest
grazie

Stavamo insieme da quasi tre anni, io ho 28 anni lui 33.
Era un normale rapporto da fidanzati fino all'ultimo anno insieme nel quale invece passando lui più tempo all'estero che in Italia, si sono create alcune difficoltà. Siamo passati dallo stare quasi sempre insieme al vederci una volta ogni 20, 30 giorni.
Avevamo progetti seri, ci amavamo... credevo.

Sull'immaturità che mi ha dimostrato non ci piove, sulla scarsa stima per me ne dubito. Ha confessato, a mio avviso, anche perchè si sentiva comunque scoperto ("tanto l'avevi già capito") ed il senso di colpa forse ha fatto il resto.
Grazie... anche per gli auguri.
Ricambio il bacio, Verena.
 
A

aurora

Guest
Gipo, scusami, ho risposto di fretta e temo di non essermi spiegata bene.
Volevo dire che sì, hai ragione a dire che si è sentito scoperto, ma appunto "si è sentito" e questo dimostra la coda di paglia che solo il senso di colpa può far bruciare, perchè io materialmente non avrei comunque potuto scoprirlo.

E' vero che ho sentito odore di corna e gliel'ho detto, gli ho fatto mille domande, ma proprio perchè lui non è mai stato in grado di mentirmi, sono stata sempre talmente sintonizzata con il suo cuore (lo amavo!) da avvertire ogni minimo cambiamento anche quando ero lontana.
 

Bruja

Utente di lunga data
aurora

Benvenuta fra noi.
Ho letto i tuoi post e concordo in linea di massima con chi ti consiglia di scordarti questo "sincero" giovanotto che per pararsi confessa, e poi reagisce come se fosse lui l'offeso.
E' immaturo, incerto ed ondivago, e se vuoi la mia opinione, ha solo cercato di contattarti per "valutare" quanto fosse ancora importante per te.
E' tipico di chi non avendo certezze e sufficiente autostima, deve sempre sapere se ha del controllo sulle cose e sulle persone.
Quanto al fatto che si sentisse scoperto, andiamo........... tu avevi annusato il fumo, e lui ha confessato l'arrosto, ma se due giovani con rapporti più o meno normali passano a vedersi una volta al mese circa, anche se lui non fosse quello che è ma un normale fidanzato con una certa dirittura morale, temo sarebbe comunque difficile che all'estero, dove non solo è facile trovare compagnia ma ha anche la scusa della solitudine imposta........ sia credibile che possa vivere di spleen e ricordi della volta in cui vi vedete periodicamente?
Gli amori a distanza possono anche rafforzarsi, ma ci devono essere delle basi talmente solide ed una personalitàdavvero matura e consapevole come complemento irrinunciabile; diversamente succede quello che è accaduto a te.
Ovvio che la parte che cambia è la reazione individuale conseguente, e lui non ne ha certo avuta una invidiabile.
Insoma non hai perso davvero l'occasione della vita!!!

Bruja
 

MariLea

Utente di lunga data
Purtroppo, sono cose che succedono quasi naturalmente vista la distanza e la possibilità di vedersi è solo di circa una volta al mese... dura da accettare lo so, ma è la realtà cara aurora. Sul perchè te l'abbia confessato, qui possiamo fare solo ipotesi perchè non lo conosciamo, puoi saperlo tu se è un tipo brutalmente sincero, o magari vi eravati promessi massima sincerità nel bene e nel male... se era un periodo di stanca e voleva chiudere... ecc...
Sul restare amici ci credo poco, due che si sono amati possono diventare amici dopo molto tempo, quando non ci sono più amore ed emozione... (anche questa potrebbe essere una chiave di lettura).
Che progetti avevate insieme? Perchè, se doveva perdurare la lontananza per molto tempo, allora meglio chiudere ed andare avanti ognuno per la sua strada per non ritrovarsi nello stesso tipo di problematiche...
In bocca al lupo!
 
A

aurora

Guest
Grazie Bruja.
Penso anch'io di non aver perso l'occasione della vita ma ci credevo, ci ho creduto ed è stata comunque dura metterci una pietra sopra dopo quasi tre anni (per me) di amore vero e ritrovarmi adesso a riprovare le stesse emozioni dolorose che pensavo di avere superato.
Mi è difficile darvi un quadro completo della situazione, mi rendo conto che non è possibile raccontare un rapporto.
Certo che non era facile stare lontani ma io credo che se una persona ama davvero riesce a controllarsi. Ne avevamo parlato tante volte.

Lui mi ha detto che gli uomini sono più fragili delle donne e che non poteva immaginare che un invito a pranzo a casa di una collega potesse poi trasformarsi in altro, che la collega (una quarantenne separata da poco) avesse altri programmi.
Ha detto che è stato debole, stupido, che ha capito di aver sbagliato e più che dirmi quello che aveva fatto non sapeva come dimostrarmi il suo amore ed il suo dispiacere.
Per la persona che conoscevo io, posso anche pensare che si sia trattato di un momento di debolezza, è sempre stato un ragazzo molto serio, ma non riesco a capire come sia possibile dichiararsi innamorati e andare a letto con un'altra. Non credo che lo capirò mai...
 
A

aurora

Guest
Mailea

Volevamo sposarci tra un paio d'anni ed il bello è che, a detta di tutti, era lui che sembrava quello più convinto tra i due.
C'eravamo promessi massima sincerità sì, ma c'era anche una fase di nervosismo in quel periodo, io sarei dovuta andare da lui ma un impegno di lavoro che non sono riuscita a spostare mi ha costretta a rimandare e lui c'era rimasto male.
Grazie e crepi il lupo!
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
dipense dalle tue esigenze

aurora ha detto:
Grazie Bruja.
Penso anch'io di non aver perso l'occasione della vita ma ci credevo, ci ho creduto ed è stata comunque dura metterci una pietra sopra dopo quasi tre anni (per me) di amore vero e ritrovarmi adesso a riprovare le stesse emozioni dolorose che pensavo di avere superato.
Mi è difficile darvi un quadro completo della situazione, mi rendo conto che non è possibile raccontare un rapporto.
Certo che non era facile stare lontani ma io credo che se una persona ama davvero riesce a controllarsi. Ne avevamo parlato tante volte.

Lui mi ha detto che gli uomini sono più fragili delle donne e che non poteva immaginare che un invito a pranzo a casa di una collega potesse poi trasformarsi in altro, che la collega (una quarantenne separata da poco) avesse altri programmi.
Ha detto che è stato debole, stupido, che ha capito di aver sbagliato e più che dirmi quello che aveva fatto non sapeva come dimostrarmi il suo amore ed il suo dispiacere.
Per la persona che conoscevo io, posso anche pensare che si sia trattato di un momento di debolezza, è sempre stato un ragazzo molto serio, ma non riesco a capire come sia possibile dichiararsi innamorati e andare a letto con un'altra. Non credo che lo capirò mai...
Aurora..dopo aver letto con attenzione tutti i tuoi interventi..mi sembra che lui non sia la persona superficiale che era sembrata nella tua prima presentazione dei fatti... Un singolo episodio può capitare ..se leggi le esperienze riportate nel forum e le dichiarazione dei "traditori abituali" ti accorgerai che il tuo ex ragazzo non è certo un "traditore seriale"..ma una persona che ..in una situazione inaspettata ha agito seguendo l'impulso..e in seguito ha sentitto talmente grave il fatto da fartelo percepire. La tua reazione forse è stata eccessiva o comunque tale da fargli pensare che non avresti mai potuto accettarlo come prima e i successivi approcci lo hanno confermato.
Hai un'idea talmente sicura e rigida di come deve essere un rapporto e il comportamento di una persona che ama da considerare più importante la tua idea della persona con cui la vivi e delle sue ragioni. Non dico..sia chiaro...che tu sbagli, ma che il tuo e il suo modo non sono compatibili. Se non lo ami abbastanza per accettarlo imperfetto e ascoltare le sue ragioni..non ha senso nessun tipo di rapporto..che ovviamente non può essere amichevole.
Questo intervento corregge il mio precedente in base a quel che hai detto e rivaluta quel ragazzo spostandola dalla caregoria fidanzati perfetti a quella esseri umani.
 

MariLea

Utente di lunga data
Lui mi ha detto che gli uomini sono più fragili delle donne
ed è vero
Ha detto che è stato debole, stupido, che ha capito di aver sbagliato e più che dirmi quello che aveva fatto non sapeva come dimostrarmi il suo amore ed il suo dispiacere.
ed anche questo può essere vero, solo che più che stupido è stato ingenuo a dirtelo. Perchè tutti a dire che la cosa che fa più male nell'essere traditi è la menzogna e poi quando uno confessa viene lasciato e trattato peggio di chi mente ed a volte nega pure l'evidenza, ma quest'ultimo lascia comunque il dubbio...
sempre stato un ragazzo molto serio, ma non riesco a capire come sia possibile dichiararsi innamorati e andare a letto con un'altra. Non credo che lo capirò mai...
Spero invece che tu lo capisca, perchè si può fare sesso senza sentimento, in particolar modo gli uomini... e di conseguenza resistono meno nell'astinenza... Fai conto che era a digiuno da un bel pò, a casa c'era un'aragosta che l'aspettava ma davanti ad un piatto di spaghetti in bianco lì pronti non ha resistito...
Per il resto confermo quello che ti ho scritto sopra...
Un bacio!
 
F

Fedifrago

Guest
non credo sia un gioco...

Cercherò di essere abbastanza schematico:

1)Se fosse un abituale traditore, non avrebbe avuto nessuna coda di paglia, quindi tu nn avresti sentito puzza di bruciato.

2) Tu stessa dici che nn lo avresti mai scoperto se non te l'avesse detto lui e che vi eravate detti di essere sinceri: la confessione di un'unica "caduta" può esser benissimo vista sotto l'ottica di non voler arrivare a un rapporto più impegnativo con uno scheletro nell'armadio;

3) SE dopo un anno dice di amarti ancora, credo che sia giustificato che nn accetti di essere "solo" amici: come han detto è ben difficile parlare di amicizia quando c'è o c'è stato qualcosa di molto più grande;

Valuterei quindi seriamente se la prospettiva futura insieme è davvero una chimera, o se, visto che è chiaro che non l'hai nè dimenticato nè accantonato, le possibilità della ripresa di un rapporto "impegnativo" per entrambi non possa da te venir preso in considerazione.



ps. Lui ti ha chiesto se ti eri fidanzata ma....lui in quest'anno che ha fatto? anche questo può essere indicativo...gliel'hai chiesto?
 
A

aurora

Guest
Grazie, mi avete fatto piangere ma mi avete fatto bene.
Fa male tornare su una ferita antica e vedere che ancora sanguina, fa ancora più male forse capire di avere sbagliato tutto.
L'amicizia, ve l'ho detto, so che è una sciocchezza proporla, l'ho fatto solo per vedere come reagiva.
Che possa esserci sesso senza sentimenti me lo dite voi, me lo dicono i miei amici, lo sento dire spesso.... ma quando te lo dice la persona che ami, non pensi, non ragioni, ti crolla tutto, non ti fidi più, vai in confusione, ti difendi.

Ti dici, ha tradito la mia fiducia, sta mentendo anche su questo, è stato solo sesso ma la sua testa, il suo cuore dov'erano? Basta così poco per non farli funzionare?
Ti comporti come una bambina che pretende la perfezione, è vero, ma sai che non cerchi la perfezione, stai solo cercando di allontanare da te la sofferenza.
Anch'io sul lavoro ho incontrato colleghi intraprendenti ma me ne sono tenuta sempre alla larga, penso che basti non mettersi nelle situazioni, non è difficile soprattutto se sei innamorata e il tuo amore è lontano, devi rispettarlo ancora di più, devi difenderlo ancora di più.

Non penso di essere stata rigida, mi sono sentita insicura, potete capirlo vero?Non sapevo più chi mi trovavo davanti, ho avuto paura di essere presa in giro, come facevo a fidarmi in quel momento.
La sincerità sì, ma se mi aveva appena detto di non essere stato sincero come potevo credere che in quel momento lo era?
Una volta, era vero che era stata una?
Solo sesso? era vero?
O era invece stanco di me, della distanza e voleva solo che lo lasciassi?
Mille e mille domande come una giostra nella mia testa mentre un dolore secco mi accecava.

Cosa ha fatto in questo anno? mi ha detto che non è stato e non sta con nessuna... il resto non oso immaginarlo, diciamo pure che lo do per scontato ma onestamente tra le macerie del mio amore che ho rivisitato è l'ultima cosa di cui mi preoccupo.
Un bacio a voi!
 

Bruja

Utente di lunga data
aurora

Una cosa sola mi ha colpito, poi possiamo fare tutti i ragionamenti possibilisti del mondo!!!
Tu, e mettiamola sul piano dell'amicizia formale senza pregiudizi, saresti andata a cena da sola a casa di un tuo collega di lavoro, separato da poco, senza pensare che, essendo tu fidanzata, forse non era la cosa più opportuna da fare????
Quel che vorrei osservare è che pur sperticandoci fin che vogliamo nel sostenere che lui non era in malafede, cosa probabile, e forse pensava che la signora avesse l'indole di Biancaneve, è sempre imprudente interpretare le intenzioni altrui, perchè come si è visto è facilissimo travisarle.
Mi domando anche se era proprio necessario QUEL tipo di evasione o passatempo, tanto rischioso per chi già sente la mancanza di una presenza femminile? Al di là delle intenzioni di questa signora dai pruriti impellenti, non avrebbe dovuto essere spontaneo pensare che era comunque una situazione ambigua?
Personalmente trovo che tutto possa starci ........ ma quando esistono certi presupposti, si deve essere ben candidi se si crede che gli altri debbano avere le nostre convinzioni e si comportino come sarebbe stato opportuno con un collega fidanzato all'estero.
Quindi, diciamo che questo ragazzo non ha peccato di tradimento colpevole ma colposo, per mancanza assoluta di previdenza e prudenza. Non è un precedente che incoraggi ma gli fornisce l'alibi di essere stato un po' superficiale!
Resta inteso che non esistono impedimenti a che si riallacci il rapporto fra voi, tu conosci lui e, certo più e meglio di noi, sai quali siano le sfumature di tutta la faccenda.
Quello che mi preme chiarire però è che io non ho preso in considerazione quello che tu farai o meno, è un tuo libero arbitrio ed irrinunciabile diritto, ma dovendo dare una risposta alla vicenda per come l'hai descritta, ho pensato a come il caso si presentava ed appariva.
Non credo quindi che lui sia nè indegno, nè reo di chissà quali colpe....... semplicemente è una persona che ha agito secondo il suo estro, e se questa scivolata possiamo considerarla una faccenda isolata, a questo punto il problema è un'altro, molto più serio: quanto te la senti di sostenere questa lontananza che al momento, nonostante promesse ed assicurazioni, si è dimostrata portatrice di spiacevoli incognite?
Le conclusioni le trarrai secondo il tuo sentire e la tua disposizione oggettiva, quindi evito giudizi che in fondo non avrebbero titolo nè luogo; valuta tu cosa credi sia meglio per te e quanto la tua percezione possa aiutarti nell'affrontare comunque quello che serba il futuro. .
Ti auguro di cuore di trovare la via che ti possa rendere felice e serena.
Bruja
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
Bruja ha detto:
Una cosa sola mi ha colpito, poi possiamo fare tutti i ragionamenti possibilisti del mondo!!!
Tu, e mettiamola sul piano dell'amicizia formale senza pregiudizi, saresti andata a cena da sola a casa di un tuo collega di lavoro, separato da poco, senza pensare che, essendo tu fidanzata, forse non era la cosa più opportuna da fare????
Quel che vorrei osservare è che pur sperticandoci fin che vogliamo nel sostenere che lui non era in malafede, cosa probabile, e forse pensava che la signora avesse l'indole di Biancaneve, è sempre imprudente interpretare le intenzioni altrui, perchè come si è visto è facilissimo travisarle.
Mi domando anche se era proprio necessario QUEL tipo di evasione o passatempo, tanto rischioso per chi già sente la mancanza di una presenza femminile? Al di là delle intenzioni di questa signora dai pruriti impellenti, non avrebbe dovuto essere spontaneo pensare che era comunque una situazione ambigua?
Personalmente trovo che tutto possa starci ........ ma quando esistono certi presupposti, si deve essere ben candidi se si crede che gli altri debbano avere le nostre convinzioni e si comportino come sarebbe stato opportuno con un collega fidanzato all'estero.
Quindi, diciamo che questo ragazzo non ha peccato di tradimento colpevole ma colposo, per mancanza assoluta di previdenza e prudenza. Non è un precedente che incoraggi ma gli fornisce l'alibi di essere stato un po' superficiale!

Bruja
Personalmente non ho molti colleghi ..insegnante di scuola primaria = elementari...ma non trovo assolutamente nulla di strano a frequentare colleghi maschi )quei pochi) o pensare di mangiare insieme a casa di una o dell'altro anche da soli. Un mio collega è venuto più volte da me...e non mi è mai passato per l'anticamera del cervello che lui potesse trovare imprudente questa situazione...
Ci mancherebbe pensare che ogni invito tra colleghi possa nascondere secondi fini o insidie...anche da separate...ora lo sono, ma spero che se inviterò a casa il collega per stendere un progetto ..non rifiuti temendo le mie arti seduttive (però sarebbe ..lusinghiero...o forse no ...forse proprio per questo dovrebbe accettare
)

Anche mio marito frequentava normalmente colleghi e colleghe...poi se una di queste ha avuto tanto interesse da suscitare anche il suo ...l'ha fatto nell'ambiente di lavoro..ben prima di trovare situazioni intriganti e favorevoli...

Nello specifico ..trovandosi all'estero l'occasione per ..un pasto decente mi sembra che sarebbe stato difficile rifiutarla...
Visto come è stata raccontata la collega non era neanche così esplicita da far sospettare..ma forse neanche lei ..sospettava di se stessa...poi son cose che succedono...
Forse avrebbe dovuto declinare gentilmente l'invito..ma non so quanti lo farebbero..
Soprattutto non so quanti confesserebbero ..e questo mi sembra un segno positivo ..non solo di non voler avere scheletri nell'armadio..quanto di farsi accettare come un essere umano imperfetto per poter iniziare qualcosa di importante insieme con una prospettiva realistica..
 

Bruja

Utente di lunga data
P/R

Sarà come dici, ma c'era anche il piccolo particolare che lei era appena separata e lui in "astinenza" per lontananza.
Comunque, nulla da eccepire, ognuno ha un proprio metro per valutare le situazioni, e personalmente, può essere che sia troppo prudente, ma ho qualche anno e le situazioni che non mi sembravano pericolose o sconvenienti mi hanno insegnato parecchio.
Non è questione di non avere rapporti piavevoli, liberi ed amichevoli, ma valutare quanta sia la percentuale di rischio.
Certo, questo atteggiamento ha un costo in selezione, ma è un po' come in tutte le situazioni umane, un po' di "politica della prudenza" a volte salva il molto a poco prezzo.
Bruja
 
A

aurora

Guest
Non c'è niente di male ad accettare un invito a pranzo da una collega, non volevo dire questo. Ho anche detto che non sono stata mai particolarmente gelosa.
Volevo dire che non c'è niente di male se poi non succede niente di male e, soprattutto, se sei in grado di non farlo succedere.
Personalmente, come dicevo, ho sempre evitato i colleghi intraprendenti, non ho detto i colleghi, ho detto quelli che avevano un atteggiamento ambiguo o interessato. Non abbiamo 15 anni, penso che certe cose si capiscano abbastanza facilmente. Poi tutto può succedere, è chiaro, ma l'ingenuità, il non poterlo immaginare prima mi sembra una scusa troppo comoda.

Non penso che questa donna gli abbia puntato una pistola alla tempia o l'abbia drogato... se devo pensare che ogni donna che ci prova con il mio fidanzato, quando io non ci sono, riesce a portarselo a letto, andiamo bene... può sempre dirmi dopo che non se lo immaginava.
Se io mi comportassi allo stesso modo credete che a lui farebbe piacere?
Lui crederebbe nel mio amore?

Se sei innamorato, astinenza o no, le altre donne non le vedi neanche.
Va bene, mettiamo che gli uomini siano più fragili in questo senso, mettiamo che lui ha esigenze diverse dalle mie, ma non poteva dirmelo? l'ha scoperto in quel momento? Mi ha sempre detto il contrario, che lui ce la faceva benissimo.
Non mi dite che è capitato, vi prego, è ancora peggio pensare che lui sia così facilmente manovrabile. Tradire per un'occasione di sesso capitata, significa comunque che in quel momento non ti ricordi neanche il mio nome, figurati quanto te ne frega di me e del nostro rapporto.
Devo rassegnarmi al fatto che il sesso viene prima di tutto?
Insegnatemi come si fa, ve lo dico seriamente, fatemi capire perchè, ve lo chiedo dal cuore.
 

Bruja

Utente di lunga data
aurora

E quand'anche te lo spiegassero credi servirebbe?
C'è una ben precisa linea di demarcazione fra la ragione pedissequamente applicata e quello che le persone sentono dentro.
E' con questa realtà che ci sideve confrontare, il resto sono solo opinioni che aiutano l'analisi, e l'analisi dovrebbe aiutare a capire le proprie reazioni, ma le reazioni sono quelle che sono e si possono solo mediare o smussare a posteriori.......... e naturalmente quando ne vale la pena.
Il tuo ragionamento non fa una grinza, quindi definisce che non sei nè gelosa nè ossessiva o chiusa al dialogo: ma se tutte le volte che capita un'occasione devi fare gli scongiuri affinchè il fidanzato sappia resistere alla tentazione, ammesso pure che la carne sia debole, è altresì vero che il sentimento che prova è compatto come una forma di groviera!
Bruja
 
F

Fedifrago

Guest
Tutte le volte?

O quella in particolare, perchè vi erano crepe nel vostro rapporto, perchè dovevi andare e non sei andata, perchè forse la situiazione con al collega gli è sfuggita di mano... perchè...perchè!

Ha comunque voluto dirtelo, in questo caso propendo più per pentimento che per scarico di coscienza, è ancora lì a dire di amarti, a non frequentare un'altra.

Io è questo che valuterei, più che pensare che alla prossima occasione ci ricascherà e, più che altro, se i motivi di atrito, lontananza e compagnia cantando possano nel futuro venir meno.

E, soprattutto, se anche tu lo ami ancora.
 
Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
Top