Amici .... accidenti

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
O

Old Fa.

Guest
Ho sempre avuto compagnie con cui uscire, insomma ... un sacco di gente con cui facevamo bisboccia.

Abbandonando la mia "stazione" non ho più avuto modo di frequentarli, e cambiando spesso ambiente non ho mai avuto il tempo di ricostruire.

Però il numero di cazzate che facevamo mi mancano, eravamo pazzi tutti insieme, e quasi pericolosi: però insieme eravamo grandi ed invincibili.

Che merda che mi sono isolato in questo modo, ... mi mancano molto.
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
Che buffo!

Fa. ha detto:
Ho sempre avuto compagnie con cui uscire, insomma ... un sacco di gente con cui facevamo bisboccia.

Abbandonando la mia "stazione" non ho più avuto modo di frequentarli, e cambiando spesso ambiente non ho mai avuto il tempo di ricostruire.

Però il numero di cazzate che facevamo mi mancano, eravamo pazzi tutti insieme, e quasi pericolosi: però insieme eravamo grandi ed invincibili.

Che merda che mi sono isolato in questo modo, ... mi mancano molto.
Sono connessa in soggiorno e i figli in televisione girando hanno trovato la canzone di Max Pezzali che dice tra l'altro "..gli anni delle immense compagnie..."
..e avevo commentato ironicamente ..è la canzone per noi! Né io ..né mio marito né i figli siamo mai stati per le "compagnie". Sì siamo stati anche a feste con 20 persone ..ma mai avuto "la compagnia" ..ora i figli dicono "la compa" e scherzano su questo perché per loro è impensabile..
Sempre meglio frequentare poche persone e poter approfondire..
No non capisco la "compagnia" ...mi spiace
 

Old Lilith

Utente di lunga data
beh

Fa. ha detto:
Ho sempre avuto compagnie con cui uscire, insomma ... un sacco di gente con cui facevamo bisboccia.

Abbandonando la mia "stazione" non ho più avuto modo di frequentarli, e cambiando spesso ambiente non ho mai avuto il tempo di ricostruire.

Però il numero di cazzate che facevamo mi mancano, eravamo pazzi tutti insieme, e quasi pericolosi: però insieme eravamo grandi ed invincibili.

Che merda che mi sono isolato in questo modo, ... mi mancano molto.
è naturale che sia così, col passare del tempo e delle esperienze si lascia indietro la spensieratezza delle "compagnie" per crescere ulteriormente...
me non sono mai piaciute le compa,,,pochi e selezionati amici mi vanno meglio, ma questo fin da ragazzina ed ho continuato così...

ciao
lilith
 

Miciolidia

Utente di lunga data
O con uno, con due ..o con mille...

è la spensieratezza che contraddistengueva quei momenti che mette malinconia


Credo pero' che si possa e si debba soprattutto, ritrovare l'energia per rubarla ancora, a questa vita che nel bene e pure col male ci siamo costruiti noi.


certo, non andro' in giro con la cerbottana a lanciare vermetti alle fineste in giro per firenze, non faro' il giro per l italia in autosop, non mi schiantero' sulla vetrata di una chiesa....ma è l'atteggiamento mentale che fa la differenza in quello che facciamo.

Se non ci facciamo indebolire e vincere dalla circostanze..tutto è recuperabile .

Ci devo credere. E ci devi credere pure tu Fa.

Con o senza champagne...


E chi ci vuole credere lieto sia! ....perchè del domani non vi è certezza.

Intanto mi metto l'elmetto" 626"
 

Fedifrago

Utente di lunga data
Ehhh si, bei tempi...

.. per me quelli delle compagnie, o meglio della compagnia!

Eravamo una ventina, fra ragazzi e ragazze, scorrazzavamo da mane a sera sulla vespa (si, proprio come nella canzone!
) e i gavettoni, le feste, le fughe al mare a prendere i bomboloni caldi all'alba, le serate a parlare di niente o di temi escatologici, gli scherzi, le cazzate da ragazzi (ricordo la volta che mi dovetti presentare in questura accompagnato da mio padre per una denuncia per schiamazzi o quell'altra quando venimmo fermati dalla polizia in tredici su una macchina sola!!
), le botte in discoteca con un'altra compagnia a difesa di uno del gruppo che avevano fatto cadere dalle scale, un imbranato sbeffeggiato da noi spesso e volentieri, ma da noi stessi difeso dalle cattiverie altrui, le notti a tener su la testa a qualcuno in balla dura...


Poi è chiaro che ci si lega di più con qualcuno, che solo pochi divengono amici veri, per la pelle, ma quando tutti gli anni ancora adesso facciamo la cena di Natale e ci ritroviamo quasi tutti.... beh, è uno spettacolo!!


Ma soprattutto quel che rimpiango è la spensieratezza e la certezza di avere in mano il nostro futuro..
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
trottolino ha detto:
.. per me quelli delle compagnie, o meglio della compagnia!

Eravamo una ventina, fra ragazzi e ragazze, scorrazzavamo da mane a sera sulla vespa (si, proprio come nella canzone!
) e i gavettoni, le feste, le fughe al mare a prendere i bomboloni caldi all'alba, le serate a parlare di niente o di temi escatologici, gli scherzi, le cazzate da ragazzi (ricordo la volta che mi dovetti presentare in questura accompagnato da mio padre per una denuncia per schiamazzi o quell'altra quando venimmo fermati dalla polizia in tredici su una macchina sola!!
), le botte in discoteca con un'altra compagnia a difesa di uno del gruppo che avevano fatto cadere dalle scale, un imbranato sbeffeggiato da noi spesso e volentieri, ma da noi stessi difeso dalle cattiverie altrui, le notti a tener su la testa a qualcuno in balla dura...


Poi è chiaro che ci si lega di più con qualcuno, che solo pochi divengono amici veri, per la pelle, ma quando tutti gli anni ancora adesso facciamo la cena di Natale e ci ritroviamo quasi tutti.... beh, è uno spettacolo!!


Ma soprattutto quel che rimpiango è la spensieratezza e la certezza di avere in mano il nostro futuro..
Forse è principalmente questo ..anzi la seconda che hai detto...anche se si potevano avere molti pensieri..si pensava di poter decidere i futuro..mentre si decideva di non prendere strade ..che rimpiangiamo di non aver preso
 

Miciolidia

Utente di lunga data
Persa/Ritrovata ha detto:
Forse è principalmente questo ..anzi la seconda che hai detto...anche se si potevano avere molti pensieri..si pensava di poter decidere i futuro..mentre si decideva di non prendere strade ..che rimpiangiamo di non aver preso



Se ho percorso questa strada Persa, è perchè non ero abbastanza motivata a percorrerne altre.

Ripensati con la testa di ieri , non con quella di oggi.

sbaglio?
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
rimpianti...

Miciolidia ha detto:
Se ho percorso questa strada Persa, è perchè non ero abbastanza motivata a percorrerne altre.

Ripensati con la testa di ieri , non con quella di oggi.

sbaglio?
Forse il più delle volte si rinuncia a provare di percorrere strade per poca fiducia in se stessi ...perché non ci si crede adeguati...non ci" si crede"...
...vedi paura di cui parlava Fa
..paura di deludere o di essere delusi...e si sceglie quel che si pensa di non deludere e che non ci deluderà (parlo di tutto anche di scelte di studio ..lavorative...)
 

Miciolidia

Utente di lunga data
Persa/Ritrovata ha detto:
Forse il più delle volte si rinuncia a provare di percorrere strade per poca fiducia in se stessi ...perché non ci si crede adeguati...non ci" si crede"...
...vedi paura di cui parlava Fa
..paura di deludere o di essere delusi...e si sceglie quel che si pensa di non deludere e che non ci deluderà (parlo di tutto anche di scelte di studio ..lavorative...)
hai centrato in pieno.

paura di deludersi, di mettersi in gioco, e si cercano le strade piu' semplici da frequentare, quelle che ci spaventano meno.


Di studio e lavorative poi..non ne parliamo...


E qui sarebbe bastata solo una maggiore faccia tosta.
 
Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
Top