A letto con il nem..... igo

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.

Rebecca

Utente di lunga data
Ci ho messo qualche giorno per la confessione, ma la mia permanenza nel forum non avrebbe avuto senso senza... Sono pronta per il linciaggio...

Il mio recente turbamento dipende dal fatto che...
Cialtrigo lunedì è venuto a casa mia.

Non mi ci ha accompagnato, non ci siamo venuti, non siamo stati presi da una travolgente passione o raptus durante un incontro casuale... Ci è venuto prendendo uno specifico ed apposito appuntamento con me...
Chi vuole lanciare la pietra, lo faccia ora, che tra un po' vi spiego...
Spero però in qualche
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
Insomma

Ci ho messo qualche giorno per la confessione, ma la mia permanenza nel forum non avrebbe avuto senso senza... Sono pronta per il linciaggio...

Il mio recente turbamento dipende dal fatto che...
Cialtrigo lunedì è venuto a casa mia.

Non mi ci ha accompagnato, non ci siamo venuti, non siamo stati presi da una travolgente passione o raptus durante un incontro casuale... Ci è venuto prendendo uno specifico ed apposito appuntamento con me...
Chi vuole lanciare la pietra, lo faccia ora, che tra un po' vi spiego...
Spero però in qualche
Se dopo otto mesi in cui ti sei prodigata per convincerci che Cialtry era non solo cialtrone, ma neppure figo (e ci hai convinte!), l'hai cercato e lui ci è stato.
Forse ti sei prodigata per convincere te stessa e non ci sei riuscita. Forse per te un valore ce l'ha...
E lui è cialtrone come ci dicevi o meno?

E dai conta su, su dai, conta su ...
Tell me more
 
O

Old alessia76

Guest
io non ho mai scritto nulla nei tuoi post, perchè mi immaginavo, come tutti, che sarebbe successo.

io sono dell'idea che se sei contenta te, tutto è ok.
non mi sembravi contenta però..

almeno, te la sei goduta?
..veramente????
 

La Lupa

Utente di lunga data
Ma scusa... di là hai scritto che ieri sera ti sei messa a piangere nel bar... non ho capito... piangevi di gioia???
 

Rebecca

Utente di lunga data
Come è andata

Seriamente... e con un nodo in gola.
Dopo le difficoltà in casa ho avuto finalmente un periodo buono, la cui nota dominante era un po' più di autostima e la voglia di imparare a non fare le cose in funzione degli altri, per piacere loro... E anche e soprattutto di non avere paura di essere me stessa, di pretendere, di chiedere... io che non ne sono mai stata capace.

In questo contesto ho giocato e ho mandato un messaggio provocatorio a Giorgio, che non ha risposto. Ha risposto dopo due giorni, dicendo che gli ha fatto piacere. C'è stato qualche sms prima di ferragosto e un'interruzione durante le festività.

Infine ci siamo risentiti, lui prima ha proposto di vederci in settimana e poi ha subito riscritto, prima che io rispondessi, che era meglio di no... Sono seguiti messaggi ambigui da parte sua, dove lanciava sassi e nascondeva la mano... Scriveva di una storia a cui tiene e che non vorrebbe rovinare, e subito aggiungeva che vedendomi si sarebbe rovinata facilmente perchè io rappresento qualcosa per lui. I messaggi di questo tenore si sono susseguiti anche mentre già lui era sulla strada di casa mia... Scriveva che non si poteva ma che i miei messaggi gli davano un enorme piacere... E aggiungeva di mandargliene ancora... Ha scritto che se... fosse stato per una sola volta se ne poteva parlare...

E' venuto da me, quel giorno stesso. Ho pensato che la sua ambiguità nascesse dal desiderio di mettere in chiaro che un incontro non avrebbe rappresentato la fine di qualcosa tra lui e la sua amica. I miei messaggi sono stati "impegnativi", gli ho detto quello che non ero mai riuscita a dirgli quando ci frequentavamo, quando simulavo distacco... che fare l'amore con lui era stata una cosa che non aveva paragoni, che non era mai stato così bello per me con nessun altro.

Io questo volevo, volevo disfarmi di quel senso di rimpianto per aver finto di non interessarmi a lui quando era il momento, io che temevo di essere ai suoi occhi ingombrante, che volevo dare poco fastidio, lui che mi diceva di non essersi mai trovato così bene con qualcuno, che si lamentava di dover essere quello che mi cercava sempre... lui che mi ha lasciata per una che gli fa le piazzate in piazza...

Durante il nostro incontro ho ripetuto queste cose e ne ho ottenuto la gratificazione enorme che IO ho dato a ME stessa di non aver paura di esprimere le mie emozioni e i miei desideri. Mi sono sentita una donna forte, gratificata anche dalla capacità che avevo avuto di trasformare il suo iniziale rifiuto in un sì, e di esserci riusita comunque in modo impegnativo, parlando di fare l'amore, di unicità, non di fare una trombata e via... non ho voluto essere in questo rassicurante, perchè sarebbe stato un adattarsi, un accettare per averlo ancora qui con me.

E' stato da me e abiamo avuto un incontro molto intenso. Alla fine lui ha avuto una specie di crisi... Diceva che sapeva che sarebbe finita così con me (sottointendendo un rapporto che temeva gli sarebbe piacuto più di quanto è normale tra persone che cercano solo un contatto fisico)... diceva che si sentiva in colpa e che lei non lo meritava (chissà se io me lo ero meritata 7 mesi fa)... diceva che io sono pericolosa e che questa cosa non potrà più succedere... Gli ho risposto che non correva nessun pericolo per quanto mi riguarda. E lui ha ribattuto che ero pericolosa per la sua testa.

Ha detto che non succederà più, ma ha concluso... però se insisti....


Il giorno dopo mi scrive che gli è piaciuto tantissimo. Poi mi scrive che dopo si è sentito coplevole e vigliacco nei confronti di lei...


Mercoledì tutto tace.


Giovedì gli scrivo io, scherzosa, affettuosa ma senza fargli domande... Lui "mi prega di lasciar perdere"... Io sottolineo che era solo un saluto, ma rincaro la dose sulla bellezza di quello che è successo... Lui risponde salutando. Poco dopo lo incontro per strada, non mi fermo ma lui mi fa un sorriso enorme.


Ecco, tutto qui...
 

Rebecca

Utente di lunga data
Ma scusa... di là hai scritto che ieri sera ti sei messa a piangere nel bar... non ho capito... piangevi di gioia???

Sono triste, come prima, di essere sola, di non avere un compagno, di non passare giornate sotto le coperte... Triste di vivere in una città in cui gli unici contatti sociali sono condizionati da fiumi di vino... Triste di avere amicizie vere solo con gente lontana, sparsa per l'italia... Stanca dell'iposcrisia delle persone che un giorno ti cercano perchè sono sole e il giorno dopo non ti danno retta perchè non lo sono più...
 
O

Old fay

Guest
E siccome sei sole e ti senti triste, proietti il tuo malessere su di una persona sbagliata che potrà renderti soltanto ancora più triste....riprenditi la tua vita ripartendo da TE! Cosa ti fa stare triste? Non proprio la tu asolitudine, ma il fattoche lui non sia come tu lo vorreti, elimina il male che sai qual'è, sai il motivo della tua infelicità, è come se tu fossi diabetica e ti mettessi a mangiare molti più dolci sapendo che potrebbero ucciderti...so che non è facile perchè è proprio il diabetico ad aver voglia di zuccheri, ma...almeno sforzati di pensarci. Un bcaio! Quando lo capirai, ti renderai conto di non aver perso granchè, come al solito poi!!!
 
O

Old alessia76

Guest
dico una gran cazzata,
o è vero che anche gli psicoterapeuti a volte rinunciano a continuare ad ascoltare chi non vuol essere davvero aiutato?
 

Verena67

Utente di lunga data
Non sono in potere di assolvere nessuno, ma ti do' la mia comprensione umana, per quel che vale è totale.

Ho un modo di sentire queste cose mille volte diverso dal tuo, di sicuro mi fa tristezza che tu comunque non sia serena (perché non lo sei, è evidente).

Non penso ci sia un giusto o uno sbagliato in queste cose, pero' non vedo serenità (scusa se insisto su questa parola, ma per me la serenità vale piu' della felicità...) alla fine del tunnel, di questo tunnel. Tutto qui.

Naturalmente spero di sbagliarmi.

Un abbraccio!
 
O

Old alessia76

Guest
dico una gran cazzata,
o è vero che anche gli psicoterapeuti a volte rinunciano a continuare ad ascoltare chi non vuol essere davvero aiutato?
mi sono espressa male,
non intendevo dire che non dobbiamo piu ascoltarci, o ascoltalra, ma che a volte non serve a nulla.. tutto qui
 
O

Old Addos

Guest
Niente sassi

Per me hai fatto bene , se si è trattato di una " tappa " che in un qualche modo ti abbia portato utilità ;

se poi ci sarà bisogno di altre " sedute " , vedrai che il Nemigo non si negherà ; ti ha detto di lasciare perdere , " però se insisti . . . . . "

vedrai che i suoi sensi di colpa verso la tua rivale , sono in funzione della voglia che ha di te . . . . .
 

Rebecca

Utente di lunga data
Non sono in potere di assolvere nessuno, ma ti do' la mia comprensione umana, per quel che vale è totale.

Ho un modo di sentire queste cose mille volte diverso dal tuo, di sicuro mi fa tristezza che tu comunque non sia serena (perché non lo sei, è evidente).

Non penso ci sia un giusto o uno sbagliato in queste cose, pero' non vedo serenità (scusa se insisto su questa parola, ma per me la serenità vale piu' della felicità...) alla fine del tunnel, di questo tunnel. Tutto qui.

Naturalmente spero di sbagliarmi.

Un abbraccio!

Non sono meno serena di prima...
Non di più, ma nemmeno di meno...
Forse più impaziente, questo sì...
 

Rebecca

Utente di lunga data
Addos

Per me hai fatto bene , se si è trattato di una " tappa " che in un qualche modo ti abbia portato utilità ;

se poi ci sarà bisogno di altre " sedute " , vedrai che il Nemigo non si negherà ; ti ha detto di lasciare perdere , " però se insisti . . . . . "

vedrai che i suoi sensi di colpa verso la tua rivale , sono in funzione della voglia che ha di te . . . . .

Il però se insisti me lo ha detto a casa mia... Ieri mi ha pregato di lasciar perdere...
 

Persa/Ritrovata

Utente di lunga data
era chiaro

mi sono espressa male,
non intendevo dire che non dobbiamo piu ascoltarci, o ascoltalra, ma che a volte non serve a nulla.. tutto qui
Del resto lo psicoterapeuta interrompe la terapia quando ...non è una terapia.
Ma non mi sembra il caso di Rita.
Mi pare che siano cambiate molte cose: come considera se stessa, come si rapporta con gli altri (non credo che adesso starebbe dietro ai capricci di Gattamorta), come ha chiarito con Cialtrigo.
Certo tutti questi cambiamenti non hanno risolto tutto e prima di tutto che a Topolinia sta e con i suoi abitanti deve fare i conti. Ma se con le persone con cui ha a che fare si sente più libera di essere se stessa e di esprimere i suoi sentimenti e le sue esigenze è già un miglioramento.
 

Rebecca

Utente di lunga data
Verena

Non sono in potere di assolvere nessuno, ma ti do' la mia comprensione umana, per quel che vale è totale.

Ho un modo di sentire queste cose mille volte diverso dal tuo, di sicuro mi fa tristezza che tu comunque non sia serena (perché non lo sei, è evidente).

Non penso ci sia un giusto o uno sbagliato in queste cose, pero' non vedo serenità (scusa se insisto su questa parola, ma per me la serenità vale piu' della felicità...) alla fine del tunnel, di questo tunnel. Tutto qui.

Naturalmente spero di sbagliarmi.

Un abbraccio!

Vale, vale...
 

La Lupa

Utente di lunga data
Sono triste, come prima, di essere sola, di non avere un compagno, di non passare giornate sotto le coperte... Triste di vivere in una città in cui gli unici contatti sociali sono condizionati da fiumi di vino... Triste di avere amicizie vere solo con gente lontana, sparsa per l'italia... Stanca dell'iposcrisia delle persone che un giorno ti cercano perchè sono sole e il giorno dopo non ti danno retta perchè non lo sono più...
Capisco.

Riguardo al racconto... boh... Rituccia, trovo che hai fatto bene. Te l'ho detto altre volte e lo consiglio sempre a chi soffre di "ossessione", come nel tuo caso: vai e schiantatici contro.
Forse lì per lì più doloroso, ma almeno velocizza la guarigione.
E' inutile, ipocrita e dannoso darsi il contegno di tanto a me non mi frega niente perchè sono wonder woman e poi essere trifolati dentro.
Molto meglio tammuriate napoletane in mezzo alla strada o ore di sesso seguite da ore di lacrime, piuttosto che fingere una gelida immobilità emotiva che non ci appartiene.

Ma questo è il lupa way, per carità, non è detto che funzioni.

Insomma... se tu fossi capace di prenderlo solo per il manico, ti consiglierei di farlo.
Almeno elimineresti in parte il p.to 3 di non passare giornate sotto le coperte.



Concludo commentando che in tutto ciò è imbarazzante il vuoto pneumatico costituito dalla moglie di questo individuo.
 

Rebecca

Utente di lunga data
Capisco.

Riguardo al racconto... boh... Rituccia, trovo che hai fatto bene. Te l'ho detto altre volte e lo consiglio sempre a chi soffre di "ossessione", come nel tuo caso: vai e schiantatici contro.
Forse lì per lì più doloroso, ma almeno velocizza la guarigione.
E' inutile, ipocrita e dannoso darsi il contegno di tanto a me non mi frega niente perchè sono wonder woman e poi essere trifolati dentro.
Molto meglio tammuriate napoletane in mezzo alla strada o ore di sesso seguite da ore di lacrime, piuttosto che fingere una gelida immobilità emotiva che non ci appartiene.

Ma questo è il lupa way, per carità, non è detto che funzioni.

Insomma... se tu fossi capace di prenderlo solo per il manico, ti consiglierei di farlo.
Almeno elimineresti in parte il p.to 3 di non passare giornate sotto le coperte.



Concludo commentando che in tutto ciò è imbarazzante il vuoto pneumatico costituito dalla moglie di questo individuo.

Lupa, credo sia anche un po' il Rita Way, solo che non un po' di paura, di complessi, di remore che tu non hai....
La gelida immobilità emotiva mi terrorizza. E' come se tutta questa situazione fosse stata bloccata ai miei rimpianti di non aver detto e di non aver fatto e di non sapere cosa sarebbe successo se avessi detto e avessi fatto...
Adesso io confesso qui che mi è tanto tanto piaciuto, e che sarei pronta a eliminare il punto 3, se questo non c'avesse i sensi di colpa... e cedesse.

La moglie... non può non sapere, sa e sta, non so cosa dire, la capisco anche perchè sto cercando di stare anche io, figurati... Ma credo sia una cosa irrecuperabile se è vero che lui vendendo a letto con me si è sentito in colpa verso l'altra e non verso lei... Verso lei non ci si è sentito nemmeno quando lo cacciava da casa e lui dormiva da me...
 

La Lupa

Utente di lunga data
Lupa, credo sia anche un po' il Rita Way, solo che non un po' di paura, di complessi, di remore che tu non hai....
La gelida immobilità emotiva mi terrorizza. E' come se tutta questa situazione fosse stata bloccata ai miei rimpianti di non aver detto e di non aver fatto e di non sapere cosa sarebbe successo se avessi detto e avessi fatto...
Adesso io confesso qui che mi è tanto tanto piaciuto, e che sarei pronta a eliminare il punto 3, se questo non c'avesse i sensi di colpa... e cedesse.

La moglie... non può non sapere, sa e sta, non so cosa dire, la capisco anche perchè sto cercando di stare anche io, figurati... Ma credo sia una cosa irrecuperabile se è vero che lui vendendo a letto con me si è sentito in colpa verso l'altra e non verso lei... Verso lei non ci si è sentito nemmeno quando lo cacciava da casa e lui dormiva da me...
Ma scusa Rì, vuoi dire che non ne abusi sessualmente
perchè è lui che non vuole?


Io in realtà non ho mai capito se tu ce l'avevi un pò di coinvolgimento emotivo o no.

A me, sinceramente, pareva di no... in ogni caso... se tu riesci a gestirlo alla stregua della borsa dell'acqua calda, c'hai un inverno assicurato.
 
C

cat

Guest
Il però se insisti me lo ha detto a casa mia... Ieri mi ha pregato di lasciar perdere...
poi però ti ha fatto un sorrisone grande grande per strada.
Rita..... sei mitica, benissimo così.
Mi aggiungo a quello che ti ha scritto Addos.

bene così, brava!!!
 

Bruja

Utente di lunga data
Rita

Io ho solo una domanda: posto che ti sei sfogata, hai detto quello che ti premeva ed hai avuto dei risultati che forse speravi così o forse diversi, coisa è sostanzialmente cambiato nel rapporto di interesse che hai per lui?
Intendo, una volta che hai spiattellato in faccia le tue ragioni, poi gli dai il benservito o ti barcameni ininterrottamente fra sms, telefonate, comunicazioni indirette etc....
Quello che vorrei capire è se quello che vi lega è la mancanza di coraggio di chiudere definitivamente o la mancanza di coraggio di vivere questa storia..... o semplicemente il fatto di non sapere cosa potete permettervi di volere!
Sarò ottusa io, ma sono per capire, ed a questo punto non ho capito cosa ci sia da capire.....
Bruja
 
Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
Top