• Semplicemente una testimonianza

    Ciao Claudio!

    Tu ben sai che sono gli spiriti che volano più alti quelli che, quando cadono a terra, sentono maggiormente la mancanza del cielo.
    Ma la perfezione è finzione, la realtà è approssimazione.
    L'uomo che sei stato e che in parte era differente da quello che sei adesso, nel momento in cui era più vicino alla perfezione era anche più finto di quello che tu sei ora.
    Certo era più sereno, più tranquillo e più forte, ma solo apparentemente.
    Se la serenità è più frutto della mancata percezione delle preoccupazioni piuttosto che dalla effettiva assenza di problemi, è questa vera serenità?
    Se la tranquillità è la conseguenza del torpore di un sonno che fa chiudere gli occhi e non la causa di un equilibrio tra le diverse pulsioni che naturamente colpiscono gli uomini, è questa vera tranquillità?
    Se la forza è l'illusione dovuta all'aver a che fare solo con cose leggere piuttosto che con quelle scomode e ponderose, è questa vera forza?

    Nel tuo cammino lasci ai lati della strada i cadaveri di cose e persone che non esistevano se non in te e nel tuo modo irreale di percepirle, ma quelle cose e quelle persone non sono morte davvero, semplicemente non sono mai esistite.

    Come non è mai esistita una moglie che non può sbagliare, non è mai esistito un uomo senza illusioni.
    Ma anche le donne sbagliano e i mariti si disilludono.

    L'uno e l'altro ora approssimano meglio la realtà.
    Purtroppo.
    Questo articolo era stato originariamente pubblicato nella discussione del forum: Semplicemente una testimonianza. iniziato da Non Registrato Visualizza Messaggio Originale
    Commenti 1 Commento
    1. L'avatar di Ultimo.
      Ultimo. -
      Una verità disarmante quanto la realtà.
      E leggerla mi ha fatto un piacere immenso, chi come te poteva scriverla in una maniera migliore!
      Claudio.