• Com'è difficile ... non so

    Ciao multisala!

    Non è senza un qualche fardello di gioiosa tristezza che riesco ad oltraggiare ed omaggiare la tua storia caleidoscopicamente grigia.
    Se infilarsi gli zoccoli nel naso rendesse ragione della spropositata dimensione delle froge equine, tu dovresti baciare le anguille sulla bocca per ringranziarle della glabra morchia che le ricopre e le rende sguscianti dalle quali hai appreso lamarckiananamente ad essere molto più di un mezz'uomo e molto meno di un uomo intero.
    L'amore sta agli uomini sposati come l'arbre magique aperto da un anno sta alle automobili dei tabagisti, cioè da fuori sembra rendere l'ambiente più accogliente, ma quando ci sei dentro ti accorgi che è solo un relitto disfunzionale.
    E per le donne è anche peggio!
    Loro non sanno come usa anche quando ce l'hanno, mica come gli uomini che saprebbero benissino cosa farsene, ma non lo trovano mai.
    E il mondo va alla rovescia e dal cielo plumbeo piovono maccheroni sulla testa frusta di chi scambia un paio di ovaie ben nascoste con un generatore di energia anti amarezza.
    Perchè è l'amarezza la seconda figlia spuria di un cervello che viene incaprettato nella foresta di marzapane da un brigante sardo con le alucce di Cupido.
    La primogenita è invece l'incapacità al baratto, che fa vedere come ragionevole, e addirittura desiderabile, il cedere la propria tranquillità in cambio del nulla più assoluto.
    Se non si sta attenti poi, il terzogenito, un maschio finalmente, è lo scolo, ma questo è un altro discorso...
    Tu eri il più felice degli uomini, con moglie deliziosamente noiosa, pargolanza quasi certamente figlia di tua moglie e femmina aliena colla quale spartire le poche proteine ancora scodinzolanti che secerni con sempre maggiore fatica.
    E sono proprio le proteine la macchina infernale che fa tanto temere la dieta dissociata, mica l'abuso di lipidi come credono in tanti, ma la dieta dissociata ha un vantaggio anche per i bulimici, che così possono vomitare una cosa alla volta.
    E tu hai dissociato la testa dai testicoli, in questo modo facendoti dimagrire il portafogli.
    Neppure con un impacco di alghe delle Antille avresti trovato un modo così raffinato e rapido per far mostrare gli addominali a tartaruga alla sottile cartamoneta che ti sudi durante il giorno!
    Ora sei un magrissimo Arlecchino servitore di due padroni che da un lato vende frittelle in quaresima e dall'altro incide glifi ambigui sulle fronti dei passanti nelle vie deserte.
    Continua la tua collezione di larve morte che non diverranno mai farfalle.
    Ma cuocile prima di ingoiarle, altrimenti avrai ulteriori mal di pancia.

    Ciao!
    Questo articolo era stato originariamente pubblicato nella discussione del forum: Com'è difficile ... non so iniziato da multisala2011 Visualizza Messaggio Originale