• Sarò scemo io

    Ciao Belabel!
    Te sei uno di quelli un po' particolari che schifano come sterco di folaga le stesse tessere del mosaico psichedelico tridimensionale che stanno infilandosi nelle narici al ritmo di guaiti all'odor di mescalina.

    Non c'è nulla di buono nell'essere disgustati da fagiane falloppie che accettano di buon grado la nidificazione a seguito dell'essere state coperte da te...

    Non c'è neppure nulla di succinifero nel farsi insufflare funghi secchi ed estratti di rospo blu dell'amazzionia e poi tacerlo all'olandesina che ci fa il bucato a casa...

    Ma certe piccole nappe a volte sembrano nodi gordiani e noi non abbiamo neppure uno stiletto frusto con cui sfregare la canapa...

    E talora il grimaldello d'ottone, che asseconda le compulsioni smodate dei sonagli che ciondolano e col caldo s'allungano, pare incapace di sbloccare anche una serratura di livello uno...

    Non per questo abbisogni d'altro che sia diverso da quello che ti schifa...
    Che, se ci pensi con un po' di neuroni opalescenti, lo sfrigolio di sozze rossure con quelle d'altrui sbandate è non meno lascivo e viscido del farlo con la placida ruminante che ti sei fatto compagna!

    L'amore è figlio dello scroto anche dopo una tisana di stramonio e succo di mirtillo, e quello te lo può svuotare anche la scimmia più imbertucciata!

    La quale poi, di solito, ti liscia anche le trame più guaste!

    Tieni chi tesse la tela con le sue simpatiche zampette fedeli e pelose, gonza le nacchere altrui con le tue maracas!

    Il tempo è galantuomo!

    Ciao!
    Questo articolo era stato originariamente pubblicato nella discussione del forum: Sarò scemo io iniziato da belabel Visualizza Messaggio Originale