• Si può perdonare un tradimento?

    Ciao Lacie,
    (permettimi di pensare a te come ad una graziosa unità di backup informatico), ho letto con una certa attenzione le tue imprese leggiadre e ho trovato che la tua si conforma come una lineare e comune situazione di virile sottrazione.

    Il vostro rapporto è semplicemente come la doppia mandata che incricca una madia con due ante che giace nella cantina di un maniero in cui sia morto il camerlengo!

    Come potrai immaginare non può essere il bagatto a prendere servigio!
    Dovrà invece essere il siniscalco a reggere le insegne!

    Ma questo è evidente a tutti...

    Per quanto ci si possa compiacere a scambiarsi il bolo dell'abomaso, pur con scarsa fienagione, esso non sarà bastevole a chi non vive di solo rumine...

    La tribologia che sperimentasti su di lei, sia pur non dilaniante, smorzò i palpiti del suo cuore a te indirizzati con convergenza a zero!
    E paiono quindi logori e cagionati da infinito vuoto di sè le richieste che da lei ti giungono di procrastinare la disgiunzione e di generare la prole del capo chino!

    Non vi è dubbio quindi su chi sia il bagatto.

    E il bagatto non serve allo scopo!

    Ciao!
    Questo articolo era stato originariamente pubblicato nella discussione del forum: Si può perdonare un tradimento? iniziato da Lacie Visualizza Messaggio Originale