• Matrimonio

    La violazione da parte di un coniuge dell'obbligo di fedeltà non fa sorgere nell'altro coniuge il diritto al risarcimento dei danni nei confronti del terzo partecipe del rapporto adulterino; non sussiste, infatti, nei terzi un dovere di astensione da ogni interferenza nella vita familiare dei coniugi.

    Tribunale Monza, 15 marzo 1997
    R.M. c. L.P.
    Famiglia e diritto 1997, 462 nota (ZACCARIA)